Girone di Ritorno

VICENZA-VIRTUS ENTELLA

| |
Stagione: 
2016-2017
Data: 
2017-02-28
Partita: 
VICENZA-VIRTUS ENTELLA
Risultato: 
2-2
Reti: 
25′ De Luca (V), 62′ Esposito (V) autogol, 74′ Pellizzer (VE), 80′ De Luca (V)
Stadio: 
Romeo Menti di Vicenza
Formazione locale: 

VICENZA (4-2-3-1) Benussi; Bianchi, Adejo, Esposito, Zaccardo; Rizzo, Signori (81′ Urso); Orlando, Bellomo, Giacomelli (59′ Vita, 85′ Doumbia); De Luca

A disposizione: Dani, Amelia, Bogdan, Gucher, Perfection, Cuppone. Allenatore: Pierpaolo BISOLI


Formazione ospite: 

VIRTUS ENTELLA (4-3-1-2) Iacobucci; Pecorini (45′ Belli), Benedetti, Pellizzer, Baraye; Moscati, Troiano, Sini (79′ Palermo); Ammari; Caputo, Catellani (61′ Tremolada)

A disposizione: Paroni, Filippini, Ceccarelli, Diaw, Zaniolo, Ardizzone. Allenatore: Roberto BREDA

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net

PRIMO TEMPO

20′ primo tiro in porta della partita che arriva quasi casualmente con un tiro cross deviato sottomisura da Catellani. Tiro angolato ma lento, sventa in corner Benussi

25' GOL DEL VICENZA: perentorio recupero difensivo di Bianchi che serve in profondità De Luca sulla sinistra. L’attaccante si accentra e lascia per Bellomo che prova il destro dal limite, dal contrasto con il difensore la palla si impenna favorendo l’inserimento dello stesso De Luca che supera allargandosi Iacobucci e poi da posizione defilata riesce ad insaccare in rete con una traiettoria beffarda

31′ perfetta verticalizzazione di Orlando per De Luca la cui botta di destro di prima intenzione sul primo palo è deviata in corner da Iacobucci che salva la sua porta dal secondo gol

33′ ancora De Luca protagonista con un triangolo con Bellomo chiuso con un tunnel su Benedetti a favore del compagno che appena dentro l’area prova il destro che purtroppo esce troppo centrale e Iacobucci blocca

43′ buon pallone recuperato da Bellomo a centrocampo, il trequartista dialoga con Orlando e fatto qualche metro prova la botta dalla distanza che però termina alta sopra la traversa

Primo tempo che il Vicenza sta conducendo meritatamente, legittimando la rete del vantaggio con almeno un altro paio di occasioni pericolose. Virtus Entella finora contenuta dai biancorossi in maniera efficace con una sola palla gol concessa a Caputo, peraltro nata in maniera apparsa piuttosto fortuita. Benissimo De Luca, autentica spina nel fianco della difesa ligure e bene anche Bellomo e Orlando, meno efficace invece Giacomelli sulla sinistra che pur fornendo qualche spunto non è riuscito a sfruttare in maniera incisiva lo spazio concessogli da Pecorini. Buona la prova complessiva della squadra nella fase difensiva, finora attenta e precisa nelle chiusure.

SECONDO TEMPO

47′ Caputo contrasta Esposito in uscita dall’area, commettendo probabilmente fallo non ravvisato da Serra, l’attaccante successivamente si libera al tiro che finisce largo

52′ ottimo pallone recuperato da Signori sulla trequarti dell’Entella il centrocampista prova dal limite ma il tiro viene rimpallato, sulla sfera arriva Giacomelli che prova la botta al volo svirgolando malamente la conclusione

62' GOL DELLA VIRTUS ENTELLA: cross senza pretese dalla destra di Belli, la palla pare in mano a Benussi che però si scontra con Esposito e nel rimpallo tra i due la palla finisce in rete

65′ diagonale di Zaccardo che attraversa l’area e arriva sulla testa di Bellomo che in tuffo spreca spedendo alto 

70′ cross dalla sinistra di Vita  che arriva nel cuore dell’area dove Orlando calcia al volo mandando sul palo il diagonale da posizione decisamente invitante

74' GOL DELLA VIRTUS ENTELLA: su angolo svetta tutto solo Pellizzer che inzucca battendo imparabilmente Benussi

80' GOL DEL VICENZA: palla intercettata da Rizzo che pesca Bellomo che dal limite di testa intuisce l’inserimento  centrale di De Luca che si inserisce e batte Iacobucci per la sua doppietta personale

86′ grande conclusione di Bellomo dalla distanza risponde Iacobucci tuffandosi  alla sua destra e mandando in angolo

90′ colpo di testa di Caputo che fortunatamente non riesce ad imprimere forza alla palla, Benussi blocca a terra

Ancora una volta il Vicenza non riesce a vincere nonostante una gara condotta per lunghi tratti. Alla fine la Virtus Entella stava quasi per fare il colpaccio grazie ad un incredibile errore difensivo della coppia Benussi Esposito che ha regalato un gol da comiche ai liguri che successivamente si sono pure trovati in vantaggio con il colpo di testa di Pellizzer su azione d’angolo. E meno male che De Luca è riuscito a trovare la doppietta personale che ha garantito almeno un punto ad un Vicenza che purtroppo nella ripresa non è riuscito a ripetere difensivamente parlando la prova attenta del primo tempo, mentre in avanti nonostante i due gol  messi a segno, ci sarebbero state anche le occasioni per fare di più e meglio. Davvero un peccato perchè oggi i tre punti erano veramente alla portata dei biancorossi. 

 

Pagelle della partita "VICENZA-VIRTUS ENTELLA"

Benussi 4: votaccio che ovviamente si spiega con la topica sul primo gol ospite: una palla facile facile che normalmente un portiere va ad attaccare in presa alta. Lui invece attende troppo a prendere una decisione e quando lo fa è solo per completare la frittata, scontrandosi con Esposito. Non è certamente al meglio della condizione, ma dopo la mancata uscita sul gol a tempo scaduto della Spal, anche stavolta una incertezza fatale. Zaccardo 6,5: buona gara in entrambe le fasi per l’esperto difensore biancorosso. Da un suo tiro cross nasce una buona occasione per la testa di Bellomo, poco dopo il gol del pari ospite, ma il trequartista manda alto. Adejo 5,5: non è nel momento migliore del suo campionato. Primo tempo discreto, ma ha responsabilità sul raddoppio della Virtus: Pellizzer è un buon saltatore (già tre gol in questo campionato) ma lui dove era? Esposito 5,5: anche lui non è al top. Caputo è sicuramente cliente da prendere con le pinze e lui tutto sommato lo contiene, ma nella ripresa non convince in qualche situazione (in particolare un clamoroso liscio in area che poteva costare caro) e se nel patatrac con Benussi non ha colpe particolari, non brilla comunque per intesa con il compagno. Bianchi 6,5: ancora molto bene il ragazzo che sulla sinistra si disimpegna egregiamente, avviando con un anticipo perentorio l’azione del primo gol di De Luca. Bene nelle diagonali, ottimo nelle accelerazioni con cui assiste Giacomelli, cala comprensibilmente nel finale, ma ancora una volta alla fine risulta tra i migliori. Rizzo 6,5: pure in inferiorità numerica il centrocampo biancorosso regge bene contro quello ligure. Chiude e cuce come nelle sue caratteristiche e recupera e scodella verso Bellomo la palla da cui nasce il pari. Signori 6,5: vale per lui lo stesso discorso di Rizzo: essenziale per la mediana del Vicenza, corre come un forsennato e spesso guadagna qualche interessante pallone sulla tre quarti ospite, che però non riesce a concretizzare in pericoli veri e propri per la porta di Iacobucci. Urso: entra subito dopo il gol del pari di De Luca per un quarto d’ora di gara in cui non tocca molti palloni. Preservato per la prossima impegnativa trasferta di Cesena. Orlando 6: pronti via e in un quarto d’ora ha già messo a segno due tunnel ai danni degli avversari. Tra i più vivaci nel primo tempo si spegne un po’ nella ripresa. In occasione del palo esterno che colpisce, la sfortuna ha la sua parte ma si poteva fare meglio. Bellomo 7: conoscendolo Bisoli gli urla di non protestare per buona parte del primo tempo e lui se si concentra sul gioco sa fare la differenza:  protagonista in tutti e due i gol di De Luca, con il quale l’intesa pare procedere a gonfie vele, va vicino al successo personale con una staffilata dalla distanza ma, come ad Avellino, ancora una volta trova nel portiere avversario un ostacolo decisivo. Giacomelli 5,5: tocca molti palloni, mettendo in discreta difficoltà Pecorini, ma litiga con i cross e commette molti errori di misura anche probabilmente per qualche problema fisico che consiglia Bisoli alla sostituzione. Vita: 6,5: meno di mezz’ora in campo in cui si disimpegna con efficacia, mettendo anche una bella palla in area in occasione del palo di Orlando. Purtroppo la sua gara finisce prima del novantesimo a causa di un problema muscolare alla coscia sinistra. Doumbia s.v.: l’ex barese ha degli spunti interessanti, ma la voglia di strafare gli fa commettere anche errori banali. De Luca 7,5: due gol, uno più bello dell’altro e un pericolo costante per la difesa ospite ogni volta che tocca palla. Gioca su tutto il fronte d’attacco, trovando ottima sponda in Bellomo che ne intuisce e asseconda i movimenti. Unico problema: quando si sposta sull’esterno e mette lui i cross in area, lì non ci trova nessuno e per questo, quando possibile, sarebbe interessante vederlo in coppia con un altro attaccante.

All. Pierpaolo BISOLI 6,5: ara preparata bene, nonostante le difficoltà di organico. La squadra gioca un buon calcio e pare in gestione del match, almeno fino al gol del pareggio dell’Entella. Sull’ 1-2 è importante e confortante la reazione ad un risultato dal sapore di beffa. A Cesena sarà ancora emergenza ma, se la squadra ripeterà la prestazione, il risultato positivo è alla portata.


Arbitro: Marco Serra di Torino. Assistenti: Daniele Bindoni di Venezia, Pietro Dei Giudici di LatinaQuarto ufficiale: Riccardo Ros di Pordenone.

Ammoniti: Esposito, Signori, De Luca (Vicenza); Pecorini, Troiano, Sini (Virtus Entella)

Spettatori: 6.249 totali per un incasso di 37.102 euro (5.630 abbonati per un rateo di 32.879 euro,619 paganti per una quota di 4.223 euro).

Falli commessi: 21 - 20

Angoli: 7 - 3

Tiri in porta: 6 - 5

Tiri fuori: 2 - 2

Fuorigioco: 2 - 0

Pali-Traverse: 1 - 0

Possesso palla: 56 - 44

Recuperi: 0' p.t., 4' s.t.

Maglia giocatori: biancorossa. Maglia portiere: giallo fluo.

Serata piovosa, terreno allentato, temperatura ad inizio gara circa 8 gradi.

Torneo: 
Serie B

VICENZA-SALERNITANA

| |
Stagione: 
2016-2017
Data: 
2017-02-10
Partita: 
VICENZA-SALERNITANA
Risultato: 
0-1
Reti: 
10' Busellato (S)
Stadio: 
Romeo Menti di Vicenza
Formazione locale: 

VICENZA (4-2-3-1) Vigorito; Pucino, Zaccardo, Adejo, D’Elia; Rizzo, Gucher; Orlando (45′ De Luca), Bellomo (75′ Giacomelli), Vita (45′ Signori); Ebagua

A disposizione: Costa, Doumbia, Esposito, Urso, Bianchi, Cernigoi. Allenatore: Pierpaolo BISOLI

Formazione ospite: 

SALERNITANA (4-3-3) Gomis; Bittante, Schiavi, Bernardini, Vitale; Busellato (86′ Zito), Ronaldo (70′ Odjer), Minala; Rosina, Coda (78′ Pereira Silva), Tuia

A disposizione: Terracciano, Luiz Felipe, Improta, Sprocati, Mantovani, Donnarumma. Allenatore: Alberto BOLLINI

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net

PRIMO TEMPO

10' GOL DELLA SALERNITANA: Minala apre per Busellato che si inserisce in area e scarica il tiro: la palla si insacca alle spalle di Vigorito

21′ sugli sviluppi di un angolo, Vita prova la conclusione dal limite: palla ribattuta 

27′ Minala di testa prova a rimettere la palla al centro ma la sfera si perde sul fondo 

28′ Tuia tenta a sorprendere Vigorito con un pallonetto dal limite, palla fuori 

Scoccata la mezz’ora, i biancorossi non si sono ancora fatti vedere dalle parti di Gomis 

41′ colpo di testa tentato da Ronaldo, palla debole preda di Vigorito

44′ cross di Pucino,  Ebagua prova la torsione ma la palla finisce abbondantemente a lato 

45' Coda raccoglie un rimpallo e tenta la conclusione, il pallone termina a lato 

Brutto Vicenza in questa prima frazione di gioco, forse la peggiore giocata in casa dai biancorossi in questo campionato. Eloquente il dato dei zero tiri in porta effettuati dagli uomini di Bisoli, ma al di là del fatto di non avere mai impegnato il portiere Gomis, non sono menzionabili neppure occasioni in cui la difesa della Salernitana abbia dovuto salvarsi con affanno. Sterile il palleggio che ha permesso sovente al Vicenza di arrivare nella tre quarti dei campani dove però fatalmente l’azione si esaurisce in maniera evanescente. Anche per quanto riguarda i singoli le prestazioni non sono di sicuro eccellenti con un Vita che sulla sinistra non è riuscito a combinare nulla di memorabile, finendo pure ammonito, Ebagua che sperduto solo contro la difesa granata non sta certo fornendo il contributo che gli si chiede, mentre D’Elia pare alle prese con i soliti problemi fisici e potrebbe essere sostituito da Bianchi che si è scaldato durante tutto il primo tempo. Nella ripresa servirà un Vicenza decisamente più incisivo, ma anche con più cuore per mettere a posto una gara che la Salernitana, grazie all’accelerazione di Busellato ha girato dalla sua parte.

SECONDO TEMPO

48′ tiro dai 30 metri di Vitale, blocca Vigorito 

53′ Bellomo raccoglie un rimpallo e scarica un rasoterra verso la porta ma la palla viene ribattuta 

58′ punizione dal limite, il tentativo di Bellomo sbatte sulla barriera

62′ Pucino spazza ma la palla capita sui piedi di Rosina che tenta la conclusione: il suo tiro centrale viene bloccato da Vigorito

64′ punizione dalla trequarti, Bellomo tenta ancora la conclusione ma la sfera si spegne alta 

73′ Coda serve Odjer che da posizione defilata sgancia il tiro, palla potente che termina a lato 

84′ De Luca lascia passare un cross di Ebagua, la palla raggiunge Rizzo che impegna Gomis, il quale alza la palla in angolo

Poco da salvare anche nel Vicenza della ripresa che non ha mai dato l’impressione di riuscire ad imprimere una svolta alla partita, risultando sempre piatto nel gioco e incapace di dare l’intensità vista nelle partite con Spal e Bari. Alla fine nel tabellino rimane solo il bolide di Rizzo che Gomis ha deviato in angolo e poco altro con troppi giocatori nettamente sotto non solo al loro standard ma anche alla semplice sufficienza. 


Pagelle della partita "VICENZA-SALERNITANA"

Vigorito 5,5: responsabilità limitate sul gol subito, ma in difficoltà nelle uscite e quando deve giocare la palla con i piedi. Prestazione inevitabilmente condizionata dalla precaria situazione fisica. Pucino 5: brutta gara. Tanti errori nei passaggi anche banali e non va meglio neanche quando si spinge in avanti, dove non trova mai modo di rendersi pericoloso, sbagliando la misura nei cross. Soffre Vitale e non intuisce il pericolo nel movimento di Busellato nel gol dei granata. Zaccardo 5,5: è probabilmente il biancorosso che da l’impressione di essere più in partita. Troppo spesso (e non sempre con successo) però deve avventurarsi in dribbling perché non trova compagni liberi. Nel finale sembra accusare la stanchezza e concede qualcosa agli avversari con più “gamba”. Sul gol della Salernitana da centrale forse poteva uscire in chiusura. Adejo 5,5: alterna interventi efficaci a momenti di svagatezza che di solito non gli appartengono. Nei minuti di recupero gioca quasi da attaccante aggiunto ma senza risultati apprezzabili. D’Elia 5: compleanno amaro per lui che da napoletano (e capitano) perde anche il suo derby personale. Lo stadio resta per un attimo con il fiato in sospeso quando butta fuori la palla lamentando l’ennesimo (ahimé) infortunio muscolare. Porta a termine la partita in condizioni non ottimali e infatti praticamente non combina quasi nulla. In settimana vedremo se il danno è stato almeno contenuto. Rizzo 5,5: la sua interpretazione della gara non cambia rispetto al solito ma con una squadra che sbaglia la partita dal punto di vista dell’atteggiamento mentale e che perde spesso le misure, lui fatica più del solito a cucire e ripartire. In tutto il match comunque rimane suo l’unico (!) tiro in porta dei biancorossi. Gucher 5,5: mezzo passaggio a vuoto per l’ex capitano del Frosinone che prova ad accendere la luce ma è più abat jour che faro. La fase di palleggio del Vicenza a centrocampo è anche apprezzabile ma raramente finisce per l’essere incisiva. Prova più volte l’imbucata in area ma non si capisce se sia una giocata studiata, perché compagni pronti a ricevere non ne trova mai. Vita 5: il fatto che Bisoli l’abbia battezzato “incedibile” nel mercato di gennaio, gli ha messo addosso una non indifferente responsabilità. Nello specifico utilizzato come esterno di sinistra oltre ad essere impalpabile in avanti, deve anche sacrificarsi nel raddoppio su Rosina finendo ammonito, ed essendo in diffida pure squalificato nel prossimo match. Signori 5,5: in campo nella ripresa per dare maggiore consistenza al centrocampo ma il contributo è minimo rispetto al poco visto nel primo tempo. Bellomo 5: quando Bellomo passa più tempo a protestare con l’arbitro e con gli avversari invece che a giocare a calcio, Bellomo gioca male. Ne tenga conto per le prossime partite. Pochi uno contro uno vinti e una punizione dal limite malamente sprecata. Giacomelli s.v.: prova a dare il suo contributo in avanti ma nell’ultimo quarto d’ora il Vicenza gioca in maniera confusa e di palloni gliene arrivano col contagocce. Orlando 5: stavolta il ragazzo buca la prestazione nella fase offensiva e in più ha grosse responsabilità sul gol salernitano non riuscendo a contrastare Busellato all’inizio dell’autostrada che il centrocampista trova fino al cuore dell’area di rigore. De Luca 5: appare, come si suol dire, un pesce fuor d’acqua. Manca l’intesa con i compagni che si spera possa arrivare presto. Ebagua 5: a parte che da solo in avanti fatica non poco, capita spesso che si allarghi esternamente con il risultato che in area non ci va nessuno. Serata di litigi con il pallone tanto che l’unico tiro (?) in porta lo fa senza quasi accorgersene e ne esce in pratica un passaggio a Gomis.

All. Pierpaolo BISOLI 5: giustifica la squadra per la gara “toppata” dopo molte giocate bene. In questo ha sicuramente ragione, certo che essendo uno scontro diretto è un buco che vale doppio. Al di là del fatto che qualche giocatore sbaglia completamente la gara, anche la formazione iniziale lascia qualche dubbio. Il mercato gli ha lasciato in eredità un giocatore come De Luca, difficilmente utilizzabile insieme agli esterni (che infatti al suo ingresso vengono sacrificati) a meno di rinunciare al trequartista e resta il grave problema del gol che non arriva (i biancorssi hanno il secondo peggior attacco del campionato alla pari del Trapani, peggio solo il Pisa), con l’aggravante che nella partita in questione non si creano neanche grandi pressuposti per andare a bersaglio. Non va dimenticato però che la squadra arrivava da ottime prestazioni e che non può aver perso tutto in una sola settimana. Fossimo in lui comunque eviteremo di rimarcare ulteriormente che “è una stagione nata sotto una cattiva stella” che non diventi inconsciamente un alibi per i giocatori.


Arbitro: Antonio Rapuano di Rimini. Assistenti: Giuseppe Borzomì di Torino, Mauro Galetto di RovigoQuarto ufficiale: Mirko Mainardi di Bergamo.

Ammoniti: Vita (Vicenza); Bittante, Minala, Ronaldo, Busellato (Salernitana).

Spettatori: 7.015 totali (5.630 abbonati per un rateo di 32.879 euro,1.385 paganti).

Falli commessi: 16 - 20

Angoli: 7 - 6

Tiri in porta: 2 - 6

Tiri fuori: 3 - 6 

Fuorigioco: 2 - 0

Pali-Traverse: 0 - 0

Possesso palla: 54 - 46

Recuperi: 1' p.t., 4' s.t.

Maglia giocatori: biancorossa. Maglia portiere: giallo fluo.

Serata fredda, temperatura attorno ai 6 gradi, terreno in buone condizioni. 

Torneo: 
Serie B

VICENZA-ASCOLI

| |
Stagione: 
2016-2017
Data: 
2017-02-18
Partita: 
VICENZA-ASCOLI
Risultato: 
1-1
Reti: 
36' Mignanelli (A), 69' De Luca (V)
Stadio: 
Romeo Menti di Vicenza
Formazione locale: 

VICENZA (4-3-3) Benussi; Zaccardo, Adejo, Esposito, Pucino; Rizzo, Gucher (45′ Bellomo), Signori; De Luca, Cernigoi (45′ Orlando), Giacomelli (73′ Urso)

A disposizione: Costa, Dani, Bogdan, Zivkov, Doumbia, Perfection. Allenatore: Pierpaolo BISOLI

Formazione ospite: 

ASCOLI (4-2-3-1) Lanni; Almici, Augustyn, Gigliotti, Mignanelli; Cassata, Addae (73′ Bianchi) ; Orsolini, Bentivegna (61′ Cacia), Lazzari (82′ Gatto); Favilli

A disposizione: Ragni, Bianchi, Perez, Giorgi, Cinaglia, Mogos, Slivka. Allenatore: Alfredo AGLIETTI

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net

PRIMO TEMPO

2′ secondo corner consecutivo per i marchigiani che vanno al colpo di testa con Augustyn. L’ex biancorosso sfiora la rete mandando alto di poco sopra la traversa

7′ pallone recuperato da Zaccardo oltre la linea di metà campo, il difensore serve De Luca che gli restituisce palla per il tiro dal limite che però Zaccardo svirgola malamente anche perché disturbato da un avversario, in maniera, secondo Marinelli, non fallosa

14′ lungo cross in area di Almici , su cui saltando Zaccardo e Favilli senza prendere la palla, defilato sul secondo palo arriva Bentivegna che però sparacchi altissimo

19′ lunga azione del Vicenza sul secondo angolo a favore del match, la palla arriva a De Luca che prova una semirovesciata che viene deviata e termina di poco oltre la traversa 

21′ contropiede di Lazzari che serve in profondità in area Orsolini anticipato da un’ottima diagonale di Pucino

24′ buon pallone di De Luca per Cernigoi che però attende troppo per tirare e poi prova a mettere un pallone in area che però viene deviato a finisce comodo tra le braccia di Lanni

33′ bella azione dei bianconeri rifinita da Bentivenga per Orsolini che da posizione ravvicinata calcia al volo, bravo Benussi a parare, trattenendo anche il pallone vicino per evitare una ribattuta. Vicenza che soffre il gioco palla a terra dei bianconeri 

36' GOL DELL'ASCOLI: lancio di Gigliotti che pesca Mignanelli sul versante sinistro dell'area di rigore, Giacomelli non riesce ad intervenire sulla traiettoria e Mignanelli supera Benussi con un preciso pallonetto sull'uscita del portiere 

40′ contropiede dell’Ascoli con Lazzari che serve Orsolini che riceve palla solo in area ma incespica e poi tira debolmente con Benussi che può bloccare 

44′ su azione d’angolo biancorossi vicinissimi al pari con Gucher che calcia trovando la respinta di Addae quasi sulla linea, sulla palla vagante in area si avventa Signori che calcia a colpo sicuro ma purtroppo non inquadra la porta, spedendo sul fondo

E’ l’Ascoli a fare la partita finora al Menti. Il gioco del Vicenza fatica a trovare sbocchi in avanti con Cernigoi che non pare ben registrato nel gioco biancorosso (nonostante non stia lesinando impegno) e Giacomelli e De Luca che paiono più preoccupati della fase di copertura che di andare ad attaccare gli spazi in avanti. I bianconeri stanno dimostrando che i dieci risultati positivi consecutivi sono frutto di un gioco di qualità che ha permesso loro di andare in vantaggio su una buona giocata che ha sorpreso la difesa del Vicenza, non esente da errori nell’occasione. Subito dopo il gol, l’Ascoli con Orsolini ha avuto sui piedi l’occasione per raddoppiare ma l’esterno è incespicato davanti a Benussi. Nel finale occasione buona per il Vicenza che però Signori ha sciupato malamente calciando sul fondo. Vedremo se nella ripresa Bisoli riuscirà a trovare il sistema per raddrizzare una gara che si è messa tutta in salita. 

SECONDO TEMPO

47′ tentativo dalla distanza di Rizzo che spedisce alto sopra la traversa

51′ grande occasione per Favilli di chiudere il match su passaggio di Bentivenga davanti a Benussi colpisce centrale e il portiere riesce a respingere

54′ ancora Rizzo che ci riprova da fuori come in precedenza. Stavolta il centrocampista inquadra la porta ma il tiro è debole e centrale e Lanni blocca 

60′ Signori prova il destro dal limite che viene ribattuto, la palla finisce a Orlando che prova il diagonale, debole e troppo centrale per impensierire Lanni 

65′ cross dalla destra di Zaccardo verso Bellomo da poco dentro l’area calcia di prima intenzione sparacchiando sul fondo 

66′ coast to coast di Cassata che prova il diagonale dal limite per fortuna il tiro esce debole e Benussi si puè stendere a parare

67′ Cacia dal limite con due compagni liberi ai fianchi decide di tirare in porta, calciando in curva

69' GOL DEL VICENZA: perfetto assist di Bellomo che trova De Luca pronto ad inserirsi in area sulla destra, il diagonale dell’ex barese è mortifero e batte Lanni 

80′ biancorossi ad un passo dal secondo gol, pallone malamente perso da Augustyn con De Luca che si invola, l’esterno mette palla indietro dove arriva Rizzo a calciare. La botta a fil di palo viene intercettata con un gran volo alla sua sinistra da Lanni

84′ cross dalla destra di Zaccardo su cui interviene Augustyn prolungando la traiettoria, all’altezza del secondo palo prova la botta al volo Bellomo, calciando però sul fondo 

86′ contropiede condotto da Cacia che allarga per Favilli, l’ex Juve si accentra e prova il sinistro a giro che esce lontano dal palo di destra di Benussi

90′+2′ ancora Mignanelli dalla sinistra su un pallone mal gestito da Orlando fa partire un diagonale che attraversa tutta la porta e sfila sul fondo con Orsolini che arriva in ritardo sul secondo palo 

Buon punto del Vicenza conquistato oggi al Menti, contro un Ascoli che ha giocato un primo tempo di qualità calando fisicamente nella ripresa. Di contro i biancorossi con l’ingresso di Bellomo hanno messo un po’ d’ordine nella manovra diventando via via più pericolosi fino al gol del pareggio. Anche dopo l’espulsione di Signori il Vicenza non ha smesso di attaccare, rendendosi pericoloso con il gran tiro di Rizzo a cui ha risposto in maniera prodigiosa Lanni. 

 

Pagelle della partita "VICENZA-ASCOLI"

Benussi 6: decisamente rivedibile l’uscita sul gol di Mignanelli, ma salva il Vicenza nel primo tempo su Orsolini e nel secondo opponendosi a Favilli. Gioca in non perfette condizioni e si vede. Zaccardo 6: buona gara per l’esperto difensore che sulla destra spinge e contiene Lazzari. In occasione del vantaggio ospite però risulta colpevolmente assente dalla sua zona di competenza. Adejo 5,5: non convince come in altre occasioni, poco preciso nei disimpegni e meno insuperabile di come siamo abituati a vederlo. Esposito 6,5: Favilli non gli sfugge praticamente mai ed è bravo ad anticiparlo sistematicamente nel gioco aereo, per trovare una occasione buona l’ex juventino deve girargli al largo. Pucino 6: sufficienza risicata. Soffre Orsolini che fortunatamente non è in grande giornata in fase conclusiva, limita al minimo sindacale le apparizioni in avanti. Rizzo 6,5: dei centrocampisti del Vicenza è quello che da meno del tu al pallone ma quello che calcia di più verso la porta di Lanni. Per due volte non crea patemi ma sulla terza l’estremo ospite deve superarsi per evitare il sorpasso dei biancorossi. Gucher 5: dopo le prime convicenti gare in biancorosso, paga inevitabilmente lo sforzo profuso. Un tempo solo in campo in cui non riesce mai a prendere le misure del centrocampo avversario, poi Bisoli decide per la sostituzione. Bellomo 6,5: da vivacità all’attacco del Vicenza, prova personalmente la conclusione in un paio di circostanze senza grande fortuna, lancia De Luca verso la porta per il pareggio biancorosso, insomma quello che ti aspetti quando peschi dalla panchina per dare una svolta. Signori 5,5: nel primo tempo ha sui piedi la palla per impattare la partita ma la sparacchia sul fondo. Nella ripresa va a contrastare il centrocampo marchigiano correndo ovunque senza risparmiarsi, finendo per perdere un po’ di lucidità. Da qualche minuto pareva a corto di fiato, prima di commettere il fallo che gli costa l’espulsione. De Luca 6,5: meglio da punta centrale che da esterno dove fatica ad incidere. Bravo nel concretizzare l’assist di Bellomo e a rubare palla ad Augustyn nell’azione della palla gol di Rizzo sul finale di gara. Non rimane che sperare che la sua crescita continui, visto che per almeno un mese sarà lui a dover sostenere tutto il peso dell’attacco biancorosso. Cernigoi 5: il ragazzo prova a tirare fuori qualcosa di positivo dalla sua prestazione ma ne esce pochino, in più ci si mette la mala sorte sotto forma di distorsione al ginocchio che lo toglierà dai giochi probabilmente per un bel po’. Orlando 5,5: prova a creare qualche grattacapo alla difesa dell’Ascoli ma non è spina come in altre occasioni. Nel finale perde un brutto pallone in area, lasciando a Mignanelli lo spazio per un diagonale maligno che poteva costare caro. Giacomelli 5: prima a sinistra, poi a destra, nel secondo tempo di nuovo a sinistra nel 4-2-3-1, finisce per perdere la bussola e non lascia segno. Grosse responsabilità sul gol di Mignanelli quando prova ad intercettare la palla, senza riuscirci, finendo inesorabilmente tagliato fuori. Urso 6: entra in campo in seguito all’espulsione di Signori per coprire il buco lasciato a centrocampo dal compagno. Il Vicenza si dispone con il 4-4-1 continuando a dare filo da torcere agli avversari.

All. PIERPAOLO BISOLI 6: rispetto alla partita con la Salernitana, stavolta la sua squadra non sbaglia l’approccio iniziale, ma nel primo tempo non convince la disposizione tattica. Meglio la ripresa con l’ingresso di Bellomo e l’atteggiamento che non cambia anche con la squadra in dieci. Rimane l’emergenza di una rosa ridotta all’osso, soprattutto in avanti, in attesa di capire se la società cercherà di mettergli a disposizione un giocatore dal mercato degli svincolati.


Arbitro: Livio Marinelli di Tivoli. Assistenti: Francesco Fiore di Barletta, Orlando Pagnotta di Nocera InferioreQuarto ufficiale: Alessandro Meleleo di Casarano.

Espulso: al 71' Signori (Vicenza) per gioco scorretto. 

Ammoniti: Esposito, Gucher, Bellomo (Vicenza); Cassata, Mignanelli, Addae, Almici, Favilli (Ascoli).

Spettatori: 6.792 totali per un incasso di 45.491 euro (5.630 abbonati per un rateo di 32.879 euro,1.162 paganti per una quota di 12.612 euro).

Falli commessi: 13 - 22

Angoli: 8 - 3

Tiri in porta: 5 - 4

Tiri fuori: 4 - 5

Fuorigioco: 3 - 1

Pali-Traverse: 0 - 0

Possesso palla: 52 - 48

Recuperi: 2' p.t., 4' s.t.

Maglia giocatori: biancorossa. Maglia portiere: giallo fluo.

Giornata soleggiata, temperatura ad inizio gara di 14 gradi circa, terreno in buone condizioni.

Torneo: 
Serie B

BARI-VICENZA

| |
Stagione: 
2016-2017
Data: 
2017-02-04
Partita: 
BARI-VICENZA
Risultato: 
2-1
Reti: 
42′ Floro Flores (B), 79′ Ebagua (V), 85′ Galano (B)
Stadio: 
San Nicola di Bari
Formazione locale: 

BARI (4-2-3-1) Micai; Sabelli, Tonucci, Capradossi, Morleo; Basha, Salzano (66′ Fedele); Parigini (61′ Galano), Brienza, Furlan; Floro Flores (73′ Raicevic)

A disposizione: Gori, Macek, Cassani, Suagher, Greco, Maniero. Allenatore: Stefano COLANTUONO

Formazione ospite: 

VICENZA (4-2-3-1) Benussi (32′ Vigorito); Zaccardo, Adejo, Esposito, Pucino; Rizzo (86′ Cernigoi), Gucher; Orlando, Bellomo, Giacomelli (57′ De Luca); Ebagua

A disposizione: Bianchi, Bogdan, Barbosa, Doumbia, Zivkov, Vita. Allenatore: Pierpaolo BISOLI

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net

PRIMO TEMPO

6′ ci prova Orlando da posizione centrale; il suo sinistro deviato si impenna e Micai può bloccare in presa alta

11′ sul primo angolo del match per i galletti, colpisce palla di testa Capradossi che però indirizza la sfera molto distante dalla porta di Benussi 

17′ c’è stata una pausa di qualche minuto per soccorrere Benussi che lamentava un problema alla caviglia 

22′ rapido contropiede innescato da Bellomo che prova un tiro dalla lunga distanza; la conclusione è troppo centrale e Micai va in controllo

24′ su punizione calciata da Brienza, Salzano in area colpisce di testa spedendo lontano dai pali 

32′ punizione dal limite che Floro Flores spedisce alta sopra la traversa 

40′ rapido contropiede del Vicenza portato da Zaccardo che imbuca per Orlando che entra in area e calcia su Micai, la palla rimbalza su Basha e si avvia verso porta dove Capradossi rinvia sui piedi di Giacomelli che prova la conclusione al volo che ancora Micai ribatte

42' GOL DEL BARI: cross dalla destra di Furlan che pesca nei pressi dell'area piccola Floro Flores che lasciato troppo libero da Esposito colpisce di testa battendo Vigorito

45′ punizione calciata da Bellomo che esce poco lontano dal palo di destra della porta difesa da Micai 

Bari in vantaggio, dunque, alla chiusura di una prima frazione che si avviava senza grossi emozioni a chiudersi sul risultato a reti bianche, con il Vicenza che non aveva concesso grandi spazi ai galletti. Nei cinque minuti finali, invece, prima una grande occasione per i biancorossi che con Orlando e Giacomelli hanno impegnato Micai, poi sull’azione successiva è Floro Flores a punire il Vicenza con un colpo di testa sottomisura, su cui però la difesa del Vicenza ha più di qualche responsabilità, essendosi fatta trovare nell’occasione un po’ troppo a maglie larghe.

SECONDO TEMPO

47' Ebagua si libera della guardia di Capradossi e poco oltre l’area prova il sinistro a giro che esce non di molto lontano dal palo di destra di Micai 

55′ azione condotta da Parigini che serve Basha che calcia frettolosamente per anticipare l’intervento di Rizzo spedendo decisamente distante dalla porta

60′ De Luca in area serve indietro per Bellomo che calcia contro Ebagua che era a terra, la palla si impenna ma da così occasione a Micai di deviare in angolo. Sull’angolo colpo di testa di Esposito che esce sul fondo 

67′ azione sulla destra di Galano che cede a Brienza il cui sinistro dalla distanza esce sul fondo distante qualche metro dalla porta biancorossa 

76′ palla che esce da una serie di rimpalli e arriva a Gucher che prova a calciare dai venti metri, sparando purtroppo altissimo 

79' GOL DEL VICENZA: furbo e preciso De Luca che subito un fallo sul versante sinistro del campo batte in velocità su Ebagua che prende il tempo all’avversario si incunea sulla sinistra e batte Micai con un diagonale mortifero

82′ punizione calciata da Bellomo sul lato sinistro dell’area dove Zaccardo calcia un destro al volo, trovando però pronto ancora Micai alla deviazione in corner, stendendosi alla sua sinistra 

83′ buon pallone recuperato a metà campo da Gucher che fa qualche metro e dalla distanza prova un destro che non impensierisce Micai

85' GOL DEL BARI: azione confezionata dai due ex con Raicevic che di tacco cede a Galano che da fuori spara un sinistro che incoccia sul palo interno e si insacca in rete

90′ su punizione dalla mediana salta Gucher all’altezza del secondo palo mettendo dentro per Ebagua che prova la girata al volo spedendo però oltre la traversa

Molto rammarico per questa sconfitta immeritata, come immeritato è stato il pareggio della Spal sabato scorso. Due punti persi con gli estensi, almeno un perso oggi, sempre nel finale di gara e in una partita dove ancora una volta il Vicenza ha dimostrato di saper giocare alla pari dell’avversario, se non in alcuni frangenti di essere anche superiore. Conforta ancora una volta la buona prestazione della squadra, ma a fronte di questo serve anche una maggiore concretezza perché con i tre punti in più persi in questi due match, la classifica avrebbe un aspetto decisamente più rassicurante. 



Pagelle della partita "BARI-VICENZA"

Benussi s.v.: un problema alla caviglia lo costringe ad uscire dopo mezz’ora di gioco in cui non è chiamato a compiere una parata degna di tal nome. Vigorito 6: sarebbe di fatto da senza voto perché non il Bari tira due volte e trova due gol nei quali può poco. Non calcia nemmeno i rinvii dal fondo per un problema muscolare. Zaccardo 6,5: tosto e determinato il giusto, dalla sua parte non si passa. Nel finale calcia bene al volo il pallone che può portare in vantaggio il Vicenza, ma Micai si supera e gli nega il gol. Adejo 6: il Bari reclama un calcio di rigore per l’intervento su Galano, ma il fallo non c’è. Gioca una partita attenta in cui l’unica imprecisione è nell’azione del primo gol del Bari dove però prima Furlan e poi Floro Flores sono molto bravi rispettivamente nel cross e nella finalizzazione. Esposito 6: vedi sopra nell’azione del primo gol del Bari. Si guadagnerebbe un rigore clamoroso su una trattenuta selvaggia di Tonucci ma l’arbitro (incredibilmente) non vede. E noi, al contrario della società di via Schio, l’immagine dei segni lasciati da Tonucci sul petto di Esposito l’avremmo fatta vedere. Pucino 6: difende bene, con un paio di diagonali precise a sbrogliare dei pericoli potenziali. La sinistra però non è la sua fascia e in fase di attacco si vede poco. Rizzo 5,5: in mediana tocca a lui il lavoro di spada e lui lo svolge con grinta e dedizione. Perde però un paio di palloni che favoriscono due ripartenze del Bari, mostrando di non essere nella sua giornata migliore. Cernigoi s.v.: pochi minuti, sufficienti però per subire una brutta gomitata dal solito Tonucci. Orlando 6,5: ha il pallone per sbloccare la partita ma sul perfetto assist di Zaccardo calcia addosso a Micai. E’ però sempre dentro la partita creando problemi al Bari con la sua vivacità. Vince il duello con Morleo, uno che fino a poco fa stava in serie A. Bellomo 6: a Bari lo temevano, ma lui fa poco per essere il protagonista del match. Calcia una punizione fuori di poco, ma non trova mai la giocata che possa liberare il compagno davanti alla porta avversaria. Giacomelli 5,5: parte bene, ma poi soffre sempre più le volate di Sabelli. Con Pucino che resta basso non trova un compagno con cui dialogare e finisce per perdersi in sterili uno contro uno. Al minuto 42 ha la palla per sbloccare la partita, ma Micai è super nel deviare il pallone che sembrava destinato in fondo alla rete. De Luca 6,5: Bisoli lo schiera nel centro sinistra dell’attacco biancorosso senza chiedergli di tornare a coprire. Lotta con la caparbietà che gli è nota ed è lui a creare le premesse del gol di Ebagua. Dopo due allenamenti non si poteva chiedere molto di più. Ebagua 7: bravo a non reagire alle continue ginocchiate intimidatorie e manate di Tonucci nei duelli aerei. Lotta su tutti i palloni, trova il gol dell’1 a 1, dimostra di essersi già calato nel ruolo che Bisoli gli ha consegnato

All. PIERPAOLO BISOLI 6,5: per quello visto in campo la squadra che meritava di vincere era il Vicenza e non certo il Bari. Perde subendo due tiri in porta, il secondo di Galano che evidentemente a Bari ha ritrovato la voglia di giocare. Chissà cosa avrà pensato il tecnico del Vicenza tornando con la mente alle clamorose occasioni buttate al vento da Galano a La Spezia (per citare un match recente) e alla jella che stende i due portieri in pochi minuti. Di buono c’è una squadra che gioca, che ha un’identità, che sta bene fisicamente, e la consapevolezza che se si ripeteranno prestazioni di questo livello il Vicenza perderà poche volte da qui alla fine del campionato.

Arbitro: Aleandro Di Paolo di Avezzano. Assistenti: Dario Cecconi di Empoli, Tarcisio Villa di RiminiQuarto ufficiale: Ilario Guida di Salerno.

Ammoniti: Sabelli, Salzano, Tonucci, Basha (Bari); Rizzo, Bellomo, Ebagua (Vicenza).

Spettatori: 15.724 (abbonati 10.350 per un rateo di 58.745,92 euro; paganti 5.374 per un incasso di 37.603 euro)

Falli commessi: 21 - 15

Angoli: 1 - 5

Tiri in porta: 2 - 5

Tiri fuori: 6 - 7

Fuorigioco: 2 - 0

Pali-Traverse: 0 - 0

Possesso palla: 47 - 53

Recuperi: 3p.t., 5' s.t.

Maglia giocatori: neraMaglia portiere: giallo fluo.

Serata mite, temperatura ad inizio gara di circa 15 gradi, terreno in buone condizioni.

Torneo: 
Serie B

VICENZA-SPAL

| |
Stagione: 
2016-2017
Data: 
2017-01-28
Partita: 
VICENZA-SPAL
Risultato: 
1-1
Reti: 
53′ Orlando, 96′ Floccari
Stadio: 
Romeo Menti di Vicenza
Formazione locale: 

VICENZA (4-3-3) Benussi; Bianchi, Zaccardo, Adejo, D’Elia (59′ Zivkov); Rizzo, Gucher, Signori; Orlando (74′ Vita), Ebagua, Giacomelli (89′ Bogdan)

A disposizione: Dani, Barbosa, Smith, Bellomo, Galano, Raicevic. Allenatore: Pierpaolo BISOLI


Formazione ospite: 

SPAL (3-5-2) Meret; Bonifazi, Vicari, Giani (84′ Finotto); Lazzari, Schiattarella, Castagnetti (72′ Zigoni), Mora, Del Grosso (74′ Costa); Antenucci, Floccari

A disposizione: Marchegiani, Cremonesi, Gasparetto, Silvestri, Arini, Schiavon. Allenatore: Leonardo SEMPLICI

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net

PRIMO TEMPO

1′ dopo il minuto di silenzio in ricordo delle vittime del terremoto e del maltempo in Abruzzo, inizia il match con i biancorossi che attaccheranno sotto la Curva Sud

1′ sinistro di Schiattarella controllato con qualche difficoltà da Benussi

3′ diagonale di Gucher in area respinto dalla difesa

10′ Giacomelli prova la conclusione dalla trequarti, palla centrale con Meret che blocca facile 

15′ Castagnetti sbaglia il passaggio, la palla raggiunge Giacomelli che prova a sorprendere il portiere sul palo distante ma ne esce un diagonale lento e impreciso 

17′ Ebagua recupera palla nella trequarti biancorossa e si incunea verso la porta difesa da Meret: la sua conclusione potente si spegne di poco alta

23′Castagnetti ci prova dalla distanza, Benussi respinge coi pugni 

30′ dribbling dal limite di Rizzo, il suo tiro è troppo morbido e di facile parata per Meret 

33′ Antenucci prova un diagonale dal limite destro dell’area, blocca Benussi

43′ dagli sviluppi di un calcio di punizione, si accende una mischia in area, Ebagua prova a concludere a pochi passi dalla porta ma l’arbitro ferma il gioco

Buon primo tempo del Vicenza che solo nei minuti iniziali della gara ha stentato un po’, poi e salita di tono tutta la squadra, tenendo testa in maniera efficace all’avversario attualmente secondo in classifica. Non ci sono state occasioni da gol importanti da nessuna delle due parti, con la Spal che si è affidata soprattutto alle conclusioni dalla distanza, mentre i biancorossi hanno recuperato qualche buon pallone sulla tre quarti avversaria, non riuscendo però a gestire in maniera brillante la fase di rifinitura negli ultimi venti metri. Bene il duo Bianchi – Orlando sulla destra, e la mediana dove Gucher è sembrato già molto più tonico rispetto alla gara di esordio. Un po’ in ombra invece la coppia Giacomelli – D’Elia sul fronte sinistro con il difensore che, sulle tracce di Lazzari, non si sta spingendo molto in avanti e Giacomelli che stenta a sfuggire all’attenta guardia di Bonifazi.

SECONDO TEMPO

47′ Schiattarella prova un rasoterra che viene rimpallo da Adejo 

48′ cross di Orlando troppo indietro per Ebagua, ci arriva Signori che da ottima posizione calcia fuori

53' GOL DEL VICENZA:  Signori recupera palla nella metà campo biancorossa e fa partire in contropiede la squadra, il numero 8 passa la palla all’accorrente Orlando che si accentrata e dal limite esplode un tiro che si insacca alle spalle di Meret 

54′ conclusione da posizione defilata di Ebagua, la palla finisce di poco alta

56′ destro di Gucher dal limite, la palla finisce sopra la traversa

64′ diagonale di Floccari che esce di qualche metro sotto lo sguardo di Benussi che controlla

72′ conclusione dalla distanza di Mora, tiro potente che si spegne alto 

77′ sul cross dalla sinistra di Zivkov irrompe Vita che sotto misura spedisce alto 

78′ tiro di Giani dalla lunga distanza, palla non di poco alta 

79′ Giacomelli serve l’accorrente Vita che non ci pensa ed esplode il tiro: palla bloccata da Meret 

80′ bruttissima entrata di Lazzari su Giacomelli in corsa, cartellino giallo per lo spallino

85′ Rizzo raccoglie un passaggio di Zivkov e va al tiro: palla di poco a lato 

90′ sugli sviluppi di un calcio d’angolo, il palo nega il gol del pareggio

90'+4' conclusione da posizione defilata di Antenucci,  la palla esce alla destra di Benussi

90'+6': GOL DELLA SPAL: lancio lungo, Antenucci prolunga per Floccari che sotto misura non sbaglia e regala il pareggio alla Spal in extremis

Il VIcenza esce dunque dal match con la Spal con un pareggio che alla luce di quanto visto nella ripresa sta larghissimo agli ospiti che sono arrivati ad ottenere il punto grazie al maxi recupero inspiegabile offerto dall’arbitro Ghersini colpevole anche di non aver espulso Lazzari reo di un fallo da dietro su Giacomelli a palla persa. Rimane la buona prestazione offerta dai biancorossi che avrebbero meritato senza dubbio la vittoria. 

 

Pagelle della partita "VICENZA-SPAL"

Benussi 6: la Spal lo chiama in causa solo con tiri dalla distanza. Nel finale viene prima salvato dal palo (sulla respinta è bravo a chiudere lo specchio a Bonifazi), poi prende il gol del pari sul mischione finale dove l’esco-non esco probabilmente contribuisce a creare l’imbarazzo della difesa che si fa sorprendere dalla coppia Zigoni-Floccari. Bianchi 7: solo i crampi nel finale arrivano a ricordare allo spettatore che il ragazzo da tempo non metteva piede in campo. Per il resto prestazione da veterano, bene sia in copertura che nella fase di appoggio dell’azione offensiva. Una piacevole (ri)scoperta. Zaccardo 6,5: avrebbe meritato di più perché nei novanta minuti non concede tregua ad Antenucci ed è sempre tonico e preciso negli anticipi. Purtroppo nella bagarre finale si fa sorprendere da Zigoni a cui concede di saltare e pizzicare la palla verso Floccari con troppa libertà. Adejo 6,5: bene anche lui al rientro dopo un mese dall’ultima partita disputata. Un paio di provvidenziali interventi in acrobazia, molta sostanza. Peccato per l’ammonizione. D’Elia 6,5: partita giocata prevalentemente in copertura per non concedere spazio al folletto Lazzari. Purtroppo la sua gara dura poco meno di un’ora poi si deve arrendere al “solito” infortunio muscolare. Zivkov 6,5: entra con buon piglio andando anche a mettere un buon cross in area su cui Vita non concretizza. Nel patatrac finale forse poteva intuire il taglio di Floccari, ma sembra tra i meno responsabili. Rizzo 6,5: sulle tracce di Mora , come suo uso non concede granché all’estetica ma si fa valere in fase di interdizione. Inizio con qualche errore di troppo in impostazione, cresce con il passare dei minuti. Gucher 6,5: giocate geometriche e di qualità. I tifosi biancorossi hanno già intuito che l’ex del Frosinone darà sicuramente un contributo importante alla causa. Signori 7: voto che poteva essere più alto se sull’assist di Orlando avesse trovato la porta, unico neo in una prestazione maiuscola, dove ruba palloni agli avversari e fa ripartire costantemente l’azione biancorossa con strappi che fanno male agli spallini. E’ lui a servire a Orlando il pallone che l’esterno trasforma in gol. Orlando 7,5: Ccon Bianchi sulla destra è continua spina nel fianco della difesa ospite. I biancoazzurri non riescono praticamente mai a prendergli le misure e lui mette la ciliegina su un’ottima gara con un gol di pregevole fattura. Ad un quarto d’ora dalla fine Bisoli lo sostituisce per motivi tattici. Vita 6: in circa un quarto d’ora per due volte ha la possibilità di chiudre il match, prima il sinistro non lo assiste, poi il destro è fin troppo pulito e Meret blocca. Peccato. Ebagua 6,5: l’impressione è che abbia finito in debito di ossigeno ma di sicuro non si è risparmiato mai, arrivando quasi sempre ad anticipare Vicari nel gioco aereo e diventando preziosa sponda per le azioni offensive dei biancorossi. Nel primo tempo lo spot della sua gara: ruba un pallone a Castagnetti poco prima dell’area biancorossa e si fa tutto il campo arrivando a concludere di poco alto sopra la traversa. Giacomelli 6: trova in Bonifazi un avversario quasi insuperabile. Capite le difficoltà si sacrifica aiutando la squadra nella fase difensiva. E’ lui che va a recuperare un pallone quasi dalla linea di fondo su Lazzari che poi lo gambizza senza pietà finendo solo ammonito e il perché lo sa solo il signor Ghersini. Bogdan s.v.: i suoi 190 centimetri non gli bastano per non farsi soprendere dal colpo di testa di Zigoni che lo supera e finisce a Floccari che gli spunta alle spalle. Un po’ marmorizzato ma le colpe sono da dividere tra più compagni.

All. PIERPAOLO BISOLI 7: partita preparata molto bene. Il Vicenza raramente concede le imbucate alla Spal e toglie molti dei rifornimenti allo spauracchio Antenucci, incontenibile all’andata. La squadra da l’impressione di avere una confortante solidità che fa ben sperare per il proseguio. L’unica cosa che ancora manca è una maggiore confidenza con il gol, nonostante le occasioni ci siano. Trovare il raddoppio, che pure sarebbe stato meritato, avrebbe disinnescato anche il maxi recupero deciso da Ghersini. 


Arbitro: Davide Ghersini di Genova. Assistenti: Matteo Bottegoni di Terni, Marco Chiocchi di FolignoQuarto ufficiale: Simone Sozza di Seregno.

Ammoniti: Adejo, Ebagua, Signori, Giacomelli, Zivkov (Vicenza); Lazzari, Schiattarella, Castagnetti, Del Grosso, Giani (Spal).

Spettatori: 8.750 totali per un incasso di 75.125 euro (5.630 abbonati per un rateo di 32.879 euro, 3.120 paganti per una quota di 42.246 euro).

Falli commessi: 18 - 15

Angoli: 2 - 4

Tiri in porta: 5 - 3

Tiri fuori: 9 - 4

Fuorigioco: 2 - 1

Pali-Traverse: 0 - 1

Possesso palla: 47 - 53

Recuperi: 1' p.t., 6' s.t.

Maglia giocatori: biancorossa. Maglia portiere: verde.

Giornata di sole, temperatura ad inizio gara di 6 gradi circa, terreno in cattive condizioni.

Torneo: 
Serie B

CARPI-VICENZA

| |
Stagione: 
2016-2017
Data: 
2017-01-21
Partita: 
CARPI-VICENZA
Risultato: 
0-0
Stadio: 
Sandro Cabassi di Carpi
Formazione locale: 

CARPI (4-4-1-1) Belec; Struna, Romagnoli (45′ Forte), Gagliolo, Letizia; Concas (22′ Poli), Crimi, Bianco, Bifulco (85′ Di Gaudio); Lollo; Lasagna

A disposizione: Montipò, Mbaye, Mezzoni, Jawo, Beretta. Allenatore: Fabrizio Castori


Formazione ospite: 

VICENZA (4-2-3-1) Vigorito; Pucino, Zaccardo, Esposito, D’Elia; Signori, Gucher; Vita, Bellomo (59′ Orlando), Giacomelli (83′ Galano); Ebagua (90′ Raicevic)

A disposizione: Dani, Barbosa, Bianchi, Adejo, Zivkov, Fabinho. Allenatore: Pierpaolo Bisoli

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net

PRIMO TEMPO

2′ contrasto tra Lollo e Gucher al limite dell’area biancorossa, l’arbitro Pezzuto lascia correre e la palla arriva a Bifulco che calcia debolmente, blocca Vigorito in presa bassa

8′ rinvio corto di testa di Letizia dal limite dell’area, arriva prontamente Bellomo che calcia di collo al volo rischiando di sorprendere Belec fuori dai pali con un diagonale che esce di poco sul fondo 

9′ lungo lancio di Bianco che vede il taglio di Bifulco, la palla arriva all’esterno il cui destro in posizione del tutto precaria termina sull’esterno della rete, sotto il controllo di Vigorito 

12′ sul secondo angolo del match per i padroni di casa, la palla arriva a Struna su cui sono in ritardo sia Ebagua che Bellomo, il difensore colpisce di piatto sporco e alza un pallone che incoccia sulla traversa. Sulla ribattuta Lasagna spara altissimo

17′ azione sulla destra di Bifulco che mette palla sul limite dell’area piccola. Esce Vigorito che riesce a bloccare la deviazione sottomisura di Concas, subendo anche un colpo fortuito con il giocatore avversario 

25′ altro pericolo su angolo creato dai padroni di casa con Gagliolo che quasi in scivolata colpisce di sinistro chiamando Vigorito alla gran parata in tuffo a fil di palo 

28′ controllo e sinistro di prima intenzione di Lasagna dal limite destro dell’area di rigore, la palla esce di qualche metro sul fondo con Vigorito che in controllo della traiettoria

38′ sale Letizia sulla destra che ha tanto spazio a disposizione arriva quasi al limite e esplode il destro che Vigorito vola a deviare in corner 

40′ Lasagna lanciato in profondità si allarga sulla sinistra e calcia con un collo mancino dal limite su cui Vigorito vola in maniera prodigiosa mandando ancora in angolo

43′ palla di Giacomelli verso Ebagua su cui esce Belec a valanga. Ebagua colpisce lo stesso palla trovando in opposizione le mani del portiere in uscita. Fischia fallo Pezzuto, contro il Vicenza, ma non si capisce bene perché la palla non era in possesso del portiere 

45′+4′ su lancio di Letizia verso Lasagna, deviato in corner da Esposito si chiude il primo tempo di Carpi-Vicenza sul risultato di zero a zero

Primo tempo di gioco che quindi termina a reti bianche. Vicenza che ha interpretato questa prima fase di gara in modalità soprattutto difensiva, cercando raramente di mettere il naso nella metà campo avversaria. Carpi che ha creato i maggiori problemi a Vigorito con azioni nate da calci d’angolo (Struna e Gagliolo) e con tiri dalla distanza (Letizia e Lasagna) ma che finora ha cercato sicuramente di fare qualcosa in avanti, mentre per i biancorossi di Bisoli c’è da registrare in pratica solo un diagonale di Bellomo. Partita che comunque non riserva una gran cifra di gioco con Pezzuto che ha tardato a distribuire i cartellini, soprattutto nei confronti della squadra di casa. Per quanto riguarda i nuovi bene Ebagua che ha fatto tanto movimento e sta aiutando la squadra, qualche difficoltà invece per Gucher che fatica a trovare posizione e tempi di gioco e sta interpretando la partita quasi solo in chiave difensiva. 

SECONDO TEMPO

53' colpo di testa di Forte nel cuore dell’area, la palla toccata anche da Pucino si impenna ed esce sopra la traversa 

58′ buon lavoro di sponda di Ebagua in area, la palla arriva a Bellomo che non trova lo spazio per girarsi e Struna manda in corner per il primo angolo del match per il Vicenza

62′ ottimo lavoro al limite dell’area di Ebagua che riesce a stoppare di petto e girarsi sparando un sinistro che sorvola la traversa di Belec

′ punizione calciata da Orlando, deviata di testa da Poli verso il secondo palo dove arriva Gucher che controlla palla e tocca in maniera ravvicinata con Belec che interviene ma poi l’ultimo tocco sul fondo è ancora di Gucher 

77′ punizione calciata da Orlando, deviata di testa da Poli verso il secondo palo dove arriva Gucher che controlla palla e tocca in maniera ravvicinata con Belec che interviene ma poi l’ultimo tocco sul fondo è ancora di Gucher 

79′ colpo di testa di Bifulco sulla punizione battuta dal Carpi, Vigorito controlla senza problemi

90′+2′ Lasagna ci prova dal limite ma il suo tiro sballato termina sul fondo 

90′+3′ il Vicenza esce con un punto dal Cabassi, in virtù di un secondo tempo giocato con un atteggiamento più intraprendente che ha costretto il Carpi a rendersi sicuramente meno pericoloso rispetto alla prima frazione di gara. Un pareggio che da anche segnali importanti per i biancorossi che stanno facendo della solidità difensiva il loro punto di forza.



Pagelle della partita "CARPI-VICENZA"

Vigorito 7: è bravo e reattivo su Gagliolo e Lasagna, e svolge al meglio l’ordinaria amministrazione. Conferma di essere un ottimo portiere per la serie B. Pucino 6,5: soffre un po’ solo all’inizio ma poi chiude bene gli spazi dalla sua parte, e nella ripresa quando può riparte mettendo in difficoltà il Carpi. Gioca con un problema al ginocchio ma stringe i denti e arriva fino al triplice fischio finale. Zaccardo 6,5: spesso su Lasagna non gli concede niente, visto che l’unico tiro pericolooso dell’attaccante del Carpi nasce da un contropiede della squadra di casa scaturito da una palla persa a metà campo. Respinge tutto quello che passa dalle sue parti con tempismo e mestiere. Esposito 6,5: giocatore fondamentale per la difesa biancorossa visto che guida il reparto con personalità. Peccato per il giallo (apparso eccessivo) dovuto ad un fallo su Lasagna, ma nell’azione l’errore è di Giacomelli che effettua un retropassaggio errato. D’Elia 6: sufficienza stiracchiata perché spinge poco e dalla sua parte il Carpi crea i pochi pericoli del match. Non giocava da tempo e la ruggine si è vista. Signori 6: in difficoltà nel primo tempo, in cui non riusciva a trovare la posizione e l’intesa con Gucher. Cresce nella ripresa quando il Vicenza passa a tre in mediana e chiude in crescendo. Gucher 6: l’intesa con i compagni e la condizione fisica è da migliorare, ma la nota confortante è che cresce alla distanza. Nella ripresa ha l’occasione per sbloccare il match ma non trova il tempo per trafiggere Belec. Vita 6: è il giocatore che permette a Bisoli di cambiare modulo in corsa, un jolly di centrocampo prezioso che, non a caso, Bisoli ritiene incedibile. Gioca meglio da interno nel centrocampo a tre, quando con Pucino dietro e Orlando davanti mette in difficoltà il Carpi. Bellomo 5,5: si vede poco sia in fase di costruzione che di copertura. Non è la sua giornata con Bisoli che al termine spiegherà come l’ex barese soffra di un dolore al ginocchio. Orlando 6,5: entra e sposta gli equilibri a favore del Vicenza. Quando ha la palla trai piedi punta sempre l’avversario e riesce a creare le premesse per azioni potenzialmente pericolose. Giacomelli 5,5: combina poco e sbaglia anche qualche disimpegno pericoloso come quando costringe Esposito al fallo su Lasagna. Bisoli lo tiene in campo sperando in qualche giocata delle sue, ma quando capisce che non è giornata lo toglie. Galano s.v.: pochi minuti per farsi conoscere da quelli che potrebbero diventare i suoi nuovi tifosi?. Ebagua 6,5: tiene alta la squadra controllando una marea di palloni, corre dappertutto mostrando di avere una condizione migliore di quanto avesse mostrato in settimana. Spesso è da solo contro la difesa del Carpi, ma combatte su ogni palla senza mollare mai. Raicevic s.v.: due controlli schiena alla porta, e arriva il fischio finale.

All. PIERPAOLO BISOLI 6,5: il Vicenza centra un buon punto su un campo difficile allungando la serie positiva. La squadra interpreta male il primo tempo, ma nella ripresa si riprende mostrando carattere e compattezza, e una solidità difensiva importante. Adesso c’è da inserire i nuovi con Ebagua già a buon punto per tanti motivi, e Gucher che deve ritrovare soprattutto la miglior condizione fisica. A dieci giorni dal termine del mercato la speranza è che il Vicenza cambi poco, considerato che l’organico ora è ben equilibrato e adeguato per centrare la salvezza.

 

Arbitro: Ivano Pezzuto di Lecce. Assistenti: Mirko Olivieri di Palermo, Paolo Formato di BeneventoQuarto ufficiale: Davide Andreini di Forlì.

Ammoniti: Struna, Bianco, Gagliolo (Carpi); Pucino, Esposito, Gucher (Vicenza).

Spettatori: 2.456 di cui 700 vicentini (abbonati 762 per un rateo di 10.388 euro; paganti 1.694 per un incasso di 15.644 euro

Falli commessi: 26 - 22

Angoli: 9 - 5

Tiri in porta: 6 - 0

Tiri fuori: 6 - 3

Fuorigioco: 1 - 2

Pali-Traverse: 1 - 0

Possesso palla: 53 - 47

Recuperi: 3p.t., 4' s.t.

Maglia giocatori: neraMaglia portiere: giallo fluo.

Giornata soleggiata e fredda, temperatura ad inizio gara di circa 6 gradi, terreno in discrete condizioni.

Torneo: 
Serie B

VICENZA-BAGGIO

| | | |
Stagione: 
1902-1903
Data: 
1903-05-18
Partita: 
VICENZA-BAGGIO
Risultato: 
*
Stadio: 
Piazza d'Armi
Note: 

Tratto da "ACIVI la nobile provinciale" di Antonio BERTO

Domenica 17 maggio 1903 al Convegno Provinciale Federale di giochi ginnici, si disputarono in Piazza d'Armi, gare di calcio e di tamburello. Per il calcio verrà disputato il primo torneo Provinciale per scuole e per allievi. Alla data fissata per il convegno, viene anche inaugurata la bandiera sociale dell'Associazione calcio e ne è madrina la signorina Scarpa di Venezia. La manifestazione si svolge con un ragruppamento in campo Marzio e sfilata per il centro. Suona la fanfara del Reggimento di Cavalleria "Montebello" di stanza a Vicenza. La Presidenza, dice una nota, a preludio dei giuochi, invia un telegramma di "devozione e omaggio" al Re, che si è poi degnato di rispondere. Si svolge quindi, sempre il 17 Maggio il campionato Provinciale per Scuole ed il giorno successivo il Torneo Provinciale come appreso:

SCHIO batte CORDELLINA

VICENZA batte BAGGIO

VICENZA batte SCHIO

Mancano i risultati e la classifica risulta la seguente:

1 Vicenza

2 Schio

3 Baggio

4 Cordellina

Il Vicenza vince cosí il primo Torneo Provinciale ed è un preludio per le finali di Venezia e di Firenze. Seguono le premiazioni, con plauso del Presidente Prof. Scarpa che inneggia alle fortune del calcio vicentino, resosi forte in cosí poco tempo. Fra i giuocatori viene premiato il Vicentino Pozzan.

Torneo: 
Altre coppe

CRICKET CLUB MILANO-VICENZA

| | | |
Stagione: 
1902-1903
Data: 
1903-07-01
Partita: 
CRICKET CLUB MILANO-VICENZA
Risultato: 
5-0
Stadio: 
Campo del Lido di Venezia
Formazione ospite: 

VICENZA:

Tonello 1, Boribello, Lorenzoni, Tonello 2, Zozo, Cibele, Nodari, Faccio, Fasolo, Soave, Pozzan.

Torneo: 
Altre coppe

REYER VENEZIA-VICENZA

| | | |
Stagione: 
1902-1903
Data: 
1903-05-31
Partita: 
VICENZA-REYER VENEZIA
Risultato: 
1-3
Stadio: 
Campo del Lido di Venezia
Formazione locale: 

VICENZA:

Tonello 1, Boribello, Lorenzoni, Tonello 2, Zozo, Cibele, Nodari, Faccio, Fasolo, Soave, Pozzan.

Note: 

Tratto da "ACIVI la nobile provinciale" di Antonio BERTO

IL 31 maggio 1903 a Venezia, al campo del Lido, il Vicenza partecipa alla disputa della "Coppa Venezia" con i seguenti risultati:

mattino ore 7

VICENZA-REYER: 3-1

pomeriggio ore 17

CRICKET CLUB MILANO-VICENZA 5-0

e la classifica quindi è la seguente:

1 Cricket Club Milano

2 Vicenza

3 Reyer Venezia

Ardore e bravura dei Berici, dice il cronista, che contrappongono buona volontà al maggior prestigio dei Milanesi.

Ed abbiamo finalmente la prima formazione Vicentina che in entrambe le gare è scesa con:

Tonello 1, Boribello, Lorenzoni, Tonello 2, Zozo, Cibele, Nodari, Faccio, Fasolo, Soave, Pozzan.

Torneo: 
Altre coppe

VICENZA-PERUGIA

| |
Stagione: 
2015-2016
Data: 
2016-05-20
Partita: 
VICENZA-PERUGIA
Risultato: 
0-0
Stadio: 
Romeo Menti di Vicenza
Formazione locale: 

VICENZA (4-2-3-1) Pelizzoli; Sampirisi, El Hasni (72′ Bianchi), Brighenti, D’Elia; Moretti (53′ Modic), Signori; Sbrissa (60′ Urso), Galano, Giacomelli; Ebagua

A disposizione: Benussi, Dall’Amico, Pinato, Pinton, Dieye, Raicevic. Allenatore: Franco LERDA

Formazione ospite: 

PERUGIA (4-3-3) Rosati; Milos, Monaco, Volta, Alhassan; Zebli, Rizzo (70′ Molina), Taddei; Zapata (82′ Drolè), Ardemagni (64′ Parigini), Guberti

A disposizione: Santopadre, Di Nolfo. Allenatore: Pierpaolo BISOLI

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net  

LA PARTITA

PRIMO TEMPO

9′ Gurberti si libera bene sulla destra e serve al centro Taddei che scarica il tiro ma trova la respinta di Pellizzoli

11′ Sampirisi trova spazio sulla destra e libera un cross, Giacomelli anticipato in area da Milos

12′ Sbrissa prova la conclusione, blocca Rosati

14′ Taddei trova Ardemagni da calcio d’angolo, la conclusione si spegne di poco sopra la traversa

21′ Galano, su imbucata di Ebagua, si incunea in area e tenta la conclusione ma viene anticipato da un difensore del Perugia

29′ Giacomelli fa scattare D’Elia, il terzino mette dentro la palla: Ebagua viene anticipato di un nonnulla e la difesa ospite spazza

36′ punizione sulla linea dell’area piccola per i biancorossi, Ebagua prova il piattone di potenza ma Rosati si oppone e la palla finisce in angolo

39′ Sbrissa tenta la conclusione dal limite, palla potente che si spegne di poco sopra la traversa

40′ Zapata, sulla sinistra, prova a cercare l’incrocio lontano dei pali: palla che finisce sul fondo

44′ Milos crossa al centro, Ardemagni di testa impegna in tuffo Pellizzoli

Finisce, senza recupero, la prima frazione di gioco. Primi 45 minuti che si concludono a reti bianche, con i biancorossi che non hanno mai impegnato Rosati. Ospiti pericolosi sullo scadere con il colpo di testa di Ardemagni che ha trovato il bell’intervento in tuffo di Pellizzoli.

SECONDO TEMPO

48′ Ebagua in posizione defilata prova ad inquadrare lo specchio della porta, la palla finisce sopra la traversa

57′ colpo di testa di Signori, la palla esce di poco a lato con Rosati che controlla

59′ Ebagua recupera la palla davanti a Rosati, l’attaccante spara alle ortiche

66′ Urso si libera e sgancia il sinistro: palla che supera di molto la traversa

80′ Modic ci prova dalla lunga distanza, palla alta

86′ colpo di testa di Brighenti sugli sviluppi di calcio d’angolo, palla che esce debole

90′ Rosati sbaglia l’appoggio, Galano prova un dribbling di troppo e perde la palla vanificando una potenziale occasione


Pagelle della partita "VICENZA-PERUGIA"

Pelizzoli 6,5: al suo esordio in maglia biancorossa ci mette del suo su Taddei e Ardemagni per terminare senza reti al passivo. Sampirisi 6,5: è stato il biancorosso dal rendimento più elevato in questa stagione, giocando praticamente in tutti i ruoli della difesa, anche con il Perugia dimostra la sua duttilità. La speranza è di rivederlo con questa maglia. El Hasni 6: rispolverato dopo un lungo periodo di assenza monta una guardia sufficientemente attenta su Ardemagni. Bianchi 6: dopo una trentina di presenze in panca fa il suo meritato battesimo in maglia biancorossa anche in campionato, dopo quello in Coppa Italia contro il Carpi. Brighenti 6,5: il capitano chiude la stagione con un’altra prova gagliarda e convincente, con l’aggiunta di un paio di uscite palla al piede di spettacolare efficacia. D’Elia 6: la sfida con Zapata sulla fascia sinistra si conclude in sostanziale parità. Moretti 6,5: per buona parte della gara ordina e cuce la manovra con autorità, poi si adegua alla piega quasi balneare che prende il match, fino alla sostituzione. Modic: 6: un altro che rivede il campo dopo lungo tempo. Chissà se Vicenza per lui sarà il timido avvio di una brillante carriera futura…). Signori 6: mette in campo il solito spirito gladiatorio in una partita dove i ritmi si affievoliscono con il passare del tempo. Qualche buon pallone recuperato non sfruttato a dovere dai compagni. Sbrissa 6: a destra sembra trovarsi più a suo agio ed è tra i più intraprendenti nella prima frazione di gara. Più spento nella ripresa, fino alla sostituzione. Urso 6: mezz’ora in campo nella fase meno interessante del match. Ci prova con un sinistro che non trova gloria. Galano 6: recupera palla, accelera, si incunea ma svapora al momento del tiro, succede due o tre volte nel corso della gara. Sa fare meglio ma, fortunatamente, in questa partita non serviva. Giacomelli 6: all’andata fu match winner in una delle partite fondamentali per la salvezza del Vicenza. In non perfette condizioni fisiche, ci teneva comunque a salutare la curva alla fine di quella che rimane probabilmente la sua miglior stagione col Vicenza. Ebagua 6: ingaggia un duello tutto fisico con i centraloni del Perugia, cerca il gol senza fortuna.

All. Franco LERDA 6: in questa partita non c’è certo da dare sfoggio di capacità tattiche particolari, visto che è soprattutto una passerella per lui e la squadra, guadagnata con un gran finale di campionato. Mercoledì ci sarà l’incontro con la società per discutere sull’eventuale rinnovo del contratto, appuntamento che desta sicuramente interesse maggiore del match di ieri.


Arbitro: Vincenzo Ripa di Nocera Inferiore. Assistenti: Simone Di Francesco di Teramo, Domenico Rocca di Vibo ValentiaQuarto ufficiale: Nicolò Sprezzola di Mestre.

Ammoniti: Moretti, Giacomelli (Vicenza); Volta, Taddei, Parigini (Perugia).

Spettatori: 11.104 totali per un incasso complessivo di 10.733 euro; 5.235 paganti e 5.869 abbonati.

Possesso palla: 53 - 47

Tiri dentro/totali: 4/15 - 4/9

Palle giocate: 619 - 552

% passaggi riusciti: 73.8 - 70.7

Supremazia territoriale: 10'53'' - 10'35''

% protezione area: 53.2 - 47.8

% attacco alla porta: 52.2 - 46.8

% pericolosità: 37.4 - 31.0

Angoli: 5 - 3

Recuperi: 0p.t., 4' s.t.

Maglia con toppa "Serie B-ConTe.it" e logo ESTEL: giocatori: biancorossa; portiere: verde.

Serata calda ma non afosa, temperatura ad inizio gara di circa 21 gradi.

Torneo: 
Serie B
Syndicate content