Girone di Ritorno

SPEZIA-VICENZA

| |
Stagione: 
2014-2015
Data: 
2015-05-09
Partita: 
SPEZIA-VICENZA
Risultato: 
0-0
Stadio: 
Alberto Picco di La Spezia
Formazione locale: 

SPEZIA (4-2-3-1) Chichizola; Milos, Datkovic (42′ Piccolo), Bianchetti, Migliore; Juande, Gagliardini; Kvrzic (87′ De Las Cuevas), Catellani, Situm; Nenè (74′ Giannetti)

A disposizione: Nocchi, De Col, Acampora, Cisotti, Valentini, Canadjija. Allenatore: Nenad Bjelica


Formazione ospite: 

VICENZA (4-3-3) Vigorito; Laverone, Gentili, Camisa, Brighenti; Moretti, Di Gennaro (72′ Sbrissa), Cinelli; Vita (87′ Spinazzola), Cocco, Ragusa

A disposizione: Bremec, Rizzo, Alhassan, Giacolmelli, Garcia, Petagna, Mancini. Allenatore:Pasquale Marino

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net  

LA PARTITA

PRIMO TEMPO

1′ primo squillo biancorosso con discesa a sinistra di Ragusa e successivo cross basso a centro area, rimedia la difesa di casa

4′ Di Gennaro si destreggia bene a centrocampo e mette in mezzo un cross fuori misura. Ululati e insulti al suo indirizzo

7′ altro cross fuori misura da sinistra di Brighenti, ma è un Vicenza propositivo

9′ buona iniziativa di Situm e primo angolo per i padroni di casa. Dalla bandierina nessun pericolo per Vigorito

12′ punizione per il fallo di Di Gennaro calciata da Nenè, distanza 25 metri dalla porta di Vigorito, posizione centrale. Palla alta sulla traversa

Rissa in mezzo al campo dopo un intervento di Di Gennaro su Catellani, Maresca fatica a calmare gli animi. Partita dai contenuti agonistici molto accesi, ma che fino ad ora (siamo al 20′) non ha ancora prodotto occasioni degne di questo nome

23′ sulla punizione dalla trequarti per il fallo su Ragusa è fuori misura il cross di Di Gennaro

24′ contropiede dei padroni di casa, sprecato da un cattivo aggancio di Catellani, che poteva presentarsi solo davanti a Vigorito. Sul proseguo dell’azione ci prova Nenè da fuori, centrale, para il portiere biancorosso

26′ ribaltamento di fronte e stavolta la chance capita a Cocco, imbeccato solo davanti a Chichizola da un errore della retroguardia spezzina. Pallonetto di mezzo esterno destro e palla alta di un niente

28′ secondo angolo per i padron di casa. Dalla bandierina il cross è di Kvrzic, allontana la difesa berica

31′ tiro-cross di Laverone da destra, para a terra facile Chichizola

32′ occasionissima per i padroni di casa. Un rimpallo al limite dell’area favorisce migliore, spostato a sinistra solo davanti a Vigorito. Diagonale che si spegna a poca distanza dal palo, per il sospiro di sollievo di Vigorito

Brutto intervento di Nenè, in netto ritardo su Laverone, Maresca sorvola colpevolmente un intervento da giallo netto

36′ punizione dalla trequarti di destra. Cross in area di Kvrzic, salta Datkovic a centro area e colpisce di testa, palla a lato. Tutto fermo per un fallo in attacco dello stesso Datkovic

39′ incredibile gol fallito dai padroni di casa. Discesa a destra ancora di Kvrzic, che la retroguardia berica fatica a contenere. Cross basso al centro, Vigorito si distende ma non ci arriva e Nenè  cicca clamorosamente a porta vuota

43′ punizione dalla trequarti di sinistra. Traversone in area di Di Gennaro, libera la difesa.

44' parte il contropiede ospite, Di Gennaro e Brighenti fermano Catellani senza fallo, nonostante il Picco la pensi diversamente. Non fischia e fa bene Maresca

SECONDO TEMPO

Fasi di studio, con lo Spezia che sta cercando il controllo della palla per trovare il varco giusto e Vicenza sornione che difende e aspetta la ripartenza mortifera per gli avversari

6′ tiro dalla distanza di Catellani, destro alle stelle

7′ quarto angolo per i padroni di casa. Dalla bandierina Migliore, allontana la retroguardia berica

10′ punizione per fallo su Cocco, 30 metri dalla porta, posizione centrale. Calcia direttamente in porta Moretti, sfiora la paperissima Chichizola che manca la presa, sul tiro centrale, palla che gli sfugge in angolo. Sul tiro dalla bandierina è debole e centrale il colpo di testa di Cocco e il portiere ligure non ha problemi a bloccare

13′ su cross da sinistra prova la deviazione aerea Kvrzic, che frana su Brighenti. Fischia Maresca, fra la disapprovazione generale del Picco

18′ altra iniziativa a sinistra di Ragusa, molto propositivo. Cross basso, allontana la difesa

Vicenza rintanato dietro e molto ordinato in fase difensiva, lo Spezia non trova varchi. Qualche errore in fase di impostazione da parte della formazione di Bjelica, il pubblico di casa mugugna di disapprovazione

24′ palla persa a centrocampo dai biancorossi, cross da destra in area di Nenè, prova la deviazione aerea Kvrzic a pochi passi da Vigorito, palla solo spizzata che finisce sul fondo

30′ occasionissima biancorossa. Punizione dalla trequarti di sinistra, testa di Cocco a centro area, Chichizola si supera e devia in angolo. Nulla di fatto dalla bandierina. Vicenza che prova a pressare alto, per stroncare sul nascere il gioco dei liguri. Fondamentale in questo il grande lavoro di sacrificio di Cocco

35′ contropiede orchestrato da Catellani, palla in area per Giannetti, fermato in uscita da Vigorito. Tutto fermo, l’attaccante, entrato da poco al posto di Nenè, era in fuorigioco

37′ iniziativa ancora di Giannetti e angolo. Fallo in attacco sul tiro dalla bandierina

38′ pressing ligure, Kvrzic liscia clamorosamente a centro area su una palla d’oro messa in mezzo da Giannetti da destra

45′ cross di De Las Cuevas, Giannetti sponda sul secondo palo, ma al centro non c’è nessun compagno

45′ clamorosa chance berica. Ragusa imbeccato in area da Cinelli si fa contrarre in uscita da Chichizola, poi ci prova due volte lo stesso Cinelli, ribattute le sue conclusioni, infine Sbrissa dalla distanza, alto

45’+2′ altra chance incredibile su cross da sinistra, girata di testa di Cocco a centro area, palla che sfiora la traversa e finisce sul fondo

45’+4′ su cross da destra di Milos, Laverone è miracoloso nel recupero sul secondo palo, dove erano appostati due avanti spezzini


Pagelle della partita "SPEZIA-VICENZA"  

Vigorito 6: viene impegnato solo da un tiro da fuori di Nenè. La parata più difficile è su Giannetti ma era tutto fermo per una posizione di fuorigioco dell’attaccante. Laverone 6,5: il factotum della fascia destra ha di fronte Situm, uno dei migliori esterni della categoria ma non gli concede praticamente nulla. Nel finale ha ancora la lucidità per togliere dalla testa di Giannetti un pallone da matchball. Camisa 7,5: il capitano rientra e non fa rimpiangere gli assenti.  Il capocannoniere Catellani praticamente non la prende mai, per cercare la porta di Vigorito e sfuggire alla guardia dei centrali biancorossi ci deve provare dalla lunga distanza con scarsissimo successo. Gentili 7,5: le occasioni più interessanti per lo Spezia nascondo dalle fasce. Centralmente il granatiere biancorosso non concede spazio con una prova attenta e senza sbavature. Brighenti 7: fuori praticamente da due settimane per infortunio, viene catapultato in campo per le emergenze biancorosse adattandosi ad un ruolo inconsueto. A volte soffre le iniziative di Kvrzic ma valutata nel complesso la sua è una prestazione più che positiva. Moretti 6,5: uno dei tre ex dello Spezia in campo si produce in una partita oltre la sufficienza. Cerca fortuna su calcio piazzato trovando la porta ma anche l’opposizione di Chichizola. Di Gennaro 6: insolitamente nervoso all’inizio forse risente del clima ostile del Picco nei suoi confronti.  Con il trascorrere della gara si calma ritornando al suo ruolo di uomo d’ordine della manovra. Sbrissa 6: venti minuti in campo ad arginare le ultime velleità dello Spezia. Cinelli 7: con Brighenti dietro e Ragusa davanti la catena di sinistra vede in lui l’unico interprete confermato. Nulla cambia sul risultato della sua prestazione che come al solito rimane di buon livello. Nel finale ha un’ottima idea per Ragusa che spara su Chichizola in uscita e quando la palla torna a lui per due volte trova l’opposizione dei difensori spezzini. Vita 6,5: buoni spunti sulla destra dove deve anche preoccuparsi di controllare le folate in avanti di Migliore. Pronto e reattivo, può diventare un’arma in più in questo finale di campionato. Spinazzola s.v.: pochi minuti che ottimizza creando le premesse per l’occasione finale che rischia di portare al gol del Vicenza. Cocco 6,5: vince ai punti il duello tra bomber con Catellani. Non va in gol neanche lui ma è decisamente più pericoloso. Nel primo tempo sfiora il gol con un pallonetto su Chichizola, nella ripresa è l’estremo difensore delle aquile a negargli il gol con un prodigioso riflesso. Ragusa 7: va un po’ ad intermittenza ma quando si accende Milos deve ricorrere alle cattive per fermarlo. Confeziona un paio di assist interessanti per Vita e Cocco  e nel finale ci prova lui stesso trovandosi però di fronte Chichizola che gli respinge la conclusione in uscita.

Pasquale Marino 7: contro lo Spezia dato in ottima condizione il Vicenza non sfigura e anzi nel secondo tempo tiene il campo con maggiore disinvoltura che nel primo. La difesa inedita non viene superata e i biancorossi che la settimana scorsa parevano un po’ alla corda ritornano dalla trasferta in Liguria, dando l’impressione di una condizione ritrovata.  Se non dovesse essere serie A diretta, questa squadra potrà di certo dire la sua anche nei playoff.

 

Arbitro: Fabio Maresca di NapoliAssistenti: Rodolfo Di Vuolo di Castellamare di Stabia, Alessandro Lo Cicero di BresciaQuarto ufficiale: Daniele Minelli di Varese.

Ammoniti: Milos, Datkovic, Nenè (Spezia); Di Gennaro, Brighenti, Moretti, Vigorito (Vicenza). 

Spettatori: 7.855, di cui 335 provenienti da Vicenza; abbonati 4.313, incasso non comunicato.

Possesso palla: 57 - 43

Tiri dentro/totali: 2/10 - 4/10

Palle giocate: 586 - 479

% passaggi riusciti: 68.4 - 58.4

Supremazia territoriale: 11'24'' - 07'31''

% attacco alla porta: 50.0 - 39.7

% protezione area: 60.3 - 50.0

% pericolosità: 31.5 - 30.2

Falli commessi: 24 - 12

Angoli: 6 - 2

Recuperi: 1'p.t., 4' s.t.

Maglia: giocatori: blu; portiere: verde

Pomeriggio soleggiato primaverile, temperatura sui 25 °C., terreno sintetico innaffiato abbondantemente prima del match.

Torneo: 
Serie B

VICENZA-VIRTUS ENTELLA

| |
Stagione: 
2014-2015
Data: 
2015-05-02
Partita: 
VICENZA-VIRTUS ENTELLA
Risultato: 
0-0
Stadio: 
Romeo Menti di Vicenza
Formazione locale: 

VICENZA (4-3-3) Vigorito; Sampirisi, Gentili, Manfredini, D’Elia (67′ Garcia); Moretti, Di Gennaro, Cinelli; Laverone (57′ Vita), Petagna, Giacomelli (86′ Spinazzola).

A disposizione: Bremec, Camisa, Rizzo, Alhassan, Sbrissa, Mancini. Allenatore: Pasquale Marino


Formazione ospite: 

VIRTUS ENTELLA (4-3-3) Paroni; Belli Cesar, Ligi, Iacoponi; Troiano, Battocchio, Volpe (77′ Staiti); Masucci (84′ Moreo), Lanini (56′ Mazzarani), Cutolo.

A disposizione: Pelizzoli, Russo, Cecchini, Di Tacchio, Costa Ferreira, Valagussa. Allenatore: Alfredo Aglietti

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net  

LA PARTITA

PRIMO TEMPO

1′ Laverone ruba palla a Ligi al limite dell’area, ma poi il suo diagonale di destro è facile preda di Paroni

9′ punizione da fuori area, vertice sinistro guardando la porta di Parona. Destro a giro di Giacomelli, libera la difesa

12′ altra punizione, dai 30 metri, posizione centrale. Ci provano prima D’Elia con un cross si ciò libera la retroguardia ligure e poi Moretti, destro ribattuto

20′ Vigorito rischia la paperissima su retropassaggio di Gentili

22′ sinistro di Cutolo dai 25 metri, fuori do pochissimo

23′ Cinelli da fuori area, palla indirizzata sul sette alla destra di Paroni, che si supera deviando in corner. Dalla bandierina occasione di testa per lo stesso Cinelli, deviazione fuori misura

24′ traversone da destra, testa di Masucci, Vigorito respinge in tuffo

31′ Giacomelli dai 25 metri, destro potente e palla sopra la traversa

32′ pericolosa ripartenza ospite, Lanini si incarta e spreca la chance

34′ punizione dalla trequarti di sinistra, schema insistito che porta al cross D’Elia. Una deviazione di un compagno per poco non inganna Paroni, che riesce a bloccate all’altezza del primo palo

39′ contropiede manovrato che porta al tiro Masucci, centrale, blocca Vigorito

SECONDO TEMPO

1′ imbucata centrale di Petagna in attesa per Moretti, anticipato in uscita da Paroni

2′ schema su angolo per i liguri, nessun problema per Vigorito

7′ contropiede, cross da sinistra di Giacomelli per Laverone, che sbuccia la conclusione al volo sul secondo palo, poi la difesa libera

15′ assedio alla porta di Paroni, in sequenza ci provano Giacomelli, Vita e Manfredini, la difesa ligure si salva in affanno

20′ contropiede berico gestito male, Cinelli fermato al limite. VIRTUS controripartenza ospite, Sampirisi si immola su Mazzarani

23′ Vigorito rischia in uscita su Masucci, imbeccato in area, sorvola Gavillucci

25′ quinto angolo per gli ospiti, spizzata di Masucci sul primo palo, la palla sfila sul fondo

26′ occasionissima biancorossa, cross da sinistra di Giacomelli, testa di Petagna a centro area, palla fuori di un nulla

29′ Cutolo fa fuori Garcia a destra, palla in mezzo, testa di Masucci, para a terra Vigorito

37′ punizione di Di Gennaro dai 25 metri, sinistro a giro e palla alta di pochissimo

44′ contropiede ospite Cutolo contratto in angolo da Manfredini. Dalla bandierina cross in mezzo, testa di Moreo, para a terra Vigorito

45’+2′ Moretti da fuori, alto

45’+4′ sipario su una punizione di Di Gennaro ribattuta e successivo colpo di testa di Vita a lato


Pagelle della partita "VICENZA-VIRTUS ENTELLA"  

Vigorito 6: compie interventi di normale amministrazione con buona attenzione, sbagliando solo nel controllo con i piedi di un retropassaggio. Sampirisi 6: torna a destra, ma la corsia non crea gioco e mostra evidenti crepe. Finisce con i crampi, e la squalifica arriva forse nel momento giusto per tirare il fiato. Gentili 6,5: gara attenta e determinata, in cui cerca anche fortuna in avanti senza però riuscire a trovare lo spiraglio giusto. Manfredini 6,5: gioca mettendo in campo la sua esperienza, e provando anche qualche sortita in attacco. Si becca un altro giallo dubbio che gli costerà la squalifica. D’Elia 6,5: uno dei più positivi finché l’adduttore (stavolta quello lungo n.d.r.) lo tradisce di nuovo. Perdita grave perché era sembrato tra quelli che a livello fisico stavano meglio. Garcia Tena 6: entra a freddo e si guadagna la sufficienza, anche se non ha certo la capacità di spinta di D’Elia. Moretti 5,5: primo tempo da 5 e ripresa da 6. Ha perso lo smalto di un mese fa, anche se la speranza è che il punto più profondo del periodo buio sia alle spalle. Di Gennaro 6: il voto per l’impegno mostrato sarebbe molto più alto, ma anche l’ex palermitano commette errori che confermano uno stato di difficoltà. Ci prova due volte su punizione; la prima esce di poco, la seconda finisce sulla barriera. Cinelli 6,5: a Brescia non ha giocato e forse anche per questo è parso quello che ne aveva di più. Sulla sinistra vince il duello con gli avversari, e con la collaborazione di D’Elia e Giacomelli, è da quella parte che nascono i problemi per la Virtus Entella. Ci prova anche da fuori ma Paroni fa buona guardia. Laverone 5,5: per la prima volta è in difficoltà nella corsa, il suo punto forte. Sbaglia più del solito e, a testimonianza della sua giornata no, viene sostituito. Vita 6,5: l’ex monzese porta brio e vivacità alla manovra, riuscendo a dare uno scossone alla gara. Purtroppo non è bastato, ma dimostra di stare bene e di meritare un posto da titolare nelle prossime gare. Petagna 6: assistito poco e male dai compagni, ingaggia un duello contro il duo Cesar e Ligi che non lo mollano un secondo. Ha una sola palla buona, e di testa la manda fuori di pochi centimetri. Giacomelli 6,5: è la spina nel fianco della difesa ligure, che lo soffre in modo evidente. E’ lui a servire a Petagna la palla del possibile vantaggio, e finché ha energie è l’unico che dà l’impressione di poter inventare qualcosa. Spinazzola s.v.

Pasquale Marino 6: la sconfitta di Brescia ha minato alcune certezze della squadra, e in tanti hanno mostrato di essere stanchi. A La Spezia, un po’ per costrizione e un po’ per scelta, dovrà cambiare qualcosa, magari guardando più alle energie che alle qualità tecniche. 

 

Arbitro: Claudio Gavillucci di Latina. Assistenti: Luca Mondin di Treviso, Marco Zappatore di Taranto Quarto ufficiale: Andrea Mei di Pesaro.

Ammoniti: Giacomelli, Sampirisi, Manfredini (Vicenza); Cutolo, Iacoponi (Entella).

Spettatori: 9.461, paganti 4.050, incasso di 47.268 euro; abbonati 5.411, quota di 16.212 euro.

Possesso palla: 56 - 44

Tiri dentro/totali: 2/18 - 4/13

Palle giocate: 639 -477

% passaggi riusciti: 67.8 - 60.8

Supremazia territoriale: 12'40'' - 07'24''

% attacco alla porta: 44.2 - 37.7

% protezione area: 62.3 - 55.8

% pericolosità: 38.5 - 31.7

Falli commessi: 10 - 24

Angoli: 6 - 7

Recuperi: 1' p.t., 5' s.t.

Maglia: giocatori: biancorossa; portiere: blu elettrico.

Pomeriggio nuvoloso, temperatura comunque mite (17-18 gradi), terreno scivoloso ma in buone condizioni.

Torneo: 
Serie B

BRESCIA-VICENZA

| |
Stagione: 
2014-2015
Data: 
2015-04-28
Partita: 
BRESCIA-VICENZA
Risultato: 
3-0
Reti: 
7' Andra Caracciolo (B), 16' Benalì (B), 91' Andrea Caracciolo (B)
Stadio: 
Mario Rigamonti di Brescia
Formazione locale: 

BRESCIA (4-3-2-1) Arcari, Zambelli, Caracciolo Antonio, Di Cesare, Coly, H’Maidat, Benalì (51′ Da Silva), Quaggiotto, Sestu, Scaglia (87′ Bentivoglio), Caracciolo Andrea

A disposizione: Andrenacci, Lancini, Bruno, Gargiulo, Bertoli, Boniotti, Strada. Allenatore: Alessandro Calori


Formazione ospite: 

VICENZA (4-3-3) Vigorito, Sampirisi, Brighenti, Manfredini, Garcia (54′ Ragusa), Moretti (79′ Spinazzola), Di Gennaro, Sbrissa (46′ Vita), Laverone, Cocco, Giacomelli.

A disposizione: Bremec, Alhassan, Gentili, Petagna, Camisa, Mancini. Allenatore: Pasquale Marino

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net  

LA PARTITA

PRIMO TEMPO

2′ cross di Di Gennaro da destra,  testa di Cocco sul primo palo, miracolo di Arcari in angolo

7' Gol del Brescia: a sorpresa avanti la squadra di Calori. Cross da sinistra di Sestu, difesa berici impreparata e Andrea Caracciolo insacca

11′ Scaglia brucia Sampirisi a sinistra, poi rinviene e rimedia sul cross del capitano lombardo, ma da quella parte si balla

13′ altro traversone da sinistra, Vigorito buca l’uscita, per fortuna dei suoi senza danni

14′ doppio angolo per i biancorossi, nulla di fatto

16′ altro corner, calcia Giacomelli, libera la difesa di casa sul cross del numero 10 biancorosso

21′ incursione in area di Sbrissa, cross basso da destra sul primo palo, uscita bassa di Arcari che sventa la minaccia

22′ Sestu dalla distanza, destro potente e palla alle stelle

24' Gol del Brescia. incursione in area sul versante mancino di Benalì,  incontrastato da una distratta retroguardia berici, diagonale di sinistro e palla in fondo al sacco

28′ Vicenza in tilt, su cross da sinistra ci prova Andrea Caracciolo in semi rovesciata, palla sul fondo

30′ Caracciolo, altro cross da sinistra, Vigorito allontana di pugno

31′ pasticcio della difesa di casa, palla in area tra Giacomelli e Arcari, ha la meglio il portiere, che smanaccia senza fallo in uscita bassa, poi Zambelli libera

Portiere delle Rondinelle che nell’occasione si infortuna ad un braccio. Riprende dopo le cure dei sanitari, ma prudenzialmente si scalda Andrenacci. Il Vicenza non c’è, collezione di angoli e nulla più

36′ in un minuto due squilli di Scaglia. Prima una punizione dalla trequarti respinta di pugno da Vigorito in uscita, poi sinistro di controbalzo dai 25 metri, sfera che si perde altissima sulla traversa

39′ incredibile discesa di Quaggiotto, che semina immobili birilli vicentini prima che Brighenti ci metta una pezza

44′ primo corner per i padroni di casa, Vigorito libera l’area con una tempestiva uscita di pugno

45’+1′ Sestu spreca con un sinistro alto un contropiede che poteva essere mortifica per i giocatori di Marino

45’+2′ BRESCIA ancora Sestu, partito in sospetta posizione di fuorigioco, si presenta solo in area, Vigorito è bravo a murario in uscita, poi la difesa allontana

SECONDO TEMPO

4′ VICENZA decimo angolo, azione conclusa da un cross alle stelle di Garcia. Ripresa iniziata dove è finito il primo tempo, il Vicenza non è in partita in molti suoi elementi

6' Caracciolo si mangia un gol fatto, su cross da sinistra di Scaglia manda fuori di testa da due passi sul secondo palo

10′ cross da destra di Laverone, Arcari a vuoto in uscita, Giacomelli spara fuori il sinistro ad un metro dalla porta

12′ ancora Giacomelli, destro da fuori e palla fuori di un nulla. Il Vicenza si è svegliato

20′ cross da destra di Vita, è sospetto il tocco di mano di Coly in area, fa proseguire Merchiori

È un Vicenza tornato in stato confusionale, difficile raddrizzare un match nato male con una prestazione che, fin qui, è la peggiore della gestione Marino

26′ terza occasione per Giacomelli, che su un cross di Vita da destra bucato da Zambelli si trova ancora a tu per tu con Arcari, che lo ipnotizza in uscita e sventa

27′ replica bresciana affidata a Sestu, diagonale di sinistro fuori di una spanna

28′ cross di Giacomelli da sinistra,  testa di Ragusa sul secondo palo, facile la presa alta di Arcari

37′ incursione a sinistra di Sampirisi,  traversone in area, testa di Cocco sul secondo palo e palla comoda per Arcari

40' batti e ribatti in area, murate le conclusioni di Di Gennaro e Vita

41' Gol del Brescia: contropiede mortifero, cross da destra di Sestu, sporca solo la palla Brighenti, Andrea Caracciolo anticipa di testa Vigorito è insacca

45+6′ punizione dai 25 metri, Di Cesare sfiora il gol dell’ex


Pagelle della partita "BRESCIA-VICENZA"  

Vigorito 6: incolpevole sui gol, sbaglia un’uscita nel primo tempo, ma per il resto il suo la fa. Sampirisi 5,5: soffre in fase difensiva, e costruisce poco in attacco. Passa a sinistra, ma la sua prestazione non arriva alla sufficienza. Manfredini 5: non è al meglio e si vede. Brighenti 5,5: patisce le difficoltà della squadra e stavolta non riesce a metterci le solite pezze. Garcia Tena 5: non difende e non attacca, consegnandosi all’inevitabile sostituzione. Ragusa 5.5: entra con grande voglia, ma non riesce a combinare granché. L’arbitro lo espelle ingiustamente, salterà la sfida di sabato contro la Virtus Entella. Sbrissa 5: ha un impatto complicato con il match, senza riuscire mai a trovare il bandolo della matassa. Vita 6: entra riuscendo a dare un po’ di brio alla squadra, ma ormai la gara era già compromessa. Moretti 5: tanti errori nei passaggi e anche un po’ lento nel liberarsi del pallone. Partita da dimenticare. Di Gennaro 5: vedi alla voce Moretti. Sbaglia appoggi che di solito esegue ad occhi chiusi, e se non accende la luce lui. Giacomelli 6: nel primo tempo non incide, ma nella ripresa sono tutte sue le azioni pericolose dalle parti di Arcari. Cocco 5: dopo meno di due minuti ha la palla per sbloccare il match, ma il portiere del Brescia si supera deviando in angolo. Poi sparisce dal campo. Laverone 6: ovunque lo metti, il suo apporto lo dà. E’ l’ultimo ad alzare bandiera bianca.

Pasquale Marino 6: il suo Vicenza sbaglia partita, ma non sarà certo una gara a cancellare quanto di buono fatto finora. L’unica situazione che ci permettiamo di evidenziare è l’evidente nervosismo del tecnico dei biancorossi, cosa mai vista finora. E se il comandante non è sereno la truppa ne risente.

 

Arbitro: Filippo Merchiori di Ferrara. Assistenti: Giuseppe Borzomì di Torino, Gaetano Intagliata di SiracusaQuarto ufficiale: Francesco Guccini di Albano Laziale.

Allontanati: al 58' Franzetti (preparatore atletico del Vicenza), al 75' Maresi (viceallenatore del Brescia) e all'83' Marino (allenatore del Vicenza) tutti per proteste.

Espulsoal 95' Ragusa (Vicenza) per fallo su chiara azione da gol.

Ammoniti: Scaglia, H'Maidat (Brescia); Manfredini (Vicenza). 

Spettatori: 8.339, dei quali 6.200 abbonati (incasso 10.009 euro), quota abbonati non comunicata.

Possesso palla: 40 - 60

Tiri dentro/totali: 3/12 - 3/13

Palle giocate: 444 - 652

% passaggi riusciti: 54.4 - 67.6

Supremazia territoriale: 05'21'' - 14'15''

% attacco alla porta: 46.8 - 40.4

% protezione area: 59.6 - 53.2

% pericolosità: 55.2 - 35.8

Falli commessi: 19 - 14

Angoli: 2 - 11

Recuperi: 3'p.t., 5' s.t.

Maglia: giocatori: biancorossa; portiere: verde

Serata umida con pioggia prima della gara, terreno in discrete condizioni.

Torneo: 
Serie B

VICENZA-VARESE

| |
Stagione: 
2014-2015
Data: 
2015-04-25
Partita: 
VICENZA-VARESE
Risultato: 
1-0
Reti: 
48' Brighenti (V)
Stadio: 
Romeo Menti di Vicenza
Formazione locale: 

VICENZA (4-3-3) Vigorito; Laverone, Brighenti, Manfredini, Sampirisi; Moretti (74′ Sbrissa), Di Gennaro, Cinelli; Vita, Cocco (90′ Petagna), Ragusa (58′ Giacomelli)

A disposizione: Bremec, Gentili, Camisa, Garcia, Alhassan, Spinazzola. Allenatore: Pasquale Marino


Formazione ospite: 

VARESE (4-4-2) Birighitti; Fiamozzi, Borghese, Rossi (90’+1′ Dondoni), Luoni; Zecchin (62′ Falcone), Blasi, Osuji, Cristiano; Forte, Pereira (71′ Lores).

A disposizione: La Gorga, De Vito, Capezzi, Barberis, Capello, Miracoli. Allenatore: Stefano Bettinelli

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net  

LA PARTITA

PRIMO TEMPO

6′ Vita prova il cross ma il rimpallo con Luoni favorisce il varesino

8′ nessuna difficoltà per Birighitti a bloccare la punizione di Moretti

12′ bella discesa di Ragusa. Sul cross Birighitti anticipa Cocco

15′ scontro Brighenti-Pereira. L’attaccante del Varese ha la peggio ma torna subito del match

17′ Brighenti anticipa Cristiano concedendo il primo tiro dalla bandierina su cui interviene Vigorito

18′ ottimo cross di Laverone, il colpo di testa di Cinelli è troppo centrale

19′ non si intendono Manfredini e Vigorito con Zecchin che ci prova dalla distanza a porta vuota senza trovare lo specchio

20′ Laverone per Cocco, il colpo di testa dell’attaccante finisce a lato

A metà del primo tempo il canovaccio del Varese sembra chiaro con la squadra d Bettinelli molto chiusa e che non concede spazi. Il Vicenza non è ancora riuscito a sfondare perché un po’ troppo compassato

28′ sul secondo tiro d’angolo prima spazza Vita e poi interviene Vigorito

33′ doppia punizione del Vicenza. Prima calciata male da Vita, sulla seconda Di Gennaro con una traiettoria a giro trova il palo a Birighitti battuto

39′ Birighitti : al limite dell’area con le mani. L’arbitro non interviene

40′ Cristiano per Zecchin che chiude troppo e non impensierisce Vigorito

43′ fraintendimento tra Moretti e Ragusa con il Vicenza che spreca l’occasione

44′ traversone di Vita dal fondo, Cocco affossato in area ma l’arbitro lascia correre

45’+1′ spallata di Cristiano al mento di Vita che rimane a terra. Aumentano sempre più le proteste del Vicenza

Il primo tempo si chiude senza gol. Il Varese conferma con la qualità espressa in campo la propria classifica chiudendosi nella propria metà campo e avendo qualche sussulto solo sul finale di tempo. Diverse difficoltà anche per il Vicenza che a causa di una manovra troppo lenta e prevedibile non è riuscito a pungere se non sul calcio di punizione di Di Gennaro. Sul finire della prima frazione si sono scaldati gli animi non solo sugli spalti.

SECONDO TEMPO

3' GOL DEL VICENZA: sul secondo tiro dalla bandierina Di Gennaro pennella in mezzo all’area con l’indeciso Birighitti battuto dal colpo di testa di Brighenti

7′ Cinelli riscatta l’occasione del primo tempo con un ottimo inserimento e un colpo di testa angolato. Birighitti si allunga e devia in corner

19′ subito frizzante Giacomelli che va via sulla sinistra. Birighitti sarebbe stato battuto se non ci fosse stata la deviazione

23′ Cocco spara oltre la traversa dopo essersi liberato in area

35′ Giacomelli penetra bene ma il rimpallo non lo favorisce

41' dopo il pericolo per la porta di Vigorito portato da Lores, Sbrissa scappa a Cristiano che lo stende

45′ Lores atterrato a cavallo della linea dell’area da Di Gennaro, l’arbitro concede il calcio di punizione tra le proteste del Varese. Calcio Lores Varela, palla abbondantemente a lato. Continua a premere il Varese con il Vicenza che soffre in particolare le incursioni di Lores

Il Vicenza fa qualche passo indietro a livello di gioco e prestazione, ma ne compie tre importanti in avanti per quanto riguarda la classifica. Contro un Varese che ha pensato principalmente a difendersi, i pericoli maggiori sono arrivati dalle palle inattive (palo su punizione di Di Gennaro e gol su calcio d’angolo di Brighenti). I biancorossi per la prima volta sono in seconda posizione in solitaria. 


Pagelle della partita "VICENZA-VARESE"  

Vigorito 6: sufficienza vicina al senza voto per il portiere biancorosso che chiude la terza consecutiva senza gol al passivo. Un intervento non particolarmente impegnativo su Zecchin e un  paio di uscite risolutive poi poco altro da segnalare. Laverone 6,5: arretra la posizione ma non il raggio d’azione, arrivando comunque al cross. Nel primo tempo sono sue le iniziative  su cui Cinelli e Cocco vanno alla conclusione di testa. Prezioso cursore anche nella ripresa, funziona bene la catena con Vita. Brighenti 7,5: imbriglia con sicurezza Neto Pereira e Forte, poi impreziosisce una prestazione già più che buona con il gol vittoria. Manfredini 7: la ritrovata impermeabilità della retroguardia biancorossa ha origine anche dalla preziosa e esperta presenza dell’ex atalantino che sa sempre fare la scelta migliore per dare sicurezza alla squadra. Sampirisi 6,5: spostato a sinistra nel primo tempo si limita a restringere il raggio d’azione di Zecchin. Più intraprendente nella ripresa dove fa valere la sua fisicità anche oltre la metà campo. Moretti 6: al rientro dalla squalifica non brilla particolarmente perdendo anche qualche pallone banale. Ci prova su punizione dopo neanche dieci minuti ma non gli riesce la traiettoria letale. Sbrissa s.v.: una ventina di minuti nel finale dove si ritaglia anche qualche buona iniziativa. Di Gennaro 6,5: il voto sarebbe più alto ma perde mezzo punto per l’incauto intervento sull’ex compagno Lores nel finale che poteva costar caro. Nel mezzo la solita qualità nel palleggio e il solito litigio con i pali su punizione. Cinelli 7: ancora una buona prestazione per il capitano che ci prova impensierendo per due volte Birighitti con due conclusioni di testa.  Passa per essere il “braccio” del centrocampo ma sa essere “mente” anche lui. L’ammonizione gli costerà però la squalifica nella gara con il Brescia. Vita 6,5: l’ex monzese parte un po’ in sordina ma con il passare dei minuti alza il livello della prestazione chiudendo oltre la sufficienza anche grazie a qualche buona punizione conquistata con la sua vivacità. Cocco 6: Borghese gli zompa sui garretti dopo neanche un minuto di gioco, guadagnandosi una fulminea ammonizione ma facendogli intendere che potrebbe essere una brutta giornata. Lui un paio di occasioni se le procura comunque ma non è mortifero come sa essere. Ragusa 6: avrebbe bisogno di sempre maggiore minutaggio ma è chiaro che il finale di stagione non è il momento più favorevole per aiutarlo . Non incide come vorrebbe in più si becca il giallo che gli farà saltare la prossima. Giacomelli 6,5: entra bene nel match scompigliando la difesa del Varese e creando più volte le premesse per il raddoppio che però non arriva.

Pasquale Marino 6,5: terza vittoria consecutiva e una squadra che da seconda in classifica dimostra la maturità giusta per portare a casa una partita che il Varese non ha regalato. La piccola rivoluzione a cui è costretto dall’infortunio di D’Elia e dal trittico di gare ravvicinate non disturba l’assetto tattico della squadra che non si inceppa nei suoi meccanismi.


Arbitro: Ivano Pezzuto di Lecce. Assistenti: Nicolò Calò di Molfetta, Romina Santuari di Trento. Quarto ufficiale: Alessandro Caso di Verona.

Ammoniti: Di Gennaro, Ragusa, Cinelli (Vicenza); Borghese, Osuji, Luoni, Forte, Cristiano, Falcone (Varese).

Spettatori: 10.589, paganti 5.499, incasso di 66.698 euro; abbonati 5.411, quota di 16.212 euro.

Possesso palla: 56 - 44

Tiri dentro/totali: 6/11 - 1/7

Palle giocate: 604 - 481

% passaggi riusciti: 68.1 - 59.1

Supremazia territoriale: 09'00'' - 07'15''

% attacco alla porta: 47.1 - 32.6

% protezione area: 67.4 - 52.9

% pericolosità: 43.4 - 19.6

Falli commessi: 20 - 21

Angoli: 6-6

Recuperi: 1' p.t., 3' s.t.

Maglia: giocatori: biancorossa; portiere: blu elettrico.

Cielo coperto, terreno in discrete condizioni.

Torneo: 
Serie B

CITTADELLA-VICENZA

| |
Stagione: 
2014-2015
Data: 
2015-04-17
Partita: 
CITTADELLA-VICENZA
Risultato: 
0-1
Reti: 
90' Di Gennaro (V) su rigore
Stadio: 
Piercesare Tombolato di Cittadella
Formazione locale: 

CITTADELLA (4-4-2) Pierobon; Cappelletti, De Leidi, Scaglia, Barreca; Kupisz (90′ Valentini), Rigoni, Busellato, Minesso (66′ Coralli); Sgrigna (80′ Paolucci), Stanco

A disposizione: Pecorini, Signorini, Benedetti, Donazzan, Bazzoffia, Lora. Allenatore: Claudio Foscarini


Formazione ospite: 

VICENZA (4-3-3) Vigorito; Sampirisi, Brighenti, Manfredini, D’Elia (39′ Vita); Sbrissa (66′ Ragusa), Di Gennaro, Cinelli; Laverone, Cocco, Giacomelli (82′ Spinazzola)

A disposizione: Bremec, Alhassan, Garcia, Gentili, Petagna, Camisa. Allenatore: Pasquale Marino

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net  

LA PARTITA

PRIMO TEMPO

7′ slalom di Giacomelli, che entra in area da sinistra, poi la difesa granata lo contrae

11′ imbeccata di Cocco per Giacomelli in area, l’embrione di azione pericolosa viene ucciso da Maresca che fischia il fuorigioco del numero 10 biancorosso

14′ scende centralmente Sbrissa e prova la conclusione mancina, ribattuta dallo stinco di un difensore

17′ cross da sinistra di Barreca, deviazione di un difensore sul primo palo, palla che si impenna e Vigorito sfiora la paperissima uscendo a farfalle su un pallone innocuo. Rimedia quasi sulla linea Manfredini, che rinvia

Primi venti minuti si chiudono con una combinazione Cinelli-Giacomelli-Cocco, con l’attaccante che chiude fuori misura l’ultimo passaggio. Fino ad ora nessun tiro nello specchio della porta da parte delle due formazioni

23′ ci prova Sgrigna dal limite, palla ribattuta da Brighenti, l’azione continua e su un traversone da sinistra stavolta Vigorito è bravissimo ad anticipare in tuffo sul primo palo ogni possibile deviazione di un attaccante

26′ il primo corner è biancorosso, ma il contropiede è padovano. Buon per il Vicenza che Sgrigna sbaglia l’ultimo lancio

28′ cross da destra, Stanco stacca a centro area, commettendo però fallo su Brighenti. La palla era comunque terminata abbondantemente a lato

31′ pericolosa la discesa a sinistra di Minesso che penetra in area in velocità. Il successivo cross dell’ex vicentino è però fuori misura, la difesa libera senza affanni

Partita che non si sblocca. Cittadella tonico e che sta pressando molto alto, Vicenza quasi mai in affanno, ma in grave difficoltà a produrre gioco. Foscarini ha preparato una “gabbia” per Di Gennaro, che non riesce a illuminare come di consueto, Sbrissa sotto tono

36′ secondo corner senza esito, colpo di testa di Cocco fuori misura. Sul proseguo dell’azione D’Elia entra in area in velocità e trova uno stinco di Scaglia a frenarlo. Pare rigore, per Maresca è simulazione

39′ gran tiro dalla distanza di Barreca, vola a deviare in angolo Vigorito

41′ verticalizzazione splendida di Di Gennaro, Cocco davanti a Pierobon si lascia ipnotizzare dal 45enne portiere di casa, che devia di piede in angolo in uscita

45’+1′ secondo angolo per i padroni di casa, nessun patema per Vigorito, Maresca blocca tutto per un fallo in attacco

45’+2′ l’ultimo sussulto è biancorosso. Nuca di Cocco a centro area su cross in verticale di Di Gennaro, palla sul fondo

SECONDO TEMPO

5′ punizione per i padroni di casa, quasi un corner da destra del fronte d’attacco granata. Calcia Sgrigna, a centro area colpisce di testa Cappelletti, palla a lato

7′ pericolosissimo Giacomelli, che entra in area da sinistra e spara a rete sul primo palo, ottima la risposta di Pierobon. Sul proseguo dell’azione Cinelli crossa per l’accorrente Cocco, che spara altissimo il sinistro al volo

Sciarpata biancorossa in curva. Trascorsi i primi tempi del secondo tempo, Vicenza più propositivo rispetto alla prima frazione e già vicino al gol

13′ quarto angolo biancorosso, ancora cross di Giacomelli e testa di Cocco abbondantemente a lato

14′ pericolosissimo Sgrigna, discesa e tiro dal limite, deviato in angolo con rischio di autogol, palla fuori di un niente dal palo alla destra di Vigorito, che para facile il cross del numero 10 granata dalla bandierina

16′ ci prova Sbrissa da fuori, tiro centrale, para senza patemi Pierobon

20′ miracolo di Pierobon in uscita, su un Cocco penetrato in area e a tu per tu con il portiere granata. Il bomber berico poteva e doveva fare meglio

21′ colpo di testa di Cocco su cross da destra, palla di poco alta sulla traversa

22′ Cinelli da fuori, altissimo sulla traversa

25′ esterno destro di Laverone dai 25 metri, altro miracolo di Pierobon, che si distende e devia in corner. Sull’angolo giallo a Cocco per proteste, poi la difesa allontana

27′ clamoroso il palo interno di Di Gennaro. Punizione dal limite, sinistro a giro e palla sul montante e che attraversa la linea di porta, poi la difesa allontana

31′ imbucata di Ragusa in area per Di Gennaro, che scivola a terra solo davanti a Pierobon. Il portiere ringrazia e recupera palla

Sta giocando solo il Vicenza, ma la palla non ne vuol sapere di entrare. Il 45 enne Pierobon autore fin qui di una prestazione straordinaria

33′ punizione di Sgrigna da sinistra, allontana la difesa. Poi scontro Vigorito-Coralli, il portiere resta a terra e si rialza dopo le cure dei sanitari biancorossi

40′ punizione dai 25 metri, posizione centrale, per fallo su Ragusa. Di Gennaro calcia il sinistro sulla barriera

42′ tiro-cross di Spinazzola da destra, palla direttamente sul fondo

43′ traversone di Sampirisi da sinistra, testa di Spinazzola sul primo palo e palla a lato di un niente

44' rigore per il Vicenza ed espulsione di Pierobon che atterra Ragusa, che si era presentato da solo davanti a lui

45' GOL DEL VICENZA: Di Gennaro realizza il rigore concesso da Maresca, nonostante il tuffo di Valentini fosse dalla parte giusta

 

 

Pagelle della partita "CITTADELLA-VICENZA"  

Vigorito 6,5: sempre attento e concentrato, è bravo nel primo tempo a deviare in angolo il tiro dai venti metri di Barreca. Una sola incertezza su un’uscita alta su Stanco in cui perde il pallone, ma nell’occasione forse l’attaccante granata commette fallo. Sampirisi 6,5: dalla sua parte nel primo tempo il Vicenza subisce solo una volta con un cross di Minesso; sia a destra che, uscito D’Elia, a sinistra spinge con buon costrutto. Brighenti 6,5: attento e concentrato concede poco o nulla agli avanti avversari. Manfredini 7: grande regia del reparto arretrato, con chiusure da giocatore di categoria superiore. Nel finale spinge anche in avanti, contribuendo all’assalto continuo della ripresa. D’Elia 6,5: mezz’ora di gara ben interpretata, poi subisce un netto fallo da rigore che solo il direttore di gara non vede. Nell’occasione si fa male (fuori una ventina di giorni?), e beffa delle beffe, dovrà pagare l’ammenda di 1500 euro per chi simula. Ma gli arbitri quando sbagliano clamorosamente come in questo caso, non pagano mai? Vita 6,5: entra da esterno alto a destra, e poi passa a interno nella stessa corsia con grande applicazione e buoni risultati. Dà grande vivacità alla manovra e forse non è un caso che entrato lui, l’inerzia della gara si sposta tutta a favore del Vicenza. Sbrissa 6,5: magari non benissimo, ma ampiamente oltre la sufficienza. Chiude e riparte mettendo in campo le sue qualità e il suo entusiasmo. Ragusa 7: entra ed è decisivo. Parte a destra e dimostra di avere gamba e qualità per mettere in difficoltà la difesa del Cittadella, diventa devastante quando passa a sinistra. Di Gennaro 7,5: per mezz’ora Busellato, Rigoni, Sgrigna e Stanco lo soffocano con un pressing senza soluzione di continuità. La sua abilità tattica e tecnica gli permette però di emergere e quando cresce lui, il Vicenza diventa padrone del campo. Un palo su punizione, un’occasione in cui perde il passo davanti a Pierobon, e mezzo voto in più per il rigore segnato al 91′ quando il pallone pesava come un macigno. Cinelli 7: altra grande prestazione di sostanza, un giocatore a cui Lopez prima, e Marino adesso, non hanno mai rinunciato. E lui continua a ricambiare la fiducia con prestazioni da applausi, in cui lotta su tutti i palloni e non molla mai. Laverone 7: per lui si potrebbe inventare un ruolo nuovo: fascia destra. Mettetelo dove volete, su quella corsia trita qualsiasi avversario. Nella ripresa quando il Vicenza attacca a testa bassa, passa letteralmente sopra a Minesso e Barreca. Ha carica e determinazione che mostra in ogni pallone che gioca, corre senza sosta e sbaglia anche poco nei passaggi. Cosa chiedere di più? Cocco 6,5: prestazione da 7, ma mezzo voto in meno perchè nel primo tempo sbaglia un gol con Pierobon che gli chiude lo spazio della battuta a rete (e ci sta …) ma si ripete nella ripresa calciando frettolosamente d’esterno destro addosso al portiere del Cittadella da buonissima posizione. Però lotta e combatte come al solito, effetta sponde con grande abilità tecnica come quella che permette a Ragusa di presentarsi da solo davanti a Pierobon nell’azione in cui il Vicenza guadagna il calcio di rigore decisivo. Giacomelli 6,5: forse meno incisivo del solito, ma il suo contributo, fatto di corse, dribbling e cross sulla fascia mancina anche a Cittadella va bel oltre la sufficienza. Spinazzola s.v.: entra concentrato e determinato, riuscendo a rendersi pericolosissimo con un colpo di testa fuori di pochissimo, e con un paio di discese sulla destra che metteno in difficoltà la difesa avversaria.

Pasquale Marino 7,5: per mezz’ora il Vicenza fa fatica ma poi, complice l’uscita di D’Elia, lui pesca nel mazzo a sua disposizione non sbagliando una mossa. Con i cambi, anche psicologicamente, ordina alla squadra l’assalto per trovare la vittoria, comando che i suoi ragazzi eseguono con successo.

 

Arbitro: Fabio Maresca di Napoli. Assistenti: Stefano Alassio di Imperia, Damiano Di Iorio di VerbaniaQuarto ufficiale: Andrea Morreale di Roma 1.

Espulso: all'88' Pierobon (Cittadella) per fallo su chiara occasione da rete. 

Ammoniti: Barreca, Busellato, Cappelletti (Cittadella); D'Elia, Cocco (Vicenza). 

Spettatori: 5.716 (di cui circa metà vicentini): paganti 4.143 (per una quota di 51.547,30 euro), abbonati 1.573 (rateo di 5.805,78 euro), incasso totale di 57.353,08 euro.

Possesso palla: 42 - 58

Tiri dentro/totali: 1/5 - 7/17

Palle giocate: 442 - 647

% passaggi riusciti: 48.3 - 63.0

Supremazia territoriale: 06'21'' - 09'23''

% attacco alla porta: 34.9 - 43.8

% protezione area: 56.3 - 65.1

% pericolosità: 21.0 - 58.0

Falli commessi: 27 - 13

Angoli: 5-5

Recuperi: 2'p.t., 5' s.t.

Maglia: giocatori: camoufage; portiere: blu elettrico

Serata tiepida, temperatura intorno ai 17 °C, terreno in buone condizioni. 

Torneo: 
Serie B

VICENZA-AVELLINO

| |
Stagione: 
2014-2015
Data: 
2015-04-10
Partita: 
VICENZA-AVELLINO
Risultato: 
1-0
Reti: 
37’Cocco (V)
Stadio: 
Romeo Menti di Vicenza
Formazione locale: 

 

VICENZA (4-3-3) Vigorito; Sampirisi, Brighenti, Manfredini, D’Elia; Cinelli, Di Gennaro, Moretti (81′ Sbrissa); Laverone, Giacomelli (69′ Vita), Cocco.

A disposizione: Bremec, Camisa, Garcia, Alhassan, Spinazzola, Ragusa, Petagna. Allenatore: Pasquale Marino

 


Formazione ospite: 

 

AVELLINO (4-3-1-2) Gomis; Pisacane, Ely, Chiosa, Bittante; Arini (46′ Sbaffo), Schiavon (70′ D’Angelo), Kone; Soumarè (77′ Comi); Castaldo, Trotta.

A disposizione: Bavena, Fabbro, Vergara, Almici, Regoli, Angeli. Allenatore: Maurizio Rastelli

 

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net  

LA PARTITA

PRIMO TEMPO

Dopo quasi quindici minuti, l’Avellino si dimostra più propositivo dei biancorossi

15′ i biancorossi si fanno vedere per la prima volta dalle parti di Gomis, con Giacomelli che liscia un pallone in piena area, su assist di Cocco

19′ Laverone spinge sulla destra ma il suo traversone basso finisce debolmente tra le braccia di Gomis

Cori contro Cassingena si alzano dalla curva sud. “Devi vendere” urlano gli ultras biancorossi

24′ Schiavon prova a sorprendere Vigorito da centrocampo, palla alta in curva sud

30′ due ammoniti per gli irpini in due minuti: prima Chiosa per fallo su Cocco, poi Arini duro con Di Gennaro finiscono sul taccuino di Pinzani

37′ GOL DEL VICENZA: Cocco bravissimo a raccogliere un lancio in area, sbarazzarsi di Chiosa con una lieve spallata e infilzare Gomis

38′ ci prova ancora Cocco ma la sua conclusione da 35 metri finisce alta

41′ punizione dalla destra di Schiavon, Ely ci prova di testa ma è impreciso

Pinzani fischia la fine primo tempo dopo una punizione senza esito di Di Gennaro. I biancorossi vanno a riposo in vantaggio grazie alla rete del solito Cocco

SECONDO TEMPO

51′ irpini vicino al pareggio: botta di Trotta, bravissimo Vigorito a respingere. Il portiere biancorosso è poi reattivo nel bloccare il tap in di Soumarè

56′ ospiti ancora a un passo dal pareggio. Cross di Schiavon, incornata di Castaldo, pallone a fil di palo

59′ Laverone serve Giacomelli che si avvicina all’area e calcia di sinistro, ma il tiro viene murato dai difensori

63′ cross pericoloso di Giacomelli, Moretti manca l’appuntamento di testa a due passi da Gomis

72′ colpo di testa di Castaldo, attento Vigorito

74′ brividi per Gomis: la botta su punizione di Moretti finisce di poco alta sulla traversa

78′ biancoverdi vicini al pareggio. La punizione di Sbaffo dà vita a una mischia in area biancorossa. La palla finisce sui piedi di D’Angelo che tira, ma Vigorito è ancora una volta attento

79′ biancorossi a un passo dal raddoppio con Cocco che, servito da Di Gennaro in contropiede, per poco non beffa Gomis con un pallonetto

83′ gli ospiti non si arrendono. Traversone di Kone in area, Vigorito esce con sicurezza e agguanta

85′ Sbaffo si invola sulla sinistra, lancio per Castaldo, bravissimo Vigorito nell’uscita

88′ continua la pressione dell’Avellino. Kone, dopo un’insidiosa mischia in area, calcia però alle stelle

90'+2' i biancorossi gettano al vento il gol del raddoppio su contropiede


Pagelle della partita "VICENZA-AVELLINO"  

Vigorito 6,5: nel primo tempo vigila sulla situazione senza essere particolarmente coinvolto. Al netto di qualche sbavatura, è determinante nella ripresa respingendo il tiro di Trotta e uscendo con personalità sui numerosi palloni spediti in area dagli avversari. Sampirisi 6,5: partenza a tavoletta sulla sua fascia di competenza dove trova spazi per inserirsi efficacemente. Dopo il vantaggio decide di ridurre il suo raggio d’azione, proponendosi molto meno. Brighenti 6,5: l’attacco dell’Avellino è fisicamente strutturato e il Vicenza qualcosa sulle palle aeree deve concedere.  Per il resto ringhia su Trotta e Castaldo e i biancorossi tornano a chiudere una gara senza reti al passivo. Manfredini 6,5: il “vecchietto” ancora una volta brilla per come guida con sapienza la difesa, ma non gli fa difetto la brillantezza fisica e si vede quando regge il confronto in velocità con avversari meno “datati” come Castaldo o Soumarè. D’Elia 6,5. discorso opposto rispetto a Sampirisi. Primo di tempo con meno intraprendenza del solito esce nella ripresa andando a prendersi anche qualche punizione importante sulla trequarti avversaria. Moretti 6,5: ogni tanto ha qualche passaggio a vuoto ma quando la lampadina è accesa le sue giocate non sono mai banali.  Si è tolto quella patina opaca del dopo Bologna ma sul più bello dovrà fermarsi per la squalifica che gli impedirà di giocare al Tombolato. Peccato perchè l’ammonizione per il fallo di mano pare molto dubbia. Sbrissa s.v.: un quarto d’ora, compreso il recupero, a difesa del fortino. Venerdì a Cittadella potrebbe toccare a lui sostituire Moretti. Di Gennaro: 6,5: francobollato per tutta la gara dal belga Soumare ad un certo punto pare in frustrazione perchè non riesce a giocare come vorrebbe. Un po’ alla volta riesce a liberarsi dalla guardia dell’avversario ma capita l’antifona decide di rendersi utile come può chiudendo sugli avversari quasi come difensore aggiunto. Cinelli 7: il capitano splende non solo per la consueta carica agonistica e dinamicità ma anche per giocate di qualità tecnica. Valore aggiunto di un centrocampo che poche squadre possono vantare. Laverone 6,5: almeno un paio di azioni dove si butta tra un nugolo di avversari uscendone palla al piede, purtroppo non finalizzate adeguatamente. Giocatore essenziale per come da equilibrio alla squadra nelle due fasi. Cocco 7,5: in attesa di ciò che succederà oggi, vola in vetta alla classifica marcatori, di cui sarebbe ampiamente leader senza i rigori. Il gol vincente è un’altra perla in un campionato che lo sta consacrando goleador di razza. In aggiunta tanto lavoro sporco per la squadra. Serve altro? Giacomelli 6,5: Pisacane gli monta una attenta guardia e per un tempo fatica a mettersi in mostra. Più dentro alla gara nella ripresa. Vita 6,5: mantiene alta la vivacità sul fronte sinistro d’attacco contribuendo a mantenere alta anche la guardia degli avversari da quella parte.

Pasquale Marino 6,5: il Vicenza vince una partita diversa dal solito, giocata con un finale di conserva senza troppi ricami, come ammette lui stesso in sala stampa. Piace la capacità della squadra di saper soffrire anche nei suoi uomini più tecnici, mettendo in campo quello che serve per portare a casa il match. Tra andata e ritorno l’Avellino dei punteros granatieri non buca la dfifesa biancorossa e non guasta essere riusciti di nuovo a chiudere senza gol al passivo.

 

Arbitro: Riccardo Pinzani di Empoli. Assistenti: Antonino Santoro di Catania, Marco Citro di Battipaglia. Quarto ufficiale: Juan Luca Sacchi di Macerata.

Ammoniti: Moretti, Di Gennaro (Vicenza); Chiosa, Arini, Sbaffo, Schiavon (Avellino).

Spettatori: 10.425, paganti 5.014, incasso di 64.785 euro; abbonati 5.411, quota di 16.212 euro.

Possesso palla: 47 - 53

Tiri dentro/totali: 2/9 - 3/17

Palle giocate: 476 - 572

% passaggi riusciti: 52.7 - 62.2

Supremazia territoriale: 08'03'' - 10'10''

% attacco alla porta: 36.0 - 54.5

% protezione area: 45.5 - 64.0

% pericolosità: 33.3 - 36.3

Falli commessi: 13 - 17

Angoli: 0-1

Recuperi: 0' p.t., 4' s.t.

Maglia: giocatori: biancorossa; portiere: nera.

Serata tiepida, temperatura intorno ai 15 °C. 

Torneo: 
Serie B

PRO VERCELLI-VICENZA

| |
Stagione: 
2014-2015
Data: 
2015-04-02
Partita: 
PRO VERCELLI-VICENZA
Risultato: 
1-1
Reti: 
59′ Marchi (PV), 70′ Cocco (V) su rigore
Stadio: 
Silvio Piola di Vercelli
Formazione locale: 

PRO VERCELLI (4-3-3) Russo; Germano (56′ Ferri), Cosenza, Coly, Scaglia; Ardizzone, Castiglia, Ronaldo (68′ Scavone); Fabiano, Marchi, Di Roberto (60′ Belloni).

A disposizione: Viotti, Milesi, Luppi, Savona, Liviero, Emmanuello, Sprocati.Allenatore: Cristiano Scazzola

 


Formazione ospite: 

VICENZA (4-3-3) Vigorito; Sampirisi, Brighenti, Manfredini, D’Elia; Cinelli, Moretti, Sbrissa (66′ Vita); Laverone, Cocco, Giacomelli (83′ Ragusa).

A disposizione: Bremec, Rizzo, Alhassan, Spinazzola, Garcia, Camisa, Garcia, Mancini. Allenatore: Pasquale Marino

 

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net  

LA PARTITA

PRIMO TEMPO

Piemontesi aggressivi in questa fase iniziale

2′ primo squillo della squadra di casa. Tiro cross di Fabiano da sinistra, Marchi a due passi da Vigorito manca la deviazione decisiva

Sì gioca in prevalenza nella metà campo biancorossa, anche se per il momento Vigorito non ha avuto grattacapi

10′ occasionissima Vicenza. Azione personale di Sbrissa, che approfitta di uno svariate della difesa, si accentra, entra in area e scocca il sinistro. Solo il palo salva Russo dalla capitolazione

18′ nuova grande occasione per il Vicenza stavolta con Moretti che da posizione simile a quella di Sbrissa, servito in area da Cocco, spara il diagonale clamorosamente sul fondo.

20′ prima buona opportunità per i padroni di casa: Marchi svetta su angolo ma spedisce a lato

22′ Giacomelli crossa lungo in area per Cocco che all’altezza del secondo palo spara in porta trovando l’opposizione di Coly. Libera la difesa

27′ l’ex Castiglia anticipa Brighenti al limite dell’area e poi spara un diagonale che finisce distante dai pali di Vigorito

35′ biancorossi ancora vicini al gol. Cocco dal limite manda a vuoto Ronaldo e incendia il destro dalla distanza che Russo smanaccia in angolo

38′ rigore per i padroni di casa: cross di Germano dalla destra, Brighenti in scivolata tocca con il braccio. Difficile giudicare se il tocco non solo fosse volontario ma se addirttura ci fosse. Sul dischetto si presenta Marchi: traversa! La palla esce dall’area e poi sulla successiva mischia Di Roberto tocca debole sul fondo

44′ punizione dalla distanza di Moretti. Il centrocampista trova la porta ma Russo riesce a bloccare in presa.

45′ + 2′ l’arbitro Mariani manda le squadre negli spogliatoi dopo un primo tempo in cui i biancorossi hanno avuto le migliori occasioni ma hanno rischiato di passare in vantaggio per un dubbio rigore concesso da Mariani, calciato sulla traversa da Marchi.

SECONDO TEMPO

1′ ancora biancorossi incredibilmente vicini al gol: Giacomelli dalla sua mattonella prova il tiro a giro, Russo in tuffo si distende e respinge, Laverone in allungo colpisce la palla vagante che termina sul palo interno e rotola per tutto lo specchio della porta fino a quando arriva un difensore a mandare in angolo.

8′ Fabiano si libera di Sbrissa sul fronte sinistro d’attacco e poi prova la botta che Vigorito ammortizza in presa

14′ Gol della Pro Vercelli: cross dalla sinistra di Ronaldo, Marchi svetta su Brighenti e di testa mette alle spalle di Vigorito.

25' GOL DEL VICENZA: Cinelli calcia al volo da fuori area e Cosenza intercetta con la mano e Mariani decreta la massima punizione. Sul dischetto Cocco che batte forte e centrale ma basta a battere Russo proteso sulla sinistra

36′ punizione di Moretti che sfila un metro sul palo di destra della porta difesa da Russo

45′ + 1′ sono tre i minuti di recupero. Nel frattempo la Pro Vercelli è in dieci perchè è uscito Marchi per un brutto infortunio al braccio riportato dopo una caduta in contrasto con Brighenti

45′ + 3′ incredibile finale di partita con Moretti che su punizione deviata dalla barriera colpisce la traversa, sulla ribattuta arriva Laverone che calcia verso la porta ma Russo devia la palla sul palo alla sua destra la palla viene respinta fuori area arriva Brighenti che spara altissimo

Fischio finale di Mariani. Il Vicenza porta a casa un punto in una partita che sul piano delle occasioni poteva anche vincere ma che ha rischiato di perdere.  Errori decisivi su qualche conclusione che poteva essere più precisa, ma anche una buona dose di sfortuna con ben quattro pali colpiti dai biancorossi

 

Pagelle della partita "PRO VERCELLI-VICENZA"  

Vigorito 6. sul rigore lo protegge santa traversa, nel gol nulla può. Per il resto spettatore inoperoso o quasi. Sampirisi 6: dalle sue parti gravita Fabiano a cui non è il caso di concedere troppo spazio. I due finiscono per annullarsi a vicenda. Brighenti 6: sfortunato più che colpevole nel dubbio rigore ma è la versione edulcorata del Brighenti migliore. Sul gol Marchi sfrutta centimetri e senso del gol, ma non certo libertà che il difensore non gli concede praticamente mai. Manfredini 6,5: al rientro dall’infortunio fa da spalla con esperienza al compagno guidando sapientemente la difesa, in attesa di recuperare la forma migliore. D’Elia 6: il gol della Pro Vercelli nasce dalle sue parti per una eccessiva libertà concessa a Ronaldo al momento del cross, per il resto “pendolina” meno del solito. In avanti l’intesa con Giacomelli è sempre puntuale e precisa. Sbrissa 6: il ragazzo ritrova il posto da titolare che non occupava dalla prima giornata di ritorno (trasferta da Latina). Al decimo si ritrova sui piedi la palla per il vantaggio biancorosso ma il sinistro lo tradisce e ciabatta sul palo. Per il resto una gara di tranquilla gestione senza grandi squilli. Vita 6,5: entra con il piglio giusto dando vivacità all’attacco del Vicenza e guadagnando anche qualche preziosa punizione. Moretti 6: ritorna in posizione di play centrale e recupera qualche certezza. Tiene allertato Russo su punizione cercando il bis dell’andata e gli va male quando colpisce la traversa al tramonto della gara. Peccato per l’occasione gettata alle ortiche nel primo tempo sull’assist di Cocco, quando bastava solo centrare la porta. Cinelli 6,5: sul capitano non si spendono mai abbastanza parole ma la sua presenza in campo è fondamentale per gli equilibri della squadra.  E’ lui a calciare in porta trovando il braccio di Cosenza per il rigore del pari. Laverone 6,5: la palma del più sfortunato tocca a lui. Per due volte batte a rete sottomisura e sono due pali interni beffardi. In crescita. Cocco 7: dopo l’errore con la Virtus Lanciano fa pace con il dischetto con una rabbiosa conclusione centrale senza fronzoli. Sgomita con i centrali della Pro Vercelli ma fornisce assist ai compagni e trova lo spazio per una splendida conclusione nel primo tempo su cui è bravo Russo a smanacciare in corner. Peccato per l’ammonizione (seconda consecutiva) per simulazione sulla caduta in area. Si rischia il pericoloso passaparola tra arbitri. Giacomelli 6,5: sempre vivace, pericoloso e mai domo. Tenta il bis del gol di Modena ma la conclusione gli esce meno angolata e Russo può respingere, sul proseguio Laverone colpirà il palo. Ragusa sv: guadagna la punizone all’ultimo minuto di recupero da cui nasce il doppio palo biancorosso. Attendiamo di vederlo in campo con un minutaggio superiore.

Pasquale Marino 6,5: è sempre un Vicenza propositivo che gioca e crea, ma oggi sfortunato. E’ sempre un Vicenza con una buona gamba. Quello che lascia sempre un po’ dubbiosi è la gestione dei cambi. Chi scrive avrebbe speso Ragusa un po’ prima ma chi scrive non ha alle spalle quindici anni da allenatore professionista.

 

Arbitro: Maurizio Mariani di Aprilia. Assistenti: Vincenzo Soricaro di Barletta, Enrico Caliari di LegnagoQuarto ufficiale: Gianluca Aureliano di Bologna.

Ammoniti: Fabiano, Cosenza (Pro Vercelli); Manfredini, Brighenti, Sampirisi, Cocco (Vicenza). 

Spettatori: 3.145, abbonati 1.775, incasso di 18.200 euro.

Possesso palla: 43 - 57

Tiri dentro/totali: 4/10 - 9/20

Palle giocate: 440 - 633

% passaggi riusciti: 57.4 - 69.0

Supremazia territoriale: 08'10'' - 10'35''

% attacco alla porta: 45.5 - 47.9

% protezione area: 52.1 - 54.5

% pericolosità: 37.3 - 64.1

Falli commessi: 23 - 10

Angoli: 3-6

Recuperi: 2'p.t., 3' s.t.

Maglia: giocatori: blu; portiere: arancio

Serata tiepida, temperatura intorno ai 15 °C, terreno sintetico.

Torneo: 
Serie B

VICENZA-CARPI

| |
Stagione: 
2014-2015
Data: 
2015-03-28
Partita: 
VICENZA-CARPI
Risultato: 
1-2
Reti: 
3' e 16' Lasagna (C), 50' Cocco (V)
Stadio: 
Romeo Menti di Vicenza
Formazione locale: 

 

VICENZA (4-3-3) Vigorito; Sampirisi, Brighenti, Gentili, Garcia (46′ Vita); Moretti (76′ Ragusa), Di Gennaro, Cinelli; Laverone, Cocco, Giacomelli.

 

A disposizione: Bremec, Camisa, Edge, Manfredini, Alhassan, Mancini, Spinazzola. Allenatore: Pasquale Marino

Formazione ospite: 

CARPI (4-4-1-1) Gabriel; Struna, Romagnoli, Gagliolo, Letizia; Lollo, Porcari, Bianco (85′ Modolo); Pasciuti (81′ Sabbione); Di Gaudio; Lasagna (68′ Mbakogu).

 

A disposizione: Maurantonio, Inglese, Mbakogu, Gatto, Torelli, Laner, Pasini. Allenatore: Fabrizio Castori

 

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net  

LA PARTITA

PRIMO TEMPO

3' Gol del Carpi: verticalizzazione dal centrocampo modenese in direzione di Lasagna, che brucia in velocità Brighenti, si presenta solo davanti a Vigorito e lo trafigge sull’uscita. Carpi avanti

7′ angolo, cross di Di Gennaro da sinistra, destro di Sampirisi sporco, Brighenti gira a centro area, Gabriel c’è

9′ in un minuto dire occasioni. Prima Cocco anticipato a pochi passo da Gabriel, poi Giacomelli prova a replicare il gol di Modena, destro a giro dal limite fuori di pochissimo

Partita iniziata a ritmo vertiginoso, Vicenza che sta reagendo alla grande allo svantaggio

16′ Gol del Carpi: ancora Lasagna, gol fotocopia del precedente. Lancio in verticale, stavolta l’attaccante trafigge Vigorito con un potente diagonale mancino

29′ CARPI Bianco da fuori area, destro potente e palla che sorvola di poco la traversa di Vigorito

19″ punizione dai 25 metri, posizione centrale. Sinistro a superare la barriera di Di Gennaro, conclusione centrale, tutto facile per Gabriel

21′ ancora Lasagna, imprendibile. Diagonale mancino da dentro l’area, attento Vigorito

23′ terzo corner per i biancorossi, traversone dalla bandierina, testa di Gentili a centro area, blocca Gabriel

Carpi che difende in dieci, davanti il solo Lasagna, che peraltro finora basta e avanza. Micidiale l’uno-due di Lasagna, Vicenza che ora fatica a riprendersi

33′ crossa Garcia da sinistra, fortunato Gabriel, che smanaccia sul secondo palo giusto sulla testa di Cocco, poi palla sul fondo. Battibecco Cocco-Bianco per un presunto gomito alto del biancorosso. Richiamo verbale per entrambi di Di Paolo

34′ miracolo di Gabriel che devia in angolo una conclusione sottomisura praticamente a colpo sicuro di Cocco su un cross di Giacomelli. Nulla di fatto dalla bandierina

40′ crossa da sinistra Gagliolo, sul secondo palo ci prova Pasciuti in spaccata, palla sull’esterno della rete

44′ vicinissima al tris la squadra di Castori. Di Gaudio verticalizza in area per Letizia, che sporca il sinistro e spara sul fondo

SECONDO TEMPO

1′ proteste veementi di Moretti e Cocco per un tocco di mano in area di Romagnoli. Sorvola Di Paolo, tra gli ululati del Menti

Vicenza rientrato in campo con tanta voglia. I biancorossi stanno schiacciando i modenesi nella loro metà campo

5' GOL DEL VICENZA: percussione in area di Di Gennaro, Gabriel lo stende. a palla finisce a Cocco, che insacca a porta vuota. Ci stava anche un provvedimento nei confronti del portiere ospite

8′ altro miracolo di Gabriel, su destro di Giacomelli da distanza ravvicinata. Scatenati i biancorossi; Vicenza che ha provato a battere il ferro caldo dopo l’1-2, senza riuscirci. Ora il Carpi sembra avere rinsaldato le fila, capovolgimenti di fronte continui, uno dei più bei match visti al Menti negli ultimi anni!

21′ contropiede ben condotto da Lollo, lo ferma Di Gennaro all’ingresso in area berica

22′ ancora proteste per una caduta in area di Cocco su azione d’angolo. Fa proseguire Di Paolo

29′ punizione dalla trequarti di sinistra di Giacomelli, esce con i pugni e allontana Gabriel

34′ Laverone da fuori, in due tempi Gabriel ammortizza la sua conclusione centrale. Vicenza indomito e a trazione anteriore per il quarto d’ora finale

38′ bel traversone da sinistra di Giacomelli, troppo su Gabriel che blocca. Pubblico inferocito per le perdite di tempo del Carpi, oggetti in campo dai distinti

44′ ci prova Vita su azione d’angolo, girata di destro, palla alta sulla traversa

45’+2′ miracolo di Vigorito, che devia in angolo un diagonale di Mbakogu al culmine di un contropiede ospite

 

Pagelle della partita "VICENZA-CARPI"  

Vigorito 6: incolpevole sui gol del Carpi, è bravo su Mbakogu al 95′. Sampirisi 6,5: è il più positivo della linea difensiva. Nella ripresa Marino lo sposta a sinistra e lui risponde bene nonostante una contusione lo limiti nel finale. Brighenti 5,5: si fa sorprendere sul primo gol di Lasagna, poi commette errori che finora in questo campionato non aveva mai mostrato. Gentili 5,5: vale il discorso fatto per Brighenti, anche per lui non era giornata. Garcia Tena 5,5: a sinistra soffre in fase difensiva, e quando attacca non riesce mai ad essere incisivo. Vita 6: gioca da esterno alto con buona partecipazione alla manovra, si adatta bene anche quando Marino lo sposta a centrocampo. Moretti 6: pare in ripresa rispetto alle ultime partite, anche se il Moretti di Bologna è altra cosa. Ragusa s.v.: gioca meno di un quarto d’ora in cui il tempo effettivo, a causa delle continue sceneggiate a terra dei giocatori del Carpi, è molto limitato. Il suo ritorno in campo è una gran bella notizia, bentornato. Di Gennaro 7: dirige il centrocampo con la solita intelligenza e lucidità nonostante la partita si sia messa tutta in salita. E’ sfortunato quando perde palla a centrocampo, prende un giallo del tutto immeritato, e in sala stampa ha il coraggio di dire come sono andate le cose. Cinelli 6: lotta e combatte su tutti i palloni, anche se non è riuscito ad essere incisivo come altre volte. Laverone 6,5: corre per 98 minuti senza risparmiarsi. Nella ripresa torna a giocare da terzino e la sua prestazione risulta più che sufficiente. Cocco 7: nel primo tempo Gabriel gli nega un gol che sembrava già fatto, poi riapre la partita con il 15esimo gol della stagione. Cade nella provocazione dei carpigiani, cosa che in futuro deve evitare. Giacomelli 7: gioca un’altra gran bella partita, in cui spesso mette in difficoltà la difesa avversaria. Con un assolo da applausi, si costruisce l’occasione del 2 a 2, ma Gabriel lo stoppa con una grande parata a tu per tu.

Pasquale Marino 6,5: il Vicenza cade dopo undici risultati positivi pagando a caro prezzo un avvio un po’ disattento. In settimana lavora per non dare campo e spazi agli attaccanti del Carpi, ma l’avvio dei suoi non è come lo voleva. Sotto di due gol la squadra non molla e gioca un buon calcio, anche se stavolta non è bastato.

 

Arbitro: Aleandro Di Paolo di Avezzano. Assistenti: Filippo Valeriani di Ravenna, Stefano Liberti di Pisa. Quarto ufficiale: Marco Mainardi di Bergamo.

Ammoniti: Moretti, Sampirisi, Di Gennaro, Cocco (Vicenza) e allontanato dalla panchina il medico sociale del Vicenza Ragazzi; Lollo, Pasciuti, Sabbione (Carpi).

Spettatori: 10.118, paganti 10.009, incasso di 111.339 euro; abbonati 99, quota di 629 euro (pagavano anche gli abbonati, meno quelli di gennaio).

Possesso palla: 61 - 39

Tiri dentro/totali: 7/14 - 4/7

Palle giocate: 673 - 409

% passaggi riusciti: 66.2 - 43.5

Supremazia territoriale: 11'22'' - 05'51''

% attacco alla porta: 45.2 - 36.7

% protezione area: 63.3 - 54.8

% pericolosità: 54.1 - 44.3

Falli commessi: 14 - 19

Angoli: 8-1

Recuperi: 1' p.t., 6' s.t.

Maglia: giocatori: biancorossa; portiere: arancio. SPONSOR: BPViGO! 

Serata tiepida dopo una giornata di stampo primaverile, temperatura intorno ai 15 °C, terreno in buone condizioni.  


Torneo: 
Serie B

MODENA-VICENZA

| |
Stagione: 
2014-2015
Data: 
2015-03-21
Partita: 
MODENA-VICENZA
Risultato: 
1-2
Reti: 
1' Granoche (M), 25' Cocco (V) , 63' Giacomelli (V)
Stadio: 
Alberto Braglia di Modena
Formazione locale: 

MODENA (4-3-3) Pinsoglio; Calapai, Zoboli, Cionek, Rubin; Nizzetto, Schiavone, Martinelli (60′ Marsura); Fedato (87′ Acosty), Granoche, Garritano (78′ Beltrame)

A disposizione: Manfredini, Zucchini, Marzorati, Gozzi, Sakaj, Ferrari. Allenatore: Melotti – Pavan


Formazione ospite: 

VICENZA (4-3-3) Vigorito; Sampirisi, Brighenti, Gentili, D’Elia; Moretti, Di Gennaro, Cinelli; Laverone, Cocco, Giacomelli (77′ Vita)

 

A disposizione: Bremec, Edge, Camisa, Garcia, Alhassan, Mancini, Spinazzola, Ragusa. Allenatore:Pasquale Marino

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net  

LA PARTITA

PRIMO TEMPO

1' Gol del Modena: clamorosa disattenzione difensiva di Sampirisi, palla rubatagli da Fedato, cross morbido sul secondo palo per il solissimo Granoche, che insacca di testa indisturbato

4′ doppia conclusione dal limite dell’area da parte di Di Gennaro. Ribattuto il primo tiro, debole e centrale il secondo, tutto facile per Pinsoglio

9′ episodio controverso. Di Gennaro lancia Giacomelli in area, Pinsoglio in uscita frana su Cionek. I due rimangono a terra e la palla finisce a Giacomelli, che potrebbe segnare a porta vuota. Pasqua ferma tutto per lo scontro fra i due modenesi. Decisione dubbia. A sinistra il Modena fa male, ancora una iniziativa di Fedato (in grande spolvero in queste fasi iniziali) e Rubin mette in affanno la retroguardia berica. Vicenza che non ha iniziato il match con il consueto piglio e appare quasi timoroso

11' punizione dal limite dell’area. Sinistro a giro di Di Gennaro che sorvola di poco l’incrocio dei pali alla destra di Pinsoglio

15′ primo angolo per i padroni di casa. Cross in area, palla respinta, Cinelli si immola e respinge la conclusione violenta di Nizzetto

18′ lancio di Di Gennaro, fotocopia del precedente che aveva procurato lo scontro Pinsoglio-Cionek. Stavolta l’ex portiere biancorosso esce tempestivamente e blocca in uscita

20′ bel traversone di Sampirisi da destra, testa di Giacomelli a centro area, palla colpita troppo debolmente, para a terra Pinsoglio

21′ Calapai dai 20 metri, destro fuori misura, palla alta sulla traversa

22′ Cocco tiene conquista palla appena dentro l’area. L’intervento da dietro di Zoboli lascia qualche dubbio, fa proseguire Pasqua

25' GOL DEL VICENZA: lampo biancorosso che vale il pari. Giacomelli prova il tiro dal limite, Zoboli lo contrae. Ne nasce un pallone sporco che giunge al solissimo Cocco sul dischetto del rigore. Il bomber ha il tempo di prendere la mira e con un destro secco cecchinare Pinsoglio

27′ traversone di D’Elia da sinistra. Taglia bene dalla parte opposta Laverone, che arriva però sbilanciato all’impatto con la palla e ne tira fuori solo una conclusione sul fondo

31′ angolo per la formazione di Marino. Dalla bandierina il cross è di Giacomelli, nessun pericolo per Pinsoglio, la difesa di casa allontana

36′ azione d’attacco insistita dei padroni di casa. Doppio cross di Calapai, mischione in area con colpo di testa svirgolato di Granoche e poi un tentativo ribattuto di Rubin. Alla fine ferma tutto Pasqua per un fuorigioco

39′ sinistro da fuori area di Laverone, sfera alle stelle

43′ secondo corner berico, cross di Giacomelli, palla spizzata sul primo palo da Cinelli. Palla che si impenna e viene poi recuperata senza patemi da Pinsoglio

SECONDO TEMPO

3′ punizione dalla trequarti mancina. Calcia Di Gennaro in area, spazza Granoche in ripiegamento difensivo

3′ ribaltamento di fronte e destro dal limite dello stesso Granoche, palla svirgolata che termina direttamente sul fondo

5′ cross di Calapai da destra, si rifugia in angolo Sampirisi. Angolo battuto corto, poi sul traversone in area si crea una mischia in cui Brighenti sembra bloccare a terra Granoche. Pasqua fischia una punizione in favore dei biancorossi, fra le proteste del Braglia gialloblu

Fasi concitate. Due o tre decisioni dubbie di Pasqua, tutte a sfavore dei padroni di casa, stanno innervosendo giocatori e tifosi modenesi

11′ altro corner per la formazione di Marino, senza pericoli per Pinsoglio

12′ Cinelli crossa da sinistra, testa di Cocco a centro area. Palla solo sporcata e che si alza a campanile, dopo un rimbalzo la controlla Pinsoglio. Fase confusa e agonisticamente molto calda del match

18' GOL DEL VICENZA: straordinario gol di Giacomelli, quasi una rete “alla Del Piero”. Cinelli lo serve al limite dell’area, versante mancino. Il fantasista rientra sul destro e con una conclusione a giro che si spegne all’incrocio dei pali fa secco Pinsoglio, vanamente proteso in tuffo 

20′ ci prova di testa Granoche, su un cross da sinistra, nessun problema per Vigorito

24′ punizione dai trenta metri, posizione centrale. Destro di Schiavone, palla che si infrange sulla barriera berica

36′ tiro-cross di Calapai, non arriva per un soffio Granoche alla deviazione vincente a centro area

37′ punizione sul fronte di sinistra dell’attacco modenese, quasi un corner. Sul cross in mezzo colpisce di testa Zoboli, palla alta sulla traversa

40′ cross da sinistra, deviazione di testa a centro area di Granoche, sfera sul fondo. Tutto fermo, l’attaccante era in fuorigioco

43′ azione quasi di stampo rugbistico dei padroni di casa, palla a Granoche al limite, destro che fa terminare la sfera alta sulla traversa

45'+4' Cocco si conquista una punizione da ultimo minuto, un’altra la prende Brighenti, è finita, il Vicenza si avvia a sbancare il Braglia

 

Pagelle della partita "MODENA-VICENZA"  

Vigorito 6: neanche il tempo di ambientarsi tra i pali che viene trafitto da Granoche. Il resto del match è ordinaria amministrazione o quasi. Sampirisi 6: la palla persa in favore di Rubin, che crossa per il gol del Modena, poteva tagliargli le gambe, invece si riprende in fretta dimostrando carattere. Bello l’abbraccio che Cocco gli riserva dopo il gol a dimostrazione dell’unità del gruppo. Brighenti 7: un’altra partita maiuscola per il “Cannavaro dei Berici”. Granoche timbra ad inizio gara poi non si vede praticamente più. Gentili 7: nettamente meglio rispetto alla gara con il Catania. Attento e preciso, davanti a Vigorito il Modena di pericoli praticamente non ne crea. D’Elia 6,5: l'intesa con Giacomelli è spettacolare per la precisione nei tempi degli inserimenti. In qualche occasione soffre un po’ nella fase difensiva come quando Fedato lo costringe al fallo da ammonizione che gli costa la prossima gara con il Carpi. Moretti 6,5: la fase di appannamento non sembra ancora del tutto superata ma appare in crescita rispetto alle ultime uscite. Di Gennaro 7: è lui a prendere per mano la squadra dopo il gol del Modena , cercando di diventare ex al veleno. Piace per come interpreta la gara non solo in costruzione ma anche quando si tratta di recuperare palla. Cinelli 7: seconda parte di gara da circoletto rosso per il capitano biancorosso che sulla corsia di sinistra con Giacomelli e D’Elia non concede tregua al Modena. Corre senza sosta dando concretezza e sostanza al centrocampo biancorosso. Laverone 6,5: "Duracell” oggi è un po’ meno protagonista del solito in avanti, ma non manca di dare il suo contributo per mettere in cassaforte la vittoria. Cocco 7,5: bravo ad intuire lo sviluppo dell’azione in occasione del gol del pari, dove dimostra per la quattordicesima volta in questa stagione il suo fiuto da bomber.  Sgomita e lavora sporco in avanti, dimostrando perchè quando manca la sua assenza si sente eccome. Giacomelli 7,5: è sicuramente tra i biancorossi più in forma del momento. Nel primo tempo “svetta” di testa ma colpisce debole graziando Pinsoglio, è lui a creare i presupposti per il gol di Cocco. La perla arriva nella ripresa ed è incastonata all’incrocio dei pali alle spalle dell’ex compagno vanamente proteso in tuffo.  Nel mezzo tanta corsa ma anche tanta qualità. Vita s.v.: un quarto d’ora in campo al posto di un esausto Giacomelli.

Pasquale Marino 7: dopo tre pareggi la squadra riprende a correre e lo fa ancora una volta attraverso il gioco. La calma e la pazienza con cui i suoi reagiscono al gol subito sono doti da grande squadra che denotano carattere e sicurezza nei propri mezzi. Ancora una volta si dimostra refrattario ai cambi, ma la condizione e i risultati gli danno ragione.

 

Arbitro: Fabrizio Pasqua di Tivoli. Assistenti: Damiano Di Iorio di Verbania, Daniele Bindoni di VeneziaQuarto ufficiale: Daniele Chiffi di Padova.

Ammoniti: Garritano, Martinelli, Nizzetto (Modena); Moretti, D'Elia (Vicenza). 

Spettatori: paganti 2.032, incasso di 18.832 euro; abbonati 3.621, quota di 25.281 euro.

Possesso palla: 44 - 56

Tiri dentro/totali: 1/7 - 5/12

Palle giocate: 478 - 615

% passaggi riusciti: 54.6 - 63.2

Supremazia territoriale: 08'00'' - 10'48''

% attacco alla porta: 38.8 - 43.3

% protezione area: 56.7 - 61.2

% pericolosità: 28.6 - 49.5

Falli commessi: 17 - 13

Angoli: 2-3

Recuperi: 1'p.t., 4' s.t.

Maglia: giocatori: biancorossa; portiere: verde

Pomeriggio nuvoloso, temperatura intorno ai 13-14 °C, terreno in buone condizioni.

Torneo: 
Serie B

VICENZA-CATANIA

| |
Stagione: 
2014-2015
Data: 
2015-03-16
Partita: 
VICENZA-CATANIA
Risultato: 
0-0
Stadio: 
Romeo Menti di Vicenza
Formazione locale: 

VICENZA (4-3-3) Vigorito; Sampirisi, Brighenti, Gentili, D’Elia; Moretti (66′ Sbrissa ), Di Gennaro, Cinelli; Laverone (82′ Vita), Petagna (23′ Spinazzola), Giacomelli.

A disposizione: Bremec, Camisa, Garcia, Alhassan, Mancini, Ragusa. Allenatore: Pasquale Marino


Formazione ospite: 

CATANIA (4-1-2) Gillet; Ceccarelli, Schiavi, Capuano; Parisi, Sciaudone (58′ Escalante), Odjer, Mazzotta; Rosina; Calaiò (64′ Maniero), Castro (90′ Rossetti).

A disposizione: Terracciano, Sauro, Lovric, Jankovic, Di Grazia, Barisic. Allenatore: Dario Marcolin

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net  

LA PARTITA

PRIMO TEMPO

Un minuto di silenzio in memoria dell’arbitro Colosimo, scomparso tragicamente domenica 8 marzo

3′ clamorosa doppia chance per Laverone e Petagna in rapida successione, dopo un incredibile svarione di Capuano. Gillet è bravissimo a metterci una pezza, ribattendo entrambe le conclusioni ravvicinate

10′ primo tentativo ospite, conclusione timida di Odjer, palla al fondo

12′ si infrange sulla barriera il destro dai 30 metri di Moretti su punizione

13′ molto pericoloso Giacomelli, che scarica il destro su una seconda palla dopo un cross di D’Elia respinto dalla difesa. Sfera che sorvola di pochissimo la traversa della porta ospite

17′ taglio di Giacomelli per Petagna, troppo lungo

18′ Castro da fuori, Vigorito para in due tempi badando più alla sostanza che allo stile

26′ bel cross di Moretti da destra, Spinazzola anticipato da Schiavi

27′ Di Gennaro da fuori, centrale, para facile Gillet

35′ verticalizzazione per Calaiò, Vigorito lo stoppa nell’uscita uno contro uno. Gioco fermo per un precedente fallo in favore degli etnei. La punizione calciata dallo stadio Calaiò si infrange sulla barriera

36′ primo corner del match, lo battono gli ospiti, senza esito

40′ ancora Di Gennaro dalla distanza, sfera sul fondo

SECONDO TEMPO

1′ inizio col botto dei biancorossi. Giacomelli crossa da sinistra, al centro è pronto alla deviazione Laverone, palla ribattuto in angolo dallo stinco di un difensore. Dalla bandierina nessun problema per Gillet

2′ tiraccio dalla distanza di D’Elia, sfera altissima sulla traversa di Gillet

8′ non in grande serata Moretti, completamente fuori misura un suo cross da destra

12′ su cross da destra di Laverone Gentili segna un gol bellissimo, tutto fermo post un precedente fuorigioco

20' traversone da destra, testa di Cinelli, palla che si alza a campanile, para facile Gillet

26′ cross di Spinazzola da sinistra, tutto semplice per Gillet

28′ Ceccarelli cintura Spinazzola in area, più di un dico sul rigore, Gavillucci fa proseguire

34′ splendida verticalizzazione di Rosina per Castro, che aggancia bene e si incolla verso Vigorito. Bravissimo il portiere a chiudere in uscita e sventare la minaccia

43′ gran destro di Di Gennaro dai 25 metri, vola a bloccare plastico Gillet 


Pagelle della partita "VICENZA-CATANIA"  

Vigorito 6: un paio di sbavature senza conseguenza, e un’uscita determinante su Castro lanciato a rete. Sampirisi 6,5: bene sia in fase difensiva che di spinta. Alla fine riceve anche i complimenti del tecnico del Catania Marcolin. Brighenti 6,5: gioca sull’anticipo con la consueta abilità, azzerando Calaiò prima e Maniero dopo. Gentili 6: sbaglia un paio di interventi e concede a Castro l’unica palla gol del Catania, ma per il resto chiude bene. Segna un gol da centravanti, purtroppo in posizione di fuorigioco. D’Elia 6,5: nei minuti iniziali, in coppia con Giacomelli, mette in difficoltà il Catania. Poi perde il compagno di fascia, ma la sua prova resta più che positiva. Moretti 5,5: sbaglia tanti passaggi e soprattutto dà la netta impressione di aver bisogno di recuperare energie sia fisiche che mentali dopo la serata da incorniciare di Bologna. Sbrissa 6: entra con personalità, ma anche lui sbaglia qualche pallone di troppo. Di Gennaro 6,5: in un campo che danneggia le sue qualità tecniche prova a costruire gioco senza buttare via mai un pallone. Ci prova anche con il tiro da fuori e all’88esimo impegna Gillet con un sinistro che il portiere del Catania è bravo a bloccare. Cinelli 6: combatte sulla corsia di sinistra contro i pari ruolo del Catania. Cerca senza fortuna un paio di inserimenti in area avversaria. Laverone 6: dopo tre minuti ha sul piede il pallone per sbloccare il match ma calcia addosso a Gillet. Tenta di farsi perdonare con una gara generosa e nel complesso positiva, ma l’uscita dal campo di Petagna per infortunio lo limita al momento del cross. Vita s.v.: una decina di minuti nel finale, troppo pochi per incidere sulla partita. Petagna 6: inizia determinato e positivo, muovendosi bene tra i centrali del Catania. Quando esce per infortunio la manovra del Vicenza si inceppa, a conferma che nel gioco di Marino una punta centrale di riferimento è fondamentale. Spinazzola 5,5: non ha l’impatto postivo di Pescara, non riuscendo mai ad essere determinanate sulla fascia. Non salta quasi mai il diretto avversario, e quando lo fa sbaglia il cross. Ha il merito di guadagnarsi un rigore molto evidente che solo il pessimo Gavillucci non vede. Giacomelli 6,5: inizia molto bene sulla corsia mancina, ed è un peccato che per necessità di squadra il tecnico biancorosso lo debba spostare al centro dell’attacco. Il campo pesante lo penalizza, ma lui conferma la sua buona vena con parecchi spunti che creano scompiglio nella difesa etnea.

Paquale Marino 6: il Vicenza arriva al decimo risultato utile consecutivo e questo è un grande merito suo e della squadra. La serata non è certo delle più fortunate perchè, oltre al campo pesante che ha favorito senza dubbio il Catania, perde subito Petagna proprio quando Cocco è squalificato. Pur con qualche singolo sotto tono, il Vicenza ci ha provato fino alla fine e il punto sta decisamente stretto ai biancorossi. 

 

Arbitro: Claudio Gavillucci di Latina. Assistenti: Maurizio De Troia di Termoli, Alessio Tolfo di Pordenone. Quarto ufficiale: Pierantonio Perotti di Legnago.

Ammoniti: Giacomelli (Vicenza); Capuano, Odjer, Escalante (Catania).

Spettatori: 8.757 di cui 3.346 paganti per un incasso di 41.293 euroabbonati 5.411 quota di 16.272 euro.

Possesso palla: 60 - 40

Tiri dentro/totali: 5/11- 1/7

Palle giocate: 711 - 457

% passaggi riusciti: 70.0 - 56.2

Supremazia territoriale: 12'28'' - 07'35''

% attacco alla porta: 42.3 - 39.3

% protezione area: 60.7 - 57.7

% pericolosità: 42.3 - 20.9

Falli commessi: 6 - 18

Angoli: 1-1

Recuperi: 1' p.t., 4' s.t.

Maglia: giocatori: biancorossa; portiere: bianca camoufage.

Serata di pioggia piuttosto fredda (7 °C), terreno viscido.


Torneo: 
Serie B
Syndicate content