Girone di Ritorno

VICENZA-PRO VERCELLI

| |
Stagione: 
2015-2016
Data: 
2016-03-01
Partita: 
VICENZA-PRO VERCELLI
Risultato: 
1-1
Reti: 
16' Ebagua (V), 33' Beretta (PV)
Stadio: 
Romeo Menti di Vicenza
Formazione locale: 

VICENZA (4-3-3) Vigorito; Sampirisi, Brighenti, Ligi, D’Elia (65′ Piinato); Bellomo (62′ Galano), Moretti, Signori; Laverone, Ebagua, Giacomelli (75′ Raicevic)

A disposizione: Benussi, El Hasni, Bianchi, Modic, Paganin, Adejo. Allenatore: Pasquale Marino


Formazione ospite: 

PRO VERCELLI (5-3-2) Pigliacelli; Germano (62′ Berra), Bani, Coly, Mammarella; Scavone, Budel, Castiglia; Malonga (84′ Mustacchio), Beretta (69′ Marchi), Emmanuello

A disposizione: Melgrati, Redolfi, Marchi, Filippini, Ardizzone, Forte, Legati.Allenatore: Claudio Foscarini

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net  

LA PARTITA

PRIMO TEMPO

7′ cross di Mammarella, colpo di testa di Beretta respinto da Vigorito in uscita

10′ buon cross di Sampirisi dalla destra, Giacomelli ci prova ma la sua posizione è irregolare

13′ Sampirisi vince un rimpallo al limite dell’area e prova il destro: conclusione che si spegne sopra la traversa

15′ punizione dal limite, Moretti tocca per Ebagua: conclusione deviata in angolo

16' GOL DEL VICENZA: cross di Laverone dalla destra sul secondo palo dove Ebagua tutto solo può esplodere il sinistro che si insacca sotto la traversa alle spalle di Pigliacelli

20′ Ebagua scatenato si libera sul versante destro dell’area, il suo diagonale si spegne a lato

24′ contropiede pericoloso interrotto da un ottimo intervento difensivo di Ligi

27′ batti e ribatti in area con la palla che arriva sui piedi di Castiglia che prova la conclusione di esterno sinistro di poco a lato

29′ Baretta al centro dell’area prova la conclusione ma Sampirisi gli toglie il pallone in maniera provvidenziale

31′ sul secondo calcio d’angolo per i biancorossi colpo di testa di Brighenti che termina abbondantemente sopra la traversa

33' GOL DELLA PRO VERCELLI: Emmanuello prova la conclusione da fuori, Beretta sulla traiettoria devia la palla in rete. Nell’occasione, il Vicenza era in dieci uomini con Brighenti fuori campo per un colpo subìto al capo

37′ Castiglia ci prova dalla distanza e costringe Vigorito al balzo per togliere la palla dall’angolino

45'+1' contropiede di Signori che serve Giacomelli che, al limite, prova il tiro a giro: Pigliacelli c’è

Non particolarmente convincente il primo tempo di un Vicenza che esce tra i fischi. Pur nelle migliori condizioni per il gol realizzato in apertura da Ebagua, i biancorossi non sono riusciti a conservare il vantaggio, andando più volte in affanno sugli attacchi degli ospiti che appaiono anche più tonici fisicamente. E’ soprattutto nella mediana che i biancorossi paiono in difficoltà con Bellomo e Signori che non appaiono molto brillanti e un Moretti che va a corrente alternata. In avanti Ebagua oltre alla rete ha fatto vedere qualche altro spunto mentre si è visto poco Giacomelli.  Qualche perplessità invece ha destato dietro Sampirisi che, al rientro dopo due turni di squalifica, ha perso più di qualche pallone in maniera anche banale.

SECONDO TEMPO

2′ cross di Bellomo in area pizzicato di testa da Ebagua, la palla esce sul fondo ben lontano dai pali

6′ doppio corner consecutivo per i biancorossi, sul secondo salta Signori che tocca di testa ma manda altissimo

21' rigore per il Vicenza: fallo di Bani su Galano lanciato a rete. Sul dischetto Ebagua che si fa parare il tiro calciato centralmente da Pigliacelli

24′ ci prova Galano con un sinistro da fuori con palla che termina alta sopra la traversa

36′ su cross di Sampirisi ci prova di testa Raicevic ma l’incornata non riesce e la palla sfila sul fondo

38′ ancora Sampirisi al cross e stavolta e Ebagua a colpire di testa mandando alto

43′ Galano in area per Raicevic che si libera bene al tiro con un sinistro che sorvola di un palmo l’incrocio

45′+4′  nuovo pareggio per i biancorossi al Menti. Squadra che esce tra i fragorosi fischi del pubblico

Secondo tempo giocato quasi totalmente nella metà campo avversaria per il Vicenza, ma non è bastato per ottenere la vittoria. Pesa come un macigno il rigore fallito da Ebagua, mentre nel proseguio i biancorossi hanno faticato a fare breccia nella munitissima difesa della Pro Vercelli che ha badato quasi solamente a difendersi ma lo ha fatto in maniera efficace al punto che Pigliacelli di fatto ha dovuto solo fare una parata, ma decisiva, sul penalty. Nono pareggio in casa per i biancorossi con sole due vittorie al Menti, e  un cammino verso la salvezza che si fa decisamente duro alla luce di un quintultimo posto che il Vicenza non è riuscito ad abbandonare. mancando l’appuntamento con la vittoria in questa delicata sfida salvezza.

 

 

Pagelle della partita "VICENZA-PRO VERCELLI"

Vigorito 6,5: nel primo tempo interviene bene su un colpo di testa ravvicinato di Berretta ed è bravo a rispondere al fendente di Castiglia dalla distanza, nella ripresa si limita ad assistere al lungo monologo biancorosso e a controllare in scioltezza un colpo di testa dell’ex Mustacchio. Sampirisi 5,5: al rientro dopo lo stop forzato di due turni appare un po’ spaesato. Qualche buona iniziativa in avanti ma anche tanti errori che normalmente non gli appartengono, uno dei quali innesca una pericolosa ripartenza della Pro Vercelli, fortunatamente senza conseguenze. Brighenti 6: tra i più positivi quanto a determinazione e coraggio e la curva apprezza. Si fa male in proiezione offensiva e il Vicenza paga carissimo perché, con lui fuori a farsi medicare, arriva il gol del pari ospite. Ligi 6: dal mercato di gennaio è arrivato questo lungagnone che nelle partite fin qui disputate ha fatto vedere buone cose. Anche ieri una prova attenta e senza errori particolari. D’Elia 6: la sua partita dura poco più di un’ora poi si deve arrendere ad un problema muscolare.  Al di là della prestazione non esaltante di ieri, il timore è che il Vicenza possa perdere un uomo importante in una fase fondamentale del campionato. Pinato 5,5: prova a fare il vice D’Elia con alterne fortune. Qualche pallone poteva essere gestito meglio. Bellomo 5: giocatore difficile da decifrare e che nel modulo del Vicenza sembra spaesato.  Trascorre i suoi 62 minuti in campo senza incidere e suscitando diverse perplessità. Il cambio arriva inevitabile. Galano 6: entra indiavolato e si conquista subito un rigore che però non gli lasciano battere come vorrebbe, il successivo errore di Ebagua deprime più lui che il nigeriano. Moretti 5,5: cerca di dettare i tempi della manovra ma va un po’ a corrente alternata. Ha anche la possibilità di calciare una punizione delle sue ma stavolta la mira non è precisa come nel match della scorsa stagione. Signori 6: combattente. Gioca fino all’ultimo minuto di gara senza risparmiarsi. Non sempre fluido nelle giocate ma di sicuro utile nelle due fasi. Laverone 6: dal suo cross nasce il gol di Ebagua. Più intraprendente nel primo tempo quando la difesa della Pro Vercelli lascia qualche spazio in più, poi anche lui deve fare i conti con il muro dei piemontesi. Ebagua 5,5: sarebbe da sufficienza abbondante perché battezza il primo gol in biancorosso e disputa complessivamente una buona gara. L’errore dal dischetto però è grave, non solo perché il penalty è calciato malissimo ma per il tiramolla con Galano che precede l’esecuzione. In quel momento bisognava usare la testa non l’istinto. Giacomelli 5: brutta partita poco da dire. Un solo tiro nel primo tempo che Pigliacelli blocca senza problemi, poi tanto frullare senza costrutto. L’ammonizione sulla caduta in area è esagerata però deve essere consapevole che ormai con gli arbitri va così: non è previsto che si possa cadere anche se la spinta non è da rigore. Detto questo, i fischi con cui viene accompagnata la sua sostituzione sono decisamente esagerati perché riservati ad un giocatore che in campo non si risparmia mai. Raicevic  6: si fa vedere con un bel movimento in area accompagnato da un tiro che esce di un palmo sopra l’incrocio.  Nei venti minuti in cui sta in campo difficile tirare fuori molto di più.

Pasquale Marino 5: comincia a mandare qualche preoccupante ma umano segnale di nervosismo. Chiede l’appoggio dei tifosi nel momento delicato ed è comprensibile, il problema è che la pazienza dei tifosi, verso la società è terminata da un pezzo e la tregua, scaturita dalla scorsa stagione, non poteva durare a lungo con un nuovo campionato di sofferenza.  La squadra non lesina impegno ma 9 pareggi e due sole vittorie in 14 gare al Menti non sono un buon viatico verso la salvezza. Inoltre l’episodio del rigore con un rigorista designato (Galano) che viene bypassato da un compagno, fa seguito a quanto già accaduto in passato sul rigore fallito da Giacomelli con il Crotone. Sarebbe meglio mettere in chiaro che i pari-dispari pre penalty solitamente portano a risultati pessimi al momento dell’esecuzione. In futuro speriamo di non assistere più ad altre manfrine del genere; se non altro che sbagli chi è designato a tirare.


Arbitro: Daniele Minelli di Varese. Assistenti: Stefano Bellutti di Trento, Damiano Margani di LatinaQuarto ufficiale: Daniele Chiffi di Padova.

Ammoniti: Giacomelli (Vicenza); Castiglia, Bani, Mustacchio (Pro Vercelli).

Spettatori: 6.861 totali per un incasso complessivo di 45.774 euro; 992 paganti (quota 10.090 euro) e 5.869 abbonati (per un rateo di 35.684 euro).

Possesso palla: 58 - 42

Tiri dentro/totali: 3/19 - 4/12

Palle giocate: 671 - 452

% passaggi riusciti: 70.3 - 57.7

Supremazia territoriale: 16'30'' - 06'31''

% protezione area: 59.6 - 56.4

% attacco alla porta: 43.6 - 40.4

% pericolosità: 48.4 - 38.4

Angoli: 6 - 4

Recuperi: 1' p.t., 4' s.t.

Maglia con toppa "Serie B-ConTe.it" e logo ESTEL: giocatori: biancorossa; portiere: azzurra.

Serata non fredda, temperatura ad inizio gara di circa 9 gradi, terreno in discrete condizioni.

Torneo: 
Serie B

VICENZA-AVELLINO

| |
Stagione: 
2015-2016
Data: 
2016-02-20
Partita: 
VICENZA-AVELLINO
Risultato: 
0-0
Stadio: 
Romeo Menti di Vicenza
Formazione locale: 

VICENZA (4-3-3) Vigorito, Laverone, El Hasni, Ligi, D’Elia; Sbrissa, Bellomo, Signori (74′ Ebagua); Galano (61′ Vita), Raicevic, Giacomelli

A disposizone: Benussi, Brighenti, Pozzi, Pinato, Cisotti, Bianchi, Modic. Allenatore: Pasquale Marino


Formazione ospite: 

AVELLINO (4-3-1-2) Frattali, Pisano (28′ Nica), Biraschi, Jidayi, Visconti (83′ Bastien); Arini, Paghera, Gavazzi; Insigne (81′ Migliorini); Mokulu, Tavano

A disposizione: Bianco, Offredi, D’Angelo, Pereira, Sbaffo, D’Attilio. Allenatore:Attilio Tesser

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net  

LA PARTITA

PRIMO TEMPO

3′ azione pericolosa dei biancorossi con Giacomelli che serve Signori in area, palla indietro ma Sbrissa toglie la sfera a Raicevic che stava per concludere e sul rinvio corto dell’Avellino Bellomo spara fuori.

15′ discesa in profondità di Sbrissa che giunto al limite dell’area sul versante destro calcia piuttosto centralmente permettendo a Frattali di intervenire

17′ calcio di punizione battuto da Bellomo direttamente in area verso Raicevic che tenta l’intervento in acrobazia ma viene ostacolato forse irregolarmente. Aureliano lascia proseguire

21′ sul primo angolo della gara clamoroso palo degli ospiti con Tavano che dopo una deviazione di testa di Arini colpisce il legno praticamente dalla linea di porta

30′ palla in profondità su Mokulu su cui esce Vigorito. La carambola colpisce il giocatore avellinese ed esce sul fondo ma Aureliano concede un angolo che non c’era

37′ errore incredibile di El Hasni a metà campo che fa partire Mokulu in contropiede . Provvidenziale l’intervento di Vigorito in uscita sul giocatore  congolese

43′ tentativo dal limite di Galano ma il sinistro è debole e Frattali blocca in scioltezza

44′ Galano in area tocca di testa servendo involontariamente all’indietro Sbrissa che prova un pallonetto che però non trova lo specchio della porta

45′+2′ fischia Aureliano decretando la fine della prima frazione. E’ stato un Vicenza poco convincente che appare slegato nella costruzione della manovra e che finora pare patire le assenze di Moretti in mediana e Brighenti in difesa, dove El Hasni ancora una volta sembra in netta difficoltà. Poco incisivo anche il trio d’attacco, finora abbastanza agevolmente contenuto dalla difesa ospite.

SECONDO TEMPO

2′ punizione calciata da Galano su cui interviene di testa Giacomelli spedendo alcuni metri sul fondo

5′ Jidayi di testa insidia la porta di Vigorito su angolo  battuto da Insigne

11′ cross in area di Signori su cui svetta Raicevic colpendo di testa ma troppo centralmente per impensierire Frattali

23′ calcio di punizione a due in area per gli ospiti per un passaggio indietro di Ligi verso Vigorito fatto nel tentativo di anticipare Mokulu

24′ il calcio di punizione battuto da Tavano colpisce la barriera e finisce in corner

26′ rapido contropiede condotto da Laverone che serve in area Vita il cui diagonale termina di qualche metro sul fondo.

28′ ancora biancorossi vicini al gol con Giacomelli che gira al volo un cross di Vita, mancando il bersaglio di qualche metro

30′ ci prova Tavano al volo all’ altezza del secondo palo, risponde in corner Vigorito

45′+3′ fischio finale di Aureliano che manda tutti a casa.

Ennesimo pareggio al Menti per il Vicenza che proprio tra le mura amiche non riesce a cambiare passo. L’Avellino sceso per prendere un punto lo conquista tutto sommato agevolmente al termine di una gara che non ha riservato una grande cifra di gioco tra le due squadre.

 

Pagelle della partita "VICENZA-AVELLINO"

Vigorito 7: sempre attento in tutta la gara. Esce in maniera provvidenziale su Mokulu alla mezz’ora del primo tempo, bene anche su Tavano allo stesso minuto della ripresa. Laverone 6: a destra con Sbrissa e Galano non sempre funziona tutto a dovere, però è anche il versante da dove nascono le (poche) occasioni interessanti per i biancorossi. Nel finale serve un’ottima palla a Vita che l’esterno non concretizza nella maniera migliore. El Hasni 5,5: Marino considera la sua una prova positiva. In realtà pasticcia un po’ palla al piede e commette un paio di ingenuità piuttosto evidenti che potevano costare caro. Nel finale però è provvidenziale in chiusura su Insigne. Ligi 6,5: contro la sua ex squadra si vede che ci tiene a fare bene. Ne esce una prestazione di buona sostanza, con un’unica sbavatura in fase di disimpegno su cui poi è lui stesso che va a rimediare senza che ne scaturiscano conseguenze. D’Elia 6: ormai si sa che il Vicenza a sinistra costruisce spesso le sue fortune e l’Avellino si premunisce coprendo con efficacia, a volte anche ricorrendo al fallo tattico. Contenuto nelle sue consuete scorribande, in fase difensiva non soffre più di tanto. Sbrissa 6: tra i più pimpanti, anche se non sempre abbina l’intraprendenza alla precisione. Al quarto d’ora prova un “coast to coast” concluso però da un tiro troppo scolastico. Nella ripresa reclama un rigore, su cui si può discutere, ma che è di sicuro più rigore di quello concesso a Lapadula nella gara di Pescara. Bellomo 5,5: ha sui piedi delle buone occasioni che uno come lui dovrebbe sapere sfruttare meglio, compreso un interessante calcio di punizione dal limite, su cui assume una postura alla Cristiano Ronaldo per poi calciare contro la barriera come un “Mario Bianchi” qualsiasi. Signori 6,5: non si arrende alla febbre che lo ha colpito in settimana e, fin quando ne ha, gioca una gara preziosa nelle due fasi, anche se si vede che non è al meglio. Ebagua 5,5: Marino lo mette in campo con la speranza di creare qualcosa di più in avanti ma i risultati non sono apprezzabili. Galano: 6 – Non ripete la gara maiuscola dell’andata, pur cercando di creare dei pericoli per la difesa dei lupi. Viene sostituito probabilmente per un problema muscolare dopo un quarto d’ora della ripresa. Vita 6: vivacizza il finale con un diagonale fuori di poco su servizio di Laverone e con un cross su cui Giacomelli prova il gol da urlo. Raicevic 6: con Jidayi è una guerra muscolare che finisce sostanzialmente alla pari. Non riesce ad andare al tiro ma cerca comunque di rendersi utile alla causa facendo sponda e recuperando palloni. Purtroppo non basta perchè la squadra trovi il gol. Giacomelli 6: da qualche tempo stenta a carburare e da il meglio di sè nei secondi tempi. Anche con l’Avellino è così e nella ripresa fa un po’ meglio rispetto ad un primo tempo opaco. E’ sempre su di lui comunque che gli avversari devono spendere la maggior parte delle ammonizioni.

Pasquale Marino 6: la squadra, rivoluzionata nei suoi elementi dal mercato e dagli infortuni, ha comprensibili problemi di intesa e sembra a volte lunga e scollegata. C’è lavoro da fare in un momento di classifica dove bisogna ridurre gli errori al minimo. Certo due sole gare vinte in casa su 13 giocate, sono decisamente poche.

 

 

Arbitro: Gianluca Aureliano di Bologna. Assistenti: Simone Di Francesco di Teramo, Giovanni Colella di PadovaQuarto ufficiale: Francesco Guccini di Albano Laziale.

Espulso: all'84' Pasquale Marino (allenatore Vicenza) per proteste. 

Ammoniti: El Hasni, Ebagua, Bellomo (Vicenza); Pisano, Insigne, Mokulu, Visconti, Nica (Avellino).

Spettatori: 7.493 totali per un incasso complessivo di 55.878 euro; 1.624 paganti (quota 20.194 euro) e 5.869 abbonati (per un rateo di 35.684 euro).

Possesso palla: 51 - 49

Tiri dentro/totali: 3/18 - 5/9

Palle giocate: 477 - 439

% passaggi riusciti: 52.9 - 50.0

Supremazia territoriale: 09'59'' - 08'50''

% protezione area: 58.1 - 50.8

% attacco alla porta: 49.2 - 41.9

% pericolosità: 32.1 - 33.5

Angoli: 3 - 6

Recuperi: 2' p.t., 3' s.t.

Maglia con toppa "Serie B-ConTe.it" e logo ESTEL: giocatori: biancorossa; portiere: azzurra.

Pomeriggio mite e a tratti ventoso, temperatura ad inizio gara di circa 11 gradi, terreno in discrete condizioni.

Torneo: 
Serie B

PESCARA-VICENZA

| |
Stagione: 
2015-2016
Data: 
2016-02-12
Partita: 
PESCARA-VICENZA
Risultato: 
1-1
Reti: 
73' Signori (V), 92' Lapadula (P)
Stadio: 
Adriatico di Pescara
Formazione locale: 

PESCARA (4-3-2-1) Fiorillo; Zampano, Fornasier (81′ Acosta), Zuparic, Mazzotta; Memushaj, Torreira, Benali; Verde (63′ Pasquato), Mitrita (63′ Cocco); Lapadula

A disposizione: Aresti, Milillo, Vitturini, Cappelluzzo, Bruno, Selasi. Allenatore: Massimo Oddo


Formazione ospite: 

VICENZA (4-3-3) Benussi; Laverone, Sampirisi, Ligi, D’Elia; Sbrissa, Moretti, Signori (90′ Bellomo); Galano (85′ El Hasni), Ebagua (75′ Raicevic), Vita

A disposizione: Vigorito, Bianchi, Pinato, Modic, Cisotti, Pozzi. Allenatore: Pasquale Marino

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net  

LA PARTITA

PRIMO TEMPO

2′ Vita, pescato in area, scivola e non riesce a concludere da ottima posizione

4′ tiro pericoloso di Ebagua, para Fiorillo

6′ azione insistita dei padroni di casa, la difesa biancorossa riesce a spazzare

12′ Vita, imbeccato da Signori, prova il tiro dal limite: la palla si spegne sopra la traversa

13′ Verde ruba palla a D’Elia e va alla conclusione dalla sinistra,  nessun problema per Benussi

16′ Lapadula sbaglia in area il controllo, Benussi esce e fa sua la sfera

20′ tiro di Torreira dalla distanza, palla debole tra le braccia di Benussi

24′ D’Elia mette palla al centro, Ebagua non arriva alla deviazione e la sfera finisce così tra le mani di Fiorillo

28′ Galano scarica per Ebagua che in area fa partire un tiro pericoloso: bella parata di Fiorillo

30′ Lapadula prova a concludere da buona posizione, tiro ribattuto e area liberata da Laverone

31′ Mitrita prova la conclusione dalla lunga distanza, palla alta

35′ Mitrita cerca l’angolo più lontano, la palla si spegne a lato

39′ tiro dal limite di Memushaj, sfera a lato

41′ Signori mette un cross pericoloso in area, Galano, scoordinato, intercetta la palla con la schiena e conclude sul fondo

45′ scontro fortuito tra Vita ed Ebagua con il primo che sembra avere la peggio rimanendo a terra per qualche secondo

48′ tiro di Galano deviato in angolo

48′ finisce a reti inviolate la prima frazione di gioco all’Adriatico. Buon primo tempo del Vicenza che ha creato diverse occasioni pericolose

SECONDO TEMPO

2′ Mitrita dal limite va alla conclusione, palla alta

10′ Mitrita si inserisce in area, Benussi esce e blocca in due tempi la sfera

13′ Galano prova la conclusione potente, Fiorillo preparato

16′ ancora Galano alla conclusione, Fiorillo si distende e respinge

25′ Galano dal limite cerca l’incrocio dei pali, palla abbondantemente lontana

26′ scontro di gioco tra Ebagua e Zuparic che rimangono a terra qualche secondo

28 GOL DEL VICENZA: punizione dai trenta metri di Moretti, Fiorillo non riesce a bloccare il pallone che finisce sui piedi di Vita. Il numero 16 del Vicenza tenta la deviazione vincente ma la palla viene respinta da Fiorillo su Signori che insacca a porta vuota

39' rigore per il Pescara, espulso Sampirisi per presunto fallo su Lapadula: sul dischetto si presenta Memushaj che calcia fuori la palla

47' GOL DEL PESCARA: Cocco pesca Lapadula in area che in rovesciata insacca la palla alle spalle di Benussi

 

 

Pagelle della partita "PESCARA-VICENZA"

Benussi 6: deve svolgere solo l’ordinaria amministrazione perché il Pescara di fatto non centra mai la porta. Può poco sul pareggio di Lapadula anche perché a fine gara l’attaccante degli abruzzesi confesserà che aveva mirato l’angolo opposto. Laverone 6: partita sufficiente in cui ha la meglio su Mazzotta. Cresce in fase di spinta nella ripresa, e nel finale con l’uomo in meno fa il suo anche in fase difensiva. Ligi 6,5: buona prova per l’ex avellinese che era alla sua prima da titolare. Tanti anticipi e buone chiusure di testa. Nel gol del Pescara cerca la chiusura su Lapadula, ma nell’occasione non è aiutato dai compagni. Sampirisi 6: nella prima mezz’ora sbaglia due, tre palloni non da lui, ma poi dalle sue parti non si passa. Il rigore è un’invenzione del direttore di gara, e oltre al danno ci sarà la beffa della squalifica sabato prossimo contro l’Avellino. D’Elia 6: la corsia di sinistra funziona bene e lui non fa mancare il suo apporto. Annulla Verde e, con l’aiuto di Vita, riesce a limitare anche Zampano. Sbrissa 6: corre e recupera molti palloni cercando spesso di ripartire. Qualche errore di misura, ma pare in netta crescita. Moretti 6,5: gioca tanti palloni e stavolta ne sbaglia pochi sia in fase di appoggio sia quando c’è da verticalizzare. Signori 7: combatte su tutti i palloni, ne recupera un’infinità facendo ripartire bene l’azione. Ha il merito di aver trovato il gol in una serata in cui il Vicenza davanti a Fiorillo ha sbagliato molto. Esce per crampi. Bellomo s.v.: pochi minuti in cui tocca un paio di palloni. Galano 6: se si tolgono gli errori davanti a Fiorillo, la sua prestazione è più che sufficiente. Ma quel goffo colpo di testa sul cross perfetto di Signori, e quel pallonetto alto di oltre un metro davanti all’estremo abruzzese gridano vendetta. El Hasni s.v.: respinge due palloni di testa e niente più. Ebagua 6: lotta e svolge bene il ruolo di centravanti di riferimento, ma anche stavolta non riesce a trovare il gol. Raicevic s.v.: Marino lo manda in campo per tenere alta la squadra e lui esegue l’ordine bene. Vita 6,5: meriterebbe mezzo voto in più ma l’errore sotto porta nei minuti iniziali pesa nella valutazione totale della gara che resta comunque più che positiva vista la superiorità del Vicenza su quella fascia. Partecipa nell’azione del gol di Signori, quando è bravo a credere nella corta respinta di Fiorillo.

Pasquale Marino 6,5: il suo Vicenza gioca meglio del Pescara, crea più occasioni e meriterebbe di vincere. Ancora una volta è danneggiato pesantemente da errori arbitrali evidenti che pesano come macigni. Dopo il fuorigioco di Vantaggiato nel 2 a 2 a Livorno, la sagra degli errori di Minelli a Bari, anche a Pescara nel finale l’arbitro diventa protagonista in negativo con un rigore inventato e l’espulsione a Sampirisi che salterà Avellino. E nel dopo gara deve anche sopportare Lapadula che afferma testuale che “il rigore me lo sono inventato…”.

 

Arbitro: Federico La Penna di Roma 1. Assistenti: Francesco Disalvo di Barletta, Giovanni Baccini di Conegliano. Quarto ufficiale: Daniele Viotti di Tivoli.

Espulso: all'84' Sampirisi (Vicenza) per fallo su chiara azione da gol; allontanato all'89' il preparatore del Pescara Ciotti per proteste. 

Ammoniti: Mitrita, Torreira, Acosta (Pescara); Vita, Moretti (Vicenza).

Spettatori: 8.942 totali per un incasso complessivo di 57.000 euro (paganti 5322, abbonati 3620). Presenti 71 tifosi vicentini.

Possesso palla: 54 - 46

Tiri dentro/totali: 3/14 - 8/15

Palle giocate: 614 - 504

% passaggi riusciti: 67.3 - 59.9

Supremazia territoriale: 10'28'' - 08'44''

% protezione area: 54.7 - 52.5

% attacco alla porta: 47.5 - 45.3

% pericolosità: 41.4 - 51.9

Angoli: 5 - 5

Recuperi: 3'+1' p.t., 5' s.t.

Maglia con toppa "Serie B-ConTe.it" e logo ESTEL: giocatori: blu con bande orizzontali biancorosse; portiere: verde.

Serata mite, temperatura ad inizio gara di circa 13 gradi e molto ventosa, terreno in discrete condizioni.

Torneo: 
Serie B

VICENZA-VIRTUS LANCIANO

| |
Stagione: 
2015-2016
Data: 
2016-02-06
Partita: 
VICENZA-VIRTUS LANCIANO
Risultato: 
0-2
Reti: 
52' Di Francesco (VL), 63' Ferrari (VL)
Stadio: 
Romeo Menti di Vicenza
Formazione locale: 

VICENZA (4-3-3) Vigorito (17′ Benussi), Laverone, Brighenti (68′ Ligi) Sampirisi, D’Elia; Bellomo, Moretti, Signori; Vita (54′ Ebagua), Raicevic, Giacomelli

A disposizione: El Hasni, Pozzi, Sbrissa, Cisotti, Bianchi, Modic. Allenatore: Pasquale Marino


Formazione ospite: 

VIRTUS LANCIANO (4-4-2) Cragno, Aquilanti, Amenta, Rigione, Di Matteo; Vastola (78′ Milinkovic), Vitale, Rocca (61′ Giandonato), Di Francesco (85′ Ze Eduardo)  Marilungo, Ferrari

A disposizione: Casadei, Boldor, Turchi, Bonazzoli, Di Filippo, Padovan. Allenatore:Pino Maragliulo

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net  

LA PARTITA

PRIMO TEMPO

4′ grandissimo recupero di Sampirisi su Di Francesco lanciato tutto solo verso la porta di Vigorito

5′ pronta risposta dei biancorossi con un diagonale di Bellomo che esce di un palmo a fil di palo

15' Vitale lavora un buonissimo pallone sul versante sinistro dell’area di rigore e mette un gran cross che Ferrari all’altezza del secondo palo spara clamorosamente sul fondo a Vigorito battuto

21′ colpo di testa di Raicevic su cross di Giacomelli, la palla esce di poco, controllata però da Cragno che sarebbe potuto intervenire

Lunga fase di gioco che vede il Lanciano nella metà campo biancorossa con il Vicenza in difficoltà

42′ tentativo biancorosso con un tiro di alleggerimento di Moretti che passa molto distante dai pali. Vicenza finora abbastanza impalpabile soprattutto sulle corsie esterne dove non riesce ad incidere

45′ punizione calciata da Moretti che toccata dalla barriera, termina sul fondo lontano dalla porta di Cragno

45′+2′ sugli sviluppi della punizione calcia altissimo Moretti e Rapuano fischia la fine. Qualche timido fischio di disapprovazione da parte dei tifosi per un primo tempo non convincente

SECONDO TEMPO

6' GOL DELLA VIRTUS LANCIANO: pallone malamente perso da Bellomo a centrocampo ad opera di Di Francesco che si invola, si beve mezza difesa del Vicenza e dal limite spara sotto l’incrocio battendo imparabilmente Benussi. Gran gol ma a monte c’è il grave errore di Bellomo

12′ su punizione calciata da Bellomo esce Cragno di pugno e sulla respinta Giacomelli prova la botta al volo che esce diversi metri sul fondo

13′ altra azione personale , stavolta di Vitale, che spara un sinistro di un niente sul fondo con Benussi proteso alla sua sinistra

17' GOL DELLA VIRTUS LANCIANO: stavolta è Moretti a perdere palla a centrocampo, quasi senza pressione, e lanciare il contropiede di Di Francesco che stavolta serve Ferrari che in area dribbla biancorossi come birilli e batte senza problemi Benussi

28′ ancora Ferrari che sfugge al controllo di Sampirisi e va al tiro sul secondo palo dove stavolta Benussi è bravo ad intervenire mettendo in angolo

31′ bolide di Moretti dalla lunghissima distanza, fa velo Ebagua ma Cragno non si fa sorprendere e blocca a terra

32′ su tiro di Signori che carambola addosso a Ebagua, Raicevic si mangia un gol clamoroso calciando su Cragno

33′ lungo cross di Sampirsi che trova Giacomelli che potrebbe colpire di testa in porta ma incredibilmente fa una specie di assist sul secondo palo dove Laverone ciabatta fuori a porta vuota

38′ azione sulla destra dell’area di rigore di Milinkovic su cui deve andare a chiudere in angolo Benussi

45′+1′ colpo di testa di Giacomelli che libera Ebagua alla semirovesciata, la palla esce sfiorando il palo distante

45′+3′ su tiro di Bellomo, deviato vola Cragno a smanacciare evitando anche il gol della bandiera biancorosso

Vicenza che perde meritatamente la gara contro un Lanciano che ha fatto vedere di voler lottare ancora per la salvezza, mentre sui biancorossi gravitano in questo momento grossi dubbi. Squadra apparsa in grave difficoltà sotto tutti i punti di vista ma soprattutto da quello delle idee e della giusta determinazione da mettere  in campo.

 

Pagelle della partita "VICENZA-VIRTUS LANCIANO"

Vigorito s.v.: diciassette minuti in campo. Il tempo di vedere Ferrari sbagliare un gol davanti alla sua porta, prima di arrendersi al mal di schiena. Benussi 6: esordio sfortunato per l’ex Carpi che sui due gol poco può fare. Mette una pezza su Ferrari al 73′, limitando un passivo già pesante così. Laverone 5: assodato che non si è ancora visto il giocatore determinante della scorsa stagione, resta da capire quanto soffra la posizione di esterno basso. Anche ieri in difficoltà in fase difensiva, come successo nel finale di partita a Como, in più fallisce una ghiotta occasione per riaprire il match. Visto però che Sampirisi ormai è battezzato centrale, urge che salga il livello del suo rendimento. Brighenti 5: ha l’attenuante del problema al ginocchio a cui si arrende intorno alla mezz’ora del secondo tempo e che si spera non ne comprometta la presenza nelle prossime gare. La prestazione però è da bocciare: pesantemente colpevole in entrambe le marcature dei virtussini, in particolare sulla discesa di Di Francesco, quando si fa saltare troppo facilmente e non gli riesce nemmeno di fare un fallo tattico che ci stava tutto. Ligi 5,5: si presenta con un pallone da brividi perso in area, fortunatamente senza conseguenze, poi non deve sbrigare situazioni particolarmente difficili. Sampirisi 5,5: pronti via deve subito esibirsi in un recupero prodigioso su Di Francesco. E’ uno dei più positivi fino all’uno-due della Virtus che lo vede sul banco degli imputati soprattutto sul primo gol. Nel finale ancora qualche difficoltà su Ferrari, però a lui si dovrà aggrappare il Vicenza da qui alla fine, perché le alternative sono ridotte all’osso. D’Elia 5,5: manca Cinelli, Giacomelli non è al top, Signori non è ancora dentro ai meccanismi e la catena di sinistra gira a vuoto. Prova comunque a mettere qualche cross dei suoi ma senza trovare chi finalizza. Bellomo 5: ci prova all’alba della gara con un destro che esce di poco. Da la sensazione di essere tra quelli con più spirito di iniziativa ma ha sulla coscienza il pallone malamente perso da cui nasce il primo gol. Peccato. Moretti 4,5: primo tempo così così, con un paio di tentativi dei suoi nel finale che non trovano lo specchio. Ripresa da dimenticare con la ciliegina dello “svenimento” con palla consegnata agli avversari, senza nessuna pressione, che innesca il raddoppio di Ferrari. Difficile capire cosa gli sia successo tra un tempo e l’altro ma purtroppo stavolta è determinante in negativo. Signori 5,5: del trio di centrocampo è quello che sembra perdere meno la bussola, ma a volta dà l’impressione di essere un po’ spaesato. In un paio di circostanze avrebbe lo spazio per andare al tiro ma preferisce l’imbucata per il compagno, sperando che il motivo non sia la scarsa fiducia nelle sue qualità balistiche. Vita 5: giornata storta anche per lui che in altre circostanze invece ha tolto le castagne dal fuoco. Una fiammata al primo minuto di gioco con un assist per Raicevic non sfruttato dal montenegrino, poi una interminabile serie di errori fino al momento della (sacrosanta) sostituzione. Ebagua 5,5: entra con il Vicenza sotto di un gol, e in qualche modo qualcosa combina, compresa una carambola involontaria che libera al tiro Raicevic. La voglia di dimostrare che deve giocare, però, lo tradisce e finisce per pasticciare in un momento in cui invece bisognava mantenere la lucidità. Raicevic 4,5: fosse ancora tempo di mercato si direbbe che una prestazione così è figlia delle “voci”. Invece il mercato è finito e lui risulta assente e con le polveri bagnate in situazioni dove in passato aveva piazzato la zampata vincente. Si rifarà. Giacomelli 5: non sta bene e si vede. Mancano i suoi soliti guizzi e tanto per cambiare arriva una ammonizione forse ingiusta (ma perché sempre a lui?) che lo escluderà dalla trasferta di Pescara. Se non altro avrà la possibilità di recuperare la migliore condizione.

Pasquale Marino 5: società in grave crisi finanziaria e pezzi migliori ceduti sul mercato. Parliamo della Virtus Lanciano che nonostante queste difficoltà rifila due pere alla sua squadra e vince la prima gara esterna in questo campionato. Il Vicenza ha dimostrato di sapersi riprendere (vedi vittorie con Modena e Perugia e la prestazione positiva di Bari) ma in questa stagione cominciano ad essere troppi i passaggi a vuoto come questo e troppo poche le vittorie al Menti.  Ha in mano un centrocampo totalmente rifatto da sistemare al più presto e il reparto difensivo, uscito dal mercato di gennaio, non lascia per nulla tranquilli in caso di infortuni o squalifiche. L’importante è che alla squadra sia ben presente che la salvezza va conquistata con la bava alla bocca (che ieri non si è vista), mentre nel post partita c’era fin troppa confidenza su una pronta ripresa. Speriamo sia sicurezza nei propri mezzi e non presunzione.

 

Arbitro: Antonio Rapuano di Rimini. Assistenti: Lorenzo Gori di Arezzo, Domenico Rocca di Vibo ValentiaQuarto ufficiale: Luca Massimi di Termoli.

Ammoniti: Giacomelli (Vicenza); Cragno, Di Matteo, Ferrari, Vitale, Vastola (Virtus Lanciano).

Spettatori: 7.056 totali per un incasso complessivo di 48.995 euro; 1.187 paganti (quota 13.311 euro) e 5.869 abbonati (per un rateo di 35.684 euro).

Possesso palla: 56 - 44

Tiri dentro/totali: 4/19 - 4/12

Palle giocate: 613 - 431

% passaggi riusciti: 66.0 - 52.5

Supremazia territoriale: 12'53'' - 07'19''

% protezione area: 49.4 - 56.0

% attacco alla porta: 44.0 - 50.6

% pericolosità: 42.5 - 50.5

Angoli: 11 - 9

Recuperi: 2' p.t., 4' s.t.

Maglia con toppa "Serie B-ConTe.it" e logo ESTEL: giocatori: biancorossa; portiere: bianca.

Pomeriggio mite, temperatura ad inizio gara di circa 11 gradi, terreno in condizioni non buone (soprattutto nella parte sotto la curva Sud).

Torneo: 
Serie B

COMO-VICENZA

| |
Stagione: 
2015-2016
Data: 
2016-01-30
Partita: 
COMO-VICENZA
Risultato: 
1-1
Reti: 
53' Sbrissa (V), 82' Ganz (C)
Stadio: 
Sinigaglia di Como
Formazione locale: 

COMO (4-3-1-2) Scuffet; Madonna (71′ Ambrosini) Cassetti, Casasola, Marconi; Barella, Fietta, Bessa; Ghezzal (55′ Lanini); Pettinari (58′ Kukoc), Ganz

A disposizione: Crispino, Cortesi, Brillante, Cristiani, Scapuzzi, Gerardi. Allenatore: Gianluca Festa


Formazione ospite: 

VICENZA (4-3-3) Vigorito; Laverone, Brighenti, Manfredini (65′ El Hasni), D’Elia; Sbrissa, Moretti, Bellomo (88′ Giacomelli); Vita, Raicevic, Gatto (82′ Galano)

A disposizione: Benussi, Bianchi, Modic, Massaro, Paganin, Pozzi. Allenatore:Pasquale Marino

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net  

LA PARTITA

PRIMO TEMPO

3′ azione rifinita da Bellomo per D’Elia che qualche metro fuori area tenta il sinistro che esce sopra la traversa

8′ buona verticalizzazione di Laverone su Vita sul cui cross non trova l’impatto Raicevic, poi il Como si rifugia in angolo

15′ cross centrale in area di Gatto verso Raicevic che non ci arriva, la palla esce sul fondo controllata da Scuffet

24′ passaggio di D’Elia in area su cui si avventa Raicevic, il tentativo di cross del montenegrino gli rimpalla contro uscendo sul fondo

26′ su angolo Raicevic da solo inzucca schiacciando, la risposta di Scuffet istintiva manda la sfera in angolo, ma l’occasione era buona

27′ respinta della difesa del Como, colpo di testa di Vita ci prova Moretti la cui sberla esce di poco sul fondo

29′ ancora biancorossi vicini al gol, il cross di Vita su cui Raicevic fa velo, trova Gatto all’altezza del secondo palo che stoppa palla ma viene anticipato al momento del tiro da un difensore del Como in angolo

36′ colpo di testa di Pettinari su cross di Madonna che costringe Vigorito al tuffo in presa

40′ dopo una rapida discesa di Bessa la palla arriva a Ganz che prova il destro dai venti metri, la palla esce qualche metro lontano dalla porta biancorossa

45′ termina senza recupero un primo tempo dove il Vicenza ha fatto vedere sicuramente qualcosa in più dal punto di vista dell’iniziativa di gioco rispetto ai padroni di casa apparsi poco propositivi. L’occasione più grossa è capitata sulla testa di Raicevic che purtroppo non è riuscito ad imprimere la forza necessaria alla palla e Scuffet ha salvato

SECONDO TEMPO

1′ tiro di Gatto su cui Scuffet un po’ distratto controlla in due tempi

7' GOL DEL VICENZA: su lancio lungo di Bellomo, Vita anticipa l’uscita di Scuffet alzando un campanile verso il secondo  palo dove Sbrissa anticipa tutti con una zampata che mette la palla in gol

11′ tentativo di Raicevic appena dentro l’area, la conclusione deviata termina tra le braccia di Scuffet

13′ verticalizzazione di Sbrissa per Bellomo che prova il destro chiamando in causa SCuffet sulla respinta del portiere Vita è anticipato in angolo

15′ il neo entrato Lanini prova il destro dalla distanza, Vigorito blocca in presa bassa

18′ Manfredini a terra chiama la panchina chiedendo la sostituzione, pare serio l’infortunio del difensore che è caduto a terra correndo a palla lontana. 

27′ sulla punizione calciata da Lanini è ottimo Vigorito a volare a deviare in angolo

32′ ancora Lanini su punizione stavolta la palla termina altissima

36' GOL DEL COMO: Ganz controlla palla nel cuore dell’ area e riesce a girarsi calciando sul palo lontano battendo l’incolpevole Vigorito

41′ sinistro dello stesso Galano che dalla distanza impensierisce Scuffet. La palla è stata deviata. Sull’angolo tocca in spaccata Brighenti ma la sfera termina sul fondo

44′ clamoroso pallo dello stesso Giacomelli che in area riceve palla e con la sua tipica azione calcia sul secondo palo. La palla rimbalza e carambola in mano a Scuffet

45′+1' ancora Lanini da fuori. Vigorito vola alla sua destra salvando il risultato

Candussio fischia la fine. Una vittoria che il Vicenza ha buttato con una condotta di gara poco accorta dopo il vantaggio , su cui però ha pesato moltissimo l’infortunio di Manfredini, visto che da dopo l’uscita del difensore il Vicenza  ha cominciato a sbandare paurosamente. Biancorossi sfortunati anche in occasione del palo di Giacomelli con il rimbalzo che torna in mano a Scuffet. 

 

Pagelle della partita "COMO-VICENZA"

Vigorito 6,5: è attento e preciso su tutti i palloni che piovono dalle sue parti, mostrando ottimo tempismo in un paio di uscite basse su Ganz. Laverone 6: attacca e copre bene la fascia di competenza per un’ora, poi cala e soffre Kukoc che nel finale lo costringe alla difensiva. Brighenti 6: buona prova con pochi errori finché la squadra comanda il gioco; poi soffre e sbaglia anche qualche disimpegno di troppo, e da uno di questi becca il giallo. Manfredini 6,5: in un’ora dimostra (ma non ce n’era bisogno) come cambia il Vicenza con lui in campo. Si presenta bene, con la solita autorità, dopo un mese di lavoro in gruppo e tutti i test superati brillantemente. La jella lo colpisce duramente ancora una volta, e a noi non resta che fargli un grosso in bocca al lupo. El Hasni 5,5: non ha l’esperienza e il valore di Manfredini, con il Vicenza che rincula e soffre il Como non riesce a dare la sicurezza necessaria. D’Elia 6: spinge e prova a rendersi pericoloso a sinistra con risultati alterni. Da perfezionare l’intesa con Bellomo. Sbrissa 6,5: segna un gol importante che poi la squadra è incapace di amministrare. Corre e combatte con qualche errore di misura, ma mostrando di essere in crescita. Moretti 6: bene fino al vantaggio del Vicenza, poi sbaglia tra passaggi facili regalando palla agli avversari e va in difficoltà come tutta la squadra. Bellomo 6: sufficienza di incoraggiamento anche perché l’intesa con i nuovi compagni non può essere al top. Ha sul piede la palla del 2 a 0 ma calcia addosso a Scuffet. Giacomelli s.v.: sfortunato perché solo per qualche millimetro non concede il bis di Perugia. Il palo gli nega il gol della vittoria. Vita 6,5: con Laverone mette in grande difficoltà il Como sulla sua corsia dove il Vicenza appoggia quasi sempre l’azione offensiva. Quando la squadra va in difficoltà è uno dei pochi a comprendere il pericolo lottando su tutti i palloni. Raicevic 6: Scuffet gli nega il gol nel primo tempo, e poi ingaggia con Cassetti un duello tutto muscoli e centimetri. Gatto 5: titolare al posto di Giacomelli, spreca un’altra chance per mostrare il giocatore di Lanciano, ma anche quello del precampionato. Ha una occasione da gol ma la spreca con un controllo macchinoso che consente a Madonna di recuperare. Galano s.v.: prende due gialli e viene espulso, ma qualcuno si spieghi il primo: rimessa a favore del Vicenza, Galano cerca di prendere il pallone a Marconi che fa chiara ostruzione, con l’arbitro che ammonisce Galano. Marino va su tutte le furie contestando la decisione arbitrale, ed è difficile dargli torto.

Pasquale Marino 6: per un’ora il suo Vicenza è padrone del campo poi, avanti nel punteggio e con il Como in dieci, la squadra smette di giocare. Capire cosa sia accaduto spetta a lui, intanto dispiace perché ieri il Vicenza ha buttato via due punti. 

 

Arbitro: Renzo Candussio di Cervignano. Assistenti: Damiano Di Iorio di Verbania, Marco Avellano di Busto Arsizio. Quarto ufficiale: Davide Andreini di Forlì.

Espulso: al 49' Bessa (Como) per doppia proteste, all'93' Galano (Vicenza) per somma di ammonizioni. 

Ammoniti: Cassetti, Marconi (Como); Moretti, Brighenti, Bellomo, El Hasni (Vicenza).

Spettatori: 3.573 totali per un incasso complessivo di 33.600 euro di cui 2.203 paganti (556 vicentini) per una quota di 23.361 euro e di 1.370 abbonati per un rateo di 10.239 euro.

Possesso palla: 45 - 55

Tiri dentro/totali: 5/10- 7/15

Palle giocate: 472 - 571

% passaggi riusciti: 58.0 - 64.9

Supremazia territoriale: 08'04'' - 10'35''

% protezione area: 59.5 - 59.6

% attacco alla porta: 40.4 - 40.5

% pericolosità: 37.9 - 50.7

Angoli: 3 - 8

Recuperi: 0' p.t., 6' s.t.

Maglia con toppa "Serie B-ConTe.it" e logo ESTEL: giocatori: biancorossa; portiere: verde.

Giornata umida ma non fredda, temperatura ad inizio gara di circa 10 gradi, cielo coperto, terreno in cattive condizioni.

Torneo: 
Serie B

BARI-VICENZA

| |
Stagione: 
2015-2016
Data: 
2016-01-23
Partita: 
BARI-VICENZA
Risultato: 
2-1
Reti: 
45' Di Cesare (B), 59' Maniero (B), 69' Raicevic (V)
Stadio: 
San Nicola di Bari
Formazione locale: 

BARI (4-3-3) Guarna; Donkor, Di Cesare, Rada, Contini; Defendi, Porcari, Di Noia (77′ Minala); Rosina, Maniero, Boateng (62′ De Luca)

A disposizione: Micai, Tonucci, Scalera, Romizi, Donati, Puscas, Camara. Allenatore: Andrea Camplone


Formazione ospite: 

VICENZA (4-3-3) Vigorito; Sampirisi, Brighenti, Mantovani, D’Elia; Sbrissa (45′ Ebagua) , Moretti, Gagliardini (77′ Bellomo); Laverone, Raicevic, Giacomelli (62′ Gatto)

A disposizione: Marcone, Manfredini, El Hasni, Modic, Vita. Allenatore: Pasquale Marino

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net  

 

LA PARTITA

PRIMO TEMPO

2′ punizione per il Bari calciata da Rada, blocca plasticamente Vigorito tuffandosi alla sua sinistra

8′ bella azione biancorossa con il lungo lancio di Moretti per Giacomelli che stoppa bene sul vertice dell’area, rientra e calcia un destro sul primo palo con Guarna che si stende e blocca a terra

12′ uscita coi pugni di Vigorito sul primo angolo della gara. La palla rinviata corta perviene a Contini che prova il destro di prima intenzione ma la conclusione è centrale e Vigorito blocca

15' tentativo dalla lunga distanza di Moretti. Il collo destro del centrocampista finisce sul fondo piuttosto distante dalla porta dei galletti

21′ cross di Laverone con Guarna che allunga la traiettoria della palla, Giacomelli prova la girata di prima intenzione ma spara altissimo

23′ Giacomelli libera Gagliardini al tiro che però esce debole ed impreciso e termina lentamente fuori

28′ Laverone al cross, Gagliardini dal limite prova una rovesciata spettacolare ma che esce distante dai pali

29′ lancio in verticale in area per Defendi su cui esce provvidenzialmente Vigorito a respingere

42′ Raicevic sfrutta un retropassaggio sciagurato di Donkor per calciare di sinistro di  prima intenzione, la palla colpisce il palo interno e poi la difesa del Bari libera

44' GOL DEL BARI: nell’ultima azione del primo tempo sull’angolo battuto dal Bari, regalo di Vigorito che esce a vuoto permettendo all’ex Di Cesare di appoggiare in rete a porta vuota

45′ Con il gol del Bari termina il primo tempo di una gara piuttosto brutta dove il Vicenza ha badato soprattutto a contenere. Biancorossi sfortunati in occasione del palo colpito da Raicevic ma poi puniti dall’uscita sciaguratamente sbagliata di Vigorito che ha consegnato il vantaggio ai padroni di casa

SECONDO TEMPO

2′ cross di Defendi su cui Maniero colpisce di testa ma la palla temina molto distante dai pali

4′ tentativo di Laverone debole da posizione centrale Guarna blocca

5′ su corta respinta di Donkor prova la girata dal limite Gagliardini ma calcia distante dai pali

13' GOL DEL BARI: cross dalla destra di Defendi, Vigorito in ritardo sull’uscita viene anticipato di testa da Maniero che infila in rete incrociando sul secondo palo

24' GOL DEL VICENZA: Raicevic recupera un pallone su Donkor, e entrato in area spara un collo destro sotto l’incrocio

25′ azione dei galletti appena subito il gol: è De Luca che chiama Vigorito alla deviazione in angolo su tiro al volo da posizione defilata

26′ insensato retropassaggio di Gatto che serve Maniero su cui deve rimediare Vigorito in uscita

29′ Ebagua da fuori calcia verso il secondo palo trovando la deviazione di Guarna in angolo

35′ De Luca da fuori prova il tiro a giro, blocca Vigorito in presa

42′ ottimo assist di Raicevic per Laverone che viene anticpiato di un niente al momento di concludere da Porcari che rimedia in angolo. Sugli sviluppi del corner Laverone prova il tiro ma la mira è sballata

45′+3′ Su punizione di Moretti esce a vuoto Guarna e sul colpo di testa di Raicevic libera sulla linea in corner Contini

45′+5′ Vicenza chiude in avanti alla ricerca del pari ma non basta. I biancorossi non sono riusciti a trovare il pareggio che non sarebbe stato immeritato per quanto visto in campo. Bari che porta a casa i tre punti senza brillare e soprattutto per gli errori di un Vigorito in chiara giornata no.

 

Pagelle della partita "BARI-VICENZA"

Vigorito 5: prima e dopo i due gol è il solito Vigorito che ha tolto spesso le castagne dal fuoco al Vicenza (per conferma verificare la classifica del “biancorosso dell’anno”) nel mezzo il pasticcio sul gol di Di Cesare, che però purtroppo risulta decisivo. Qualcuno può ravvedere una lettura tardiva di quanto succede sul gol di Maniero, ma li le responsabilità maggiori sono dell’arbitro Minelli, che non vede la spinta dell’attaccante su Brighenti che era in netto anticipo. Sampirisi 6,5: tra i reduci della scorsa stagione è forse l’unico che ha incrementato il proprio rendimento. Solido in difesa, propositivo in avanti, dove quando si incunea crea sempre scompiglio. Purtroppo cade nella trappola dell’irritante Minelli e subisce l’ammonizione che lo escluderà dalla prossima trasferta di Como. Brighenti 6: contiene Maniero con buona disinvoltura per tutta la gara. Dopo la spinta di Gerardi contro Vigorito che gli è costata cara con il Como ne subisce un’altra da Maniero che costa il raddoppio del Bari. In tutto questo la costante di arbitri sempre colpevolmente “distratti”. Mantovani 6: non doveva essere titolare ma il forfait di Galano lo promuove nell’undici iniziale. Partita di buona sostanza senza errori evidenti. D’Elia 5,5: patisce Rosina che comunque frulla molto ma produce poco ma va in difficoltà sulle incursioni di Defendi. La fascia sinistra è quella dove il Vicenza contro il Bari patisce di più (effetto Cinelli?) e in più è poco incisivo anche in avanti. Sbrissa 5,5: si impegna soprattutto a fare da frangiflutti ma il Vicenza ha bisogno anche di creare qualcosa in avanti e Marino nella ripresa decide per una formazione più offensiva lasciandolo negli spogliatoi. Ebagua 5: entra con buon piglio ma si fa irretire dall’ambiente ostile e dalla gestione poco equilibrata del troppo permissivo Minelli. Si becca un rosso decisamente evitabile e da un giocatore con la sua esperienza è tutto fuorché perdonabile. Moretti 6: non una prestazione memorabile ma nel centrocampo biancorosso è quello che cerca di dare un sistemata al gioco della squadra. Ci prova un paio di volte dalla media distanza ma la mira non gli è amica. Gagliardini 6: frequenti inserimenti in fase conclusiva, anche da posizioni interessanti purtroppo vanificate dalla poca convinzione con cui va al tiro. Lascia sempre l’impressione di non esprimersi al massimo delle sue potenzialità. Bellomo sv: sembrava candidato ad una maglia da titolare, gioca una ventina di minuti che gli servono soprattutto a prendere confidenza con la squadra. Laverone 5,5: Galano non ce la fa e tocca a lui. Riproposto nel ruolo dove si è messo in luce nella scorsa stagione mette insieme una prestazione in chiaroscuro. Minelli lo ferma lanciato verso la porta fischiandogli un fallo contro che probabilmente non esiste. Riesce a resistere alle proteste ma non ce la fa quando i raccattapalle fanno i prestigiatori con i palloni e Minelli (ovviamente) ammonisce lui.  Piccolo inciso: basterebbe molto poco per togliere questo malcostume tipicamente italiano dei raccattapalle perdi tempo, resta da capire perché non si faccia nulla. Raicevic 6,5: un palo, un gol di prepotenza, un assist per Laverone, anticipato di un soffio da Porcari in angolo al momento del tiro, Il suo lo fa, peccato non basti. Giacomelli 5,5: dopo 8 minuti di gioco addomestica un bel lancio di Moretti e calcia in porta chiamando Guarna alla risposta. Sembra l’inizio di una buona gara invece col passare dei minuti perde di concretezza. Esce per un colpo ricevuto che sarà da valutare. Gatto 5,5: dopo il suo ingresso in campo il Vicenza accorcia le distanze, non trova mai però il guizzo da cui possa nascere il pari.

Pasquale Marino 6,5: contro una squadra candidata alla promozione il Vicenza non demerita. Dopo il secondo gol del Bari la squadra non si sfalda ma stavolta reagisce cercando fino alla fine il punto che avrebbe meritato. La strada è quella giusta ma ora non bisogna sbagliare la prossima importante partita contro il Como.

 

Arbitro: Daniele Minelli di Varese. Assistenti: Marco Zappatore di Taranto, Edoardo Raspollini di Livorno. Quarto ufficiale: Riccardo Panarese di Lecce.

Espulso: all'85' Ebagua (Vicenza) per doppia ammonizione.

Ammoniti: Di Noia (Bari); Gagliardini, Sampirisi, Laverone (Vicenza).

Spettatori: 16.496 totali per un incasso complessivo di 85.006 euro; 5.470 paganti (quota 25.827 euro) e 11.026 abbonati (per un rateo di 59.179 euro).

Possesso palla: 51 - 49

Tiri dentro/totali: 8/15- 6/15

Palle giocate: 587 - 558

% passaggi riusciti: 63.6 - 62.8

Supremazia territoriale: 10'47'' - 09'32''

% protezione area: 56.3 - 57.9

% attacco alla porta: 42.1 - 43.7

% pericolosità: 60.0 - 47.0

Angoli: 5 - 7

Recuperi: 0' p.t., 5' s.t.

Maglia con toppa "Serie B-ConTe.it" e logo ESTEL: giocatori: biancorossa; portiere: azzurra.

Pomeriggio nuvoloso, temperatura di circa 9 gradi.

Torneo: 
Serie B

VICENZA-MODENA

| |
Stagione: 
2015-2016
Data: 
2016-01-16
Partita: 
VICENZA-MODENA
Risultato: 
2-1
Reti: 
46' Luppi (M), 74' e 91' Raicevic (V)
Stadio: 
Romeo Menti di Vicenza
Formazione locale: 

VICENZA (4-3-3) Vigorito, Laverone, Brighenti, Mantovani, Sampirisi; Urso (45′ Vita), Moretti (85′ Gagliardini), Cinelli (72′ Raicevic); Galano, Ebagua, Giacomelli

A disposizione: Marcone, El Hasni, Manfredini, Modic, Sbrissa, Gatto. Allenatore: Pasquale Marino


Formazione ospite: 

MODENA (4-3-3) Provedel, Calapai, Gozzi, Marzorati, Rubin;  Galloppa (75′ Crecco), Bentivoglio, Belingheri; Nardini, Stanco, Luppi (87′ Aldovrandi)

A disposizione: Manfredini,  Giorico, Marchionni, Olivera, Popescu, Sowe, Zucchini.Allenatore: Hernan Crespo

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net  

LA PARTITA

PRIMO TEMPO

4 ′deviazione di tacco al volo sotto misura da parte di Gozzi su azione d’angolo, la palla esce sul fondo con Vigorito immobile

10′ grande parata di Vigorito che vola a deviare da sotto la traversa la conclusione al volo da fuori di Calapai

11′ ancora Vigorito in due tempi su tiro di lunga gittata di Bentivoglio

12′ conclusione a giro di Giacomelli, Galano viene anticipato da Marzorati in angolo quando stava per arrivare a concludere sul secondo palo

22' Galloppa direttamente su punizione defilata sulla destra batte di sinistro e la palla sfila sul fondo a un paio di metri dal palo

25′ verticalizzazione di Sampirisi per Cinelli che tenta il sinistro sul primo palo ma la luce per la porta era ridottissima, la palla termina sul fondo

43′ Galano serve Ebagua che sul limite dell’area elude la guardia di Gozzi e calcia mandando alto oltre la traversa

40′ azione personale di Galano che prende palla sulla sinistra accentrandosi ed andando a battere alzando però di troppo la mira

33′ altro tiro cross di Giacomelli ben indirizzato su cui Provedel deve intervenire in uscita di pugno

45'+1' GOL DEL MODENA: su azione d’angolo il Modena trova il gol del vantaggio con la difesa biancorossa che lascia agli avversari la libertà di colpire di testa due volte fino a che la palla arriva a Luppi libero di calciare ad un passo da Vigorito trovando la rete del vantaggio gialloblu

SECONDO TEMPO

7′ clamorosa occasione per i biancorossi con Ebagua tutto solo davanti a Provedel, la conclusione termina addosso al portiere in uscita e poi il Modena sventa sparando palla in corner

16′ duro intervento di Gozzi su Ebagua che origina una punizione pericolosa dai venti metri. Sulla palla Moretti

17′ la punizione di Moretti è una cannonata e Provedel si supera per deviare in angolo

19′ ancora biancorossi in avanti con Galano che servito da Giacomelli prova il destro al volo che sfila di un metro sul fondo all’altezza del primo palo

25′ buon pallone messo in area da Laverone su cui Galano tutto libero in area prova il destro di prima intenzione mandando però alto. Peccato perché l’azione poteva essere gestita decisamente meglio

29' GOL DEL VICENZA: Sampirisi lanciato sulla sinistra mette un pallone in area piccola dove Raicevic mette la zampata vincente per il pari biancorosso

35′ ancora Moretti su punizione: stavolta il tiro è centale e Provedel blocca

45' GOL DEL VICENZA: la doppietta del montenegrino arriva con le stesse modalità del primo gol ma stavolta la rete è causata dal buco in uscita di Provedel

45′+5′ Il Vicenza inizia nel migliore dei modi il 2016 “espugnando” il Menti con una vittoria in rimonta firmata dalla coppia Sampirisi-Raicevic. Tre punti importantissimi che permettono al Vicenza di agganciare proprio i canarini in classifica 

 

Pagelle della partita "VICENZA-MODENA"

Vigorito 6,5: impegnato dal Modena nel primo quarto d’ora, deve rispondere alla grande su Calapai e contenere una conclusione dalla distanza di Bentivoglio. Bisticcia un po’ con la palla nei rinvii di piede. Nella ripresa il Modena dalle sue parti praticamente non si vede. Laverone 6: sulla sua zona agisce Luppi e il duello tra i due finisce in sostanziale parità, anche se il gialloblu riesce a trovare il gol nel mischione in area del minuto di recupero del primo tempo. Brighenti 7: che dire? Torna dopo quattro mesi e la sensazione vedendolo in campo è che non sia mai stato infortunato. Nessuna paura, nessuna remora, lotta ed esce dal campo con un vistoso bernoccolo in testa, tanto per non farsi mancare nulla. Quando Marino parlava del suo ritorno come un nuovo acquisto non lo diceva a sproposito. Mantovani 6,5: beneficia anche lui del rientro del compagno di reparto con una prova attenta e precisa, trovando anche una maggiore tranquillità rispetto ad altre precedenti partite. Sampirisi 7: nel primo tempo il Vicenza soffre l’intraprendenza del duo Nardini, Calapai nel suo settore. Ci mette un po’ ad adattarsi alla fascia mancina ma nell’ultimo quarto d’ora viene posseduto dallo spirito di D’Elia, accende il turbo e mette due assist d’oro per la doppietta di Raicevic. Urso 5,5: stenta a trovare la giusta posizione e vista l’ammonizione dopo appena 8 minuti di gioco (che gli costerà la squalifica nella partita con il Perugia) Marino decide per il cambio all’intervallo. Vita 6,5: un altro gradito ritorno passato forse un po’ in sordina. Contributo essenziale nella rimonta biancorossa, sarà un caso ma mancava dal campo dall’ultima vittoria contro l’Ascoli… Moretti 6: si vede la gran voglia di far bene che anima il ragazzo. Una partita con qualche ingenuità ma anche tante cose positive come il passaggio intelligente che origina l’azione del pari. Subito pericolosissimo su calcio piazzato, finalmente una soluzione in più per i biancorossi. Gagliardini sv: in campo dieci minuti, può esultare con i compagni per il gol vittoria. Cinelli 5,5: spaesato e frastornato non era il solito Cinelli. Gli effetti di un calcio mercato deleterio per chi sta giocando sapendo già che sarà altrove. Il segno del destino è che esce proprio per l’autore della doppietta vincente, come fosse un passaggio di consegne. Raicevic 8: e sono nove… Entra in campo con il diavolo in corpo. Una doppietta, realizzata da vero e proprio attaccante d’area, che in un quarto d’ora stende il Modena e manda un messaggio a Marino: “ora sono problemi tuoi…”. Galano 6,5: fino all’ingresso in campo di Raicevic è quello che ci prova di più indirizzando tre conclusioni verso la porta del Modena. Purtroppo le migliori gli capitano sul destro e gli difetta la mira. Ebagua 6,5: ovviamente deve consolidare l’intesa con i compagni di reparto ma la sua è una prova più che sufficiente che sovente mette in difficoltà la difesa del Modena. Da capire se e come Marino riuscirà a trovare il modo per utilizzarlo assieme a Raicevic. Giacomelli 6: assente il pistone gemello D’Elia e, per altri motivi, il raccordo Cinelli, fatica un po’, anche se nel primo tempo le prime occasioni nascono dai suoi spunti. Fa comunque espellere Calapai e innesca Sampirisi per il gol del pareggio biancorosso.

Pasquale Marino 6,5: se tenendo in panchina Raicevic per più di un’ora aveva previsto di mettere in campo un toro scatenato allora è un genio. Con i rientri dagli infortuni e i nuovi arrivi le scelte aumenteranno ma anche le possibilità di “sbagliare” formazione. In questo però ha già dimostrato in passato di saperci fare.

 

Arbitro: Leonardo Baracani di Firenze. Assistenti: Alfonso D'Apice di Parma, Pietro Dei Giudici di Latina. Quarto ufficiale: Nicolò Sprezzola di Mestre.

Espulsi: all'85' Calapai (Modena) e al 93' Crecco (Modena) per doppia ammonizione. 

Ammoniti: Urso, Moretti, Giacomelli (Vicenza); Galloppa (Modena).

Spettatori: 7.419 totali per un incasso complessivo di 54.138 euro; 1.551 paganti (quota 18.454 euro) e 5.869 abbonati (per un rateo di 35.684 euro).

Possesso palla: 54 - 46

Tiri dentro/totali: 5/11 - 4/9

Palle giocate: 521 - 497

% passaggi riusciti: 57.5 - 57.6

Supremazia territoriale: 09'02'' - 07'15''

% protezione area: 53.3 - 60.0

% attacco alla porta: 40.0 - 46.7

% pericolosità: 52.5 - 34.8

Angoli: 5 - 4

Recuperi: 1' p.t., 5' s.t.

Maglia con toppa "Serie B-ConTe.it" e logo ESTEL: giocatori: biancorossa; portiere: azzurra.

Pomeriggio soleggiato non particolarmente freddo, temperatura ad inizio gara di circa 9 gradi, terreno in discrete condizioni.

Torneo: 
Serie B

VICENZA-PESCARA playoff

| |
Stagione: 
2014-2015
Data: 
2015-06-03
Partita: 
VICENZA-PESCARA
Risultato: 
2-2
Reti: 
3′ Sampirisi (V) su autorete, 44′ Moretti (V), 64' Bjarnason (P), 80' Cocco (V)
Stadio: 
Romeo Menti di Vicenza
Formazione locale: 

VICENZA (4-3-3) Bremec; Sampirisi (69' Laverone), Gentili, Camisa, D’Elia; Moretti (76' Vita), Di Gennaro, Cinelli; Ragusa (83' Petagna), Cocco, Giacomelli.

A disposizione: Serraiocco, Garcia Tena, Alhassan, Sbrissa, Mancini, Bartulovic. Allenatore:  Pasquale Marino


Formazione ospite: 

PESCARA (4-2-3-1) Fiorillo; Zampano, Fornasier, Salomon, Pucino; Selasi (77' Caprari), Memushaj; Politano, Bjarnason, Pasquato (57' Brugman); Sansovini (61' Melchiorri).

A disposizione: Aldegani, Zuparic, Rossi, Torreira, Lazzari, Gessa. Allenatore: Massimo Oddo

Note: 

Fonte cronaca partita www.biancorossi.net  

LA PARTITA

PRIMO TEMPO

3' Gol del Pescara: clamoroso autogol di Sampirisi; cross basso di Zampano, il terzino biancorosso insacca nella propria rete

15′ Cocco ci prova dalla distanza, tiro di molto a lato

16′ ci provano prima Politano poi di testa Sansovini. Bremec blocca senza problemi

24′ finalmente pericolosi i biancorossi. Botta di Moretti da fuori, palla di poco a lato

25′ tiro-cross pericoloso di Ragusa, respinge Fiorillo. I biancorossi prendono coraggio

33′ tiro che non impensierisce Fiorillo quello di Cinelli, servito da Di Gennaro al limite dell’area

37′  biancorossi reclamano il rigore. Spinta di Memushaj su Giacomelli, episodio molto dubbio

44' GOL DEL VICENZA: Moretti vince due rimpalli, entra in area e batte Fiorillo con un destro!!! Proteste pescaresi per un presunto fallo di Di Gennaro

SECONDO TEMPO

1′ girata a volo di Cocco, palla altissima

3′ botta da fuori di Moretti, Fiorillo si salva in angolo.

9′ occasione per Cocco che liscia solo davanti al portiere, su punizione di Di Gennaro.

Un altro Vicenza quello sceso in campo nel secondo tempo. I biancorossi attaccano e ci credono

13′ Bremec salva su Politano entrato in piena area

17′ traversone pericoloso di Cinelli, Salomon devia in angolo. Nulla di fatto dalla bandierina

18′ destro di Brugman, Bremec si distende e blocca

19 Gol del Pescara: cross di Politano, Bjarnason stacca di testa lasciato solo da Sampirisi

24′ Brugman pericoloso, Bremec para

25′ Salomon respinge male in area, Di Gennaro calcia alto

27′ non molla Di Gennaro, botta da fuori, Fiorillo in angolo

29′ destro di Selasi che sfiora il gol che sarebbe valso la finale

34′ traversone di Cinelli, blocca Fiorillo

36′ GOL DEL VICENZA: Cocco, servito da Di Gennaro in area, batte Fiorillo e riporta la speranza!

39′ erroraccio di Camisa che spiana la porta a Melchiorri che sfiora il tris su pallonetto, grandioso Bremec a salvare in angolo

42′ punizione di Politano, la barriera ribatte

Triplice fischio finale. Finisce il sogno del Vicenza. In finale va il Pescara


Arbitro: Fabio Maresca di NapoliAssistenti: Ciro Carbone di Napoli, Filippo Valeriani di RavennaAddizionali: Fabrizio Pasqua di Tivoli, Luigi Nasca di Bari. Quarto ufficiale: Marco Avellano di Busto Arsizio.

Ammoniti: Camisa, Di Gennaro, Cinelli, D'Elia (Vicenza); Politano (Pescara).

Spettatori: 12.112 per un incasso di 181.832 euro.

Angoli: 7 - 5

Recuperi: 0'p.t., 4' s.t.

Maglia: giocatori: biancorossa; portiere: blu elettrico

Serata serena, temperatura intorno ai 20 °C. Terreno in buone condizioni.  

Torneo: 
Serie B

VICENZA-FROSINONE

| |
Stagione: 
2014-2015
Data: 
2015-05-22
Partita: 
VICENZA-FROSINONE
Risultato: 
2-1
Reti: 
64′ Ciofani (F), 81′ Cocco (V), 83′ Di Gennaro (V)
Stadio: 
Romeo Menti di Vicenza
Formazione locale: 

VICENZA (4-3-3) Vigorito; Sampirisi, Gentili, Camisa, D’Elia; Vita (77′ Petagna), Moretti (66′ Di Gennaro), Cinelli; Spinazzola (46′ Giacomelli), Cocco, Ragusa.

A disposizione: Bremec, Garcia Tena, Alhassan, Laverone, Sbrissa, Mancini. Allenatore: Pasquale Marino


Formazione ospite: 

FROSINONE (4-4-2) Pigliacelli; Zanon, M. Ciofani, Bertoncini, Fraiz (61′ Crivello); Carlini (68′ Ranelli), Frara (56′ Crescenzi), Sammarco, Soddimo; D. Ciofani, Lupoli.

A disposizione: De Lucia, Pamic, Gori, Paganini, Dionisi. Allenatore: Roberto Stellone

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net  

LA PARTITA

PRIMO TEMPO

5′ buona partenza dei biancorossi che stanno mantenendo l’iniziativa in maniera costante. Pericoloso un cross di Vita che deviato finisce tra le braccia di Pigliacelli

7′ su sviluppi di calcio d’angolo cross di Spinazzola che raccoglie Gentili di testa, l’inzuccata del difensore colpisce il palo esterno e poi la palla viene rinviata fuori dall’area

11′ pericoloso tiro da fuori di Frara che esce di poco sopra la trasversale

16′ ancora i ciociari si fanno vedere in avanti con Soddimo che si inserisce a fondo area e mette un pallone all’altezza del primo palo su cui Lupoli interviene calciando sul fondo

18′ un paio di traversoni pericolosi in area per i biancorossi che però non trovano nessuno pronto alla finalizzazione

20′ ottima azione di Spinazzola sulla destra dell’area di rigore , l’esterno mette a centro area dove Ragusa in corsa calcia ma il suo tiro è deviato e viene bloccato da Pigliacelli. Nell’azione successiva ci prova ancora Spinazzola dalla lunga distanza ma la sfera termina alta

30′ Da qualche minuto la partita si è un po’ spenta. Il Vicenza pare abbastanza bloccato, il Frosinone oppone una discreta resistenza ma senza forzare più di tanto

31′ clamoroso incrocio dei pali colpito da Cocco che di testa inzucca su cross di Ragusa sovrastando Ciofani

33′ ottima azione sulla sinistra con cross finale di D’Elia che deviato da Zanon rischia di infilarsi in rete ma purtroppo è solo corner

35′ Vita dopo un dribbling su Frara prova il sinistro dai venticinque metri con la palla che se ne va di qualche metro distante dai pali

37′ botta dalla distanza di Moretti che Pigliacelli smanaccia in corner. Dalla bandierina nulla di fatto

40′ incredibile gol divorato da Cinelli su cross di Vita che sfila in area fino al secondo palo arrivando al centrocampista che stoppa ma poi tocca sul fondo a Pigliacelli battuto. Un minuto dopo ancora Ragusa in area cerca il tiro-cross che viene deviato tra le braccia del portiere del Frosinone

45′+2′ ancora Frara dalla distanza costringe Vigorito a distendersi alla sua sinistra per deviare, poi il portiere è bravo a tornare sulla palla. Sul ribaltamento di fronte Moretti servito da Ragusa ciabatta un destro svirgolato senza esito.

Ghersini fischia e manda tutti negli spogliatoi. Il Vicenza in questo primo tempo ha avuto le sue buone occasioni per passare in vantaggio ma non è riuscito a sfruttarle, anche per sfortuna come in occasioni dei pali colpiti da Gentili e Cocco

SECONDO TEMPO

4′ incredibile parata di Pigliacelli su Cocco che da fuori area aveva sparato al volo su calcio di punizione battuto da Giacomelli sul corner seguente Gentili si ritrova palla tutto solo davanti a Pigliacelli ma spara debolmente tra le braccia del portiere la più facile delle occasioni

6′ stavolta è Ragusa che ad un metro dalla porta invece che cercare un controllo efficace prova una improbabile rovesciata che non riesce

14′ ancora grande occasione per i biancorssi con D’Elia che crossa lungo per Ragusa, la botta al volo dell’attaccante viene respinta da Pigliacelli. Sul prolungamento dell’azione è ancora Cinelli a provarci da fuori, la palla esce di pochissimo a fil di palo

19' Gol del Frosinone: passano in vantaggio a sorpresa i ciociari con un gran sinistro del loro bomber che colpisce la parte bassa della traversa e si insacca alle spalle di Vigorito

31′ sotto shock i biancorossi ci provano con un cross di Ragusa che Cocco devia di testa ma solo sopra la traversa

36' GOL DEL VICENZA: il Vicenza pareggia con un’azione personale del suo bomber che dopo un’azione personale spara il destro alle spalle di Pigliacelli

38' GOL DEL VICENZA: cross di Giacomelli dalla sinistra, sponda al volo di Ragusa dal secondo palo e Di Gennaro di testa tocca dentro per il 2-1

45′+3' il Vicenza chiude il suo campionato al terzo posto e ora aspetta la vincente di Perugia-Pescara anche se nella prima delle due gare dovrà purtroppo rinunciare a Cocco e Di Gennaro ammoniti oggi

 

Pagelle della partita "VICENZA-FROSINONE"  

Vigorito 6: forse pensava di passare una serata tranquilla invece in chiusura di primo tempo gli tocca volare per respingere un tiro dalla distanza di Frara.  Sorpreso dalla bomba gol di Daniel Ciofani, anche se il primo ad essere stupito pare proprio l’autore del tiro. Sampirisi 6,5: per la prima volta manca Laverone punto di riferimento sulla fascia destra. Lui fa comunque una buona partita senza risparmiarsi e portando acqua al mulino nella sua zona di competenza. Camisa 6: Lupoli prova ad improvvisare qualche accelerazione ma il capitano gli fa capire più con le cattive che con le buone che non è il caso di dannarsi troppo. Gentili 6,5: è sfortunato nel primo tempo quando il suo colpo di testa trova il palo a salavare dal porta del Frosinone, mentre ad inzio ripresa si divora un gol solo davanti a Pigliacelli. In difesa è arcigno e preciso, ma come i suoi compagni si deve arrendere al jolly di Ciofani. D’Elia 5,5: meno incisivo del solito si vede maggiormente quando in campo c’è la sua spalla ideale (Giacomelli). In generale sembra pagare le due settimane di stop per infortunio. Vita 6,5: sempre vivace, cerca anche più volte la conclusione ma senza fortuna. Marino nel finale lo sostituisce per provare il tutto per tutto. Petagna 6: in campo negli ultimi spiccioli nel tentativo di recuperare, entra nell’azione del gol di Cocco e poi arriva la vittoria. Missione compiuta. Moretti 5,5: non è quello delle fasi migliori del campionato ma dovrà riprendersi in fretta perchè alla prima playoff sarà lui ad avere in mano le chiavi della mediana. Di Gennaro c6,5: doveva essere preservato per i playoff, invece salterà la prima per un’ammonizione evitabile. Si riscatta con il gol vittoria che vale il terzo posto. Cinelli 6: ha sui piedi la migliore delle occasioni del primo tempo ma, come gli è capitato varie volte in questo campionato, litiga con il gol. Per il resto solita gara di cuore e polmoni. Spinazzola 6: gioca un tempo poi deve uscire per un colpo ricevuto. Tra i più positivi si produce in buoni spunti che però non trovano la finalizzazione vincente. Giacomelli 6: entra con buon piglio ma pare tra i più frastornati dopo la rete del Frosinone. Dai suoi piedi però nasce l’azione del secondo gol biancorosso. Cocco 6,5: chiude da capocannoniere (con 19 reti assieme a Granoche e Catellani) la sua stagione maiuscola. Colpisce un incrocio dei pali nel primo tempo e spara un destro al volo su cui Pigliacelli si supera nella ripresa. Realizza il gol del pari ma in precedenza aveva subito il giallo per (l’ennesima ahinoi) simulazione in area.  Salterà la prima playoff e sarà assenza pesante. Ragusa 6,5: sembra tra i più ispirati anche se talvolta tende a strafare come in occasione della rovesciata ciccata davanti a Pigliacelli. Cerca con insistenza il gol che il portiere avversario però gli nega, è lui a fornire l’assist per il gol vincente di Di Gennaro.

Pasquale Marino 6,5: mai visto così agitato in panchina come in questa occasione. Chiude il campionato con un terzo posto di grandissimo valore, auspicato alla vigilia di questa partita. Purtroppo i playoff senza Cocco e Di Gennaro partiranno in salita, ma il tecnico di Marsala ha già dimostrato di saper supplire in modo efficace alle assenze.

 

Arbitro: Davide Ghersini di Genova. Assistenti: Giovanni Petangelo di Nocera Inferiore, Vincenzo Soricaro di BarlettaQuarto ufficiale: Marco Mainardi di Bergamo.

Ammoniti: Moretti, Cocco, Di Gennaro (Vicenza); Crescenzi, Ranelli, Sammarco (Frosinone).

Spettatori: 10.672, paganti 5.261, incasso di 61.760 euro; abbonati 5.411, quota di 16.212 euro.

Possesso palla: 57 - 43

Tiri dentro/totali: 9/24 - 3/8

Palle giocate: 689 - 508

% passaggi riusciti: 72.6 - 61.8

Supremazia territoriale: 18'01'' - 08'29''

% attacco alla porta: 57.8 - 56.3

% protezione area: 43.8 - 42.2

% pericolosità: 71.1 - 34.3

Falli commessi: 8 - 13

Angoli: 6 - 2

Recuperi: 2' p.t., 3' s.t.

Maglia: giocatori: biancorossa; portiere: verde. SPONSOR: Caffè Vero.

Serata fresca con una leggera pioggia. Terreno in buone condizioni. 

Torneo: 
Serie B

LIVORNO-VICENZA

| |
Stagione: 
2014-2015
Data: 
2015-05-16
Partita: 
LIVORNO-VICENZA
Risultato: 
1-1
Reti: 
33' Vantaggiato (L), 93' Cocco (V) su rigore
Stadio: 
Armando Picco di Livorno
Formazione locale: 

LIVORNO (3-5-1-1) Mazzoni; Maicon, Ceccherini, Émerson, Lambrughi; Biagianti (27′ Appelt Pires), Luci, Djokovic; Moscati (75′ Gemiti), Vantaggiato (89′ Galabinov), Jelenic.

A disposizione: Cipriani, Remedi, Strasser, Empereur, Belingheri, Jefferson. Allenatore: Christian Panucci


Formazione ospite: 

VICENZA (4-3-3) Vigorito; Laverone, Brighenti, Manfredini, Sampirisi; Moretti (46′ Vita), Di Gennaro (76′ Petagna), Cinelli; Spinazzola, Cocco, Ragusa (84′ Sbrissa).

A disposizione: Bremec, Camisa, Garcia, Alhassan, Gentili, Mancini. Allenatore:Pasquale Marino

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net  

LA PARTITA

PRIMO TEMPO

5′ Vantaggiato chiede triangolo a Jelenic al limite dell’area berica, mugugna il Picchi all’errore dello sloveno nella chiusura dell’uno-due

Dieci minuti senza squilli, ma il Vicenza sembra crescere nel controllo del match

13′ combinazione Ragusa-Sampirisi a sinistra, che porta al cross il numero 31 biancorosso: Lambrughi rischia il clamoroso autogol sul secondo palo per deviare in angolo. Dalla bandierina nulla di fatto

16′ ancora bella iniziativa di Sampirisi a sinistra, cross basso all’indietro per l’accorrente Spinazzola, anticipato dalla difesa amaranto

22′ proteste di Cocco per un presunto mani in area su tiro dal limite di Di Gennaro, fa proseguire Pasqua

22′ un rimpallo favorisce Cocco al limite dell’area. Il bomber si gira e scocca subito il diagonale di sinistro, completamente fuori misura

24′ verticalizzazione improvvisa per Vantaggiato in area. Fantozziano il tentativo di tiro del centravanti livornese, che cicca palla di sinistro e rotola a terra sotto lo sguardo di Manfredini. Scampato pericolo, Vantaggiato avrebbe potuto essere senza dubbio piu’ pericoloso

30′ Vantaggiato suggerisce bene in area per l’inserimento di Maicon, che non conclude e sbaglia clamorosamente il passaggio per Jelenic. Mugugna sempre di piu’ il Picchi

33' Gol del Livorno: rimessa laterale dopo una punzione di Emerson deviata dalla barriera. Moscati è innescato a sorpresa in fascia destra, cross all’altezza del primo palo, girata di testa di Vantaggiato e palla alle spalle di Vigorito

36′ ruggisce e reagisce il Vicenza. Tre angoli consecutivi, ma nessun pericolo per Mazzoni

38′ sbanda pericolosamentela squadra di Marino, Jelenic crossa da sinistra, testa di Vantaggiato in corsa. Per fortuna vicentina il numero 24 amaranto arriva sbilanciato all’impatto a pochi passi da Vigorito, palla che si perde alta sulla traversa

45’+1′ ultimo squillo, si fa per dire dei padroni di casa, Jelenic sinistro da fuori, sfera alle stelle

Vicenza dimesso e poco incisivo in questo primo tempo, sufficiente un’accelerazione improvvisa del Livorno con condimento di dormita difensiva e gli amaranto sono avanti. Di Gennaro e compagni nemmeno parenti degli undici scesi in campo con il coltello fra i denti a La Spezia. Il venticello del risultato che arriva dal Matusa non aiuta a spiegare le vele, laziali avanti 2-0 sul Crotone e con un piede e mezzo in serie A

SECONDO TEMPO

3′ contropiede Ragusa-Cocco, spreca tutto l’ex Genoa con un passaggio troppo corto al compagno, rimedia Lambrughi

7′ clamoroso pasticcio difensivo livornese. Su retropassaggio di Maicon, troppo corto, Mazzoni spara addosso a Cocco andato a pressarlo. Il rimpallo dice bene al portiere, che recupera la sfera a pochi passi dalla linea di porta. Livorno già rintanato all’indietro, il solo Vantaggiato in avanti

11′ Vantaggiato protesta per un intervento da dietro di Brighenti in area. Sorvola Pasqua, pare decisione corretta

13′ cross di Djokovic da sinistra, dal limite Vantaggiato prova la conclusione al volo, tiro centrale, blocca Vigorito

17′ punizione dalla fascia di destra, all’altezza del limite dell’area. Calcia in mezzo Di Gennaro, comoda l’uscita di Mazzoni

19′ occasionissima Lane. Ci prova Cocco con un destro dai 25 metri, miracolo di Mazzoni che vola a deviare in angolo. Sul cross dalla bandierina gira di testa Brighenti, palla abbondantemente a lato

20′ Maicon è l’attaccante aggiunto di Marino, ancora un retropassaggio corto che lancia Cocco, Mazzoni rimedia con apprensione e calcia lontano

23′ collezione di angoli, i biancorossi battono il settimo, la palla respinta dalla difesa è preda di Di Gennaro, tiro ribattuto e Mazzoni dorme sonni tranquilli

25′ contropiede pericoloso dei toscani, Manfredini rimedia in angolo. Fallo in attacco sul tiro dalla bandierina

26′ punizione da sinistra, posizione a specchio rispetto a quella precedentemente concessa alla formazione di Marino. Cross di Di Gennaro al centro, allontana la difesa amaranto

29′ splendida discesa di Laverone a destra, cross al bacio per la testa di Cocco. Maicon stavolta la azzecca e anticipa l’intervento del bomber biancorosso

34′ bella discesa di Maicon a destra, conclusa da un traversone fuori misura che fa arrabbiare Vantaggato, appostato sul secondo palo

35′ punizione dai 35 metri, posizione centrale. Calcia Cocco, destro potente ma centrale che buca la barriera, Mazzoni c’è

37′ Luci dal limite, destro sbilenco, palla lontana dalla porta di Vigorito. Un cross completamente fuori misura di Cinelli è l’immagine di un inconsistente Vicenza odierno

42′ Cinelli prova il destro da distanza siderale, tiro potente ma centrale, blocca al petto Mazzoni

45′ Cocco messo a terra in maniera sospetta in area mentre prova una rovesciata, sorvola Pasqua

45’+3′ rigore per il Vicenza: Petagna atterrato da Emerson, ammonito nell’occasione

45'+3' GOL DEL VICENZA: rigore calciato da Cocco, che porta in parità il match

Succede di tutto dopo il triplice fischio. Espulsi Mazzoni (direttamente) e anche Emerson, per le proteste che si scatenano prima del rientro negli spogliatoi


Pagelle della partita "LIVORNO-VICENZA"  

Vigorito 6: incolpevole sul gol, per il resto deve svolgere solo l’ordinaria amministrazione. Laverone 6: soffre Jelenic e non riesce quasi mai ad andare al cross dal fondo. Meglio nella ripresa, quando spinge di più e combina bene con Vita. Brighenti 5,5: non attento e concentrato come al solito; prende un giallo che gli costerà la squalifica e si fa anticipare da Vantaggiato nell’occasione del gol dei toscani. Manfredini 6: gioca mettendo in campo la sua esperienza, anche se non pare al meglio dal punto di vista fisico. Sampirisi 6: inizia bene creando una buona occasione in cui Lambrughi rischia l’autogol. Va in difficoltà quando Moscati lo attacca, e proprio da un cross del suo diretto avversario scaturisce il gol di Vantaggiato. Moretti 5,5: mostra di non avere né il passo né la precisione delle giornate migliori, consegnandosi alla inevitabile sostituzione. Vita 6: porta vivacità e grinta, prima da interno di centrocampo e poi da esterno. Di Gennaro 6: tocca tanti palloni, anche se non con il consueto profitto. Arriva ad una sufficienza risicata fino a quando Marino lo richiama in panchina. Petagna 6,5: si guadagna la cronaca costringendo Emerson a commettere il fallo da rigore proprio allo scadere. Cinelli 6,5: è senza dubbio il più positivo del centrocampo. Lotta su tutti i palloni e non molla mai fino alla fine. Spinazzola 6,5: attacca nella corsia di appartenenza mettendo più volte in difficoltà la difesa avversaria. Cocco 7: mezzo voto in più per il rigore trasformato a trenta secondi dalla fine. Una rete che vale il mantenimento del terzo posto. Ragusa 6: trova in Maicon una avversario veloce e tonico che gli lascia pochi spazi. Lui ci prova con tenacia e determinazione, ma non riesce a rendersi pericoloso come sette giorni fa a La Spezia (dall’84’Sbrissa s.v. – Marino lo manda in campo chiedendogli corsa e spinta in avanti e lui esegue bene il compito.

Pasquale Marino 7: 38 punti nel girone di ritorno sono un bottino che riassume la grande cavalcata compiuta da gennaio dal Vicenza. Venerdì sera bisognerà battere il Frosinone per disputare i play off partendo dal terzo posto nella graduatoria finale del campionato. 


Arbitro: Fabrizio Pasqua di TivoliAssistenti: Stefano Alassio di Imperia, Simone Di Francesco di TeramoQuarto ufficiale: Leonardo Baracani di Firenze.

Espulso: Mazzoni (Livorno) a fine gara per comportamento non regolamentare, Emerson (Livorno) a fine gara per doppia ammonizione.

Ammoniti: Brighenti (Vicenza). 

Spettatori: 7.187 di cui 2836 paganti, incasso di 13.049 euro; abbonati 4.351, quota di 21.274 euro.

Possesso palla: 45 - 55

Tiri dentro/totali: 2/7 - 5/11

Palle giocate: 476 - 691

% passaggi riusciti: 57.4 - 67.4

Supremazia territoriale: 07'45'' - 10'19''

% attacco alla porta: 45.8 - 39.5

% protezione area: 60.5 - 54.2

% pericolosità: 33.5 - 48.7

Falli commessi: 29 - 10

Angoli: 1 - 7

Recuperi: 1'p.t., 3' s.t.

Maglia: giocatori: bianca camoufage; portiere: blu elettrico

Pomeriggio parzialmente nuvoloso, temperatura sui 20 °C, terreno in discrete condizioni.

Torneo: 
Serie B
Syndicate content