Girone di Ritorno

PESCARA-VICENZA

| |
Stagione: 
2014-2015
Data: 
2015-03-07
Partita: 
PESCARA-VICENZA
Risultato: 
2-2
Reti: 
58' Melchiorri (P), 66' Cinelli (V), 83' Brugman (P), 90' Cocco (V)
Stadio: 
Adriatico di Pescara
Formazione locale: 

PESCARA (4-4-2) Fiorillo; Zampano, Salamon, Pucino, Rossi; Politano (dal 79′ Gessa), Brugman, Zuparic, Caprari (dal 71′ Pasquato); Sansovini, Melchiorri.

A disposizione: Aldegani, Gessa, Fornasier, Abecasis, Paolucci, Pettinari, Venuti, Vrdoljak. Allenatore: Marco Baroni


Formazione ospite: 

VICENZA (4-3-3) Bremec, Sampirisi (dal 64′ Vita), Brighenti, Camisa, Garcia; Moretti (dal 71′ Sbrissa), Di Gennaro, Cinelli; Laverone, Cocco, Giacomelli (dal 46′ Spinazzola).

A disposizione: Serraiocco, Gentili, Edge, Alhassan, Mancini, Petagna. Allenatore: Pasquale Marino

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net  

LA PARTITA

PRIMO TEMPO

Inizio aggressivo dei padroni di casa, che cercano di far salire subito il ritmo della partita

7′ Nasca immediatamente sugli scudi. Quantomeno dubbio il gioco pericoloso fischiato a Cocco a centrocampo, l’attaccante si stava involando solo verso Fiorillo.

9′ rischia un po’ Bremec, che su un retropassaggio si produce in un dribbling su Melchiorri. Tutto bene per il portiere, che salta l’attaccante e rinvia

11′ lancio di Di Gennaro a cercare Giacomelli in area. Puntuale l’uscita bassa di Fiorillo ad anticipare il fantasista berico

14′ lancio in diagonale di Giacomelli da destra, sul secondo palo prova il piattone al volo Laverone, deviato in angolo. Nulla di fatto dalla bandierina

15′ disattenzione della difesa biancorossa al limite, Melchiorri si impossessa della sfera, entra in area ed esplode il diagonale mancino, a lato di poco

Dopo  una fase di stanca, la partita si vivacizza nuovamente, prima con una volata mancina di Rossi contratto da Sampirisi in recupero, poi con un lancio di Di Gennaro per Laverone su cui è provvidenziale l’uscita di Fiorillo

23′ in area combinano bene Melchiorri e Sansovini, con quest’ultimo che costringe al miracolo Bremec su deviazione sottomisura. Tutto, fermo, Nasca aveva fischiato il fuorigioco dell’attaccante abruzzese

24′ Sansovini dalla lunga distanza, sinistro alle stelle

30′ proprio un tiro-cross di provoca ansia a Fiorillo, che smanaccia in angolo. Ancora Di Gennaro dalla bandierina, nessun pericolo per la porta della squadra di casa. cenza che fino a questo momento appare un po’ meno brillante e propositivo delle ultime uscite, diversi i biancorossi al di sotto degli standard abituali, su tutti un Giacomelli impreciso e confusionario

33′ corner anche per gli abruzzesi. Batte il cross Politano, Cocco ancora in angolo. Di nuovo Politano dalla bandierina, libera nuovamente la difesa berica

37′ ancora Politano cosrtringe al corner Camisa. Batte lui stesso, stacco di testa di Salamon a centro area, buon impatto, ma palla che termina sopra la traversa

38′ l’occasione più nitida del match fino ad ora è quella che capita sui piedi di Sansovini, liberato in area da un lancio dell’onnipresente Politano. Il diagonale di destro del bomber è però impreciso e finisce largo di qualche metro dalla porta di Bremec

44′ Politano è una fucina di problemi per il fianco sinistro della difesa vicentina. Suo il cross in area, che Melchiorri prolunga per Caprari, bella la deviazione dell’esterno di casa, Bremec abbranca la sfera in volo plastico alla sua sinistra

Termina un primo tempo equilibrato, con un Vicenza più manovriero, ma meno brillante e propositivo delle ultime uscite, ed un Pescara più attendista, che in ripartenza ha però creato le migliori occasioni per il vantaggio.

SECONDO TEMPO

2′ contatto sospetto in area berica, con Camisa che interviene da dietro su Sansovini su cross da sinistra di Caprari, per Nasca tutto regolare

3′ punizione dal limite per i pescaresi, respinge la barriera biancorossa

4′ bello il lancio in area di Spinazzola, subito protagonista, per Cocco. Splendido il destro al volo ad incrociare del bomber, il volo di Fiorillo annulla la prodezza dell’attaccante. Al momento è la migliore occasione del match

8′ giro palla dei biancorossi che porta al cross Laverone. Troppo profondo e sul portiere il traversone dell’esterno, facile l’uscita di Fiorillo

9′ palla in area su punizione dalla trequarti, buono il controllo di Melchiorri, anticipato in angolo prima della conclusione da Camisa. Dalla bandierina nessun pericolo per Bremec

10′ insistono i padroni di casa, altro angolo, ancora calciato da Politano, allontana la difesa. Sul proseguimento dell’azione cross basso da destra di Zampano, nessun problema per Bremec che esce e blocca

12′ Moretti ci prova dalla “zona Moretti”. Destro potente dai 25 metri, conclusione però abbastanza centrale, si distende e blocca Fiorillo

13' Gol del Pescara: incursione in area di Melchiorri, che ci prova due volte. Ribattuta la prima conclusione, la seconda è un sinistro sul primo palo che non lascia scampo a Bremec

16′ punizione dalla trequarti di destra. Batte Di Gennaro, sul secondo palo Fiorillo respinge di pugno, palla in angolo. Dalla bandierina nessun pericolo per la porta pescarese

20′ punizione dalla trequarti di destra, palla deviata in angolo sul cross di Di Gennaro

21' GOL DEL VICENZA: reazione immediata dei ragazzi di Marino. Sul corner di Di Gennaro trova la spizzata sul primo palo Cinelli, Fiorillo vede la sfera un po’ in ritardo e riesce solo a smanacciare in rete

 23′ dal limite dell’area assist di Brugman per Sansovini, lanciato solo davanti a Bremec, che gli sbarra la strada di piede in uscita

24′ riprova Cinelli dai 25 metri, stavolta tutto facile per Fiorillo

26′ altro calcio di punizione di Di Gennaro, in fotocopia dei due precedenti dalla trequarti di destra. Sinistro a giro direttamente in porta, para Fiorillo senza problemi

27′ incursione di Spinazzola in area pescarese, angolo. Corner senza esito

28′ altra discesa a sinistra di uno Spinazzola entrato nel match con ottimo piglio. Una volta sul fondo, però, l’esterno si produce in un traversone fuori misura che termina direttamente sul fondo

30′ mischione in area abruzzese, nella quale Cocco potrebbe far meglio, allontana la difesa

31′ miracolo di Bremec, che devia in angolo un colpo di testa da due passi di Sansovini, che sfruttava un cross da sinistra. Ottimo il rientro del portiere ispano-uruguaiano, che ha sostituito Vigorito a pochi istanti dall’inizio di questa partita

35′ Cocco, destro dalla distanza, deviazione di un difensore che per poco non inganna Fiorillo, che ritrova la posizione e smanaccia, poi allontana la difesa

37' Gol del Pescara: stavolta la combina grossa Bremec, che esce improvvido al limite su Pasquato. Il fantasista lo supera allargandosi palla sulla destra, ma nel frattempo la difesa berica è andata fuori posizione. Pasquato fa una veronica, va via sulla linea di fondo, mette in mezzo il cross basso che Brugman deve solo spingere in fondo al sacco.

44′ Pasquato in difesa della palla all’altezza della bandierina, il Pescara prova a far correre il tempo verso il triplice fischio di Nasca. Squadre stanche, il Vicenza ci sta provando, ma le energie non sono più molte e gli errori per mancanza di lucidità si moltiplicano

45' GOL DEL VICENZA: all’ultimo assalto prima del recupero scende Cinelli a sinistra, cross, a centro area svetta Cocco, che impatta frontale alla grande e manda palla all’incrocio dei pali

45’+3′ sinistro di Di Gennaro a tempo scaduto, palla alta sulla traversa

Vicenza che raddrizza con il cuore una partita che sembrava scivolare via ad una manciata di minuti dal termine. Partita equilibrata e biancorossi non brillanti come nelle ultime giornate, di fronte un Pescara che si è dimostrato brutto cliente di questi tempi. Pari dunque d’oro, che allunga la striscia positiva, il volo con i piedi per terra continua.


Pagelle della partita "PESCARA-VICENZA"  

Bremec 7: torna titolare per la prima volta nel girone di ritorno, complice l’infortunio nel riscaldamento di Vigorito. Nel secondo tempo compie due interventi decisivi su Sansovini. L’uscita nell’azione del secondo gol del Pescara è un po’ azzardata ma non direttamente responsabile di quello che succede in seguito. Sampirisi 5: non una grande prova quella del siciliano che si fa sorprendere già dopo un quarto d’ora da Melchiorri che sfrutta una sua indecisione per presentarsi pericolosamente in area.  Poco partecipe anche alla fase offensiva. Un passaggio a vuoto dopo le ultime buone prestazioni ci sta. Vita 6: una mezzora in campo dove cerca di portare un po’ di vivacità in avanti. Prova la chiusura (tardiva) su Brugman in occasione del raddoppio del Pescara, ma non è esattamente il suo pane. Brighenti 5,5: anche la sua partita non è brillante come le ultime. Troppe le occasioni lasciate al duo Melchiorri Sansovini, che spesso godono di eccessiva libertà d’azione. Camisa 6: un po’ meglio del compagno, anche se nemmeno lui da l’impressione di essere un solido frangiflutti al cospetto dell’attacco mitraglia biancoazzurro. Garcia Tena 5,5: una gara simile a quella con il Lanciano, ma con qualche problema in più nella fase difensiva dove soffre la vivacità di Politano. Moretti 5,5: dopo la doppietta con il Bologna, sembra essersi un po’ scaricato psicologicamente. Nella ripresa trova un corridoio centrale su cui infilarsi arrivando al tiro ma la battuta rasoterra è debole e non sorprende Fiorillo. Discontinuo non convince Marino che lo sostituisce. Sbrissa 6: venti minuti per dare più gamba e solidità al centrocampo. Di Gennaro 6,5: sempre punto di riferimento della manovra biancorossa è lui a incaricarsi di battere tutti i calci piazzati, compreso quello che mette la palla sulla testa di Cinelli per il primo pari. Cinelli 7: si sblocca finalmente e dopo tante occasioni in cui è stato sfortunato trova anche la complicità del portiere avversario per andare a bersaglio. E’ lui a pennellare il cross che Cocco trasforma nel 2-2. Da l’impressione di essere tra quelli con più energie da spendere. Laverone 6: inizia la partita nella consueta posizione, termina da terzino destro. Non sfigura ma non riesce nemmeno ad incidere come lui sa fare. Cocco 6,5: e sono 13. Il cross di Cinelli è perfetto ma il gol è una perla delle sue con la palla sotto l’incrocio. In precedenza ancora pericoloso con il diagonale al volo su cui deve volare Fiorillo a respingere. Peccato per l’ammonizione nel finale che lo costringerà a saltare la prossima col Catania. Giacomelli 5: si vede solo per un tiro cross che con il vento per poco sorprende Fiorillo. Non rientra in campo nella ripresa per un cambio che sembrava comunque abbastanza programmato. Spinazzola 6,5: si presenta subito con un numero che lo libera al cross per Cocco, nell’occasione più chiara per i biancorossi prima dei gol, poi fa da guastatore sulla sinistra con buoni risultati.

Pasquale Marino 6: si affida al “solito” undici con l’eccezione di Camisa e Bremec in campo per cause di forza maggiore, ma qualche giocatore pareva un po’ affaticato e forse non sarebbe stato sbagliato affidarsi a forze fresche da subito. Per il resto ancora una prestazione di carattere per i suoi che conquistano cinque punti al termine di un trittico decisamente impegnativo. Piccolo campanello d’allarme i quatto gol subiti in due partite da una difesa che ultimamente faceva segnare gli avversari con il contagocce.

 

Arbitro: Luigi Nasca di Bari. Assistenti: Giovanni Colella di Padova, Mirko Olivieri di PalermoQuarto ufficiale: Aristide Capraro di Cassino.

Ammoniti: Pucino (Pescara); Garcia Tena, Cocco (Vicenza). 

Spettatori: 17.138 di cui 9.571 abbonati (quota di 62.549) per un incasso complessivo di 126.359 euro.

Possesso palla: 42 - 58

Tiri dentro/totali: 5/12 - 6/11

Palle giocate: 462 - 654

% passaggi riusciti: 53.3 - 65.2

Supremazia territoriale: 08'09'' - 11'11''

% attacco alla porta: 54.1 - 43.1

% protezione area: 56.9 - 45.9

% pericolosità: 51.0 - 52.7

Falli commessi: 22 - 8

Angoli: 6-6

Recuperi: 1'p.t., 4' s.t.

Maglia: giocatori: blu; portiere: arancio

Pomeriggio velato con folate di vento, temperatura intorno ai 10 °C, terreno in buone condizioni. 

Torneo: 
Serie B

VICENZA-LANCIANO

| |
Stagione: 
2014-2015
Data: 
2015-03-03
Partita: 
VICENZA-LANCIANO
Risultato: 
2-2
Reti: 
37' Amenta (L), 53' Brighenti (V), 74' Piccolo (L) su rigore, 88' Cocco (V)
Stadio: 
Romeo Menti di Vicenza
Formazione locale: 

VICENZA (4-3-3) Vigorito; Sampirisi, Brighenti, Manfredini, Garcia (88′ Petagna); Moretti (81′ Vita), Di Gennaro, Cinelli (81′ Sbrissa); Laverone, Cocco, Giacomelli.

A disposizione: Bremec, Gentili, Camisa, Alhassan, Mancini, Spinazzola. Allenatore: Pasquale Marino


Formazione ospite: 

VIRTUS LANCIANO (4-3-3) Aridità; Aquilanti, Troest, Amenta, Mammarella; Vastola (56′ Paghera), Bacinovic, Grossi; Gatto (77′ Cerri), Thiam (90′ Nunzella), Piccolo.

A disposizione: Petrachi, Ferrario, Agazzi, Di Cecco, De Silvestro, Fioretti. Allenatore: Roberto D’Aversa

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net  

LA PARTITA

PRIMO TEMPO

3′ cross di Garcia, testa di Moretti, che anticipa anche Laverone. Facile la parata di Aridità

9′ doppio corner senza esito per gli ospiti

11′ su lancio dalle retrovie ci prova di testa Thiam, che di testa cerca di sorprendere Vigorito un po” fuori dai pali. Palla al fondo

13′ percussione centrale di Cinelli, rimpallo e palla a Giacomelli spostato a sinistra. Destro a giro e sfera che scheggia la parte alta della traversa

17′ ancora Thiam, stavolta conclusione dalla distanza, palla alta sulla traversa. Menti pieno come mai negli ultimi anni. Sono tanti anche gli apparecchi telefonici, pc e tablet, le difficoltà di collegamento notevoli. In campo è il Vicenza che fa la partita

22′ lancio lungo di Laverone per Cocco lanciato in area. Bello l’aggancio volante del bomber, meno la conclusione mancina, para facile Aridità

25′ terzo angolo per gli ospiti, il cross di Mammarella è basso fuori area per Aquilanti, destro alle stelle

27′ cross da destra di Laverone, per primo di testa arriva Aquilanti, che approda indietro al sul portiere

29′ punizione dai 25 metri, posizione centrale, per fallo su Di Gennaro. Calcia Moretti, destro ribattuto dalla barriera

33′ calcio di rigore per mani di Aquilanti in area su cross di Dio Gennaro. Sul dischetto Cocco che sbaglia

37' Gol del Lanciano: sul quarto angolo in favore degli ospiti si accende una mischia in area, risolta da Amenta, che spinge in rete il pallone da due passi

43' cross da destra di Sampirisi, facile l’uscita di Aridità

SECONDO TEMPO

2′ cross da sinistra di Cinelli, palla respinta corretta dalla difesa, Di Gennaro si coordina e spara il mancino in girata, respinge a pugni uniti Aridità

4′ punizione dalla trequarti per gli abruzzesi. Calcia Mammarella, testa di Vastola a centro area, bravo a salvare Vigorito, poi libera la difesa

6′ assolo di Thiam sulla linea di fondo, Vigorito gli esce incontro e rapine in angolo. Nessun pericolo dalla bandierina

8' GOL DEL VICENZA: sul primo tiro dalla bandierina cross da destra di Laverone, a centro area Brighenti trova lo spazio per calciare un bolide che si insacca alle spalle di Aridità

15′ violento il destro di Moretti punizione per il fallo di Amenta, si dalla in angolo Aridità

18′ punizione dalla trequarti calciata da Di Gennaro, facile la parata di Aridità

19′ sesto angolo e altra mischia in area biancorossa, si salva in affanno la difesa berica

23′ cross da sinistra di Di Gennaro, è un bel taglio per la testa di Laverone, palla alta sulla traversa

25′ punizione dai 30 metri, posizione centrale. Prova lo schema Moretti, senza esito

26′ Giacomelli calcia al volo un pallone arrivato in area in zona analoga a quella del gol col Crotone, stavolta la conclusione è centrale, para Aridità

27' Gol del Lanciano: ripartenza abruzzese, Paghera è messo in condizione di tirare da dentro l’area, scivolata con toco di mano di Manfredini, rigore ed espulsione. Dal dischetto segna Piccolo

Il Vicenza in dieci fatica, ma sta comunque provando con tutte le forze a trovare il pari

44' GOL DEL VICENZA: punizione per fallo di Mammarella che ha portato alla sua espulsione. Calcia di sinistro a superare la barriera Di Gennaro, traversa, palla a centro area, botta di Cocco e rete

45’+3′ biancorossi che chiudono avanti, cross da destra e testa di Sampirisi, facile per Aridità 


Pagelle della partita "VICENZA-LANCIANO"  

Vigorito 6,5: per la prima volta in stagione finisce bucato due volte. Nei gol non ha colpe specifiche, anzi intuisce il rigore ma il sinistro di Piccolo è chirurgico. Ottima reattività sul colpo di testa di Amenta nel secondo tempo, e successivamente in uscita su Thiam a ridosso della linea di fondo. Sampirisi 6,5: dalle sue parti girano clienti scomodi ma non soffre particolarmente. In un momento in cui Laverone sta tirando un po’ il fiato, lui comunque si fa vedere in avanti in fase di spinta garantendo continuità alla fase offensiva. Brighenti 7: cerca di far valere la sua arma migliore, quella dell’anticipo, su Thiam. A volte gli riesce a volte meno contro un cliente decisamente difficile. In una partita più dura nella fase difensiva, trova il modo per realizzare il gol del primo pareggio biancorosso. Manfredini 6: la sua gara finisce al 27′ del secondo tempo quando nel tentativo di chiudere sul tiro di Paghera blocca la conclusione con il braccio finendo espulso per doppia ammonizione (la prima forse esagerata). Complessivamente meno brillante rispetto alle ultime gare, mancherà a Pescara per squalifica. Garcia Tena 5,5; cerca di fare il D’Elia ma gli riesce solo a metà. Spesso in avanti ma poco brillante in fase di rifinitura con cross imprecisi. Moretti 5,5: il match winner della gara contro il Bologna si imbatte in una serata storta. Ha sulle spalle la responsabilità del pallone malamente giocato da cui nasce l’azione che origina il rigore per il Lanciano ma complessivamente pare poco lucido. Ci prova su punizione dalla sua mattonella ma trova Aridità pronto a respingere in corner. Sbrissa 6,5: il voto nonostante i pochi minuti giocati è giustificato dall’impatto positivo che ha il suo ingresso in campo. Fa espellere Mammarella e dalla punizione nasce il gol del pari. In un quarto d’ora cosa si può chiedere di più?. Di Gennaro 7,5: partita maiuscola dell’ex rosanero. Lo si vede correre ovunque ed è protagonista in tutte le azioni più pericolose del Vicenza comprese quelle dei gol. Negli occhi rimane comunque un gran recupero difensivo su incertezza di Brighenti e un “coast to coast” palla al piede nel secondo tempo che testimoniano la sua brillante condizione fisica. Cinelli 6: parte bene e fino ad inizio ripresa la sua è una buona partita. Legge bene delle situazioni di gioco (velo per il gol di Brighenti compreso) ma poi poco alla volta esce di scena fino alla sostituzione. Laverone 6,5: dopo un primo tempo, opaco cresce nella ripresa, dove ritorna in buona misura il Laverone consueto. La sensazione è che stia faticando più di altri dopo aver tirato a lungo la carretta. Cocco 6: riscatta un rigore sciagurato con il gran gol del pareggio. Viene maltrattato da Amenta e Troest con il benestare del sig Aureliano, ha un buon pallone nel primo tempo ma il diagonale sinistro con cui prova a colpire è troppo debole. Giacomelli 6: prova in un paio di occasioni il bis della rete con il Crotone ma stavolta non è altrettanto preciso. Sfortunato in occasione del colpo a giro che pizzica la parte alta della traversa ad Aridità battuto. Solita gran corsa anche in fase di copertura ma servirebbe maggiore finalizzazione in avanti.

Pasuale Marino 6,5: bene che la squadra continui a giocare senza perdere la testa anche quando è sotto ed un uomo in meno. Bene la condizione atletica che continua ad essere buona anche con due partite difficili giocate a pochi giorni di distanza. Fa piacere anche il fatto che la squadra chiuda in avanti dopo aver raggiunto il pari che per altre squadre magari poteva essere sufficiente a far tirare i remi in barca. Unica cosa che non convince sono i cambi che arrivano sempre dopo il 75′ minuto. Non potrebbe essere che chi entra dalla panchina non possa incidere di più sulla gara con un numero maggiore di minuti a disposizione?

 

Arbitro: Gianluca Aureliano di Bologna. Assistenti: Ciro Carbone di Napoli, Pasquale Cangiano di Napoli. Quarto ufficiale: Alessandro Caso di Verona.

Espulso: al 73' Manfredini e all'88' Mammarella (Lanciano) entrambi per doppia ammonizione.

Ammoniti: Aquilanti, Grossi, Amenta, Aridità (Lanciano).

Spettatori: 9.247 di cui 3.836 paganti per un incasso di 53.316 euroabbonati 5.411 quota di 16.272 euro.

Possesso palla: 57 - 43

Tiri dentro/totali: 11/16- 5/14

Palle giocate: 608 - 443

% passaggi riusciti: 68.2 - 55.5

Supremazia territoriale: 12'25'' - 06'08''

% attacco alla porta: 45.6 - 55.2

% protezione area: 44.8 - 54.4

% pericolosità: 68.2 - 49.2

Falli commessi: 17 - 17

Angoli: 5-6

Recuperi: 1' p.t., 5' s.t.

Maglia: giocatori: biancorossa; portiere: verde.

Serata fresca (temperatura intorno ai 10 °C), terreno in buone condizioni..


Torneo: 
Serie B

BOLOGNA-VICENZA

| |
Stagione: 
2014-2015
Data: 
2015-02-27
Partita: 
BOLOGNA-VICENZA
Risultato: 
0-2
Reti: 
13' e 58' Moretti (V)
Stadio: 
Dall'Ara di Bologna
Formazione locale: 

BOLOGNA (4-3-1-2) Coppola; Mbaye (56′ Zuculini), Gastaldello, Maietta, Masina; Bessa, Casarini, Kristicic (64′ Buchel); Laribi (80′ Improta); Mancosu, Cacia.

A disposizione: Sarr, Ferrari, Ceccarelli, Oikonomou, Sansone. Allenatore: Diego Lopez


Formazione ospite: 

VICENZA (4-3-3) Vigorito; Sampirisi, Brighenti, Manfredini, Garcia; Moretti (73′ Sbrissa), Di Gennaro, Cinelli; Laverone, Cocco (87′ Petagna), Giacomelli (85′ Vita)

A disposizione: Bremec, Gentili, Camisa, Alhassan, Mancini, Spinazzola. Allenatore: Pasquale Marino

Note: 

 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net  

LA PARTITA

PRIMO TEMPO

5′ Squadre ancora in fase di studio, il Vicenza comunque ha iniziato senza timori reverenziali

6′ buona apertura di Cacia sulla destra verso Kristicic che mette un pallone in diagonale che attraversa tutta l’area perdendosi in fallo laterale dalla parte opposta

9′ cross dalla sinistra di Garcia Tena in proiezione offensiva, ma sorveglia bene Coppola che esce in presa alta.

11′ primo angolo della gara per i biancorossi. Batte Di Gennaro la difesa del Bologna libera

12′ fallo di Kristicic su Cocco. La punizione per il Vicenza è da ottima posizione centrale una decina di metri fuori dall’area

13' GOL DEL VICENZA: staffilata di destro del centrocampista che trova un buco nella barriera e si infila a fil di palo freddando Coppola

17′ Laribi mette in area un buon pallone da sinistra, Mancosu cicca la conclusione da buona posizione

19′ ancora in avanti i biancorossi con un cross di Laverone che purtroppo Cocco non riesce a controllare

25′ cross di Mbaye che deviato termina sull’esterno della rete della porta difesa da Vigorito. Il guardalinee non si accorge della deviazione e viene data rimessa dal fondo per i biancorossi

26′ serie di rimpalli appena fuori dall’area biancorossa Mancosu ci prova dal limte ma la sua conclusione viene contrastata, la palla si impenna e Vigorito può controllare in presa alta.

29′ ci prova Laribi con un destro dai venticinque metri che sorvola la porta difesa da Vigorito

31′ su azione d’angolo la palla perviene a Brighenti che tenta il destro da distanza siderale con risultato finale simile a quello di Laribi pochi minuti fa

42′ azione di alleggerimento dei biancorossi conclusa da un tiro senza troppa convinzione dalla distanza di Cinelli con palla che termina sul fondo

45′ l’arbitro Manganiello manda tutti negli spogliatoi senza recupero. Buon primo tempo del Vicenza che però con il Bologna in dieci sembra aver perso un po’ di intensità rispetto a prima. Positiva e di carattere fin qui la prestazione degli uomini di  Marino che vanno al riposo meritatamente in vantaggio di un gol

SECONDO TEMPO

6′ azione sulla sinistra di Giacomelli che mette in area per Cocco, lo stop di petto dell’attaccante è lungo e la copertura di Gastaldello permette a Coppola di far sua la sfera

8′ lunga azione dei biancorossi con passaggio in profondità di Moretti su cui Cocco arriva lungo in area ma può rimettere indietro per Giacomelli che serve l’accorente Di Gennaro il cui sinistro da fuori mette in difficoltà Coppola costretto ad intervenire in due tempi

12' GOL DEL VICENZA: ancora Moretti! Prende palla ai 25 metri e scarica un destro potente che si infila a mezz’altezza a fil di palo alla sinistra di Coppola

15′ filtra un pallone in area biancorossa messo dentro da Zuculini su cui si avventa Casarini che devia sottomisura ma è bravissimo Vigorito a non farsi sorprendere

21′ ancora i padroni di casa pericolosi in avanti con un colpo di testa di Cacia nel cuore dell’area che fortunatamente è centrale e Vigorito può intervenire bloccando

29′ azione sulla destra dell’area di rigore per Cacia, conclusa con un tiro a giro che si spegne tra le braccia di Vigorito.

31′ Cocco da posizione defilatissima sulla destra prova un tiro di collo al volo a cadere che si spegne di pochissimo fuori sul palo opposto

39′ azione ancora di Cacia che serve fuori area Buchel il quale allarga per l’accorrente Zuculini il cui destro viene controllato da Vigorito in presa

45′ + 4′ Finita. Sesta vittoria consecutiva per i biancorossi 


Pagelle della partita "BOLOGNA-VICENZA"  

Vigorito 7: non deve compiere miracoli, ma sulle conclusioni del Bologna non si fa mai trovare impreparato e chiude l’ennesima gara senza reti al passivo. Sampirisi 7: aumenta la personalità con cui controlla la fascia di competenza di partita in partita. Dalla sua parte Kristicic si vede solo all’alba del match poi se ne perdono le tracce. Brighenti 7,5: impressionante la sicurezza che trasmette, la precisione e la pulizia con cui controlla l’area. Una sola piccola sbavatura, con un rinvio svirgolato, in una gara sontuosa. Il Cannavaro dei berici. Manfredini 7: si vede tutta la sua esperienza nel modo di stare in campo. Non si prende mai rischi inutili e con Brighenti forma un muro invalicabile per gli attaccanti rossoblu. Garcia Tena 7: non ha l’intraprendenza offensiva di D’Elia, ma tenta comunque qualche sortita, senza esagerare. Per il resto ritorna su livelli più consoni a lui, dopo un periodo con qualche passaggio a vuoto. Moretti 8: che dire? Match winner con le due bombe sistemate alle spalle di Coppola, ma anche una condizione fisica di lusso e spesso determinante nell’intuire le linee di passaggio del Bologna, recuperando palloni di qualità. Qualche peccato veniale rappresentato da qualche giocata un po’ troppo sufficiente ogni tanto ma è voler fare esercizio di pignoleria. Super. Sbrissa 7: lo stato di forma del centrocampo biancorosso lo costringe a spiccioli di partite, ma lui si fa trovare pronto e subito in sintonia con il resto della squadra. Di Gennaro 8: la coppia con Moretti è una scommessa vinta da Marino. Sempre nel cuore dell’azione sia offensiva che difensiva. Su di lui il Bologna non trova mai le misure e anzi nel tentativo di bloccarlo perde il filo della propria manovra. Cinelli 7,5: la mediana biancorossa sovrasta quella felsinea, dalla sua parte i padroni di casa faticano a prendere le misure e non è un caso che l’espulsione di Bessa nasca da un fraseggio tra lui e Giacomelli. Laverone 7: rispetto al pendolino di inizio stagione sta un po’ tirando il fiato, ma rimane sempre un prezioso punto di riferimento e una garanzia quando il Vicenza deve ripartire e far respirare la difesa. Cocco 7: torna dopo il malanno che gli ha fatto saltare in pratica due partite. La prima ammonizione di Bessa è per un fallo su di lui, la punizione del gol di Moretti nasce da un intervento ai suoi danni. Nel finale cerca pure il golasso con un destro da posizione impossibile che spiove di un niente a fil di palo. Giacomelli 7: dopo il gol vittoria di sabato scorso, è ancora determinante stavolta nell’espulsione dell’ex Bessa. Anche lui pare attraversare un momento di forma eccellente, confermato dalla facilità di corsa non solo in avanti ma anche quando rientra ad aiutare nella fase difensiva.

Pasquale Marino 8: le difficoltà maggiori per lui adesso saranno quelle di far restare la squadra concentrata e determinata nel raggiungere un obiettivo importante e non parliamo della salvezza che può considerarsi messa praticamente in tasca.  La sesta vittoria consecutiva non è ancora record ma la cosa importante è che il suo Vicenza sembra godere di uno stato di forma e di grazia straordinario. I meriti vanno divisi anche con il suo staff. 


Arbitro: Gianluca Manganiello di Pinerolo. Assistenti: Giorgio Peretti di Verona, Alessandro Rapparelli di Albano LazialeQuarto ufficiale: Riccardo Ros di Pordenone.

Espulso: al 33' Bessa (Bologna) per doppia ammonizione.

Ammoniti: Buchel (Bologna); Di Gennaro (Vicenza). 

Spettatori: 17.138 di cui 9.571 abbonati (quota di 62.549) per un incasso complessivo di 126.359 euro.

Possesso palla: 43 - 57

Tiri dentro/totali: 5/6 - 3/6

Palle giocate: 525 - 711

% passaggi riusciti: 61.3 - 70.5

Supremazia territoriale: 10'34'' - 11'50''

% attacco alla porta: 43.6 - 35.0.

% protezione area: 65.0 - 56.4

% pericolosità: 30.8 - 51.9

Falli commessi: 20 - 10

Angoli: 2-4

Recuperi: 0' p.t., 4' s.t.

Maglia: giocatori: biancorossa; portiere: verde.

Serata fresca (temperatura intorno ai 10 °C), terreno in buone condizioni.

Torneo: 
Serie B

VICENZA-CROTONE

| |
Stagione: 
2014-2015
Data: 
2015-02-21
Partita: 
VICENZA-CROTONE
Risultato: 
1-0
Reti: 
73' Giacomelli (V)
Stadio: 
Romeo Menti di Vicenza
Formazione locale: 

VICENZA (4-3-3) Vigorito; Sampirisi, Manfredini, Brighenti, D’Elia (86′ Garcia); Moretti, Di Gennaro (66′ Sbrissa), Cinelli; Laverone, Petagna, Giacomelli (79′ Vita)

A disposizione: Bremec, Edge, Alhassan, Gentili, Camisa, Mancini. Allenatore: Pasquale Marino


Formazione ospite: 

CROTONE (4-3-1-2) Cordaz; Balasa (76′ Rabusic), Claiton, Gigli, Martella; Matute, Maiello, Salzano (46′ Galardo); Dezi; Torregrossa, Stoian (64′ De Giorgio)

A disposizione: Stojanovic, Ricci, Ferrari, Padovan, Ciano, Modesto. Allenatore: Massimiliano Drago (squalificato, al suo posto Galluzzo)

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net  

LA PARTITA

PRIMO TEMPO

1′ 22″ per il primo, pericolosissimo cross basso da destra di Laverone, che attraversa tutta l’area piccola, non trovando deviazioni amiche. I biancorossi partono in quarta

6′ il primo corner è calabrese. Calcia a rientrare Salzano, esce bene Vigorito, caricato da Claiton, che ha però la peggio rimanendo a terra. Cure dei sanitari al portiere e al centrale difensivo, poi si riparte

10′ punizione da fuori area, spostati a sinistra del fronte d’attacco berico. Calcia Giacomelli, deviazione quasi di tacco di Cinelli all’altezza del primo palo, sfera sul fondo

12′ contropiede magistrale, sprecato da Petagna. Cinelli riconquista palla a centrocampo e verticalizza immediatamente per Giacomelli. Il fantasista avanza e trova una spendida imbucata per il goleador di Bari, che controlla malissimo solo davanti a Cordaz e l’occasione sfuma insieme alla sfera sul fondo

14′ doppio corner per i biancorossi, senza esito, in entrambi i casi libera la difesa calabrese

16′ ci prova Di Gennaro con un sinistro di controbalzo dai 25 metri. Deviato, ancora angolo. Senza pericoli per Cordaz il tiro dalla bandierina

22′ altro tiro dalla bandierina per i biancorossi. Calcia Di Gennaro, spizzata a centro area, sfera che spiove su secondo palo, dove Cordaz in uscita di pugno colpisce più Brighenti che palla. Difensore berico a terra, palla che spiove verso la linea di porta, salva un difensore e allontana

Formazione ospite abbottonata come non mai. Lo schieramento impostato da Drago assomiglia moltissimo ad un 4-5-1 in stile “catenaccio”, i biancorossi sono sistematicamente nella metà campo rossoblù

27′ traversone da destra a sinistra di Di Gennaro in area. Da posizione defilatissima prova al volo Giacomelli, sfera sul fondo

29′ Moretti dalla lunga distanza, destro ammortizzato da un difensore, palla comoda tra le braccia di Cordaz. Monologo biancorosso, il Crotone non esce dalla sua area

31′ cross di Moretti da destra, esce bene Cordaz al limite dell’area piccola ad anticipare teste amiche e avversarie

34′ ottima ripartenza ospite, avviata da Claiton, che verticalizza per Maiello, palla d’oro per Torregrossa, che solo davanti a Vigorito mette a lato di pochissimo. Tutto inutile, fischia Saia, fuorigioco del centravanti calabrese

Si gioca ad una porta, ma al Vicenza non riesce per il momento l’affondo decisivo

43′ sortita di Maiello a sinistra, Laverone lo stende. Calcio di punizione battuto da Dezi, traversone in area che la difesa allontana con difficoltà. Anche in questo caso Saia fischia una carica di Matute ai danni del portiere Vigorito

SECONDO TEMPO

7′ secondo angolo per gli squali, nessun pericolo per Vigorito

10′ quinto corner per la formazione di Marino, traversone teso di Gennaro che attraversa tutta l’area di porta, poi la difesa se la cava allontanando palla di testa. L’ingresso di Galardo sembra aver reso più propositivo il Crotone, che ora risponde con maggiore frequenza in ripartenza. I calabresi potrebbero però lasciare più spazi ai biancorossi

14′ tiro cross di Stoian verso la porta di Vigorito, palla sul fondo

15′ sinistro di Di Gennaro da distanza siderale, sfera altissima sulla traversa di Cordaz

Vicenza sempre nella metà campo calabrese, ma gli spazi non ci sono, per i biancorossi è maledettamente difficile trovare una soluzione per impensierire Cordaz

19′ cross di Martella da sinistra, se la cava in corner la difesa di casa

20′ Maiello ha la palla buona dentro l’area su azione d’angolo, ma il suo tiro manda palla alta sulla traversa di Vigorito

23′ occasionissima per gli squali. Azione di contropiede e De Giorgio pennella il cross da sinistra sul secondo palo per Dezi, che impatta bene e manda palla a pochi centimetri dal palo. Sospiro di sollievo di Vigorito, che nulla avrebbe potuto

23′ occasionissima per gli squali. Azione di contropiede e De Giorgio pennella il cross da sinistra sul secondo palo per Dezi, che impatta bene e manda palla a pochi centimetri dal palo. Sospiro di sollievo di Vigorito, che nulla avrebbe potuto

28' GOL DEL VICENZA: bellissima azione manovrata dei biancorossi, che porta al cross da destra Laverone. Sul secondo palo è appostato Giacomelli, che in mezza rovesciata si coordina e insacca

29′ Moretti da fuori area, tiro centrale, palla comoda per la presa di Cordaz

36′ cross da destra di Maiello, si immola Manfredini e rinvia di testa, caricato da Torregrossa, Fallo e calcio di punizione per i biancorossi

39' verticalizzazione di Maiello per Dezi proiettato in area berica. Testa dello stesso Dezi, palla tra le braccia di Vigorito

42′ punizione dalla trequarti di destra del fronte d’attacco calabrese. De Giorgio pennella un bel cross sul secondo palo, splendida la scelta di tempo di Vigorito, che esce in presa acrobatica

43′ ci prova dalla distanza Vita, palla sul fondo

44′ punizione dalla trequarti, palla scodellata in area, Laverone si rifugia in corner. Sul traversone dalla bandierina giganteggia ancora in uscita Vigorito

45’+1′ contropiede Sbrissa-Petagna, l’attaccante scuola Milan è egoista e va alla battuta di sinistro dal limite, anziché servire il liberissimo compagno di squadra, sfera altissima sulla traversa di Cordaz

45’+3′ finisce avanti la formazione di Marino, con Sbrissa che si conquista una punizione vicino all’area calabrese, biancorossi che provano a tenere palla

 

Pagelle della partita "VICENZA-CROTONE"  

Vigorito 6,5: spettatore per lunghi tratti del match, nel finale diventa protagonista quando si prende la responsabilità di un paio di uscite tanto spettacolari quanto risolutive. Sampirisi 6,5: il Crotone se ne sta sulle sue per quasi tutta la gara quindi lui si va vedere in avanti con discreta continuità. Dietro deve sbrigare l’ordinaria amministrazione o quasi. Brighenti 7: disinnescato Torregrossa abbandonato a se stesso in avanti, il centrale biancorosso si fa vedere in avanti su calcio d’angolo, costringendo la difesa pitagorica a rinviare sulla linea e spesso suona la carica, anticipando gli avversari e riportando la palla nella metà campo avversaria. Manfredini 6,5: galleggia con esperienza anche in condizioni fisiche non perfette, scegliendo con saggezza i tempi degli interventi e vincendo con frequenza i duelli col diretto avversario. D’Elia 6,5: anche per lui come per Sampirisi è una partita più di spinta che di conserva. Per la verità altre volte l’abbiamo visto più intraprendente ma di spazi dove infilarsi il Crotone ne lascia veramente pochi.  Esce a poco dalla fine per un problema muscolare da valutare. Speriamo non sia nulla di grave. Moretti 6: molto presente nelle trame biancorosse, non sempre preciso però nelle giocate. In una giornata non brillantissima è lui che ci prova almeno un paio di volte con il tiro da fuori per tentare di scardinare la munita difesa crotonese, senza però sorprendere Cordaz. Di Gennaro 6: un primo tempo che inizia bene, poi viene toccato duro e la sua partita ne risente in maniera determinante tanto che Marino preferisce sostituirlo per non correre rischi. Sbrissa 6,5: una buona mezzora per il centrocampista di Castelfranco Veneto, prezioso nel finale quando guadagna palloni e punizioni utili alla causa. Peccato che Petagna lo ignori in un’azione dove il suo inserimento era perfetto. Cinelli 6,5: ancora una buona prova per il più incursore del tridente di centrocampo. Nella corsia di sinistra funziona bene l’intesa con Giacomelli e D’Elia: i tre si cercano e si trovano spesso. Laverone 6,5: non sembra in una delle sue migliori giornate, poi sforna l’assist (il settimo stagionale) per il gol di Giacomelli e ancora una volta finisce per essere decisivo. Petagna 6: il ragazzotto a volte pasticcia come quando Giacomelli gli serve un buon assist ma lui si porta fuori la palla nel tentativo di controllarla col suo piede migliore. Deve sicuramente crescere ma alcune giocate lasciano intravvedere qualità.  Nei minuti di recupero pecca di (giustificabile) egoismo quando prova la conclusione al termine di un’azione personale, trascurando Sbrissa che poteva calciare da posizione migliore. Giacomelli 7: il gol vittoria di ottima fattura, un assist a Petagna non sfruttato ed una presenza costante a supporto dell’azione offensiva del Vicenza. Dopo il gol a Varese si sblocca finalmente anche al Menti.

Pasquale Marino 6,5: contro un Crotone bloccato a difesa della propria porta, il Vicenza attacca a volte in maniera fin troppo ragionata ma continua. Alla fine arriva la quinta vittoria consecutiva e il terzo posto (almeno momentaneo). Il tecnico di Marsala non ha ancora un coro dedicato dalla curva ma è sicuramente già entrato nelle simpatie del Menti che dopo tanto tempo può tornare a sognare…

 

Arbitro: Francesco Paolo Saia di PalermoAssistenti: Alessio Tolfo di Pordenone, Luca Mondin di TrevisoQuarto ufficiale: Luigi Rossi di Rovigo.

Ammoniti: Moretti (Vicenza); Matute, Balasa, Galardo (Crotone). 

Spettatori: 2.086 paganti per un incasso di 22.648 euro; abbonati 5.411 quota di 16.272 euro.

Possesso palla: 51 - 49

Tiri dentro/totali: 2/9 - 0/2

Palle giocate: 563 - 534

% passaggi riusciti: 65.3 - 63.3

Supremazia territoriale: 12'31'' - 08'04''

% attacco alla porta: 44.4 - 50.0

% protezione area: 50.0 - 55.6

% pericolosità: 30.2 - 16.6

Falli commessi: 16 - 17

Angoli: 6-4

Recuperi: 3' p.t., 4' s.t.

Maglia: giocatori: biancorossa; portiere: verde.

Pomeriggio nuvoloso, a tratti cade sul Menti una pioggerellina leggera, temperatura intorno ai 5-6 °C, terreno in buone condizioni. 

Torneo: 
Serie B

BARI-VICENZA

| |
Stagione: 
2014-2015
Data: 
2015-02-14
Partita: 
BARI-VICENZA
Risultato: 
0-1
Reti: 
72' Petagna (V)
Stadio: 
San Nicola di Bari
Formazione locale: 

BARI (3-4-1-2) Guarna; Salviato, Rinaudo, Filippini; Sabelli, Minala (77′ Boateng), Romizi, Defendi (46′ Calderoni); Bellomo; Ebagua, Caputo (46′ De Luca).

A disposizione: Donnarumma, Micai, Rada, Contini, Benedetti, Minicucci. Allenatore: Davide Nicola.

Formazione ospite: 

VICENZA (4-3-3) Vigorito; Sampirisi, Brighenti, Manfredini, D’Elia; Cinelli, Di Gennaro, Moretti (89′ Sbrissa); Laverone, Petagna (74′ Cocco), Vita (60′ Spinazzola).

 A disposizione: Serraiocco, Camisa, Garcia, Gentili, Alhassan, Mancini. Allenatore: Pasquale Marino

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net  

LA PARTITA

PRIMO TEMPO

2′ primo tiro verso la porta, ci prova Defendi da fuori, palla sul fondo

3′ tiro di Caputo smorzato da un difensore, palla facile tra le mani di Vigorito. Nella ripresa del gioco, retropassaggio un po’ arrischiato di Manfredini, rinvia lungo lo stesso Vigorito sul pressing di Ebagua

5′ cross di D’Elia da sinistra, molto sospetta la “cintura” di Rinaudo su Petagna a centro area, lascia correre Baracani

7′ combinano bene a destra Sampirisi e Laverone, atterrato da Defendi da dietro. Punizione e giallo per il barese

8′ calcia la punizione Di Gennaro, direttamente in porta, respinge di pugno Guarna

9′ ci prova anche Moretti dalla distanza, è un tiraccio che fa finire palla lontanissima dai pali della porta barese

11′ contatto sospetto in area biancorossa, Caputo finisce a terra e recrimina per un contatto con Brighenti, anche in questo caso Baracani fa proseguire

18' angolo procurato da una discesa a destra di Laverone, il cross di Di Gennaro termina direttamente sul fondo dalla parte opposta. Partita che prosegue a ritmo sostenuto, da qualche minuto però le due squadre non riescono a creare azioni nelle rispettive zone d’attacco, gioco che stagna a centrocampo. Pressing molto alto da parte della formazione di Nicola, il Vicenza sembra però tenere bene di fronte all’atteggiamento aggressivo degli avversari

23′ lancio lungo dalla zona di centrocampo, spizzata di testa di Caputo e Brighenti è provvidenziale nell’anticipo su Ebagua

26′ secondo corner per i biancorossi ospiti, regalato da Rinaudo. Dalla bandierina nessun pericolo per Guarna

28′ mezzo pasticcio di Vigorito, che esce male di pugno su traversone da destra di Sabelli, rimediano i compagni

33′ bel cross da sinistra da parte di Vita, di testa libera l’area Defendi, prova l’immediato controtraversone Di Gennaro, palla comoda per l’uscita di Guarna. Contatto Laverone-Defendi in fascia, il barese ha la peggio ed esce zoppicante dallo scontro, cure a bordo campo per lui

35′ altra palla messa in mezzo da sinistra, stavolta l’autore del cross è D’Elia, sfera troppo sul portiere, esce e para Guarna

37′ chance clamorosa per Petagna, imbeccato a centroarea da Cinelli, al culmine di un contropiede berico. Il vice-Cocco cincischia e si fa rimontare da un difensore, l’azione sfuma

38′ Vita dalla distanza, palla alta sulla traversa

43′ altra occasione clamorosa, Laverone recapita una splendida palla da destra sui piedi di Petagna. All’altezza del primo palo, però, l’attaccante cicca di brutto e Guarna recupera la sfera senza problemi

Primo tempo vivace per ritmo, ma da sbadigli quanto ad emozioni. Bari al via con un atteggiamento più aggressivo, ma i biancorossi berici non ci mettono molto a prendere le misure al match e alla fine contano le uniche due situazioni di pericolo per il portiere avversario, con Petagna che non si fa trovare pronto. Al rientro negli spogliatoi fischi del San Nicola all’indirizzo della squadra di casa.

SECONDO TEMPO

4′ lancio lungo dalle retrovie per il veloce De Luca, anticipato in uscita da Vigorito

8′ cross da destra di Sampirisi, allontana la difesa di casa, ma trovare uno spunto di cronaca è un’impresa titanica. A terra Vita, che ha accusato un dolore al piede sinistro dopo un cross effettuato. Gioco fermo e cure dei sanitari per lui

9′ cross da sinistra di Calderoni, a centro area prova la prodezza in rovesciata Ebagua, palla solo sporcata e la difesa allontana

10′ i galletti calciano la punizione conseguenti al fallo di D’Elia, sul traversone al centro Calderoni spara il sinistro da dentro l’area, palla altissima sulla traversa di Vigorito

17′ terzo angolo per i biancorossi, il cross di D’Elia non trova compagni per la deviazione, libera la difesa

19′ magia a sinistra del neo entrato Spinazzola, il cross basso non è all’altezza delle premesse

21′ arrivano ancora dalla fascia sinistra vicentina i pericoli per Guarna, cross in area di D’Elia, dalla parte opposta controtraversone basso di Moretti, la difesa anticipa Cinelli. Nella noia è la formazione di Marino che continua a fornire l’impressione di essere solida e poter far male in contropiede. Spinazzola è entrato bene nel match

27' GOL DEL VICENZA: spettacolare il cross da sinistra di D’Elia, a centro area girata di testa di Petagna, che incorna mortifero alle spalle di Guarna

32′ Moretti da fuori, nessun problema per Guarna

33′ ci prova il neo entrato Boateng dal limite, palla di poco a lato dal palo di sinistra di Guarna

35′ Spinazzola imbeccato bene sul fronte mancino dell’area, aggancio e tiro di sinistro, palla fuori

38′ punizione dai venticinque metri, posizione centrale. Calcia Bellomo, destro a giro che supera la barriera e scende all’ultimo, ma non abbastanza per infilarsi nel sette, sospiro di sollievo di Vigorito

A terra Laverone per un intervento di Romizi non sanzionato da Baracani, gioco fermo. Il Vicenza sembra poter addormentare il match

Lanci lunghi della disperazione per i galletti, ma la difesa biancorossa non corre alcun pericolo e si difende con ordine e senza patemi

45’+4′ cross da destra e colpo di testa di Boateng, alto sulla traversa

Il Vicenza fa poker. Al San Nicola i biancorossi di Marino proseguono la striscia vincente e volano verso posizioni di classifica impensabili ad inizio stagione. La squadra berica ha dato la sensazione di essere sempre più consapevole di poter essere protagonista della cadetteria e ha vinto con il cinismo delle grandi. E’ bastato infatti un lampo di Petagna (sostituto del febbricitante Cocco) in un match da sbadigli per consegnare i tre punti a Di Gennaro e compagni. L’attaccante scuola Milan si è fatto perdonare un primo tempo abulico con una splendida girata di testa al 27′ della ripresa. Vicenza che scavalca il Frosinone e si piazza al quinto posto della graduatoria. 


Pagelle della partita "BARI-VICENZA"  

Vigorito s.v.: svolge l’ordinaria amministrazione con la solita sicurezza; nel pomeriggio di Bari l’unico pericolo per l’ex veneziano è dato dal freddo. Sampirisi 7: conferma di essere cresciuto e di attraversare un ottimo momento di forma. Bravo in fase difensiva e positivo anche in quella di spinta. Brighenti 7: torna e riparte da dove aveva lasciato. Partita attenta, determinata e impreziosita da una chiusura decisiva su Caputo ad inizio gara. Manfredini 6,5: gara positiva in cui, assieme ai compagni di reparto, azzera l’attacco del Bari. D’Elia 7: sulla corsia di sinistra “galoppa” che è un piacere. Difende e attacca, con la perla del cross che Petagna di testa concretizza in gol. Moretti 6: qualche errore di troppo nei passaggi e nell’impostazione, ma è sempre caparbio nel cercare di recuperare. Di Gennaro 7: sempre più padrone del ruolo, imposta e tampona alla grande. Una domanda: uno come lui, cosa ci fa in serie B? Cinelli 6,5: altra gara di grande sostanza in cui sulla zona di centro sinistra mette in crisi la mediana del Bari. Macina chilometri a conferma di un’ottima condizione fisica. Laverone 6,5: meno brillante di altre volte, ma il suo compito lo svolge con la solita generosità. Petagna 7: sostituire Cocco in questo momento non era facile per nessuno, figurarsi per un ragazzo di 19 anni. E’ sempre presente al momento di concludere, anche se nel primo tempo in un’occasione può (deve) fare meglio. Ma si procura un rigore che il solito Baracani non fischia, e segna il gol decisivo. Cocco s.v.: altra prova di attaccamento alla maglia e alla causa, come quando giocò con una caviglia che sembrava un melone. La febbre alta della notte non lo ferma, e quando c’è bisogno di lui, risponde presente. Voto altissimo al professionista. Vita 6: prova a mettersi in evidenza, ma non è la sua giornata migliore. Si accentra e calcia verso la porta solo una volta, ma la conclusione va alta. Spinazzola 6,5: entra bene e sulla sua corsia mette in difficoltà il Bari con un paio di accelerazioni che creano due nitide occasioni da gol. Nel finale ha un buon pallone, ma calcia fuori.

Pasquale Marino 7,5 – La squadra lo segue e mette in campo quello che prova in settimana. Il Vicenza conferma di avere gioco, anima e carattere, cosa chiedere di più? 


Arbitro: Leonardo Baracani di Firenze. Assistenti: Stefano Liberti di Pisa, Tarcisio Villa di RiminiQuarto ufficiale: Pasquale Boggi di Salerno.

Ammoniti: Defendi, Salviato, Sabelli, Rinaudo (Bari); D'Elia, Brighenti, Cinelli (Vicenza). 

Spettatori: 16.337 di cui 11.019 abbonati (rateo di 81.099 euro) e 5.318 paganti (quota di 26.393,50 euro); incasso complessivo di 107.492,50 euro.

Possesso palla: 43 - 57

Tiri dentro/totali: 1/8 - 2/5

Palle giocate: 469 - 641

% passaggi riusciti: 54.2 - 68.1

Supremazia territoriale: 07'33'' - 09'54''

% attacco alla porta: 48.5 - 55.

% protezione area: 45.0 - 51.5

% pericolosità: 18.8 - 36.1

Falli commessi: 17 - 21

Angoli: 0-3

Recuperi: 1' p.t., 4' s.t.

Maglia: giocatori: blu; portiere: verde.

Pomeriggio soleggiato, terreno in discrete condizioni.

Torneo: 
Serie B

VICENZA-PERUGIA

| |
Stagione: 
2014-2015
Data: 
2015-02-07
Partita: 
VICENZA-PERUGIA
Risultato: 
3-1
Reti: 
23' Lanzafame (P), 47, 58', 73' Cocco (V)
Stadio: 
Romeo Menti di Vicenza
Formazione locale: 

VICENZA (4-3-3) Vigorito; Sampirisi, Gentili, Manfredini, D’Elia; Moretti, Di Gennaro (87′ Sbrissa), Cinelli; Laverone, Cocco (82′ Petagna), Giacomelli (65′ Spinazzola)

A disposizione: Serraiocco, Alhassan, Garcia, Edge, Mancini, Vita. Allenatore: Pasquale Marino


Formazione ospite: 

PERUGIA (4-3-1-2) Provedel; Comotto (58′ Faraoni), Godaniga, Hegazy, Crescenzi; Rizzo (65′ Nielsen), Fossati, Nicco; Lanzafame (69′ Taddei); Falcinelli, Ardemagni

A disposizione: Koprivec, Lignani, Baldan, Boscolo, Giacomazzi, De Freitas. Allenatore: Andrea Camplone

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net  

LA PARTITA

PRIMO TEMPO

Primi 2′ trascorsi a schermaglie, da segnalare solo un paio di falli di Comotto e Ardemagni, entrati già nel vivo agonistico del match

3′ buona iniziativa D’Elia-Giacomelli a sinistra, ferma tutto Comotto

9′ azione manovrata che porta al cross basso dalla linea di fondo Ardemagni, chiude bene Gentili anticipando tutti

11′ ancora attivo a sinistra D’Elia, tocco centrale al limite per Laverone, che pesca Cinelli dentro l’area. Il capitano di oggi si allunga troppo il pallone, che termina sul fondo controllato da un difensore

15′ il primo tiro in porta del match è di Lanzafame, sporcato dal tocco di un difensore, raccoglie senza problemi la sfera Vigorito

18′ insistita azione d’attacco biancorossa, da destra a sinistra del fronte d’attacco, conclusa da un cross basso di Laverone facile preda di Provedel

20′ punizione dalla trequarti di sinistra, bello schema che porta Di Gennaro al cross dal fondo, testa di Gentili a centro area, palla alta sulla traversa

24' Gol del Perugia: azione personale di Lanzafame, che scambia al limite dell’area con un compagno e con un diagonale fa secco Vigorito in maniera imparabile

27′ secondo corner per i biancorossi, doppio tentativo di Sampirisi, che in entrambe le occasioni vede respinte le sue conclusioni, l’azione prosegue e ci prova Cinelli in rovesciata dopo un tocco sporco di Manfredini che aveva fatto impennare il pallone. La conclusione del romano finisce però alta sulla traversa

37′ punizione dalla trequarti sinistra che porta al cross di D’Elia, netta la spinta di Goldaniga ai danni di Gentili a centro area, La Penna fa proseguire fra gli ululati del Menti. Altro brutto intervento di Falcinelli, in netto ritardo, su Moretti. Stavolta La Penna sorvola, se continua così il Perugia non finisce in undici

39′ azione prolungata del Vicenza e allucinante rigore negato ai biancorossi. Giacomelli viene letteralmente abbattuto con un intervento a piedi uniti da Comotto subito dopo aver concluso a rete dal dischetto di rigore, l’arbitro assegna l’angolo ai biancorossi e nulla più

42′ pericolosissimo contropiede umbro 2 contro 4, Manfredini compie il miracolo e rinviene in tempo contraendo Falcinelli nella battuta a pochi passi da Vigorito

45’+2′ cross da destra di Laverone, Giacomelli prova la girata al volo, palla alta sulla traversa

SECONDO TEMPO

2' GOL DEL VICENZA: verticalizzazione perfetta di Giacomelli che serve Cocco sulla sinistra dell’area di rigore. Il bomber salta Provedel in uscita e piazza un diagonale su cui non riescono ad intervenire nè Goldaniga nè Hegazy

 

 

 

 

8′ punizione dai trenta metri, posizione centrale. Destro potente di Moretti, palla sul fondo

10' La Penna ancora protagonista. Falcinelli lanciato a rete viene affossato da Gentili. Sarebbe fallo da ultimo uomo, ma l’arbitro romano fischia un fuorigioco alquanto dubbio all’attaccante

12′ sovrapposizione di D’Elia sulla corsia mancina, Giacomelli gli cede palla, cross preda di Provedel

13' GOL DEL VICENZA: combinano splendidamente a destra Sampirisi e Laverone, liberato al cross dal una magia del compagno. A centro area è appostato come un falco Cocco, il cui impatto di testa non lascia scampo a Provedel. In 10′ il Vicenza ha ribaltato il match

15′ clamorosa chance di chiudere la partita buttata al vento da Giacomelli, in stile Terni. Liberato solo davanti a Provedel da un tiro deviato di Di Gennaro, il fantasista calcia a lato il diagonale da posizione favorevolissima

22′ tiro-cross di Nicco da sinistra, palla che si perde alta sulla traversa

28' GOL DEL VICENZA: sciocchezza di Nicco, che con un retropassaggio avventato mette in difficoltà Goldeniga. Il centrale perde l’uno contro uno con Cocco, che commette fallo e recupera palla al limite dell’area. La Penna non fischia, il bomber biancorosso ringrazia e giustizia Provedel con un piattone destro che si spegne in fondo al sacco

35′ da fallo laterale nasce una incursione in area di Nicco, lo ferma bene e senza fallo Manfredini, che esce palla al piede

45′+1′ insistita azione dei grifoni al limite dell’area, interotta da un intervento difensivo di Petagna. Successivamente fallo a centrocampo su Sbrissa che permette alla difesa di respirare

45′+3′ destro pretenzioso di Spinazzola che ci prova dalla distanza mandando palla sul fondo. Su questo tentativo La Penna fischia la fine dell’incontro

 

 

Pagelle della partita "VICENZA-PERUGIA"  

Vigorito 6: Lanzafame lo stuzzica dopo un quarto d’ora, poi lo batte con un diagonale velenoso. Prima e dopo per il piemontese, un sabato senza grandi preoccupazioni. Sampirisi 7: gara maiuscola. Lui che è abituato ad essere poco appariscente oggi scavalla che è un piacere. La finta con cui si libera dell’avversario per servire Laverone in fascia, nell’azione del raddoppio biancorosso, è di stampo brasileiro. Gentili 7: non giocava dalla trasferta di Frosinone ma si fa trovare prontissimo Forse agevolato dalla condizione approssimativa di Ardemagni è comunque protagonista di una partita coi fiocchi, proiezioni in avanti comprese. Manfredini 7: c’era curiosità di vederlo all’opera dopo la positiva gara di Terni. L’ex atalantino non lascia ma raddoppia, guidando il reparto con consumata esperienza e dando le garanzie che ci si aspettavano da un veterano della categoria.  Al suo attivo anche un assist (forse involontario) per Cinelli nel primo tempo. D’Elia 7: man mano che la gara entra nel vivo lui diventa sempre più incisivo.  Martella implacabilmente la fascia destra del Perugia, aiutando Giacomelli nel progressivo sgretolamento della difesa ospite. Unico neo un ritardo nella chiusura sul gol di Lanzafame ma tutto è bene ciò che finisce bene. Moretti 7: produce giocate ad alto contenuto tecnico, anche se un po’ ad intermittenza. In un paio di circostanze ci prova dalla sua mattonella, stavolta con poca fortuna. Di Gennaro 7: costante punto di riferimento nella manovra soprattutto nel primo tempo, nella ripresa pasticcia un po’, come in occasione della palla persa che gli costa l’ammonizoine, ma quando serve sa anche supportare la squadra in fase di ripiego. Cinelli 7: tra i giocatori della mediana è quello che ha più confidenza con l’area di rigore avversaria con inserimenti interessanti in grado di creare pericoli. Purtroppo è anche quello che ha meno confidenza con il gol e si vede quando prova la (difficile) conclusione sull’assist di Manfredini, liberato da un suo precedente velo. Laverone 7: il pendolino ingaggia con Crescenzi una furiosa lotta sulla fascia da cui esce vincitore. Dipinge l’arcobaleno alla fine del quale Cocco trova la pentola d’oro del secondo gol, ennesima giocata vincente della premiata ditta. Cocco 8,5: nel primo tempo è un duello rusticano con i corazzieri Goldaniga e Hegazy che i due paiono potersi aggiudicare. Nella ripresa però il bomber biancorosso asfalta i due centrali in tutti i modi: di sinistro, di testa e di …fisico per la sua prima tripletta in carriera. Petagna sv: una decina di minuti nel finale per la passarella di Cocco. Lui cerca comunque di rendersi utile alla causa e di mettersi in mostra. Giacomelli 7: ormai è conclamato il suo rapporto conflittuale con il gol.  Viene brutalizzato in area dall’ex Comotto sotto lo sguardo di La Penna che non si scompone più di tanto.  Verticalizza con ottima scelta per il gol del pari di Cocco ma spara sul fondo un pallone che avrebbe messo in cassaforte la partita ancora prima del tris del compagno. Alla fine il bilancio è comunque positivo ma poteva essere ancora migliore. Spinazzola 6,5: esordio in biancorosso per il giovane juventino. Qualche spunto interessante. Da rivedere con un minutaggio più ampio.

Pasquale Marino 7,5: il Vicenza viaggia a vele spiegate verso la … salvezza. Squadra che ancora una volta impressiona per la brillantezza fisica che pare addirittura in crescita.  Terza vittoria consecutiva e otto reti nelle ultime quattro gare, per una squadra che pareva avere problemi di finalizzazione, sono un risultato niente male. 


Arbitro: Federico La Penna di Roma 1. Assistenti: Stefano Del Giovane di Albano Laziale, Daniele Ceccarelli di TerniQuarto ufficiale: Riccardo Ros di Pordenone.

Ammoniti: Giacomelli, Di Gennaro, Manfredini (Vicenza); Fossati, Lanzafame, Comotto (Perugia). 

Spettatori: 2.218 paganti per un incasso di 25.975 euro; abbonati 5.411 quota di 16.272 euro.

Possesso palla: 57 - 43

Tiri dentro/totali: 3/15 - 1/6

Palle giocate: 646 - 506

% passaggi riusciti: 67.4 - 59.4

Supremazia territoriale: 13'23'' - 08'57''

% attacco alla porta: 51.1 - 46.0

% protezione area: 54.0 - 48.9

% pericolosità: 64.0 - 29.5

Falli commessi: 19 - 33

Angoli: 4-0

Recuperi: 2' p.t., 3' s.t.

Maglia: giocatori: biancorossa; portiere: blu elettrico 

Pomeriggio soleggiato con temperatura mite intorno ai 14-15 °C, terreno in buone condizioni. 

Torneo: 
Serie B

TERNANA-VICENZA

| |
Stagione: 
2014-2015
Data: 
2015-01-31
Partita: 
TERNANA-VICENZA
Risultato: 
0-2
Reti: 
20' e 75' Cocco (V)
Stadio: 
Liberati di Terni
Formazione locale: 

TERNANA (3-5-2) Brignoli; Valjent, Meccariello, Popescu (75′ Falletti); Fazio, Gavazzi, Viola (56′ Eramo), Crecco, Vitale; Ceravolo, Bojinov (56′ Dugandzic)

A disposizione: Sala, Janse, Ferronetti, Russini, Palumbo, Dianda. Allenatore: Attilio Tesser


Formazione ospite: 

VICENZA (4-3-3) Vigorito; Sampirisi, Camisa, Manfredini, D’Elia; Cinelli, Di Gennaro, Moretti (83′ Sbrissa); Laverone, Cocco (86′ Petagna), Giacomelli (78′ Vita)

A disposizione: Serraiocco, El Hasni, Gentili, Garcia, Alhassan, Lores. Allenatore:Pasquale Marino

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net  

 

LA PARTITA

PRIMO TEMPO

1′ c’è già il primo squillo umbro, pericoloso il cross di Fazio da destra, allontana in affanno al retroguardia berica

2′ prolungata azione d’attacco dei padroni di casa, che porta al tiro dalla distanza Viola. Sinistro a giro e palla che sfiora l’incrocio dei pali della porta di Vigorito

5′ Meccariello pasticcia in un retropassaggio a Brignoli, Giacomelli e Cocco non riescono ad approfittarne

8′ su lancio lungo di Gavazzi, stavolta è Vigorito a rischiare qualcosa di troppo, Ceravolo non ne approfitta

9′ Di Gennaro dalla distanza, fuori misura la sua conclusione

9′ replica subito sul fronte opposto Crecco, destro dai 25 metri, para a terra Vigorito

11′ errore di D’Elia a sinistra, Ceravolo gli ruba palla si conquista un angolo. Sul tiro dalla bandierina Meccariello non trova la deviazione aerea, probabilmente ostacolato da un compagno, Vigorito non corre pericoli

14′ verticalizzazione di Vitale per Bojinov in area, Manfredini anticipa il bulgaro in fallo laterale

18′ altro buon lavoro di Vitale sul fronte d’attacco mancino, palla dentro l’area per Ceravolo, destro pronto sporcato in angolo da un tocco di Camisa

19′ sul cross dalla bandierina esce bene Vigorito e abbranca in presa

20' GOL DEL VICENZA: cross basso da destra di Moretti, velo di Cinelli a centro area e palla per il destro di Cocco, che non lascia scampo a Brignoli

22′ traversone lungo di Vitale da sinistra, dalla parte opposta Fazio prova la conclusione di controbalzo, sfera alle stelle

24′ fallo di Di Gennaro su Viola, a trenta metri da Vigorito, posizione abbastanza centrale. Calcio di punizione affidato al sinistro dello stesso Viola, sul cui spiovente non ha difficoltà Vigorito, che blocca

26' occasionissima per il raddoppio. Giacomelli al limite chiede il triangolo a Cocco. Perfetta la palla di ritorno del bomber biancorosso, ma Giacomelli a tu per tu con Brignoli allarga troppo il suo destro e la palla termina sul fondo

Vicenza che dopo il gol appare in controllo della partita. La Ternana non riesce ad incidere e la retroguardia berica non sta correndo pericoli. Viceversa, le ripartenze biancorosse fanno soffrire gli umbri

36′ angolo regalato da una disattenzione di Brignoli, sul cross dalla bandierina palla buona per la battuta di sinistro di Manfredini, sfera nuovamente ribattuta in corner dallo stinco di un difensore

39′ TERNANA su cross da sinistra, testa di Valjent a centro area, palla che si impenna e Bojinov prova il gol straordinario, ma la sua rovesciata in acrobazia fa terminare la sfera a pochi centimetri dal palo di destra di Vigorito, che nulla potrebbe per evitare il gol. Sospiro di sollievo del portiere berico

37′ altri due tiri dalla bandierina consecuitivi per i biancorossi, senza pericoli per Brignoli

38′ cross da sinistra di Crecco, blocca sicuro Vigorito all’altezza del primo palo

42′ spallata di Gavazzi ai danni di Giacomelli, fallo e punizione da sinistra. Cross in area dello stesso Giacomelli, allontana la difesa di casa

43′ buona azione manovrata degli umbri, Vitale mette in mezzo il traversone rasoterra da sinistra, ancora una volta Vigorito è pronto e puntuale nell’uscita bassa e fa sua la sfera

45′ Popescu ci prova da distanza siderale, palla lontanissima dalla porta di Vigorito

Vicenza meritatamente avanti dopo i primi 45′. La formazione di mister Marino ha controllato nei primi istanti di gioco l’inizio veemente degli umbri, poi ha preso il controllo del match, fino a trovare il vantaggio con Cocco. Faticosa e inconsistente la reazione dei padroni di casa, che hanno anzi rischiato di trovarsi sul doppio svantaggio, ma Giacomelli ha sprecato una chance clamorosa per il raddoppio. Unico, estemporaneo squillo dei locali prima del riposo, la bella rovesciata di Bojnov che poteva portare al pari

SECONDO TEMPO

1′ cross di Gavazzi, Manfredini si rifugia in angolo. Sul cross di Viola dalla bandierina ancora puntuale nell’uscita Vigorito

3′ destro da fuori area di Gavazzi, potente ma fuori bersaglio, palla di poco alta sulla traversa della porta biancorossa

5′ ancora micidiale il contropiede manovrato della formazione di Marino. Azione avvolgente che porta al cross da destra Cocco, Giacomelli ha la palla buona sul secondo palo, ma solo davanti a Brignoli impatta male e la sua conclusione al volo si perde sul fondo. Attivissimo il fantasista biancorosso, peccato per l’imprecisione in fase di finalizzazione

7′ quinto corner per i rossoverdi. Sul traversone dalla bandierina di Vitale, Sacchi fischia un fallo in attacco di Meccariello a centroarea

10′ altra bella manovra degli ospiti, cross di D’Elia da sinistra, tacco di Giacomelli all’altezza del primo palo, buona l’idea ma palla sul fondo

12′ conclusione di Cinelli sporcata in angolo dalla difesa, dopo un’altra, ottima azione d’attacco berica

15′ Vitale calcia la punizione concessa da Sacchi per il fallo di Camisa. Insidioso il suo destro, Vigorito blocca in due tempi

22′ punizione dalla linea laterale per fallo di mano di Gavazzi. Tocco verso il centro di Giacomelli per D’Elia, che dai trenta metri esplode il mancino, palla che sorvola di centimetri l’incrocio dei pali

Ternana che pare aver beneficiato dei due innesti voluti da Tesser, ora la sua formazione preme di più e i biancorossi da qualche minuto faticano di più a ripartire

29′ altro squillo biancorosso, su traversone basso di Cinelli da sinistra Cocco è anticipato a centro area, palla verso Giacomelli, la cui conclusione è stoppata dal tackle scivolato di Meccariello

30' GOL DEL VICENZA: ripartenza ancora micidiale degli uomini di Marino. Giacomelli si invola a sinistra, traversone basso chirurgico che taglia fuori il vano tuffo di Brignoli, sul secondo palo a Cocco non resta che spingere in rete a porta vuota

37′ Moretti scende centralmente sulla trequarti e prova la conclusione da fuori, destro centrale, para facile Brignoli

40′ incursione estemporanea di Crecco in area, destro dal dischetto, conclusione debole e centrale, Vigorito para a terra

44′ punizione dal limite per fallo di Petagna su Fazio. Conclusione mancina dello specialista Vitale, palla che supera la barriera ma termina alta sulla traversa

 

Pagelle della partita "TERNANA-VICENZA"

Vigorito 7: non devi esibirsi in parate salva risultato o strappa applausi, ma è preciso e attento in ogni situazione. Sotto la pioggia la palla non gli sfugge mai. Dimostra personalità e sicurezza nella essenzialità del gesto tecnico. Sampirisi 7: dalle sue parti non si passa, recupera preziosi palloni ed è protagonista di interessanti iniziative anche in avanti.  Con Laverone fisicamente non al meglio lui aumenta i giri e supplisce perfettamente. Camisa 7,5: per liberarsi della guardia del capitano biancorosso Bojinov deve inventarsi un numero circense. Per il resto è annullato dal nostro, lui come il compagno di reparto Ceravolo. Prende un’ammonizione che gli costerà la squalifica, ma è un giallo ben speso per evitare conseguenze peggiori. Manfredini 7: esordio deluxe per il neoarrivato. Con Camisa si intende come se giocassero insieme da una vita. In area fa valere fisico ed esperienza, buon piede in fase di impostazione, cerca pure gloria in attacco.  L’assenza di Brighenti passa inosservata e di questi tempi non è poca cosa. D’Elia 6,5: il pendolino è meno intraprendente del solito, ma anche per non concedere la superiorità numerica a metà campo agli avversari. Peccato per l’ammonizione evitabile a suo carico. Moretti: 6,5: nel primo tempo si vede pochino ma è dai suoi piedi che nasce il primo gol di Cocco. Meglio nel secondo tempo dove si fa vedere anche con un destro dalla distanza ammortizzato da Brignoli. Sbrissa: s.v.: spiccoli nel finale. Di Gennaro 7,5: assoluto dominatore del centrocampo, la Ternana non riesce a trovargli le contromisure e lui tesse e cuce dimostrandosi prezioso non solo in fase di rifinitura ma anche nel recupero dei palloni. In crescita anche la sua interpretazione del ruolo che sta diventando sempre più pulita ed efficace. Cinelli 6,5: il suo velo sul primo gol di Cocco è decisivo per disorientare la difesa delle “fere”. Se conti i Cinelli sembrano tre, ma in realtà è lui che è uomo ovunque. Laverone 7: pareva in dubbio invece si sciroppa l’intera partita e lo fa come sa fare lui. Quando riparte fa male agli avversari che spesso sono costretti a fermarlo con le cattive.  Arrivato a Vicenza in sordina ora è giocatore irrinunciabile. Cocco 8: come i gol realizzati finora che lo avvicinano al suo record personale di 12. Prima doppietta in biancorosso impreziosita da giocate anche in fase di rifinitura come il triangolo lungo che libera Giacomelli davanti a Brignoli in una delle occasioni migliori del match per i biancorossi. Giacomelli: 6 - Nel primo tempo frulla molto ma produce poco. L’opportunità che gli concede Cocco per mandare il Vicenza sul 2-0 è da circoletto rosso ma lui sceglie una conclusione sciagurata di esterno che si perde sul fondo. Nel secondo tempo sistema la sua partita con lodevoli iniziative compresa quella che mette Cocco in condizioni di realizzare il più facile dei raddoppi. Vita s.v.: in predicato di giocare titolare ma poi Laverone ce la fa. Marino lo tiene nella giusta considerazione, avrà sicuramente altre opportunità.

Pasquale Marino 7: la squadra va che è un piacere. Settimo posto in classifca, zero gol subiti nel 2015 e uno solo nelle ultime sei gare. Mette in campo una formazione compatta e, dopo il gol, sempre in controllo della partita. La rosa è sorretta da una forma fisica al momento di alto livello. Lui giustamente guarda verso il basso, nel frattempo il suo Vicenza vola sempre più su. 

 

Arbitro: Juan Luca Sacchi di MacerataAssistenti: Alfredo Zivelli di Torre Annunziata, Francesco Disalvo di Barletta.  Quarto ufficiale: Pietro Dei Giudici di Latina.

Ammoniti: Popescu (Ternana); Camisa, Giacomelli, D'Elia (Vicenza).

Spettatori: paganti 2.141 per un incasso di 16.442 euro: abbonati 1.695, quota di 26.929 euro.

Possesso palla: 48 - 52

Tiri dentro/totali: 3/13 - 3/9

Palle giocate: 523 - 578

% passaggi riusciti: 61.6 - 62.9

Supremazia territoriale: 09'16'' - 07'36''

% attacco alla porta: 46.7 - 44.3

% protezione area: 55.7 - 53.3

% pericolosità: 30.1 - 47.3

Falli commessi: 13 -9 

Angoli: 6-6

Recuperi: 0' p.t., 3 s.t.

Maglia: giocatori: blu; portiere: arancio.

Pomeriggio di pioggia, temperatura 10 ° C, terreno in buone condizioni. 

Torneo: 
Serie B

VICENZA-TRAPANI

| |
Stagione: 
2014-2015
Data: 
2015-01-24
Partita: 
VICENZA-TRAPANI
Risultato: 
3-0
Reti: 
7' Brighenti (V), 41' Di Gennaro (V), 81' Moretti (V)
Stadio: 
Romeo Menti di Vicenza
Formazione locale: 

VICENZA (4-3-3) Vigorito; Sampirisi; Brighenti, Camisa, D’Elia; Cinelli (74′ Sbrissa), Di Gennaro, Moretti (87′ Alhassan); Laverone, Cocco, Giacomelli (74′ Vita)

A disposizione: Serraiocco, Gentili, Manfredini, Garcia, Lores, Petagna. Allenatore: Pasquale Marino


Formazione ospite: 

TRAPANI (4-4-2) Marcone, Vidanov (46′ Daì), Caldara, Martinelli, Rizzato; Basso, Zampa, Scozzarella (68′ Barillà), Nadarevic; Abate (61′ Malele), Mancosu

A disposizione: Ferrara, Lo Bue, Perticone, Feola, Aramu, Falco. Allenatore: Roberto Boscaglia

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net  

LA PARTITA

PRIMO TEMPO

2′ Di Gennaro ci prova con un sinistro dai 25 metri, palla altissima sulla traversa di Marcone

3′ punizione dalla trequarti sinistra per fallo di Scozzarella su Giacomelli. Calcia lo stesso fantasista biancorosso, conclusione a giro e sfera alle stelle

7' GOL DEL VICENZA: primo corner per i biancorossi. Schema che porta al cross da sinistra D’Elia, sul secondo palo svetta Brighenti, che sovrasta i difensori ospiti nonostante l’altezza non certo da corazziere e mette palla in fondo al sacco

12′ prima, timida reazione siciliana. Nadarevic scherza Sampirisi a sinistra, cross in mezzo per la testa di Mancosu, che decide per la sponda anziché concludere verso la porta di Marcone, si salva la retroguardia berica

14′ altra percussione in area biancorossa, questa volta a destra, di Basso. Palombella quasi dalla linea di fondo che attraversa tutta l’area di porta e termina direttamente fuori dall’altra parte

15′ replica subito la formazione di Marino. Cross da sinistra di Giacomelli, a centro area piattone di Moretti e palla che esce di un niente dal palo alla sinistra di Marcone

21′ Vidanov anticipa il taglio di Giacomelli su lancio da centrocampo. Ancora corner, che non porta alcun pericolo dalle parti di Marcone

23′ destro dalla distanza di Cocco, conclusione debole e centrale e sfera che finisce docile tra le braccia del portiere siciliano

24′ tentativo da fuori di Giacomelli, fotocopia di quello di Cocco di qualche istante fa, stesso risultato e Marcone blocca senza difficoltà

27′ molto attivo Giacomelli, un suo cross da sinistra mette in grandissima apprensione la retroguardia trapanese, allontana Martinelli dalle parti della linea di porta

30′ punizione dai trenta metri per fallo di Scozzarella su Cocco, posizione abbastanza centrale. Calcia il traversone centrale Di Gennaro, non è felice il controllo di Cocco a centro area e l’azione sfuma

32′ destro di Zampa da fuori area, palla altissima sulla traversa di Vigorito

34′ ci prova da fuori anche Moretti, respinge in affanno e centralmente Marcone, palla dentro l’area a Giacomelli che batte prontamente a rete ma trova la respinta di un difensone

38′ cross da destra di Moretti, Cocco non riesce a deviare di testa a centro area, la palla finisce a sinistra a Giacomelli, che prova a concludere da posizione molto defilata, nessun problema per Marcone

41' GOL DEL VICENZA: azione insistita di Giacomelli e Cinelli sulla corsia di sinistra. Palla che finisce a Di Gennaro, appostato al limite dell’area, conclusione mancina dell’ex Palermo e palla nell’angolino basso alla sinistra di Marcone, vanamente proteso in tuffo

45′ cross da destra di Basso allontanato un po’ a fatica dalla retroguardia biancorossa

SECONDO TEMPO

3′ cross da sinistra, testa di Laverone e palla comoda per Marcone

5′ clamorosa occasione per il tris biancoross. Dal limite Laverone taglia un pallone meraviglioso per Cocco, piattone di destro a due passi da Marcone, miracoloso nel tuffarsi e deviare in angolo. Nulla di fatto dalla bandierina ma il Vicenza domina

8′ traversone da sinistra, testa di Abate all’altezza del dischetto del rigore, palla debole e centrale che finisce tra le braccia di Vigorito

10′ cross da destra di Giacomelli, testa di Moretti sul secondo palo, allontana in affanno Caldara

12′ bel contropiede ospite, fermato per un fuorigioco di Mancosu

13′ traversone di Laverone da destra, mischione in area con Cinelli e Cocco che vedono le loro conclusioni respinte, poi la difesa allontana

Il Vicenza, come scritto a fine primo tempo, era già in totale controllo della partita. A meno di sciocchezze biancorosse pare davvero difficile che questo Trapani possa recuperare il risultato in inferiorità numerica

27′ lancio lungo da centrocampo in area per Mancosu, girata di destro e palla alta sulla traversa

32′ il fallo da ammonizione di Daì da origine ad un corner cortissimo dal limite, Calcia lo stesso Vita, destro a giro e palla direttamente sul fondo

33′ ancora Vita dalla distanza, tiro forte ma centrale, blocca al petto Marcone

35′ ormai è monologo biancorosso, ci prova Moretti da fuori, conclusione da dimenticare e palla lontanissima dai pali della porta siciliana

36' GOL DEL VICENZA: percussione in area trapanese, ci prova Laverone da distanza ravvicinata, allontana la difesa, palla raccolta al limite da Moretti, destro chirurgico e palla per la terza volta alle spalle di Marcone

42′ quinto angolo per i biancorossi, procurato dall’attivissimo Vita. Sul traversone al centro il neo entrato Alhassan per poco non trova la deviazione vincente

44′ Basso da fuori prova a rendere meno amaro il pomeriggio dei siciliani, ma il suo destro manda palla alle stelle

Triplice fischio di Pairetto dopo tre inutili minuti di recupero, il Vicenza batte largo il Trapani e vola in classifica a ridosso delle posizioni playoff


Pagelle della partita "VICENZA-TRAPANI"  

Vigorito s.v.: dalle sue parti vede gli attaccanti del Trapani ad inizio partita, poi man mano che la gara trascorre, sempre meno. Alla fine è spettatore pressochè inoperoso. Sampirisi 6,5: sostiene con vigoria e buona continuità l’azione del Vicenza, soprattutto nel primo tempo. Nella ripresa limita il suo raggio d’azione in funzione della gestione del risultato. Camisa 6,5: davanti il Trapani punge poco nulla. Giornata di scarsa vena del duo Abate-Mancosu a cui comunque il capitano e i compagni di difesa contribuiscono in maniera determinante con una gara attenta e precisa. Brighenti 7: secondo gol in carriera e secondo in maglia biancorossa. Il “piccoletto” salta come un grillo e inzucca in gol, poi la solita gara di abnegazione a ringhiare sugli attaccanti avversari. In questo momento è tirato a lucido come non mai. D’Elia 7: ribalta il detto e con lui il miglior attacco è la difesa.  Assist morbido per il gol di Brighenti e fascia destra del Trapani triturata, con Vidanov messo in croce e sostituito a fine primo tempo. Bravo Sasà. Cinelli 6,5: si prodiga negli inserimenti ma senza fortuna nella conclusione, allora va a strappare un pallone in area avversaria e ne nasce il gol del 2-0 a firma Di Gennaro. Essenziale per il centrocampo biancorosso. Sbrissa 6: un quarto d’ora finale. Poco dopo il suo ingresso Moretti mette il 3-0 e la partita finisce lì. Di Gennaro 7: sinistro mortifero per il 2-0, secondo gol in maglia biancorossa e primo su azione. Poi solita qualità, sempre  nel vivo dell’azione. Moretti 7: raggiunge il suo record di gol in categoria (4) con ancora praticamente un intero girone di ritorno da giocare. Il gol è una rasoiata millmetrica che termina all’angolino. Costante punto di riferimento per la manovra sulla destra. Laverone 6,5: spesso il miglior biancorosso, oggi può lasciare la palma ad altri, ma la sua partita è comunque impreziosita da spunti di qualità, come l’assist sciupato da Cocco e il tiro che origina il terzo gol del Vicenza, quello che chiude la partita. Cocco 6: un po’ in ombra nelle ultime gare. Oggi ci prova dalla distanza nel primo tempo, poi nel secondo spreca sul portiere la più clamorosa delle occasioni con la parziale attenuante che forse pensava di essere in fuorigioco. Fortuna che oggi non serviva il miglior Cocco. Giacomelli 6,5: bene nel primo tempo anche se sovente ha delle ottime intuizioni che però non riesce a concretizzare nel migliore dei modi. Contribuisce al mal di testa di Vidanov che resta negli spogliatoi a fine primo tempo. Nella ripresa poco alla volta si quieta fino alla sostituzione. Vita 6: minuti di assaggio della categoria per lui. Ma non sta certo a guardare, fa ammonire il neo entrato Daì e prova a insidiare Marcone dalla distanza. Un bel biglietto da visita.

Pasquale Marino 7: ancora una bella gara per il suo Vicenza, che sta crescendo anche sotto il punto di vista del gioco e della spettacolarità. Il Trapani arrivava con uno score esterno non certo di alto lignaggio, ma batterlo non era poi scontato. La classifica lusinga, la strada è lunga ma le premesse fanno ben sperare in vista dell’obiettivo da raggiungere. 

 

Arbitro: Luca Pairetto di Nichelino. Assistenti: Pasquale De Meo di Foggia, Marco Zappatore di TarantoQuarto ufficiale: Luca Massimi di Termoli.

Espulso: al 59' Nadarevic (Trapani) per doppia ammonizione

Ammoniti: Mancosu, Daì (Trapani). 

Spettatori: 6.737, di cui 1.326 paganti per un incasso di 13.133 euro; abbonati 5.411 quota di 16.272 euro.

Possesso palla: 61 - 39

Tiri dentro/totali: 11/20 - 1/6

Palle giocate: 699 - 467

% passaggi riusciti: 72.3 - 57.7

Supremazia territoriale: 13'59'' - 06'03''

% attacco alla porta: 47.1 - 41.7

% protezione area: 58.3 - 52.9

% pericolosità: 83.4 - 21.2

Falli commessi: 13 - 22

Angoli: 5-1

Recuperi: 1' p.t., 3' s.t.

Maglia: giocatori: biancorossa; portiere: verde.

Pomeriggio soleggiato con temperatura mite intorno ai 14-15 °C, terreno in buone condizioni. 


Torneo: 
Serie B

LATINA-VICENZA

| |
Stagione: 
2014-2015
Data: 
2015-01-17
Partita: 
LATINA-VICENZA
Risultato: 
0-0
Stadio: 
Domenico Francioni di Latina
Formazione locale: 

LATINA (4-3-3) Di Gennaro; Angelo, Brosco, Dellafiore, Alhassan; Crimi (70′ Shekilazde), Bruno (74′ Sbaffo), Valiani; Ristovski, Sforzini, Pettinari (53′ Paolucci).

A disposizione: Farelli, Milani, Bruscagin, Maciucca, Talamo, Shahinas. Allenatore: Mark Iuliano


Formazione ospite: 

VICENZA(4-3-3) Vigorito; Sampirisi, Brighenti, Camisa, D’Elia; Cinelli, Di Gennaro, Sbrissa (63′ Moretti); Laverone, Cocco (72′ Petagna), Giacomelli.

A disposizione: Truant, Garcia, Manfredini, Alhassan, Lores, Mancini, Spiridonovic. Allenatore: Pasquale Marino

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net  

 

LA PARTITA

PRIMO TEMPO

Si inizia con un paio di falli, ai danni di Di Gennaro e Giacomelli, che la dicono lunga su quale sarà l’atteggiamento agonistico dei padroni di casa. Meglio che i biancorossi affilino subito la spada, non sarà partita da fioretto

5′ primo angolo per i padroni di casa. Schema che porta al cross da destra Angelo, testa di Sforzini a centro area, palla sul fondo

8′ Cinelli perde un brutto pallone sulla trequarti, poi è bravo a recuperare pulito su Crimi dentro l’area biancorossa

10′ primo corner anche per i biancorossi, dopo un’ottima iniziativa a destra di Laverone. Calcia dalla bandierina di Di Gennaro, Pettinari litiga con il pallone nel rinvio e lo tocca con la mano, Ros propende per il lasciar correre, grossi dubbi in merito

11′ cross di Angelo da destra, facile l’uscita alta a centro area di Vigorito, oggi sostituto dello squalificato Bremec

14′ Cocco ci prova dal limite, dopo un rinvio corto della difesa di casa, sfera che si perde alle stelle

16′ due angoli consecutivi per i pontini, il primo non crea pericoli a Vigorito, sul secondo si accende una mischia prima che la difesa biancorossa riesca ad allontanare

17′ palla calciata lunga dalle retrovie, un po’ impreparata la retroguardia biancorossa, per poco non ne approfittano Valiani e Ristovski, che però non trovano il tempo per la battuta e Vigorito ha la meglio in uscita

19′ clamorosa palla-gol per i padroni di casa. Valiani si incunea in area a sinistra, cross basso per Sforzini, l’attaccante tocca sottoporta all’altezza del primo palo, traversa incredibile, poi recupera palla Vigorito con l’aiuto di Camisa

Forcing dei locali, che stanno mettendo alle corde la squadra biancorossa

22′ fallo di Di Gennaro su Pettinari all’altezza dei 30 metri dalla porta biancorossa, posizione centrale. Calcia Alhassan, mancino che supera la barriera e finisce a un metro dall’incrocio dei pali

24′ risposta berica. Di Gennaro scodella un pallone in areea, dove Laverone, spostato a destra, prova a calciare al volo, palla altissima sulla traversa

30′ riprende le danze la squadra locale, Sforzini si fa largo al limite vincendo un contrasto, destro da dimenticare e palla abbondantemente a lato

34′ nuova percussione di Valiani a destra, rimedia in affanno la retroguardia biancorossa

38′ fallo di D’Elia su Angelo all’altezza della bandierina di destra del fronte d’attacco laziale. Cross in area, Vigorito un po’ a farfalle, poi il portiere ritrova la posizione e rimedia in tuffo su colpo di testa di Sforzini. Tutto fermo, fallo in attacco del bomber e Ros comanda la punizione per i biancorossi

Giacomelli a terra dopo un contrasto con Angelo, gioco fermo per una trentina di secondi per permettere le cure al fantasista, poi si riprende

44′ altra splendida palla in verticale di Di Gennaro, ancora bravo Brosco a recuperare la posizione e liberare di testa prima che la sfera giunga a Giacomelli

41′ verticalizzazione di Di Gennaro per Cocco, anticipato al limite dell’area da Brosco

42′ dalla parte di Sampirisi il Vicenza soffre, stavolta è Crimi a cercare la percussione sul fianco sinistro della retroguardia berica, che si difende ancora in affanno a due passi da Vigorito

45′ bel cross da destra del solito Angelo, colpo di testa di Pettinari, è facile la parata a terra di Vigorito

SECONDO TEMPO

Latina che riconquista subito palla e ricomincia ad attaccare. Scontro Crimi-Di Gennaro a centrocampo, biancorosso a terra e gioco fermo per l’intervento dei sanitari. Si riprende dopo un minuto

3′ cross di Pettinari da dinistra, Vigorito anticipato da un compagno, forse Camisa, prima dell’intervento di qualche attaccante, poi la palla finisce in angolo. Sul cross dalla bandierina ancora incerto sui tempi dell’uscita il portiere berico, ma gli avanti pontini non ne approfittano

11′ Paolucci ci prova subito, con una conclusione dal limite dell’area, tutto spostato a destra. Vigorito blocca sicuro la conclusione centrale dell’ex

12′ doppio angolo per i biancorossi, il primo su un pericoloso cross di Laverone disinnescato da Brosco, il secondo dopo un tiro-cross di Di Gennaro, deviato sul fondo in volo plastico dal suo omonimo pontino

16′ taglio di Valiani per Sforzini in area, non si intendono bene i due e Vigorito recupera il pallone sul dischetto senza patemi

17′ conclusione dalla distanza di Ristovski, destro e palla altissima sulla traversa, nessun patema per Vigorito

19′ su cross da sinistra Alhassan cede di testa il pallone al suo portiere provocando un brivido ai tifosi locali, Di Gennaro anticipa però l’intervento di Laverone

22′ Paolucci si invola a sinistra e crossa basso sul primo palo, Brighenti anticipa Sforzini in angolo. Sul tiro dalla bandierina fallo in attacco su Moretti, si riparte da un calcio di punizione per il Vicenza

26′ sinistro di Di Gennaro dal limite, palla che sfiora il palo di sinistra del suo omonimo portiere pontino

31′ sinistro da fuori di Shekilazde, conclusione centrale, para facile Vigorito

32′ occasionissima per il nuovo entrato Petagna. Giacomelli recupera a destra un pallone destinato sul fondo, palla dietro a Laverone, traversone basso controllato male a centro area da Petagna, subentra nell’azione Cinelli, sponda dietro per lo stesso attaccante ex-Latina, pronta girata di sinistro a pochi passi da Di Gennaro, palla alta sulla traversa

35′ punge ancora Giacomelli, stavolta a sinistra. Cross però stavolta facile preda di Di Gennaro

37′ LATINA calcia la punizione Alhassan, traversone di sinistro sul secondo palo, Brosco vede spuntare all’ultimo il pallone e di faccia devia sul fondo

40′ ingenuità di Brosco, che sulla trequarti di sinistra si fa soffiare il pallone da Petagna, bravo Di Gennaro ad anticipare l’uscita e rimediare di piede in fallo laterale

41′ Petagna si divora un gol fatto. Contropiede manovrato e Giacomelli suggerisce il pallone giusto a pochi passi da Di Gennaro, sinistro a colpo sicuro del numero 24 biancorosso e sfera alle stelle

43′ altra occasione clamorosa. Ottima iniziativa di D’Elia a sinistra, cross basso all’altezza del dischetto per l’accorrente Giacomelli, piattone destro e palla ancora una volta altissima sulla traversa

45’+1′ punizione dal limite per fallo di Brighenti su Shekilazde. Calcia Brosco, palla ribattuta dalla barriera

45’+3 punizione dalla trequarti, posizione centrale. Schema che porta al cross dal fondo Moretti, angolo

45’+4′ sul cross dalla bandierina altra chance per Giacomelli, tiro ribattuto

45’+5′  assolo di Laverone, contratto all’ultimo dalla difesa pontina

 

Pagelle della partita "LATINA-VICENZA"

Vigorito 6,5: l’ex portiere del Venezia risulta ancora insuperabile per gli attaccanti del Latina, che per la verità non lo impegnano eccessivamente. Fortunato sulla conclusione di Sforzini con la palla che gli torna tra le braccia dopo aver colpito la traversa. Sampirisi 6: dalle sue parti il Vicenza balla parecchio nei primi minuti di gara, Cresce nel corso del match anche se i pericoli corsi all’inizio lasciano il segno, e iniziative a sostegno della manovra offensiva da lui non se ne vedono praticamente mai. Camisa 6,5: gioca tutta la gara con un’ ammonizione presa dopo neanche cinque minuti, però la sua prestazione non ne risente. Gli attaccanti del Latina si vedono pochissimo, anche per merito dell’attenta prestazione dei centrali biancorossi. Brighenti 7: anticipato da Sforzini solo in occasione dell’azione dove l’ex biancorosso colpisce la traversa, poi è un mastino che morde, chiudendo con puntualità su un avversario a cui rende chili e centimetri a cui supplisce con grinta e determinazione. D’Elia 6: pasticcia tanto ad inizio gara, trovando in Angelo e nelle sue folate offensive un brutto cliente. Meglio nella ripresa quando riesce anche ad avanzare e servire un buon assist per Giacomelli, purtroppo non sfruttato dall’attaccante. Cinelli 6,5: il più continuo del tiro di centrocampo nei novanta minuti.  Serve a Petagna la prima delle due palle gol purtroppo fallite dal neo biancorosso. Di Gennaro 6,5: come tutta la squadra meglio nella ripresa che nel primo tempo dove non è sempre preciso. E’ lui a farsi vivo pericolosamente per due volte  dalle parti del suo omonimo, nel momento in cui il Vicenza è più attento a contenere che ad attaccare. Sbrissa 6: preferito a sopresa a Moretti rimane in campo per un’ora di gara senza brillare particolarmente. Moretti 6: entra e perde subito un pallone sanguinoso, fortunatamente senza conseguenze, poi porta acqua al mulino nel finale offensivo del Vicenza. Laverone 6: l’abbiamo visto più incisivo e decisivo rispetto alla gara di oggi. Patisce la guardia di Alhassan ma si ritaglia comunque almeno un paio di azioni da protagonista nell’ultima mezz’ora, tra cui quella che origina la prima palla gol per Petagna. Cocco 5,5: un tiro sopra la traversa al decimo, poi poco altro in una gara piuttosto opaca. Petagna 5: in venti minuti gioca e lotta disputando uno spezzone di gara buono che rovina sbagliando malamente due occasionissime per punire la sua ex squadra. Non bagna l’esordio con il gol, ma la speranza è che sia solo rimandato alla prossima. Giacomelli 6: riscatta con un finale di qualità una partita fino a quel momento non eccellente. Confeziona l’assist per il secondo match ball di Petagna, calciato alto, poi imita il compagno su servizio di D’Elia, anche se la sua posizione era certamente più defilata.

Pasquale Marino 6: organizza una partita di conserva e raggiunge lo scopo. Conforta la condizione atletica della squadra che finisce nettamente meglio dell’avversario. 

 

Arbitro: Riccardo Ros di PordenoneAssistenti: Simone Di Francesco di Teramo, Filippo Valeriani di Ravenna. Quarto ufficiale: Valerio Marini di Roma 1.

Ammoniti: Valiani, Crimi (Latina); Di Gennaro, Camisa (Vicenza).

Spettatori: paganti 816 per un incasso di 12.286 euro: abbonati 2.200, rateo di 24.900 euro.

Possesso palla: 47 - 53

Tiri dentro/totali: 4/8 - 1/8

Palle giocate: 608 - 619

% passaggi riusciti: 63.0 - 63.5

Supremazia territoriale: 09'34'' - 09'05''

% attacco alla porta: 50.0 - 53.2

% protezione area: 46.8 - 50.0

% pericolosità: 27.9 - 27.6

Falli commessi: 17 - 17 

Angoli: 8-4

Recuperi: 1' p.t., 5' s.t.

Maglia: giocatori: biancorossa; portiere: verde. SPONSOR: Caffè Vero.

Pomeriggio mite (18°C) con cielo coperto, terreno in buone condizioni. 

Torneo: 
Serie B

SAN MARINO-VICENZA

| |
Stagione: 
2013-2014
Data: 
2014-05-04
Partita: 
SAN MARINO-VICENZA
Risultato: 
2-2
Reti: 
28′ Padalino (V), 37′ Mustacchio (V), 62′ Poletti (SM), 67' Sensi (SM)
Stadio: 
Olimpico di Serravalle
Formazione locale: 

SAN MARINO (4-3-3) Venturi; Farina, Fogacci, Alvaro Armada, Guarco; Magnanelli, Pacciardi (dal 46′ Sensi), Valeriani; Cicarevic (dal 60′ Lolli), Beretta (dal 12' Draghetti), Poletti.

A disposizione: Quadrelli, Russo, Spirito, Villanova. Allenatore: Agatino Cuttone

Formazione ospite: 

VICENZA (4-2-3-1) Alfonso; El Hasni, Gentili, Camisa, D’Elia; Cinelli, Sbrissa; Padalino, Filippi (dal 59′ Anaclerio), Mustacchio; Padovan (dal 68′ Kosovan).

A disposizione: Ravaglia, Panizzi, Najafi, Bartulovic, Corticchia. Allenatore: Giovanni Lopez

Note: 
Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net  

LA PARTITA

PRIMO TEMPO

3′ fasi di studio interrotte da un coast to coast di Mustacchio, fermato da Fogacci all’ingresso in area, poi il numero 7 biancorosso commette fallo, si riprende con un calcio di punizione per i sanmarinesi

5′ punizione dalla trequarti di sinistra. Batte Padalino, allontana la difesa, il successivo destro di El Hasni non crea patemi a Venturi

6′ retropassaggio della retroguardia berica, Magnanelli per poco non ne approfitta. Subito dopo cross di Cicarevic, testa di Beretta, palla a lato

8′ ci prova Sbrissa da fuori area, sinistro fuori bersaglio

10′ cross di El Hasni da destra, nessun compagno in area e palla che si perde sul fondo

11′ primo angolo per i titanici, dopo una conclusione di Valeriani deviata da Camisa. Nulla di fatto dalla bandierina

13′ cross da sinistra, ci prova Filippi di testa, palla a lato di qualche metro dal palo di destra di Venturi

17′ sinistro terrificante da fuori area di Poletti, su una palla respinta dalla difesa. Sfera a lato. Filippi cerca di involarsi verso Venturi aiutandosi con un tocco di mano. Il giovane biancorosso è graziato da Marinelli, che fischia il fallo ma non estrae il giallo

19′ rigore per il Vicenza, mani di Farina in area su cross da destra di Padalino

20′ Padovan calcia clamorosamente a lato. L’ex pescarese spiazza Venturi, ma la palla sfila a un metro dal palo

24′ secondo corner per i padroni di casa, che si lamentano per un tocco di mano sospetto in area biancorossa sul cross di Poletti

26′ secondo tiro dalla bandierina per la squadra di Lopez, il cross di Padalino è allontanato senza grandi patemi dalla difesa biancoazzurra

27′ Farina scende a destra e mette al centro un cross basso sul quale esce Alfonso e respinge di pugno

28' GOL DEL VICENZA: bel cross di Filippi da sinistra, splendido inserimento di Padalino a centro area, impatto diretto con la fronte e palla alle spalle di Venturi. Vicenza in vantaggio

30′ punizione sulla trequarti di sinistra. Calcia Poletti, colpo di testa di Pacciardi e palla sul fondo

34′ pericoloso cross basso di Mustacchio da destra, esce e para a terra Venturi

34′ destro da fuori area di Pacciardi, sfera a lato. Alfonso si arrabbia con i suoi per l’eccessiva libertà concessa al centrocampista avversario

37' GOL DEL VICENZA: Mustacchio avanza sulla trequarti e da 25 metri fa partire il destro, che si insacca all’angolino. Nell’occasione dorme il sonno dei giusti Venturi, che si tuffa con clamoroso ritardo

45′ Cicarevic lavora bene sulla sinistra, sul suo cross al centro prova la rovesciata Valeriani, palla alta sulla traversa

45′+1′ segna ancora Mustacchio, con un bel destro a giro da dentro l’area. Marinelli aveva però fermato tutto per fuorigioco dello stesso ex doriano

Match sonnolento nei primi venti minuti, con il modesto San Marino alla ricerca dell’ennesimo colpaccio ai danni di un avversario blasonato. Il rigore fallito da Padovan sveglia la squadra di Lopez, che chiude la prima frazione in vantaggio 2-0 grazie a due lampi, estemporanei quanto preziosi per il risultato, di Padalino (ottimo il cross di Filippi) e Mustacchio, con il contributo del portiere di casa Venturi.

SECONDO TEMPO

2′ cross di Valeriani da destra, pugni di Alfonso, che poi con un bagher pallavolistico si rifugia in corner sul tiro dalla distanza di Poletti

4′ senza esito due consecutivi dalla bandierina per la squadra del Titano, poi un’incursione a sinistra in area biancorossa di Guarco crea il panico, allontanano in affanno Camisa e compagni

8′ ci prova ancora Mustacchio con un diagonale di destro da fuori area, palla a lato di un paio di metri. Marinelli richiama Lopez, uscito dall’area tecnica. Mister berico preoccupato dall’inizio di ripresa poco determinato dei suoi

11′ contropiede biancorosso orchestrato da Mustacchio in versione “cavallo pazzo”, successivamente il cross da sinistra di Filippi trova l’opposizione della difesa di casa

13′ sugli sviluppi di un corner ci prova con un sinistro dalla distanza Sensi, para a terra Alfonso

15′ segna ancora Mustacchio, con un altro destro a giro da dentro l’area. Anche in questo caso era tutto fermo per un offside dello stesso numero 7 biancorosso

17' GOL DEL SAN MARINO: punizione dai 25 metri in favore della squadra di casa. Destro a superare la barriera da parte di capitan Poletti e palla alle spalle di Alfonso, sul palo da lui più lontano. San Marino che riapre la partita

19′ ci prova anche di testa Mustacchio, su un cross a spiovere proveniente da destra. Palla debole e centrale, para senza difficoltà Venturi

22' GOL DEL SAN MARINO: incredibile mollezza biancorossa, che consente il pareggio ai titanici. Insistita azione d’attacco biancoazzurra, che porta al tiro da fuori area Sensi. Palla radente l’erba, che si infila all’angolino basso alla destra di Alfonso, apparso sorpreso

28′ Cinelli esplode il sinistro dai 25 metri, palla a lato di poco

30′ cross di D’Elia da sinistra, Venturi ha buon gioco in presa alta

35′ calcio di punizione dalla trequarti. Cross lento di Padalino, è tranquilla l’uscita alta di Venturi a centro area. Biancorossi in trance, Lopez assiste impotente all’involuzione della sua squadra, che ha via via lasciato spazio ai modesti ma volenterosi avversari. San Marino che ora sta provando addirittura a far sua l’intera posta

36′ punizione da sinistra per i biancorossi, quasi un corner. Calcia ancora Padalino, che prova lo schema con Cinelli, assolutamente dimenticabile, la difesa di casa allontana

40′ buona la trama offensiva dei titanici, che porta ancora al tiro Sensi da posizione favorevole poco fuori area, destro alle stelle

43′ tiro-cross molto pericoloso da sinistra di Kosovan, Mustacchio non trova il tempo per la deviazione vincente sul secondo palo e la palla sfila sul fondo

45′ ancora un tiro cross da sinistra di Lolli mette in apprensione la retroguardia biancorossa, che spazza in affanno

Pagelle della partita "SAN MARINO-VICENZA"

Alfonso 5,5: relativamente impegnato nel primo tempo, nella ripresa subisce due gol e almeno nel secondo l’impressione è che forse qualcosa in più si poteva fare.  Un’uscita avventurosa di pugno,  corretta poi con un successivo salvataggio in angolo sulla conclusione di Poletti, lascia l’impressione di una giornata poco brillante. El Hasni 5,5: non si rende protagonista di particolari indecisioni, ma la sua zona d’azione sembra quella dove il Vicenza patisce in misura maggiore. Gentili 5,5: il San Marino perde Berretta dopo pochi minuti, entra Draghetti che nel primo tempo combina poco, ma nel secondo gode di eccessiva libertà d’azione. Camisa 5,5: ci si aspetta che una squadra in vantaggio di due reti in una partita importante e che per gli avversari non riveste grande significato, in difesa non faccia passare neanche uno spillo, invece l’atteggiamento è di pericolosa sufficienza. Per chi la difesa la dovrebbe guidare con esperienza è una cosa su cui riflettere. D’Elia 5,5: parte con discreta intraprendenza, poi, come gli è successo altre volte, cala di intensità fino a consegnarsi ad una partita semi anonima. Cinelli 5: poche iniziative e poca aggressività in una gara dove ci si aspettava ben altro contributo.  In uno dei pochi tentativi di inserimento in area va a terra e finisce ammonito per simulazione, ma il torto è dell’arbitro perchè lui la manata da Fogacci la prende davvero. Sbrissa 6: ecco, lui almeno ci mette l’entusiasmo della gioventù e di chi capisce che comunque vada è un’occasione da sfruttare. Qualche spunto frizzante almeno fino a quando il Vicenza da segnali di vita. Padalino 6: probabilmente non lo supporta una condizione ideale e quindi è giustificato il calo della ripresa. Bella la rete del vantaggio biancorosso che gli vale la sufficienza. Filippi 6: prima volta da titolare. Non si tratta di una gara memorabile però può mettere in conto l’assist per il gol di Padalino e il fatto di essere uscito sul 2-0 per il Vicenza. Lui la sua partita l’ha vinta. Anaclerio 5,5: entra e nel giro di dieci minuti il San Marino pareggia. Meglio specificare che i gol non sono colpa sua, ma accompagna il resto del reparto nella prestazione opaca. Mustacchio 6,5: l'unico a dare l’impressione di essere già con il corpo e la testa calato nei playoff. Oltre al gol  di buona fattura, sempre vivo e vivace. Peccato che non sia seguito dal resto della squadra. Padovan 4,5: è bene dire che la gestione del tecnico quanto a minutaggio non gli ha certo giovato nello spirito. Sbaglia il rigore all’alba della partita e poi si inabissa in una gara da fantasma. Il fatto che non faccia nulla o quasi per uscirne fa pensare che non si senta granchè parte in causa per l’obiettivo finale. Atteggiamento colpevole che però si poteva contribuire ad evitare. Kosovan 6: riapparso dopo un precampionato in cui i tifosi avevano imparato a conoscerlo, prova a combinare qualcosina. Niente di trascendentale, ma  in un momento in cui il Vicenza era uscito di scena, almeno lui ci ha provato.

Giovanni Lopez 5: è bene dire che ad una settimana dai playoff rimangono irrisolti alcuni problemi che lasciano grossi interrogativi sul futuro. In primis una difesa che dopo la prima giornata di ritorno non è più riuscita a terminare un match immacolata, ma il guaio non riguarda solo il reparto singolo bensì l’atteggiamento di tutta la squadra che a volte è decisamente sufficiente. Il fatto che questo difetto risulti acuito nelle gare in trasferta getta grosse ombre sul cammino nei playoff che, se verrà superato il primo ostacolo, si dovrà concretizzare proprio nelle partite fuori casa

Arbitro: Livio Marinelli di Torino. Assistenti: Alessandro Agostini di Frosinone, Orlando Ferraioli di Nocera Inferiore.

Ammoniti: Farina, Magnanelli, Guarco, Sensi (San Marino); Cinelli (Vicenza)

Spettatori: 300 con larga rappresentanza vicentina, incasso non comunicato.

Angoli: 5-4.

Recuperi: 1' p.t., 2' s.t.

Maglia: giocatori: biancorossa; portiere: verde.

Pomeriggio nuvoloso, terreno di gioco misto (naturale-sintetico) in buone condizioni; temperatura 16-17°.

Torneo: 
Serie C
Syndicate content