Storia

SOLERIO Matthias

|
Data di nascita: 
01/11/1992
Comune di nascita: 
Cernusco sul Naviglio (MI)
Presenze: 
0
Reti: 
0
Stagioni: 
2018-19
Note biografiche: 

Matthias Solerio (Cernusco sul Naviglio, Milano, 1 novembre 1992) alto 180 cm. per 70 kg. di peso, è un calciatore italiano, di ruolo difensore.

Ruolo naturale: difensore, terzino sinistro; altri ruoli: esterno sinistro;  piede: sinistro; numero maglia 2018-19: #4; in rosa dal: 13/07/2018; scadenza: 30/06/2020.

Ordine alfabetico: 
S

ALBERTAZZI Mirko

|
Data di nascita: 
28/06/1997
Comune di nascita: 
Bologna (BO)
Presenze: 
2
Stagioni: 
2017-18
Note biografiche: 

Mirko Albertazzi (Bologna, 28 giugno 1997) alto 185 cm. per 80 kg. di peso, è un calciatore italiano, di ruolo portiere.

Ruolo naturale: portiere; piede: destro; numero maglia 2017-18: #1; in rosa dal: 10/07/2018; scadenza: 30/06/2020.

Ordine alfabetico: 
A

Giovanni COLELLA

|
Data di nascita: 
10/08/1966
Comune di nascita: 
Salerno (SA)
Stagioni: 
2018-...
Note biografiche: 
Subentra a Giuseppe Magi a Bassano del Grappa in Serie C il 3 dicembre 2017, conducendo la squadra all'ottavo posto finale e la qualificazione ai play-off. Play-off che poi perderà con la Reggiana.
Con il passaggio della società Bassano di Renzo Rosso a Vicenza, il 1° giugno 2018 diventa automaticamente il nuovo e confermato allenatore del Vicenza in Serie C.
Ordine alfabetico: 
C

Nicola ZANINI

|
Data di nascita: 
26/03/1974
Comune di nascita: 
Vicenza (VI)
Stagioni: 
2018 maggio
Note biografiche: 

Nicola Zanini (Vicenza, 26 marzo 1974) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista, tecnico del Vicenza.
Messosi in luce nelle giovanili del Vicenza, viene acquistato nell'estate 1990 dalla Juventus. Debutta in prima squadra a 16 anni, il 10 febbraio 1991 nella vittoria contro il Cesena. Rimasto nella primavera bianconera anche l'anno seguente, nel 1992-93 approda alla Sampdoria di Roberto Mancini dove gioca solamente una partita, complice anche la giovane età.

L'anno successivo approda in Serie C1 al Mantova dove disputa 20 gare segnando una rete. Nel 1994-95, sempre in C1, gioca nella Pistoiese e colleziona 32 presenze con 11 gol; passa poi in Serie B del Verona con cui disputa 35 partite con 7 gol all'attivo. Nel 1996-97 fa ritorno alla Sampdoria, e dopo 3 presenze ritorna in prestito al Verona con cui gioca 26 gare e realizza 2 reti.

Nel 1997-98 torna nuovamente alla Sampdoria giocando 3 volte e ad ottobre viene ceduto all'Atalanta dove disputa 10 partite sempre in Serie A, squadra con cui viene retrocesso nella serie cadetta e con cui debutta anche la stagione seguente in Serie B giocando 32 di partite con un gol. Dal 1999 al gennaio 2001 gioca una stagione e mezza nel Pescara sempre in Serie B con 23 presenze ed 8 gol il primo anno e 12 presenze il secondo anno. Nel gennaio del 2001 passa al Monza dove colleziona 17 presenze con 4 reti. L'anno seguente cambia nuovamente squadra e passa al Como dove grazie anche ai suoi 4 gol in 19 gare contribuisce alla promozione nella massima serie.

Zanini rimane però in Serie B, alla Triestina neopromossa, dove gioca 32 gare e 7 reti. Nell'estate 2003 torna al Como ma viene immediatamente ceduto al Napoli, dove disputa 36 partite segnando 5 gol. Dopo il fallimento della società partenopea nella stagione 2004-05 viene acquistato dal Genoa (insieme al compagno Vittorio Tosto), venendo impiegato nel ruolo di trequartista e con 34 presenze in campionato con 5 reti contribuisce alla promozione in Serie A, promozione che viene poi vanificata per illecito sportivo dei vertici societari.

Nell'estate del 2005 passa proprio all'Ascoli neopromosso, proprio a discapito del Genoa, in Serie A, e dopo 7 apparizioni, nel gennaio 2006 passa al Vicenza, dove con 17 presenze contribuisce alla salvezza della squadra vicentina. All'inizio della stagione 2006-07 è inizialmente titolare, ma dopo l'esonero di Camolese e l'arrivo di Gregucci perde sempre più spazio, scendendo in campo in 20 occasioni. Anche nella stagione successiva, gioca da "separato in casa", scendendo in campo in una sola occasione, tanto che, nel luglio 2008 avviene la risoluzione del contratto.

Nel settembre 2008 viene ingaggiato dall'Albignasego.

Nel settembre 2009 comincia una nuova avventura, in Eccellenza, con la maglia del rinato Treviso, dove esordisce il 20 settembre 2009 contro la Vigontina.

Dal 12 gennaio 2010 prende il posto di Giorgio Rumignani sulla panchina del Treviso. Esordisce proprio contro la Vigontina, nella prima giornata di ritorno, ottenendo il suo primo punto. Al termine della stagione ottiene un'anticipata salvezza accumulando 28 punti in 17 partite, frutto di 7 vittorie, 6 pareggi e solamente 4 sconfitte. Lascia la guida del Treviso il 30 giugno 2010, dopo la decisione, da parte della dirigenza, di scegliere come nuovo allenatore Diego Zanin.

Per la stagione 2014-15 allena gli allievi nazionali del Real Vicenza.

Rimasto senza panchina, nella stagione 2015-16 a stagione in corso viene incaricato come nuovo tecnico dei Giovanissimi Nazioni del Vicenza Calcio portando la squadra ad un traguardo storico raggiungendo le semifinali di categoria arrendendosi solo alla Roma. Confermato per la stagione 2016-17 alla guida degli Allievi Nazionali Under 16 del Vicenza Calcio. La stagione successiva viene nuovamente confermato dalla società biancorossa che gli affida la panchina della formazione Beretti. Il 21 novembre 2017 viene nominato allenatore della prima squadra.

Il 26 marzo 2018 viene esonerato dopo la sconfitta subita contro il Renate per 0-2 venendo sostituito da Franco Lerda. Il 10 maggio 2018 gli viene riaffidata la panchina biancorossa in occasione dei play-out contro il Santarcangelo dove i berici prevalgono sui romagnoli (2-1 al Menti, 1-1 al Mazzola di Santarcangelo di Romagna) centrando una soffertissima salvezza.

Ordine alfabetico: 
Z

Franco LERDA

|
Data di nascita: 
19/08/1967
Comune di nascita: 
Fossano (CN)
Stagioni: 
2018 26 mar.-mag.
Note biografiche: 

da Wikipedia, l'enciclopedia libera ( ultima modifica, 25/11/2016)


Franco Lerda (Fossano, 19 agosto 1967) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo attaccante , tecnico del Vicenza.
Trasferitosi all'età di 16 anni a Torino per entrare nel settore giovanile granata, fece la trafila e aggregato in prima squadra per la prima volta nella stagione 1985-86. Esordì il 6 novembre 1985 sostituendo al 71' Júnior in Hajduk Split-Torino (3-1), sedicesimi di ritorno di Coppa UEFA. L'esordio in Serie A avvenne il 24 novembre in Torino-Pisa (4-1), quando sostituì all'86' Schachner. Al Torino restò due stagioni, collezionando 19 presenze e un solo gol,alla quinta di campionato contro l'Empoli nella stagione 86-87.

Successivamente gioca nelle serie minori: Messina, Taranto e Triestina (in B), Chievo (in C1), Cesena e Brescia (di nuovo in B). Con le rondinelle ottenne la promozione in serie A al termine della stagione 1993-94.

Nella stagione 1994-95, dopo due presenze con il Brescia, a novembre passò al Napoli senza però riuscire a segnare nemmeno un gol, e così nel 1995-96 fece ritorno al club lombardo, nel frattempo retrocesso in B. Poi una stagione e mezza in C1 con l'Atletico Catania (con cui sfiorò la promozione). Chiuse la carriera vestendo le maglie di Alessandria in C2, Cuneo e Canavese in D e Saluzzo nel campionato di Eccellenza piemontese 2003-04.

Il 19 novembre 1986 esordì in Nazionale Under 21 (Italia-Svizzera 1-1), e l'11 febbraio 1987 andò a segno in Portogallo-Italia (1-2). Ottenne ancora una convocazione, senza però scendere in campo.
Ha iniziato la carriera di allenatore subentrando il 9 dicembre 2005 a Vittorio Zaino sulla panchina del Saluzzo, penultimo in serie D, conquistando la salvezza ai play-out.

L'anno successivo è al Casale, con il quale vince i play-off di Serie D dopo essere giunto terzo nella stagione.

Alla prima esperienza in serie C con il Pescara nel 2007-08, arriva sesto, mentre l'anno successivo con la Pro Patria, sfiora la promozione, perdendo la finale play-off per la serie B con il Padova.

Il 27 giugno 2009 è diventato allenatore del Crotone neopromosso in serie B, firmando un accordo annuale. La squadra conclude all'ottavo posto. Ha lanciato il centrocampista brasiliano Gabionetta.

Il 17 giugno 2010 viene ingaggiato dal Torino. Il 9 marzo 2011 viene esonerato dalla guida del Torino, venendo sostituito da Giuseppe Papadopulo. Il 20 marzo 2011 viene reintegrato come allenatore del Torino, dopo l'esonero dello stesso Papadopulo e riparte con 3 vittorie consecutive grazie anche ai gol del suo controverso Rolando Bianchi. Il 29 maggio 2011 in seguito alla sconfitta per 0 a 2 contro il Padova, il Torino si ritrova all'ottavo posto, e quindi è tagliato fuori dalla zona Play-Off per la conquista della Serie A. A fine stagione viene sostituito da Giampiero Ventura.

Nell'estate 2012 viene ingaggiato dal Lecce per guidare la squadra salentina in Serie B, categoria che, tuttavia, abbandona prima dell'inizio della stagione successiva in seguito alla retrocessione del club leccese in Lega Pro Prima Divisione per illecito sportivo. Viene esonerato il 21 gennaio 2013, a seguito della sconfitta per 3-1 rimediata in trasferta contro il San Marino.

Il 24 settembre 2013, dopo l'esonero di Francesco Moriero, torna a sedersi sulla panchina del Lecce.  Con il suo ritorno in panchina, il Lecce inizia ad ottenere una lunga serie di risultati positivi ottenendo un inaspettato terzo posto finale dietro il Perugia e il Frosinone, qualificandosi ai play-off. Ai quarti di finale il Lecce supera 8-7 ai calci di rigore il Pontedera. In semifinale l'avversario è il Benevento, eliminato grazie a un pareggio per 1-1 in trasferta e ad un successo per 2-0 in casa. In finale c'è il Frosinone. La gara d'andata giocata in casa termina 1-1: nella gara di ritorno, in trasferta, i giallorossi cadono per 3-1 ai supplementari, vedendo sfumare la promozione in Serie B. In tale occasione Lerda viene squalificato per sette mesi, fino al 31 dicembre 2014, per avere aggredito calciatori e tifosi della squadra ciociara.

Confermato per la stagione 2014-2015, il 27 dicembre 2014 viene esonerato dal club pugliese e sostituito da Dino Pagliari.

Il 14 marzo 2016 viene chiamato alla guida del Vicenza Cacio a seguito dell'esonero di Pasquale Marino con il compito di salvare la squadra che si trova al 20º posto, terz'ultima in classifica. Chiude il campionato al 13º posto, raggiungendo la quota salvezza con una giornata d'anticipo e venendo riconfermato alla guida tecnica dei berici fino al 2018. Il 3 ottobre seguente, dopo un negativo inizio di stagione con soli 5 punti ottenuti in sette giornate, viene sollevato dall'incarico.

Ordine alfabetico: 
L

2017-18

| |
Stagione: 
2017-2018
Pos: 
18
G: 
34
V: 
8
N: 
11
P: 
15
GF: 
29
GS: 
39
Pt: 
32
Note: 
Il Vicenza Calcio S.p.A fallisce il 18 gennaio 2018 ma potrà finire il campionato. Vince lo spareggio playout (Vicenza-Santarcangelo 2-1, 1-1).

2016-17

| |
Stagione: 
2016-2017
Pos: 
20
G: 
42
V: 
9
N: 
14
P: 
19
GF: 
33
GS: 
52
Pt: 
41
Note: 
Retrocesso in Serie C1

O.T.B. (Stefano ROSSO)

|
Stagioni: 
2018-...
Note biografiche: 
OTB è la società madre dei marchi di moda Diesel , Maison Margiela , Marni , Paula Cademartori, Viktor & Rolf e le società Staff International, specializzata nella produzione e distribuzione di prêt-à-porter e Brave Kid, specializzata nella produzione e distribuzione di abbigliamento per bambini.
L'OTB è presieduto dall'imprenditore italiano Renzo Rosso che ha fondato Diesel . Dopo aver creato il marchio Diesel nel 1978, Renzo Rosso ha acquisito il controllo completo dell'azienda nel 1985. Nel 2000 ha acquisito Staff International che attualmente detiene accordi di licenza di produzione e distribuzione globali con marchi Maison Margiela, Marni Men, Dsquared2, Just Cavalli e Vivienne Westwood . Nel 2002, Renzo Rosso divenne l'azionista di maggioranza della Maison Margiela. Nel 2008 Viktor & Rolf sono entrati nel gruppo, seguiti da Marni nel 2012 e da Paula Cademartori nel 2016. Brave Kid è la compagnia del gruppo specializzato nello sviluppo, produzione e distribuzione di abbigliamento per bambini. Brave Kid detiene accordi di licenza di produzione e distribuzione in tutto il mondo con Diesel, John Galliano, Dsquared², Marni e Trussardi .
Pietre miliari chiave


    1978 - Renzo Rosso fonda il marchio Diesel
    1985 - Renzo Rosso assume il pieno controllo di Diesel
    Metà anni '90 - Diesel inizia a sviluppare la sua rete di vendita al dettaglio in tutto il mondo   

    2000 - Renzo Rosso acquisisce Staff International
    2001 - Staff International firma un accordo di licenza di produzione e distribuzione in tutto il mondo con DSquared²
    2002 - Viene creata la holding Only The Brave
    2002 - Solo The Brave diventa azionista di maggioranza di Maison Margiela
    2008 - Nasce The Only The Brave Foundation, un'organizzazione senza scopo di lucro
    2008 - Solo The Brave diventa azionista di maggioranza di Viktor & Rolf
    2010 - Solo The Brave apre la sua sede basata sui principi di eco-compatibilità
    2011 - Staff International firma un accordo di licenza di produzione e distribuzione in tutto il mondo con Just Cavalli
    2011 - Viene creata Brave Kid, specializzata nella produzione di abbigliamento per bambini e nella distribuzione mondiale
    2012 - OTB si impegna nel restauro del ponte di Venezia Rialto
    2012 - Solo The Brave diventa azionista di maggioranza di Marni
    2012 - Brave Kid firma un accordo di licenza di produzione e distribuzione in tutto il mondo con DSquared²
    2013 - Solo The Brave cambia nome nell'acronimo OTB
    2013 - Nomi Diesel Nicola Formichetti Direttore creativo
    2014 - John Galliano assume la direzione creativa di Maison Margiela
    2016 - La direzione creativa di Marni è affidata a Francesco Risso
    2016 - Il marchio Paula Cademartori si unisce a OTB
    2017 - Diesel nomina il francese BL Co-Creative Director

Responsabilità sociale

Solo The Brave Foundation è un'organizzazione no profit con la missione di combattere la disuguaglianza sociale e di contribuire allo sviluppo sostenibile di aree e persone meno avvantaggiate in tutto il mondo. La maggior parte dei fondi della fondazione sono investiti in progetti internazionali, svolgendo un ruolo sociale, economico e ambientale significativo nelle comunità e nei paesi in cui il gruppo è presente. Senza ovviamente dimenticare l'Italia, e in particolare il territorio in cui si basa il gruppo OTB e dove la fondazione investe in diversi programmi scelti in base ai suoi criteri di selezione generali. I principali criteri di selezione dei progetti da sostenere sono infatti l'innovazione, l'impatto sociale diretto e la sostenibilità. Finora, la Only The Brave Foundation ha investito in oltre 170 progetti, migliorando la vita di oltre 180.000 persone, e andando dallo sviluppo sostenibile di un villaggio di 20.000 abitanti in Mali , a un progetto di microcredito per sostenere famiglie e piccole imprese colpite dal terremoto del 2012 in Emilia Romagna, Italia.

Marni, ogni anno organizza varie iniziative speciali e installazioni, come i progetti annuali di beneficenza per il periodo natalizio e per la fiera di Milano del Salone del Mobile. Per ognuna di queste attività, Marni crea prodotti speciali in edizione limitata, realizzati in Colombia da artigiani e donne locali, che ottengono l'indipendenza e la libertà attraverso il loro lavoro.

Dal 1994, una T-shirt speciale recante il testo È PIÙ UN'AZIONE DA FARE PER COMBATTERE AIDS CHE NON SIA INDOSSARE QUESTA T-SHIRT MA È UN BUON INIZIO è stato presente in tutte le collezioni Maison Margiela. Una percentuale delle vendite di queste magliette è devoluta a "AIDES", un ente di beneficenza francese dedicato alla lotta contro l'HIV e alla cura dei pazienti affetti da HIV e AIDS.

Nel 2012 il Comune di Venezia ha annunciato che OTB era sponsor del restauro del Ponte di Rialto con un contributo di 5 milioni di euro.

Ordine alfabetico: 
O

Nicola ZANINI

|
Data di nascita: 
26/03/1974
Comune di nascita: 
Vicenza (VI)
Stagioni: 
2017 nov.-2018 mar.
Note biografiche: 
Nicola Zanini (Vicenza, 26 marzo 1974) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista, tecnico del Vicenza.
Messosi in luce nelle giovanili del Vicenza, viene acquistato nell'estate 1990 dalla Juventus. Debutta in prima squadra a 16 anni, il 10 febbraio 1991 nella vittoria contro il Cesena. Rimasto nella primavera bianconera anche l'anno seguente, nel 1992-93 approda alla Sampdoria di Roberto Mancini dove gioca solamente una partita, complice anche la giovane età.

L'anno successivo approda in Serie C1 al Mantova dove disputa 20 gare segnando una rete. Nel 1994-95, sempre in C1, gioca nella Pistoiese e colleziona 32 presenze con 11 gol; passa poi in Serie B del Verona con cui disputa 35 partite con 7 gol all'attivo. Nel 1996-97 fa ritorno alla Sampdoria, e dopo 3 presenze ritorna in prestito al Verona con cui gioca 26 gare e realizza 2 reti.

Nel 1997-98 torna nuovamente alla Sampdoria giocando 3 volte e ad ottobre viene ceduto all'Atalanta dove disputa 10 partite sempre in Serie A, squadra con cui viene retrocesso nella serie cadetta e con cui debutta anche la stagione seguente in Serie B giocando 32 di partite con un gol. Dal 1999 al gennaio 2001 gioca una stagione e mezza nel Pescara sempre in Serie B con 23 presenze ed 8 gol il primo anno e 12 presenze il secondo anno. Nel gennaio del 2001 passa al Monza dove colleziona 17 presenze con 4 reti. L'anno seguente cambia nuovamente squadra e passa al Como dove grazie anche ai suoi 4 gol in 19 gare contribuisce alla promozione nella massima serie.

Zanini rimane però in Serie B, alla Triestina neopromossa, dove gioca 32 gare e 7 reti. Nell'estate 2003 torna al Como ma viene immediatamente ceduto al Napoli, dove disputa 36 partite segnando 5 gol. Dopo il fallimento della società partenopea nella stagione 2004-05 viene acquistato dal Genoa (insieme al compagno Vittorio Tosto), venendo impiegato nel ruolo di trequartista e con 34 presenze in campionato con 5 reti contribuisce alla promozione in Serie A, promozione che viene poi vanificata per illecito sportivo dei vertici societari.

Nell'estate del 2005 passa proprio all'Ascoli neopromosso, proprio a discapito del Genoa, in Serie A, e dopo 7 apparizioni, nel gennaio 2006 passa al Vicenza, dove con 17 presenze contribuisce alla salvezza della squadra vicentina. All'inizio della stagione 2006-07 è inizialmente titolare, ma dopo l'esonero di Camolese e l'arrivo di Gregucci perde sempre più spazio, scendendo in campo in 20 occasioni. Anche nella stagione successiva, gioca da "separato in casa", scendendo in campo in una sola occasione, tanto che, nel luglio 2008 avviene la risoluzione del contratto.

Nel settembre 2008 viene ingaggiato dall'Albignasego.

Nel settembre 2009 comincia una nuova avventura, in Eccellenza, con la maglia del rinato Treviso, dove esordisce il 20 settembre 2009 contro la Vigontina.

Dal 12 gennaio 2010 prende il posto di Giorgio Rumignani sulla panchina del Treviso. Esordisce proprio contro la Vigontina, nella prima giornata di ritorno, ottenendo il suo primo punto. Al termine della stagione ottiene un'anticipata salvezza accumulando 28 punti in 17 partite, frutto di 7 vittorie, 6 pareggi e solamente 4 sconfitte. Lascia la guida del Treviso il 30 giugno 2010, dopo la decisione, da parte della dirigenza, di scegliere come nuovo allenatore Diego Zanin.

Per la stagione 2014-15 allena gli allievi nazionali del Real Vicenza.

Rimasto senza panchina, nella stagione 2015-16 a stagione in corso viene incaricato come nuovo tecnico dei Giovanissimi Nazioni del Vicenza Calcio portando la squadra ad un traguardo storico raggiungendo le semifinali di categoria arrendendosi solo alla Roma. Confermato per la stagione 2016-17 alla guida degli Allievi Nazionali Under 16 del Vicenza Calcio. La stagione successiva viene nuovamente confermato dalla società biancorossa che gli affida la panchina della formazione Beretti. Il 21 novembre 2017 viene nominato allenatore della prima squadra.
 
Il 26 marzo 2018 viene esonerato dopo la sconfitta subita contro il Renate per 0-2 venendo sostituito da Franco Lerda. Il 10 maggio 2018 gli viene riaffidata la panchina biancorossa in occasione dei play-out contro il Santarcangelo dove i berici prevalgono sui romagnoli (2-1 al Menti, 1-1 al Mazzola di Santarcangelo di Romagna) centrando una soffertissima salvezza.
Ordine alfabetico: 
Z

Alberto COLOMBO

|
Data di nascita: 
24/02/1974
Comune di nascita: 
Cesana Brianza (LECCO)
Stagioni: 
2017 lug.-nov.
Note biografiche: 

Alberto Colombo (Cesana Brianza, 24 febbraio 1974) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista.
Colombo, da giocatore ha giocato in Serie B con le maglie di Como, Monza e AlbinoLeffe ad anche nella seconda serie svizzera con la maglia del Chiasso. Nel 2006 ha chiuso la carriera da calciatore tra i professionisti con il Montichiari in Serie C2.

Nel 2007 ha partecipato al raduno di Equipe Lombardia dei calciatori senza contratto.

Dal 16 luglio 2013, dopo aver appeso le scarpe al chiodo, alla fine del suo primo anno di allenatore della Berretti bustocca inizia la carriera da allenatore della prima squadra sulla panchina della Pro Patria.


Il 15 luglio 2014 viene annunciato come nuovo allenatore della Reggiana per la stagione successiva. Il 22 maggio 2016, dopo essere arrivato alla semifinale nei play-off della Lega Pro 2014-15 ed aver ottenuto il settimo posto nel campionato successivo rescinde consensualmente con la società emiliana.


Il 14 marzo 2017 sostituisce William Viali sulla panchina del Südtirol, firmando un contratto valido fino al termine della stagione.

Il 1º luglio firma un contratto annuale con rinnovo in caso di promozione, che lo lega al Vicenza. Il 19 novembre, in seguito alla sconfitta interna col Mestre per 0-2, viene esonerato.

Ordine alfabetico: 
C
Syndicate content