Girone di Ritorno

TRIESTINA-VICENZA

| |
Stagione: 
2017-2018
Data: 
2018-03-11
Partita: 
TRIESTINA-VICENZA
Risultato: 
0-0
Stadio: 
Grezar di Trieste
Formazione locale: 

TRIESTINA (4-3-3) Boccanera; Libutti (83′ Troiani), Codromaz, Lambrughi, Pizzul; Porcari, Coletti, Bracaletti (84′ Acquadro); Bariti (64′ Pozzebon), Arma (76′ Petrella), Mensah

A disposizione: Miori, El Hasni, Bajic, Celestri, Aquaro, Maesano, Hidalgo, Meduri. Allenatore: Nicola PRINCIVALLI


Formazione ospite: 

VICENZA (4-3-1-2) Valentini; Malomo, Crescenzi, Milesi, Giraudo; Alimi (56′ Tassi), Romizi, Jakimovski (56′ Giorno); De Giorgio (92′ Bianchi); Ferrari (82′ Giusti), Comi

A disposizione: Fortunato, Costa, Magri, Bangu, Lucca. Allenatore: Nicola ZANINI

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net

PRIMO TEMPO

1′ conclusione di Jakimovski abbondantemente a lato

3′ Mensah di testa schiaccia troppo il pallone, facile la presa per Valentini

15′ diversi gli errori in fase di impostazione da parte di entrambe le formazioni, il Vicenza con qualche difficoltà in più a trovare sbocchi offensivi

18′ ci prova Bracaletti dalla distanza, conclusione lenta che si spegne sul fondo

25′ gioco fermo per circa un minuto a causa di un testa contro testa che ha coinvolto Crescenzi. Il difensore continuerà la partita con una fasciatura

32′ Bracaletti recupera palla a Romizi sull’out di destra del Vicenza, il suo cross al centro non trova la deviazione di Bariti

36′ Comi lavora palla per Ferrari che dal limite prova a concludere, tiro deviato in angolo 

43′ De Giorgio prova a sorprendere Boccanera concludendo dalla trequarti, il tiro supera di poco la traversa con l’estremo difensore della Triestina che controlla la palla

Primo tempo piuttosto sottotono da parte del Vicenza che non è riuscito ad impensierire la formazione di Princivalli, quest’oggi in tribuna a causa della squalifica comminata dal giudice sportivo. Biancorossi parsi in lieve ripresa nel finale, quando hanno tentato di affacciarsi con più convinzione in avanti seppur senza chiamare in causa il portiere della Triestina.

SECONDO TEMPO

52′ Coletti tenta la conclusione dalla distanza, palla ampiamente lontana dalla porta difesa da Valentini

69′ Bracaletti prova a sorprendere Valentini sul primo palo, palla che colpisce l’esterno della rete

72′ punizione dal limite corto dell’area di destra della Triestina, traversone di De Giorgio che non trova alcuna deviazione finendo sul fondo

80′ punizione di De Giorgio dal limite, leggera deviazione e la palla termina in angolo 

 

Pagelle della partita "TRIESTINA-VICENZA"

Valentini 7: prestazione attenta e precisa su ogni pallone. E’ determinante nell’uscita su Bracaletti che gli si presenta davanti da solo, e lui è bravo nel murare la conclusione dell’avversario. Malomo 7: difende duro su Mensah, e quando può viene in avanti con buon costrutto. Giocatore determinante anche fuori dal campo perchè quando parla non dice mai cose banali. Crescenzi 6,5: esce malconcio da uno scontro con Arma ma non molla. Bene nell’anticipo, vince nettamente il duello con l’ex biancorosso. Milesi 6,5: vedi sopra. Respinge con attenzione e concentrazione tutto quello che passa dalle sue parti. Prende un giallo su una ripartenza degli avversari ma nell’occasione la colpa è solo in minima parte sua. Giraudo 6: ingaggia un duello tutta velocità con Bariti a cui concede poco. Spinge poco rispetto al solito ma rispettando un preciso ordine di scuderia. Alimi 6: è il suo campo e la sua partita ma non eccelle come si sperava.  La sufficienza è di incoraggiamento. Tassi 6: entra con il piglio giusto cercando, per quello che concedeva il campo, di dare un pò di qualità alla manovra. Lotta e combatte su tutti i palloni rimediando anche una sospetta frattura del setto nasale. Romizi 6,5: giocatore chiave in questo Vicenza. Gioca tanti palloni con buon costrutto e quando c’è da mettere una pezza c’è sempre. Jakimovski 6: Porcari lo azzoppa dopo pochi minuti con un fallaccio che spacca la scarpa e taglia il piede del biancorosso. Copre e spinge con alterne fortune, ma giocando la condizione non può che migliorare. Giorno 6: porta  vivacità e qualche buon spunto in cui però si dimostra un pò troppo egoista. Conferma comunque di essere un giocatore su cui contare. De Giorgio 6: il campo non lo aiuta ma quando tocca il pallone qualcosa di buono crea sempre. Bianchi s.v.: due minuti in cui recupera due palloni che potevano diventare pericolosi. Ferrari 6,5: partita più di lotta libera con Codromaz che di calcio con il difensore della Triestina che usa spesso le maniere forti. Partita di sostanza con un paio di buoni spunti e di combinazioni con Comi. Giusti s.v.: un paio di contropiedi riusciti  a metà nei minuti finali. Comi 6,5: come per Ferrari, un pomeriggio da battaglia. E’ protagonista del gol annullato (e ci sta), ma viene abbattuto da Codromaz mentre punta la porta avversaria senza che il direttore di gara intervenga. Episodio che poteva cambiare la partita e su cui Zanini si è molto arrabbiato

All. Nicola ZANINI 6,5: punto di sostanza in un campaccio (in tutti i sensi), dove finora ha vinto solo il RenateSchiera una squadra fisica per poi finire con qualche giocatore tecnico in più, ma tutti lo seguono e nessuno molla niente. Ora bisogna vincere al “Menti” ma questo lo sa bene anche lui. 


Arbitro: Giovanni Nicoletti di Catanzaro. Assistenti: Gaetano Massara di Reggio Calabria, Roberto Terenzio di Cosenza.

Ammoniti: Milesi, Valentini, Malomo (Vicenza). 

Spettatori: 5.830 di cui 893 vicentini, incasso non comunicato.

Angoli: 6 - 2, Recuperi: 2' p.t., 4' s.t.

Maglia giocatori: bianca. Maglia portiere: blu elettrico.

Pomeriggio nuvoloso, a tratti piovoso e ventoso, temperatura ad inizio gara di circa 13 gradi, terreno in cattive condizioni.

Torneo: 
Serie C

FANO-VICENZA

| |
Stagione: 
2017-2018
Data: 
2018-02-17
Partita: 
FANO-VICENZA
Risultato: 
0-1
Reti: 
36' Ferrari (V)
Stadio: 
Raffaele Mancini di Fano
Formazione locale: 

FANO (5-3-2) Thiam; Pellegrini (87′ Udoh King), Sosa, Gattari (54′ Torelli), Magli, Fautario (87′ Rolfini); Eklu Mawuli (68′ Schiavini), Lazzari, Varano; Germinale, Fioretti (54′ Melandri)

A disposizione: Nobile, Gasperi, Maddaloni, Masetti, Danza, Lanini, Soprano. Allenatore: Oscar BREVI


Formazione ospite: 

VICENZA (4-3-1-2) Valentini; Malomo, Milesi, Crescenzi (53′ Magri), Giraudo (62′ Jakimovski); Tassi, Romizi, Giorno (62′ Alimi); De Giorgio; Ferrari (81′ Giacomelli), Comi

A disposizione: Fortunato, Segantini, Bianchi, Bangu, Giusti. Allenatore: Nicola ZANINI

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net

PRIMO TEMPO

4′ tiro dal limite di Lazzari, palla centrale di facile presa per Valentini

9′ De Giorgio lavora bene palla sulla destra, il cross al centro è per la testa di Comi che in seconda battuta indirizza la palla verso la porta ma Thiam è attento 

13′ da calcio d’angolo la palla arriva sul secondo palo a Magli, la sua conclusione viene bloccata da Valentini

25′  biancorossi che hanno avanzato il baricentro, Ferrari chiede un uno-due a Tassi ma la palla di ritorno non arriva all’attaccante e l’occasione sfuma 

36' GOL DEL VICENZA: Tassi apre per De Giorgio che serve fortuitamente Ferrari al centro dell’area, l’attaccante numero 9 non ci pensa due volte e conclude di prima intenzione con il sinistro a rete 

SECONDO TEMPO

47′ colpo di testa di Malomo dagli sviluppi di un angolo, la sfera termina sopra la traversa 

65′ i biancorossi si distendono, il filtrante di De Giorgio per Comi non è misurato e l’azione offensiva svanisce

69′ ci prova Lazzari dalla distanza, il giocatore si coordina ma la conclusione termina lontana dalla porta 

73′ ci prova Magri, il difensore stacca al centro dell’area ma il colpo di testa finisce di poco a lato 

78′ tiro insidioso col destro di Melandri, Valentini si rifugia in angolo

80′ Lazzari da calcio di punizione suggerisce per Melandri, l’attaccante si coordina ma non trova l’impatto col pallone 

88′ conclusione dalla trequarti di Schiavini, Valentini alza sopra la traversa 

 

Pagelle della partita "FANO-VICENZA"

Valentini  6,5: non deve compiere interventi particolarmente difficili ma è preciso e puntuale in tutte le parate che effettua. E’ bravo nel finale su Melandri quando copre bene il primo palo e devia in angolo. Malomo 6: sulla corsia di destra della linea difensiva riesce a coprire le avanzate di Fautario e anche i movimenti offensivi di Germinale che spesso si allarga nella sua zona. Quando può spinge ma si vede che non è il suo mestiere. Milesi 6,5: attento e concentrato non sbaglia quasi niente contro due attaccanti ostici come Germinale e Fioretti. Dà una mano anche in fase di impostazione quando Romizi è marcato stretto da Varano. Crescenzi 6,5: bene come il compagno di reparto ma purtroppo viene azzoppato da Varano pochi minuti dopo l’inizio della riopresa. Il ginocchio sinistro a fine gara era gonfio e il dottor Ragazzi preoccupato. Magri 6,5: entra e mette la sua prestanza fisica a disposizione della squadra. Una imprecisione in impostazione e un’occasione da gol con un colpo di testa che esce di poco, ma risponde ancora una volta bene alla chiamata di Zanini. Giraudo 6: dalla sua parte nel primo tempo Pellegrini trova troppo spazio anche se spesso si trova in inferiorità numerica. Spinge poco e becca un giallo che gli costerà la squalifica. Jakimovski 6: non è al meglio della condizione ma quando parte sulla fascia dimostra forza fisica e gamba importante. Deve trovare l’intesa con la linea difensiva ma in questo l’esperienza gli darà una mano. Tassi 6,5: prestazione buona perchè oltre alle doti tecniche che sono note, mette in campo anche il giusto agonismo e tanta corsa. Sua la percussione centrale da cui scaturisce il gol di Ferrari. Romizi 6,5: davanti alla difesa fa muro, recupera palloni e cerca di dare ordine alla manovra. Il mister del Fano gli mette Varano quasi in marcatura a uomo ma lui vince nettamente il duello con l’avversario. Giorno 6: non replica la super partita di Salò andando spesso in sofferenza e facendo fatica a trovare la posizione. Però corre e contrasta e, pur in un match non adatto alle sue caratteristiche, dà il suo contributo alla causa. Alimi 6,5: entra nel momento in cui c’è bisogno di chili e centimetri. Lotta su tutti i palloni facendo spesso ripartire la squadra. In un contropiede serve a De Giorgio la palla del 2 a 0 ma Thiam nega il gol al capitano biancorosso. De Giorgio 7: inizia in posizione centrale dando la possibilità ai giocatori del Fano di limitarlo. Quando si muove senza dare punti di riferimento è decisivo perchè serve a Ferrari l’assist del gol. Nella ripresa è l’allenatore in campo, dispensa consigli, rimproveri e incoraggiamenti. E corre come un ventenne, fondamentale. Ferrari  7: la svolta è iniziata nella partita contro il Padova. Più mobile, più determinato e in condizioni fisiche in continuo crescendo. Segna un gran gol, ma è con Comi è il primo a difendere quando la palla ce l’hanno gli avversari. Bene così. Giacomelli 6,5: la panchina gli sta stretta e si vede dalla voglia con cui entra in campo. Una decina di minuti in cui riparte e tiene palla contribuendo alla vittoria. Comi 6,5: dopo sette minuti ha la palla per sbloccare il match, ma il suo colpo di testa da due passi non è angolato e Thiam para. Poi indossa l’elmetto e sforna una prestazione tutta sostanza.

All. Nicola ZANINI 7: prepara bene la partita che si svolge come l’aveva immaginata. E’ bravo a capire che Giraudo e Giorno, già ammoniti, potevano rischiare il rosso e li toglie al momento giusto. Tutto il gruppo lo segue e la strada intrapresa è senza dubbio quella giusta.


Arbitro: Nicolò Cipriani di Empoli. Assistenti: Antonio Catamo di Saronno, Alessandro Rotondale de L'Aquila.

Espulso: al 48' Varano (Fano) per somma di ammonizioni.

Ammoniti: Melandri (Fano); Giraudo, Giorno, Valentini (Vicenza). 

Spettatori: 1.200 circa.

Angoli: 7 - 3, Recuperi: 1' p.t., 5' s.t.

Maglia giocatori: biancorossa. Maglia portiere: blu elettrico.

Pomeriggio nuvoloso, temperatura ad inizio gara di circa 8 gradi, terreno in buone condizioni.

Torneo: 
Serie C

FERALPISALO'-VICENZA

| |
Stagione: 
2017-2018
Data: 
2018-02-03
Partita: 
FERALPISALO'-VICENZA
Risultato: 
1-3
Reti: 
14' De Giorgio (V), 33' Giorno (V), 51' De Giorgio (V) su rigore, 74' autorete Crescenzi (V)
Stadio: 
Lino Turina di Salò
Formazione locale: 

FERALPISALO' (4-3-1-2) Caglioni; Vitofrancesco, Ranellucci, Legati, Martin (65′ Parodi); Rocca (45′ Ponce), Capodaglio (45′ Staiti), Dettori; Voltan (81′ Raffaello); Ferretti (45′ Marchi), Guerra

A disposizione: Livieri, Marchetti, Emerson, Tantardini, Bagadur, Magnino, Gamarra. Allenatore: Michele SERENA


Formazione ospite: 

VICENZA (4-4-2) Valentini; Malomo, Milesi, Crescenzi, Magri; De Giorgio (92′ Tardivo), Giorno (80′ Bangu), Tassi (69’ Giacomelli), Giraudo; Ferrari, Comi (69’ Jakimovski)

A disposizione: Fortunato, Costa, Bianchi, Giusti. Allenatore: Nicola ZANINI

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net

PRIMO TEMPO

3′ Ferrari liberato solo davanti al portiere colpisce centralmente e la Feralpisalò si salva

6′ filtrante per Rocca la cui conclusione è debole e Valentini blocca la sfera

14' GOL DEL VICENZA:  De Giorgio da punizione opta per un rasoterra che sorprende la barriera della Feralpisalò e su cui Caglioni non può nulla

19′ tentativo dalla distanza di Ferrari,  palla a lato 

21′ imbucata di Martin per Ferretti che gira di testa, Valentini blocca la conclusione

30′ soluzione tattica inedita quella che mister Zanini ha messo in campo, la difesa a quattro viene coperta da Milesi, posizionato davanti la linea difensiva. Al suo lato Tassi e Giorno, con De Giorgio che agisce dietro le due punte

34' GOL DEL VICENZA: Giorno, pescato al limite da Tassi, piazza il pallone sotto l’incrocio dei pali: esordio da titolare positivo per l’innesto di mercato invernale 

SECONDO TEMPO

50' Ranellucci stende Comi in area, rigore sacrosanto

51' GOL DEL VICENZA: penalty trasformato da De Giorgio che spedisce la sfera nell'angolo basso alla destra del portiere 

60′ conclusione di Voltan, il tiro dalla distanza non inquadra la porta 

74' GOL DELLA FERALPISALO': tocco di Crescenzi che nel tentativo di anticipare Mattia Marchi infila la porta di Valentini 

82'′ Giacomelli si gira e tenta la conclusione da posizione defilata: Caglioni respinge 

85′ inistono i padroni di casa, Valentini, chiamato in causa due volte, nega il raddoppio 


Pagelle della partita "FERALPISALO'-VICENZA"

Valentini 7,5: tanti interventi senza la minima incertezza e sbavatura. Nulla può sull’autorete di Crescenzi, è decisivo e superlativo quando sul 3 a 1 nega il raddoppio alla Feralpisalò con una super parata su colpo di testa di Ranellucci. Malomo 6,5: copre bene la fascia destra dove il Vicenza soffre solo nel finale quando nella Feralpisalò entra Parodi. Crescenzi 6,5: bravo nell’anticipo sugli attaccanti avversari a cui concede poco. Nell’azione dell’autogol cerca di deviare in angolo un cross velenoso di Vitofrancesco togliendo la sfera a Marchi ma infila Valentini. Magri 6,5: magari non risulta bello da vedere ma è tosto e concreto. Di testa le prende tutte e dalle sue parti non si passa. Giraudo 6,5: Guerra, che è il bomber della Feralpisalò, lo costringe a pensare solo alla fase difensiva e il giovane di scuola granata svolge il compito con buon profitto. Tassi 6,5: meno appariscente rispetto al primo tempo giocato contro il Padova, ma entra da protagonista nelle azioni importanti del match. Suo l’assist per Giorno nel gol del 2 a 0. Giacomelli 6,5: entra e si posiziona a destra dove ha il compito di chiudere e ripartire. Riesce a rendersi pericoloso un paio di volte e al 94′ mette l’esordiente Tardivo a pochi centimetri dal gol. Milesi 7: è la mossa a sorpresa di Nicola Zanini che orienta il match verso la vittoria biancorossa. Annulla Voltan, protegge la difesa e fa ripartire l’azione con rapidità e precisione. Solo un paio di sbavature e una ammonizione evitabile. Giorno 7,5: al Vicenza in mezzo al campo mancava un giocatore con i piedi buoni, di perosnalità e che sapesse anche fare qualche gol. L’ex modenese a Salò ha mostrato di avere tutte le doti richieste. Ora deve confermare l’ottimo esordio ma quanto visto è incoraggiante. Bangu s.v.: entra per gestire il vantaggio con la Feralpisalò tutta in avanti. De Giorgio 8: leader nello spogliatoio e uomo chiave in campo. E’ bravissimo a non dare mai punti di riferimento agli avversari e risultare decisivo nelle azioni chiave del match. Al momento del rigore sistema il bisticcio tra Comi e Ferrari; tira lui e fa 3 a 0. Tardivo s.v.: per pochi centimetri l’esordio poteva diventare da sogno. Ma vedere in prima squadra un giovane che arriva dalla Giovanili è sempre una bella notizia. Ferrari 6,5: dopo tre minuti ha la palla per sbloccare il match ma non la sfrutta. Però non molla, lotta su tutti i palloni, corre ed è un punto di riferimento importante per l’azione biancorossa. Conferma i progressi evidenziati contro il Padova, avanti così il gol arriverà. Comi 6,5: con Ranellucci è una sorta di corpo a corpo con il bomber biancorosso che risponde colpo su colpo. Corre molto, svaria su tutto il fronrte d’attacco e dà una mano in difesa. Jakimovski 6: non è nemmeno al 50% della condizione atletica e Zanini fa bene a fargli riassaporare il campo per prendere confidenza con i compagni e trovare l’intesa.

All. Nicola ZANINI 8: azzecca tutto. Inserisce Magri in difesa, mette Milesi davanti alla retroguardia e schiera le due punte pesanti che danno forza offensiva al gioco del Vicenza. I giocatori rispondono alla grande, ma le idee tattiche sono sue. Bravo anche quando divide i complimenti sotto forma di cori dei tifosi con Ginone Sterchele, lo staff tecnico e quello medico. Adesso avanti così, la strada è lunga e non si deve mollare di un centimetro. 


Arbitro: Nicolò Marini di Trieste. Assistenti: Luca Dicosta di Novara, Francesco Perrelli di Isernia.

Ammoniti: Ranellucci (Feralpi Salò); Giraudo, Milesi (Vicenza).

Spettatori: 1.225 di cui oltre 500 provenienti da Vicenza, abbonati 220, incasso non comunicato.

Angoli: 11 - 5, Recuperi: 1' p.t., 4' s.t.

Maglia giocatori: biancorossa. Maglia portiere: nera.

Giornata fredda e per lunghi tratti piovosa, temperatura ad inizio gara di circa 7 gradi, terreno in discrete condizioni.

Torneo: 
Serie C

VICENZA-PADOVA

| |
Stagione: 
2017-2018
Data: 
2018-01-27
Partita: 
VICENZA-PADOVA
Risultato: 
0-1
Reti: 
80' Guidone (P)
Stadio: 
Romeo Menti di Vicenza
Formazione locale: 

VICENZA (4-3-3) Valentini; Malomo, Crescenzi, Milesi, Giraudo; Tassi (72′ Bangu), Romizi (89′ Giusti), Alimi; De Giorgio, Ferrari (72′ Comi), Giacomelli

A disposizione: Fortunato, Costa, Bianchi, Sbrissa, Giorno, Magri, Addolori, Lucca. Allenatore: Nicola ZANINI

Formazione ospite: 

PADOVA (4-3-1-2) Bindi; Salviato, Ravanelli, Trevisan, Contessa; Pulzetti (76′ Sarno), Cappelletti, Belingheri; Pinzi (92′ Russo); Capello (92′ Mandorlini); Gliozzi (45′ Guidone)

A disposizione: Burigana, Chinellato, Zambataro, Mazzocco, Merelli, Tabanelli, Zavkov, Piovanello. Allenatore: Pierpaolo BISOLI

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net

PRIMO TEMPO

In avvio quello del Padova assomiglia a un 4-4-2 con centrocampo a rombo: Cappelletti vertice basso e Pinzi trequartista

4′ il primo tiro è di De Giorgio, un rasoterra che passa di poco alla sinistra di un attento Bindi

8′ lo schema sulla punizione nata per un fallo su Ferrari non si concretizza

Buoni i ritmi in avvio. Il Vicenza tiene maggiormente palla e chiude ordinatamente le ripartenze del Padova. Dopo 10′ però nessuna occasione

11′ combinazione Giraudo-Giacomelli, il capitano spara in porta ma la difesa respinge 

12′ Tassi (al quarto recupero in 12′) chiude ottimamente dopo un erroraccio su corner a favore che lasciava al Padova campo aperto 

14′ molto spazio lasciato a Ferrari che ha vita facile nel proteggere palla e girarsi verso la porta. Ancora una volta viene atterrato ma la punizione centrale di De Giorgio da cross che doveva essere si è trasformato in tiro morbido 

22′ il primo tiro -velleitario- è di Contessa che regala la sfera alla Sud

23′ Pinzi si tuffa in area ma è lui il primo a chiedere scusa e ammettere l’errore 

26′ PADOVA chiusura provvidenziale di Crescenzi su buon numero di Pulzetti

Per la disposizione tattica scelta da Bisoli, Pinzi e Romizi si stanno annullando. Sta così trovando maggior capacità di manovra un positivo Tassi 

28′ buona manovra in velocità sulla destra, Malomo preferisce crossare a tirare in porta e il successivo tiro di De Giorgio frutta solo un corner

30′ su un contrasto di gioco rimane a terra Tassi scontratosi in scivolata con una torsione del ginocchio sinistro

38′ si sveglia improvvisamente De Giorgio che stoppa palla da Giacomelli, supera Beligheri in velocità con un doppio passo e dai 20 metri fa partire un diagonale che sorvola di poco la traversa

40′ Milesi di testa chiude su Gliozzi dopo l’insidioso cross dalla sinistra di Belingheri 

Pinzi torna nel più naturale ruolo di vertice basso con Belingheri che prende il suo posto come trequartista. La mossa di mettere il numero 11 a marcare Romizi conferma l’idea di gioco di Bisoli del “primo non prenderle”

47′ sul primo tiro dalla bandierina Trevisan gira di testa dando l’illusione del gol

Il primo tempo si chiude sullo 0-0 senza occasioni rilevanti. Il Vicenza è sceso in campo -anche grazie al grande sostegno degli spalti- con il piglio giusto riuscendo a tenere il pallino del gioco contro la prima della classe. Né da una parte né dall’altra però si respira il profumo del gol

SECONDO TEMPO

46′ conclusione da fuori di Pinzi che impegna in tuffo Valentini

48′ dagli sviluppi di un angolo, due giocatori si ostacolano al momento del tiro e la palla finisce alta

52′ biancoscudati ancora in avanti, ci prova Pulzetti dalla distanza ma il tiro non impensierisce Valentini

56′ conclusione da fuori di Belingheri e respinta corta di Valentini su cui si avventa Guidone ma l’appoggio termina clamorosamente a lato e il Vicenza si salva

68′ Belingheri recupera palla e dal limite va alla conclusione: palla di poco a lato

70′ altro tentativo, questa volta di Capello che spara la palla in bocca a Valentini

80' GOL DEL PADOVA: tiro da fuori di Sarno, la respinta corta di Valentini viene raccolta da Guidone che appoggia in rete la palla 

86′ conclusione di Romizi che subisce una leggera deviazione, Bindi fa sua la palla 


Pagelle della partita "VICENZA-PADOVA"

Valentini 6: meriterebbe di più perchè salva la porta biancorossa in più occasioni, ma commette un paio di errori che macchiano la sua prestazione: prima sbaglia il rinvio con i piedi regalando palla a Capello che si fa recuperare da Milesi, e poi si fa sfuggire il pallone che Guidone insacca per il gol partita. Malomo 6: prestazione attenta, senza picchi, ma anche senza errori. Pur in un ruolo non suo non demerita. Crescenzi 6: gioca spesso d’anticipo sugli attaccanti avversari che di fatto non concludono mai nello specchio della porta biancorossa. Milesi 6: vedi sopra. La difesa tiene, semmai le sofferenze della ripresa sono causa delle difficoltà del centrocampo e della posizione troppo bassa della squadra. Un problema che il Vicenza aveva mostrato già nel primo tempo a Teramo. Giraudo 6,5: a sinistra il Vicenza riesce a mettere in difficoltà il Padova e il giovane di scuola granata conferma di avere doti e personalità per fare bene. Tassi 6,5: un primo tempo di buon livello in cui mostra di  avere idee e tecnica. La tenuta fisica è però limitata e nella ripresa cala fino all’inevitabile cambio. Bangu 5,5: entra e non si vede. Non positivo il suo spicchio di gara. Romizi 5,5: un giocatore troppo importante nel. economia del gioco del Vicenza e quando la serata non è quella giusta tutta la squadra ne risente. Giusti s.v.: resta in campo troppo poco per poter incidere. Alimi 6: in mezzo al campo dà peso e fisicità, e il suo lo fa. Gioca e recupera tanti palloni, commette qualche errore ma la sua prestazione è positiva. De Giorgio 6: è sua l’occasione più chiara del Vicenza con un tiro che si alza di poco sopra la traversa a portiere battuto. Quando ha la palla non la spreca mai, ma gioca forse troppo lontano dalla punta centrale. Ferrari 6: più vivace e propositivo, difende bene tanti palloni ma soffre (e non è colpa sua) di solitudine in quanto i due esterni sono sempre troppo distanti. Esce contrariato, segno che si sentiva bene e che avrebbe voluto restare in campo per lottare per la causa. Comi 6: gioca con la febbre a 38 e di più non può dare visto che si trova nella stessa situazione di Ferrari. Giacomelli 6: con Giraudo l’intesa è buona e dalla sua parte il Vicenza spesso sfonda. Mette in area due, tre palloni interessanti ma la difesa del Padova fa buona guardia.

All. Nicola ZANINI 6: uomini e scelte sono obbligate per cui può incidere poco sul match. Forse, nel momento di difficoltà nel secondo tempo, avrebbe potuto cambiare lo schieramento in un 4-3-1-2, ma non c’è il riscontro del campo e non si sa come sarebbe andata.


Arbitro: Pierantonio Perotti di Legnano. Assistenti: Daniele Marchi di Bologna, Alessio Saccenti di Modena.

Ammoniti: Malomo, Alimi, Romizi (Vicenza); Belinghieri, Pinzi, Trevisan (Padova) 

Allontanato: al 71' Zocchi (ds Vicenza) per proteste  

Spettatori: 11.510 totali per un incasso di 75.883 euro (6.123 abbonati per un rateo di 25.629 euro, 5.387 paganti per una quota di 50.254 euro).

Angoli: 4 - 3, Recuperi: 2' p.t., 4' s.t.

Maglia giocatori: biancorossa. Maglia portiere: verde.

Temperatura ad inizio gara di circa 7 gradi, terreno in buone condizioni.

Torneo: 
Serie C

TERAMO-VICENZA

| |
Stagione: 
2017-2018
Data: 
2018-01-20
Partita: 
TERAMO-VICENZA
Risultato: 
1-2
Reti: 
49' Bacio Terracino (T), 73' De Giorgio (V) su rigore, 85' Giacomelli (V)
Stadio: 
Gaetano Bonolis di Teramo
Formazione locale: 

TERAMO (3-5-2) Lewandowski, Altobelli (87′ Faggioli), Caidi, Speranza, Sales; Varas, Amadio, Ilari; Tulli (62′ Pietrantonio), Barbuti (66′ Fratangelo), Bacio Terracino

A disposizione: Calore, De Grazia, Paolucci, Milillo, Graziano, Diallo, Mancini. Allenatore: Tonino ASTA

Formazione ospite: 

VICENZA (4-3-3) Valentini, Malomo, Milesi, Crescenzi, Giraudo; Alimi, Romizi, Bangu (57′ Giacomelli); Di Molfetta (65′ Comi), Ferrari (81′ Tassi), De Giorgio

A disposizione: Fortunato, Costa, Bianchi, Magri, Giusti, Tardivo. Allenatore: Nicola ZANINI

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net

PRIMO TEMPO

15′ percussione di Tulli che mette la palla al centro, anticipato al momento della conclusione Bacio Terracino

24′ rasoterra di Ilari, Varas conclude verso lo specchio della porta ma la difesa del Vicenza ribatte il tiro

27′ traversone di Di Molfetta, Ferrari ostacolato riesce a fatica a girarsi e dunque a mettere in difficoltà Lewandowski 

29′ conclusione insidiosa di Varas da fuori area, palla che supera di poco la traversa

34′ Alimi raccoglie palla al limite dell’area del Teramo, la conclusione di prima intenzione scheggia il palo 

37′ ci prova Bacio Terracino sugli sviluppi di un calcio di punizione, tiro che impegna Valentini 

43′ De Giorgio mette palla al centro, Sales anticipa Di Molfetta e si rifugia in angolo 

SECONDO TEMPO

48' GOL DEL TERAMO: autore della rete Bacio Terracino che finalizza un dai e vai con Varas 

59′ gol annullato a Di Molfeffa, l’arbitro ha ravvisato un intervento falloso di Giacomelli su Varas 

71′ Giraudo travolto in area, rigore per i biancorossi 

73' GOL DEL VICENZA: rigore trasformato da De Giorgio 

76′ padroni di casa nuovamente vicini al vantaggio, il colpo di testa di Sales si stampa sul palo

83′ conclusione di destro di Giacomelli che sfiora l’incrocio dei pali

85' GOL DEL VICENZA: gran giocata di Giacomelli che si sbarazza di due avversari e col destro trafigge Lewandowski

 

Pagelle della partita "TERAMO-VICENZA"

Valentini 6: nel primo tempo respinge una conclusione dai venticinque metri a pugni chiusi e per il resto svolge solo ordinaria amministrazione. Incolpevole sul gol subito, è incerto nel cross che porta Speranza a colpire di testa centrando il palo. Malomo 6: partita sufficiente, senza spunti particolari ma nemmeno sbavature. Limita l’ex Tulli che di fatto non è mai pericoloso. Milesi 6: è il regista della linea difensiva che nella prima frazione sta troppo bassa non solo per colpa sua. Soffre Speranza nel gioco aereo, la sua una prova sofferta ma sufficiente. Crescenzi 6,5: azzera Barbuti, ed è sempre preciso negli anticipi e nelle chiusure. E’ uno di quelli che entro gennaio potrebbe lasciare Vicenza considerato che ha richieste anche dalla serie B. Giraudo 6: soffre il duo fornato da Varas e Bacio Terracino nel primo tempo, e nell’azione del gol del Teramo non riesce a metterci una pezza. Cresce nell’ultima mezz’ora in cui subisce il fallo da rigore, e combina bene con Giacomelli arrivando spesso sul fondo. Alimi  6,5: prova di sostanza con tanti palloni recuperati e subito giocati in avanti. Centra un palo nel primo tempo con un sinistro a giro, ed è utile di testa nelle palle ferme in fase difensiva. Romizi 7: è l’anima del centrocampo. Recupera una marea di palloni, tampona le situazioni complicate e rappresenta il punto di riferimento per i compagni. Ha tante richieste, ma se partisse la perdita sarebbe pesantissima. Bangu 5,5: Zanini gli concede una chance che lui sfrutta poco e male. Nel taccuino non finisce mai a prova di una prestazione incolore. Giacomelli 7,5: entra e cambia la partita. Fa l’assist a Giraudo nell’azione del rigore, calcia da limite alto di poco a portiere battuto, ed inventa letteralmente il gol della vittoria. La Virtus Entella e il Bari lo tentano, Zanini incrocia le dita. Di Molfetta 5,5: sulla fascia corre su e giù con ammirevole impegno ma con poco profitto. Segna un gol forse regolare che l’arbitro gli annulla per un precedente fallo di Ferrari su Varas. Comi 6: entra con il piglio giusto, lottando su tutti i palloni. In questo Vicenza è un giocatore importante che tutti si augurano possa restare. Ferrari 6: nel primo tempo riceve solo palloni sporchi e difficili da giocare spesso spalle alla porta. Ha una buona occasione in cui forse subisce fallo, e quando c’è da rimontare dà un discreto contributo. Tassi s.v.: Zanini lo inserisce per infoltire il centrocampo e lui svolge bene entrambe le fasi. De Giorgio 6: trasforma il rigore con freddezza e precisione e, pur non nella sua giornata migliore, dà sempre qualità alla manovra del Vicenza. Merita 10 per quanto sta facendo nello spogliatoio

All. Nicola ZANINI 7: una vittoria che vale tantissimo, centrata in condizioni molto difficili e dopo un mese in cui è successo di tutto. La squadra è contratta nel primo tempo, ma poi mostra una grande reazione che porta alla vittoria. L’unione e la compattezza del gruppo sono testimoniate dall’esultanza della squadra che invade la curva biancorossa dopo il gol di Giacomelli.


Arbitro: Fabio Natilla di Molfetta. Assistenti: Vitantonio Lillo di Brindisi, Pierluigi De Chirico di Barletta.

Ammoniti: Alimi, Giacomelli, Bianchi (dalla panchina) del Vicenza

Spettatori: 1.329 di cui 227 provenienti da Vicenza 

Angoli: 2 - 2, Recuperi: 0' p.t., 4' s.t.

Maglia giocatori: blu scuro. Maglia portiere: verde.

Temperatura ad inizio gara di circa 11 gradi, terreno in discrete condizioni.

Torneo: 
Serie C

GUBBIO-VICENZA

| |
Stagione: 
2017-2018
Data: 
2017-12-22
Partita: 
GUBBIO-VICENZA
Risultato: 
1-1
Reti: 
8' Marchi (G) su rigore, 67' Lanini (V)
Stadio: 
Pietro Barbetti di Gubbio
Formazione locale: 

GUBBIO (4-4-1-1) Volpe; Kalombo, Burzigotti, Piccinni, Paramatti; Cazzola (46' Malaccari), Sampietro, Giacomarro, Ciccone (71′ Jallow); Casiraghi (88' Libertazzi); Marchi (71' De Silvestro)

A disposizione: Costa, Paolelli, Fumanti, Pedrelli, Conti, Manari. Allenatore: Dino PAGLIARI


Formazione ospite: 

VICENZA (4-3-3) Valentini; Malomo, Milesi, Crescenzi, Giraudo; Alimi, Romizi, Tassi (65' Di Molfetta); De Giorgio, Lanini, Giacomelli (75' Giusti)

A disposizione: Costa, Fortunato, Bianchi, Magri, Sbrissa, Tardivo, Turi, Bangu. Allenatore: Nicola ZANINI

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net

PRIMO TEMPO

2′ Casiraghi dalla distanza calcia alto

7′ GOL DEL GUBBIO: fallo di Tassi e rigore trasformato da Marchi

13′ primo tiro del Vicenza ma Lanini viene rimpallato e Giacomelli è in offside

21′ grave errore di Lanini che dopo il cross di Giacomelli spara alle stelle dal dischetto del rigore

25′ De Giorgio pesca Giacomelli che in girata volante esalta Volpe. Sulla ribattuta Tassi spreca

27′ Cazzola lasciato troppo libero impatta d’esterno conquistando il terzo corner 

32′ Malomo sugli sviluppi del primo tiro dalla bandierina prende bene il tempo ma il suo colpo di testa finisce di poco sopra la traversa

36′ Cazzola si merita il giallo per il fallo su Giraudo

42′ Tassi in ottima copertura chiude palla a Marchi lanciato in contropiede 

La prima frazione si chiude con il Vicenza in svantaggio a causa del rigore trasformato da Marchi sull’unico errore difensivo di questi 45′. La squadra di Zanini -che ha condotto la gara- ha la colpa di non aver sfruttato quel paio di grosse occasioni avute davanti a Volpe.

SECONDO TEMPO

6′ Giraudo salva in extremis dopo la combinazione Casiraghi-Malaccari iniziata dall’errore banale di Lanini 

9′ batti e ribatti ravvicinato dopo il corner, la svirgolata di Kalombo finisce tra le braccia del proprio portiere

14′ punizione di De Giorgio murata dalla barriera

17′ tiro centrale e senza pretese di Romizi 

20′ la squadra di Zanini si rimescola con il 4-2-3-1 

23′ GOL DEL VICENZA: punizione dalla destra di De Giorgio, in mezzo all’area svetta Lanini che batte Volpe

39′ azione insistita del Vicenza che però si conclude con un tiro troppo morbido da parte di Alimi

33′ Valentini a vuoto, il tiro di Malaccari esce di pochissimo 

42′ Romizi di prima intenzione verticalizza innescando Lanini che spara da posizione angolata ma Volpe nega il vantaggio biancorosso  


Pagelle della partita "GUBBIO-VICENZA"

Valentini 6: non è esente dal commettere un paio di sbavature in uscita, e non sembra sicuro come al solito, ma arriva alla sufficienza pur stiracchiata. Malomo 6,5: la sua prestazione è tutta grinta e voglia di non alzare bandiera bianca. Contribuisce alla rimonata con le sgroppate sulla fascia destra. Crescenzi 6: gli attaccanti del Gubbio creano poco anche grazie alla sua prestazione attenta. Milesi 6: vedi sopra. E’ anche abbastanza preciso nell’impostazione della manovra che spesso parte dal suo piede. Giraudo 6: soffre in fase difensiva, ma è bravo quando attacca. Mette in area parecchi cross che gli attaccanti del Vicenza non sfruttano a dovere. Romizi 6,5: non molla mai, corre, contrasta e gioca tanti palloni spesso con profitto. Altra prova tutto cuore. Alimi 6,5: conferma di essere in crescendo di forma lottando e correndo per tutta la gara. Sbaglia al 45′ un controllo che poteva portarlo al tiro ma è uno dei pochi errori della gara. De Giorgio 6,5: di esempio per come lotta, e dimostra di non voler perdere la partita. Suo il cross pennellato per la testa di Lanini che vale l’1 a 1. Tassi 5,5: commette una grave ingenuità nell’occasione del rigore a favore del Gubbio e poi fa fatica a riprendersi. Prestazione opaca, si consegna alla sostituzione. Di Molfetta 6: allarga il gioco del Vicenza posizionandosi sulla corsia di destra dove la squadra di Zanini sfonda. Giacomelli 6,5: bella la sua semirovesciata che Volpe devia in angolo, e positiva la sua gara in cui è sempre nel vivo del gioco. Giusti 6: ha un buon pallone appena entrato e forse Lanini opotrebbe servirlo all’87’ quando è solo davanti alla porta vuota ma il compagno non lo vede. Lanini 6,5: si riscatta nella ripresa dopo un tempo tempo abulico in cui sbaglia anche un gol fatto. Poi segna di testa il gol dell’1 a 1 e viene il magoine pensando che potrebbe essere l’ultimo della gloriosa storia del Vicenza

All. Nicola Zanini 6,5: tra mille difficoltà la sua squadra gioca una delle migliori partite lontano dal “Menti”. Per lui e Gino Sterchele sono giorni difficili ma che sono stati gestiti bene da entrambi anche grazie alla professionalità dei giocatori biancorossi. 


Arbitro: Michele Di Cairano di Ariano Irpino. Assistenti: Veronica Vettorel di Latina, Francesco Ciancaglini di Vasto.

Ammoniti: Cazzola, Piccinni, Malacarri (Gubbio); De Giorgio, Fortunato (Vicenza) 

Spettatori: 800 circa di cui 550 abbonati, incasso non comunicato

Angoli: 3 - 6, Recuperi: 0' p.t., 3' s.t.

Maglia giocatori: bianca. Maglia portiere: verde.

Giornata soleggiata, temperatura ad inizio gara di circa 8 gradi, terreno in cattive condizioni.

Torneo: 
Serie C

VICENZA-SPEZIA

| |
Stagione: 
2016-2017
Data: 
2017-05-18
Partita: 
VICENZA-SPEZIA
Risultato: 
0-1
Reti: 
11' Giannetti (S)
Stadio: 
Romeo Menti di Vicenza
Formazione locale: 

VICENZA (4-3-3) Costa, Pucino, Zaccardo, Adejo (73′ Zivkov), Bianchi; Siega, Gucher, Signori, Orlando (77′ Cuppone), De Luca, Giacomelli (45′ Cernigoi)

A disposizione: Vigorito, D’Elia, Vita, Bellomo, Rizzo, Ebagua. Allenatore: Vincenzo TORRENTE


Formazione ospite: 

SPEZIA (3-5-2): Chichizola, Valentini, Terzi, Ceccaroni; De Col, Vignali, Maggiore, Sciaudone, Mastinu (67’Fabbrini); Granoche (77′ Nenè), Giannetti (88′ Baez)

A disposizione: Valentini A., Datkovic, Migliore, Errasti, Pulzetti, Okereke. Allenatore: Mimmo DI CARLO

Note: 

Fonte cronaca partita www.biancorossi.net

PRIMO TEMPO

10′ Mastinu ci prova sugli sviluppi di un angolo, palla ampiamente sopra la traversa

11′ GOL DELLO SPEZIA: gol di Giannetti propiziato da una lettura errata della coppia Adejo-Zaccardo 

13′  tentativo di Gucher, diagonale a lato

13′ il cross di Giacomelli non viene raccolto da De Luca e termina sul fondo

Cori ripetuti per Mimmo Di Carlo che ricambia con un plauso verso la Sud

Striscione firmato Curva Sud: “Calciatori e società la vergogna di questa città” 

17′ conclusione di Pucino dalla trequarti, sfera che supera non di poco la traversa

18′ cross rasoterra di Giacomelli, tentativo con il tacco di De Luca che si spegne morbido tra le braccia di Chichizola 

20′ Partita interrotta dal lancio di fumogeni

Secondo striscione: “Ma quale retrocessione, Lanerossi eterna passione”

32′ Mastinu liberato in area a tu per tu con Costa: bravo il giovane portiere biancorosso che devia la palla in angolo 

36′ Adejo perde palla al centrocampo e da via al contropiede di Granoche, il diagonale dello spezzino sfiora il palo alla sinistra di Costa

37′ Gucher, su calcio di punizione, sfiora l’incrocio dei pali

Cori contro Pastorelli e Capuzzo

42′ sinistro di Granoche da posizione centrale al limite dell’area, blocca Costa

45'+6' tripla occasione per gli spezzini. Conclusione di Sciaudone respinta da Costa, Giannetti ci riprova in semirovesciata ma il portiere biancorosso si oppone nuovamente, colpo di testa di Vignali di poco fuori

SECONDO TEMPO

51′ tiro di Sciaudone dalla distanza che termina fuori

62′ doppio tentativo, il primo di Orlando respinto, il secondo di Siega il cui tiro dal limite si spegne alto 

67′ tiro diagonale di Vignali sul secondo palo, respinge in distesa Costa

68′ il neo entrato Fabbrini si inserisce e prova la conclusione con la palla che sfiora il palo 


Arbitro: Daniele Martinelli di Roma 2. Assistenti: Pietro Dei Giudici di Latina, Giuseppe Borzomì di TorinoQuarto ufficiale: Niccolò Baroni di Firenze.

Espulso: al 93' De Luca (Vicenza) per gioco scorretto

Ammoniti: Bianchi, Gucher, Zaccardo (Vicenza); Sciaudone, Giannetti (Spezia) 

Spettatori: 6.491 totali per un incasso di 40.389 euro (5.630 abbonati per un rateo di 32.879 euro, 861 paganti per una quota di 7.519 euro)

Angoli: 3-8, Falli commessi: 19-22, Tiri in porta: 2-9, Tiri fuori: 7-6, Fuorigioco: 1-2, Pali-Traverse: 0-1, Possesso palla: 52-48, Recuperi: 9' p.t., 3' s.t.

Maglia giocatori: biancorossa. Maglia portiere: verde.

Serata calda, temperatura ad inizio gara di circa 22 gradi, terreno in buone condizioni.

Torneo: 
Serie B

VICENZA-TERNANA

| |
Stagione: 
2016-2017
Data: 
2017-05-06
Partita: 
VICENZA-TERNANA
Risultato: 
0-1
Reti: 
65' Falletti (T)
Stadio: 
Romeo Menti di Vicenza
Formazione locale: 

VICENZA (4-3-3) Vigorito; Bianchi (84′ Doumbia), Adejo, Esposito, D’Elia; Signori, Gucher (69′ Rizzo), Bellomo (67′ Giacomelli); Orlando, Ebagua, De Luca

A disposizione: Costa, Bogdan, Urso, Cernigoi, Siega, Zivkov. Allenatore: Vincenzo TORRENTE


Formazione ospite: 

TERNANA (4-3-1-2) Aresti; Zanon, Diakitè, Meccariello, Contini; Petriccione, Ledesma, Di Noia (86′ Rossi); Falletti (76′ Valjent); Avenatti (42′ Pettinari), Palombi

A disposizione: Di Gennaro, Masi, Coppola, Di Livio, Monachello, Acquafresca. Allenatore: Fabio LIVERANI

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net

PRIMO TEMPO

2′ conclusione di D’Elia ribattuta, il terzino ci riprova ma la sfera termina alta

13′ Falletti crossa sul secondo palo per Avenatti, il colpo di testa è preda di Vigorito

29′ Ebagua, da calcio d’angolo di Bellomo, non impatta bene con il pallone e la palla finisce lontana dalla porta 

37′ Signori si fa sorprende e rubare palla dando il via ad un pericoloso contropiede, Falletti liberato sulla destra non inquadra la porta

39′ De Luca viene servito in profondità ma la conclusione viene ribattuta da Diakitè 

40′ Bianchi ci prova dal limite, palla alta 

SECONDO TEMPO

50′ cross teso di Bianchi, Ebagua viene anticipato da Diakitè

53′ De Luca serve al limite Gucher, il tiro non finisce lontano dal palo alla destra di Aresti 

55′ conclusione dalla distanza di Pettinari, palla lontana dalla porta

56′ bel cross al centro per Ebagua che non riesce a trovare il contatto con la palla 

59′ punizione di Bellomo, Esposito davanti al portiere non riesce a trovare la deviazione vincente e Aresti blocca la palla 

65' GOL DELLA TERNANA:  Falletti al limite ha tutto il tempo per stoppare la palla e tirare verso Vigorito, conclusione non angolata ma vincente

71′ conclusione di Esposito da distanza ravvicinata, Aresti respinge sulla linea

82′ rasoterra di Pettinari sul secondo palo che costringe Vigorito a distendersi e buttare la palla in angolo

90′ Palombi da ottima posizione calcia verso la porta ma trova la deviazione di Vigorito 

 

Pagelle della partita "VICENZA-TERNANA"

Vigorito 6: fulminato dalla sberla di Falletti, smanaccia in corner un diagonale dell’ex Pettinari. Poco altro da segnalare. Bianchi 6,5: uno dei pochi in campo in maglia biancorossa a dare la percezione di aver capito come si deve giocare una partita decisiva per la salvezza; mette cross interessanti in area, ma non c’è nessuno a concretizzare. Doumbia s.v.: oggetto misterioso era, oggetto misterioso rimane. Torrente lo inserisce per dare maggiore forza al gioco sulle fasce ma senza frutto. Se è fenomeno probabilmente lo diventerà con un altra maglia, come successo per altre meteore passate da queste parti. Adejo 6: abbastanza tranquilla la marcatura su Avenatti (che gioca con le infiltrazioni), qualche difficoltà in più su Pettinari. Dopo il gol subito sembra uno di quelli che accusano di più il contraccolpo sul morale. Esposito 5,5: tardiva e approssimativa l’uscita in contrasto al tiro di Falletti nell’azione del gol ed è una esitazione che costa molto cara. Nel finale si sposta in avanti a fare l’attaccante aggiunto, ma la difesa della Ternana non fa passare più nulla. D’Elia 5,5: un buon inizio cui però non riesce a dare continuità. Una gara in cui serviva una prestazione del D’Elia migliore che però purtroppo non arriva. Gucher 5,5: in una partita dove davanti non si riesce a produrre granché servirebbe un contributo maggiore dai centrocampisti che però non arriva. Unico sussulto un tiro da fuori al 53′ che finisce lontano dai pali, poi si consegna alla sostituzione. Rizzo 5: in un finale dove servirebbe perizia e precisione nella gestione della palla, lui, che possiede altre qualità, pare un pesce fuor d’acqua. Signori 5,5: le sue caratteristiche ormai si conoscono e non le fa mancare neanche in questa occasione. E’ il primo che si porta in pressing sugli avversari con generosità ma è una voce nel deserto, tra chi non ce la fa e chi non è in giornata. Un pallone malamente perso nel primo tempo scatena un contropiede della Ternana, su cui Falletti sbaglia a tu per tu con Vigorito. Purtroppo però l’uruguaiano si rifarà nella ripresa. Bellomo 5: Verona aveva lasciato ben sperare, ma non ripete neanche lontanamente la stessa prestazione. Ha una buona occasione su punizione dal limite, la spreca malamente addosso alla barriera. Giacomelli 5: non produce molto di più del compagno che sostituisce, in più il feeling coi tifosi biancorossi è ai minimi storici e questo sicuramente non gli giova. Orlando 5,5: produce qualcosa ma non è sufficiente a scardinare la difesa rossoverde. Gli avversari conoscono le sue qualità al tiro e non lo mollano mai. De Luca 4,5: all’alba del match si becca una ammonizione per una trattenuta in area da rigore. Non è dato sapere se il giallo lo inibisce, gli effetti però sono che di fatto esce dalla partita senza che di lui si trovi più traccia nelle cronache. Ebagua 4: non ne becca una e in queste condizioni purtroppo non serve a nulla. Il fatto che i possibili sostituti non giochino neanche al posto di uno in campo a far presenza la dice lunga sulle qualità del reparto offensivo costruito in fase di mercato tra sessione estiva e invernale.

All. Vincenzo TORRENTE 5: davanti ai mircofoni della stampa si chiede se il vero Vicenza sia quello visto a Verona o quello di ieri. Proviamo a spiegarlo noi con un po’ di numeri: delle ultime nove squadre in classifica a far compagnia ai biancorossi, al Menti si è battuto solo il Pisa (nei minuti di recupero). Perso con Latina, Ternana, Trapani, Pro Vercelli (tutte sconfitte per 0-1), pareggiato con le altre. Numeri che legittimano una (per ora eventuale) retrocessione e che fanno capire quale sia la vera faccia dei biancorossi. Di suo ci mette qualche cambio che dimostra probabilmente una ancora non perfetta (ma comprensibile) conoscenza dei giocatori a sua disposizione.


Arbitro: Juan Luca Sacchi di Macerata. Assistenti: Gaetano Intagliata di Siracusa, Edoardo Raspollini di LivornoQuarto ufficiale: Giosuè Mauro D'Apice di Rimini.

Espulso: all'84' Liverani (allenatore Ternana) per proteste

Ammoniti: De Luca (Vicenza); Petriccione, Avenatti (Ternana) 

Spettatori: 8.105 totali per un incasso di 54.051 euro (5.630 abbonati per un rateo di 32.879 euro, 2.475 paganti per una quota di 21.172 euro)

Angoli: 6-5, Falli commessi: 23-14 Tiri in porta: 2-5, Tiri fuori: 7-5, Fuorigioco: 1-0, Pali-Traverse: 0-0, Possesso palla: 52-48, Recuperi: 1' p.t., 5' s.t.

Maglia giocatori: biancorossa. Maglia portiere: verde.

Cielo coperto, pomeriggio a tratti piovoso e ventoso, terreno in discrete condizioni, temperatura ad inizio gara di circa 18 gradi.

Torneo: 
Serie B

CITTADELLA-VICENZA

| |
Stagione: 
2016-2017
Data: 
2017-05-13
Partita: 
CITTADELLA-VICENZA
Risultato: 
2-0
Reti: 
14' e 52' Vido (C)
Stadio: 
Tombolato di Cittadella
Formazione locale: 

CITTADELLA (4-3-1-2) Alfonso; Salvi, Scaglia (30′ Varnier, 60′ Schenetti), Pellegatti, Pedrelli; Valzania (45′ Pasa), Iori, Paolucci; Chiaretti; Arrighini, Vido

A disposizione: Paleari, Strizzolo, Bartolomei, Maniero, Iunco, Volpato. Allenatore: Roberto VENTURATO


Formazione ospite: 

VICENZA (4-3-3) Vigorito; Pucino, Adejo, Esposito, D’Elia; Signori, Gucher (54′ Ebagua), Bellomo (73′ Cernigoi); Orlando, De Luca, Vita (57′ Siega)

A disposizione: Costa, Zaccardo, Giacomelli, Rizzo, Urso, Bianchi. Allenatore: Vincenzo TORRENTE

Note: 

Fonte cronaca partita www.biancorossi.net

PRIMO TEMPO

3′ erroraccio della difesa biancorossa, Esposito e Adejo si scontrano e Arrighini ne approffita ma il tiro non inquadra la porta e il Vicenza si salva

7′ rasoterra dal limite di Orlando, Alfonso mette in angolo

9′ cross di Pucino, la difesa del Cittadella non spazza e favorisce il recupero in area di De Luca che va alla conclusione: tiro debole tra le braccia di Alfonso 

13' GOL DEL CITTADELLA: discesa di Valzania sulla destra, il terzino mette palla al centro per l'accorrente Vido che batte sul primo palo Vigorito

24′ Vita pescato bene in area approfitta di una leggerezza della difesa ma trova l’opposizione di Alfonso, l’estremo difensore salva il risultato 

36′ Vido si accentra e sgancia il tiro, Vigorito mette in angolo

42′ Chiaretti va alla conclusione dalla distanza, palla che sorvola di poco la traversa 

44′ Gucher, all’altezza della linea dell’area, cerca il secondo palo ma la sfera si spegne sul fondo

SECONDO TEMPO

52' GOL DEL CITTADELLA: D'Elia perde palla, Pasa premia l'inserimento di Vido senza marcatura e l'attaccante batte Vigorito di piatto

86' Siega prova la conclusione dalla distanza, palla ampiamente a lato 

Al termine di un secondo tempo che non ha avuto niente da dire, termina la partita. Il Cittadella conquista tre punti grazie alla doppietta di Vido. L’attaccante di Bassano del Grappa pone fine alle ultimissime speranze di restare aggrappati alla Serie B.


Arbitro: Rosario Abisso di Palermo. Assistenti: Daniele Bindoni di Venezia, Tarcisio Villa di RiminiQuarto ufficiale: Alessandro Prontera di Bologna.

Ammoniti: Chiaretti (Cittadella); De Luca, Gucher, Orlando, Adejo, Pucino (Vicenza)

Spettatori: 5.102 totali per un incasso complessivo di 42.683,42 euro (paganti 3.267 per una quota di 33.633 euro, abbonati 1.835 per un rateo di 8.050 euro)

Angoli: 2-6, Falli commessi: 10-19, Tiri in porta: 3-3, Tiri fuori: 5-5, Fuorigioco: 0-1, Pali-Traverse: 0-0, Possesso palla: 47-53, Recuperi: 2' p.t., 6' s.t.

Maglia giocatori: giocatori: biancoazzurra. Maglia portiere: giallo fluo.

Giornata calda e soleggiata, terreno in buone condizioni, temperatura ad inzio gara di circa 25 gradi.

Torneo: 
Serie B

VERONA-VICENZA

| |
Stagione: 
2016-2017
Data: 
2017-05-02
Partita: 
VERONA-VICENZA
Risultato: 
3-2
Reti: 
20′ Siligardi (VR), 33 Bellomo (VI), 59′ Esposito (VI), 89′ Bessa (VR), 94′ Romulo (VR)
Stadio: 
Marc'Antonio Bentegodi di Verona
Formazione locale: 

VERONA (4-3-3) Nicolas; Romulo, Ferrari, Caraccaiolo, Souparayen; Bessa (86′ Troianiello), Bruno Zuculini (75′ Ganz), Fossati; Luppi (58′ Valoti), Pazzini, Siligardi

A disposizione: Coppola, Pisano, Boldor, Zaccagni, Fares, Cappelluzzo. Allenatore: Fabio PECCHIA


Formazione ospite: 

VICENZA (4-3-3) Vigorito; Pucino, Adejo, Esposito, D’Elia; Signori, Gucher, Bellomo (69′ Rizzo); Orlando (64′ Siega), De Luca (75′ Ebagua), Giacomelli

A disposizione: Costa, Bogdan, Doumbia, Bianchi, Zivkov, Cernigoi. Allenatore: Vincenzo TORRENTE

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net

PRIMO TEMPO

4′ pallone conquistato in pressing congiunto su Ferrari portato da Bellomo e De Luca che poi guadagnano il primo corner del match per il Vicenza. Dalla bandierina cross di Bellomo rinviato dalla difesa gialloblu

7′ pallone scavato in avanti da Fossati e svirgolato da Giacomelli che alza un campanile verso l’area di rigore. Esce in presa alta Vigorito e blocca 

8′ discesa impetuosa di Romulo sull’out di destra la palla messa in area, dove c’è il solo Pazzini arriva lunga e Pucino può controllare e rinviare 

14′ punizione calciata dai trenta metri da Bessa che a sorpresa tira in porta, Vigorito para in due tempi a terra facendo correre qualche brivido per la presenza ad un passo di Pazzini

16′ azione personale di Siligardi sul vertice destro dell’area di rigore. L’ex livornese si accentra e prova il destro a giro che termina alto qualche metro sopra l’incrocio della porta di Vigorito 

18′ pallone perso da Orlando sulla tre quarti che prova un difettoso stop di petto, Luppi recupera palla e verticalizza fortunatamente lungo per Pazzini. Esce Vigorito che blocca in tuffo 

20' GOL DEL VERONA: azione personale di Siligardi che da fuori area fa partire una rasoiata di sinistro che termina la sua corsa a fil di palo. Fase difensiva biancorossa insufficiente in questa circostanza perché il temibile giocatore del Verona ha potuto calciare senza opposizione 

30′ dopo la rete subita il Vicenza sta provando ad alzare il baricentro del gioco, peraltro senza riuscire ancora a creare problemi in difesa ai gialloblu 

33' GOL DEL VICENZA: buon lavoro sulla destra di Orlando che si accentra e pesca benissimo Bellomo sul vertice sinistro dell’area di rigore. Il biancorosso stoppa e inventa una parabola a giro che trova l’incrocio dei pali dal lato opposto con Nicolas vanamente proteso in tuffo 

39′ difficilissimo tentativo di Giacomelli che dalla lunga distanza prova il destro ma la conclusione è da dimenticare 

42′ penetrazione centrale dello stesso Bessa che arriva praticamente sul limite dell’area e calcia indisutrbato. La palla colpisce la base del palo a Vigorito battuto, sulla respinta arriva Pazzini che mette dentro ma l’attaccante è in fuorigioco e il gol è annullato.

45′+1 forcing dei padroni di casa che mettono un cross in area con Souprayen, buca l’uscita Vigorito ma fortunatamente sul tentativo di rovesciata di Romulo è bravo D’Elia a chiudere 

Finisce dunque in parità la prima frazione di gara del derby. Vicenza che passato in svantaggio è riuscito ad impattare grazie ad una gran giocata di Bellomo, ma che ha rischiato ancora di pagare pesantemente alcune leggerezze difensive e che pare soffrire i gialloblu quando puntano centralmente la difesa e in questo senso manca qualcosa da parte dei centrocampisti nelle chiusure. Conforta la reazione dei biancorossi dopo il gol subito e lo stato fisico della squadra che sembra buono. 

SECONDO TEMPO

46′ azione pericolosa in area gialloblu con Orlando che mette un pallone in mezzo respinto dalla difesa sui piedi di Bellomo che calcia trovando però il contrasto di un difensore avversario e l’azione sfuma

51′ ancora una azione in verticale centrale di Siligardi, lo blocca Esposito ma il rimpallo libera Bessa al tiro, conclusione centrale che Vigorito para a terra 

53′ sul primo angolo per i gialloblu mucchio in area con la palla deviata in diagonale sul vertice dell’area piccola dove fortunatamente manca l’aggancio Luppi

56′ pallone mal rinviato da Giacomelli che regala palla a Bessa che può giocare per Siligardi, la botta dell’esterno viene deviata in angolo da Adejo

59' GOL DEL VICENZA: sul terzo angolo del match per i biancorossi la palla battuta da Orlando trova Esposito a svettare di testa e a mettere alle spalle di Nicolas che tocca ma non blocca e la sfera supera la linea 

68′ ci prova Siligardi da lontanissimo ma stavolta la mira è sballata e la palla esce di parecchi metri alla sinistra di Vigorito

69′ conclusione dalla distanza di Bessa diretta all’incrocio dei pali, vola Vigorito a togliere la palla dal sette

83′ partita che da qualche minuto è giocata in maniera abbastanza confusionaria da ambedue le squadra ma occasioni non ce ne sono state più

85′ grande occasione per i biancorossi con Ebagua che salta Nicolas ma indirizza male la sfera e non può più controllarla, sul contropiede gialloblu pericolosi con Siligardi con un tiro cross che esce di poco sul fondo

87′ incredibile contropiede sciupato da Giacomelli che davanti a Nicolas spara alto

88′ doppia parata di Vigorito che si oppone due volte prima a Bessa poi a Pazzini

89' GOL DEL VERONA: bolide dalla distanza dell'ex Bessa che termina nell'angolino, stavolta non può nulla Vigorito

90′+2′ punizione dal limite calciata da Giacomelli che colpisce la barriera sulla ribattuta ancora Giacomelli che conclude, il tiro deviato finisce in angolo 

90'+4' GOL DEL VERONA: incredibile beffa per il Vicenza con Romulo che trova una conclusione al volo a giro che termina sul palo distante

 

Pagelle della partita "VERONA-VICENZA"

Vigorito 6,5: forse non impeccabile sulla rete di Siligardi, ma poi si riscatta su Bessa e Pazzini. Poco può sugli altri due gol del Verona. Pucino 5: gioca una buona partita fino a dieci dal termine quando va in chiara difficoltà su Romulo. Si fa espellere nel dopo gara e questo non è accettabile nonostante le provocazioni di Valoti. Esposito 7: trova finalmente il gol che purtroppo però non porta punti. La sua prova è comunque più che positiva anche in marcatura su Pazzini. Adejo 6: meno bene di altre volte con qualche disimpegno errato . Si fa sorprendere da Siligardi nel primo gol del Verona, ma è bravo su Pazzini a cui concede pochissimo. D’Elia 5,5: prova macchiata dal calo vistoso nel finale di gara quando il Verona sfonda a destra con Troianiello. Nulla da dire sull’impegno, ma dopo tanti infortuni non può essere al top. Signori 6,5: tieni in piedi la baracca nel primo tempo facendo legna e cominciando spesso l’azione biancorossa. Potrebbe decidere il match se Giacomelli gli servisse quel pallone che invece finisce in curva del Verona. Gucher 6: fatica nel primo tempo, ma cresce nella ripresa dove recupera e riparte con profitto. Nel finale fa da muro davanti alla difesa, ma i compagni lo assecondano poco. Bellomo 6,5: segna un gran gol dimostrando che ha tecnica importante. Finchè ha fiato e gambe fa ripartire bene la squadra, all’ora di gioco deve uscire perché non ne ha più. Rizzo 5,5: Torrente lo inserisce contando sul suo spirito da battaglia, ma il mediano biancorosso non riesce a dare quel rendimento che probabilmente il tecnico del Vicenza si aspettava. Orlando 6: fino alla mezz’ora si vede poco, poi avvia e serve l’assist  nell’azione del pareggio di Bellomo. Nella ripresa sfonda a destra ma i difensori del Verona lo fanno fuori prendendolo a calci. Siega 5,5: entra con buon piglio ma si fa sorprendere nelle azioni decisive del match. Perde Romulo nell’azione del 3 a 2 e in precedenza riparte poche volte con profitto. De Luca 6: corre dappertutto, non molla un pallone anche se non riesce ad essere pericoloso. Nel primo tempo gli arrivano troppi palloni alti che per stazza e centimetri non può controllare. Ebagua 5: non stava bene e si è visto. Non segna il 3° 1 solo davanti al portiere avversario e non chiude su Bessa nell’azione del 2 a 2. Giacomelli 5: prestazione positiva macchiata da quell’errore di egoismo che toglie al Vicenza un’occasione da rete che era ghiottissima. Signori era tutto solo davanti a Nicolas e non servirlo è stato delittuoso.

All. Vincenzo TORRENTE 6,5: Il Vicenza gioca un’ottima partita sfiorando il colpaccio che avrebbe avuto del clamoroso. Il Verona nel finale trova due reti in cui c’è anche molta abilità degli avversari, ma  resta il rammarico per non aver chiuso il match nei contropiedi di Ebagua e Giacomelli. La squadra è comunque viva e, se non risentirà del contraccolpo psicologico della sconfitta, lotterà fino alla fine per la salvezza.

 

Arbitro: Eugenio Abbattista di Molfetta. Assistenti: Lorenzo Gori di Arezzo, Antonino Santoro di CataniaQuarto ufficiale: Ivano Pezzuto di Lecce.

Espulso: a fine gara Pucino (Vicenza) e Valoti (Verona) per condotta violenta 

Ammoniti: Bessa, Souprayen, Zuculini (Verona); De Luca (Vicenza)

Spettatori: 20.848 totali per un incasso complessivo di 206.277,47 euro (paganti 10.650 per una quota di 112.652,98 euro, abbonati 10.198 per un rateo di 93.624,49 euro)

Angoli: 4-5, Falli commessi: 15-19, Tiri in porta: 8-2, Tiri fuori: 6-1, Fuorigioco: 1-1, Pali-Traverse: 1-0, Possesso palla: 54-46, Recuperi: 2' p.t., 5' s.t.

Maglia giocatori: giocatori: biancorossa. Maglia portiere: rossa con banda orizzontale bianca sulla parte anteriore.

Giornata piovosa e ventosa, terreno allentato, temperatura ad inzio gara di circa 14 gradi.

Torneo: 
Serie B
Syndicate content