Serie B

2014-15

| |
Stagione: 
2014-2015
Pos: 
3
G: 
42
V: 
18
N: 
14
P: 
10
GF: 
44
GS: 
37
Pt: 
68
Note: 
Esce in semifinale nei play-off contro il Pescara (1-0; 2-2)

PESCARA-VICENZA

| |
Stagione: 
2015-2016
Data: 
2016-02-12
Partita: 
PESCARA-VICENZA
Risultato: 
1-1
Reti: 
73' Signori (V), 92' Lapadula (P)
Stadio: 
Adriatico di Pescara
Formazione locale: 

PESCARA (4-3-2-1) Fiorillo; Zampano, Fornasier (81′ Acosta), Zuparic, Mazzotta; Memushaj, Torreira, Benali; Verde (63′ Pasquato), Mitrita (63′ Cocco); Lapadula

A disposizione: Aresti, Milillo, Vitturini, Cappelluzzo, Bruno, Selasi. Allenatore: Massimo Oddo


Formazione ospite: 

VICENZA (4-3-3) Benussi; Laverone, Sampirisi, Ligi, D’Elia; Sbrissa, Moretti, Signori (90′ Bellomo); Galano (85′ El Hasni), Ebagua (75′ Raicevic), Vita

A disposizione: Vigorito, Bianchi, Pinato, Modic, Cisotti, Pozzi. Allenatore: Pasquale Marino

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net  

LA PARTITA

PRIMO TEMPO

2′ Vita, pescato in area, scivola e non riesce a concludere da ottima posizione

4′ tiro pericoloso di Ebagua, para Fiorillo

6′ azione insistita dei padroni di casa, la difesa biancorossa riesce a spazzare

12′ Vita, imbeccato da Signori, prova il tiro dal limite: la palla si spegne sopra la traversa

13′ Verde ruba palla a D’Elia e va alla conclusione dalla sinistra,  nessun problema per Benussi

16′ Lapadula sbaglia in area il controllo, Benussi esce e fa sua la sfera

20′ tiro di Torreira dalla distanza, palla debole tra le braccia di Benussi

24′ D’Elia mette palla al centro, Ebagua non arriva alla deviazione e la sfera finisce così tra le mani di Fiorillo

28′ Galano scarica per Ebagua che in area fa partire un tiro pericoloso: bella parata di Fiorillo

30′ Lapadula prova a concludere da buona posizione, tiro ribattuto e area liberata da Laverone

31′ Mitrita prova la conclusione dalla lunga distanza, palla alta

35′ Mitrita cerca l’angolo più lontano, la palla si spegne a lato

39′ tiro dal limite di Memushaj, sfera a lato

41′ Signori mette un cross pericoloso in area, Galano, scoordinato, intercetta la palla con la schiena e conclude sul fondo

45′ scontro fortuito tra Vita ed Ebagua con il primo che sembra avere la peggio rimanendo a terra per qualche secondo

48′ tiro di Galano deviato in angolo

48′ finisce a reti inviolate la prima frazione di gioco all’Adriatico. Buon primo tempo del Vicenza che ha creato diverse occasioni pericolose

SECONDO TEMPO

2′ Mitrita dal limite va alla conclusione, palla alta

10′ Mitrita si inserisce in area, Benussi esce e blocca in due tempi la sfera

13′ Galano prova la conclusione potente, Fiorillo preparato

16′ ancora Galano alla conclusione, Fiorillo si distende e respinge

25′ Galano dal limite cerca l’incrocio dei pali, palla abbondantemente lontana

26′ scontro di gioco tra Ebagua e Zuparic che rimangono a terra qualche secondo

28 GOL DEL VICENZA: punizione dai trenta metri di Moretti, Fiorillo non riesce a bloccare il pallone che finisce sui piedi di Vita. Il numero 16 del Vicenza tenta la deviazione vincente ma la palla viene respinta da Fiorillo su Signori che insacca a porta vuota

39' rigore per il Pescara, espulso Sampirisi per presunto fallo su Lapadula: sul dischetto si presenta Memushaj che calcia fuori la palla

47' GOL DEL PESCARA: Cocco pesca Lapadula in area che in rovesciata insacca la palla alle spalle di Benussi

 

 

Pagelle della partita "PESCARA-VICENZA"

Benussi 6: deve svolgere solo l’ordinaria amministrazione perché il Pescara di fatto non centra mai la porta. Può poco sul pareggio di Lapadula anche perché a fine gara l’attaccante degli abruzzesi confesserà che aveva mirato l’angolo opposto. Laverone 6: partita sufficiente in cui ha la meglio su Mazzotta. Cresce in fase di spinta nella ripresa, e nel finale con l’uomo in meno fa il suo anche in fase difensiva. Ligi 6,5: buona prova per l’ex avellinese che era alla sua prima da titolare. Tanti anticipi e buone chiusure di testa. Nel gol del Pescara cerca la chiusura su Lapadula, ma nell’occasione non è aiutato dai compagni. Sampirisi 6: nella prima mezz’ora sbaglia due, tre palloni non da lui, ma poi dalle sue parti non si passa. Il rigore è un’invenzione del direttore di gara, e oltre al danno ci sarà la beffa della squalifica sabato prossimo contro l’Avellino. D’Elia 6: la corsia di sinistra funziona bene e lui non fa mancare il suo apporto. Annulla Verde e, con l’aiuto di Vita, riesce a limitare anche Zampano. Sbrissa 6: corre e recupera molti palloni cercando spesso di ripartire. Qualche errore di misura, ma pare in netta crescita. Moretti 6,5: gioca tanti palloni e stavolta ne sbaglia pochi sia in fase di appoggio sia quando c’è da verticalizzare. Signori 7: combatte su tutti i palloni, ne recupera un’infinità facendo ripartire bene l’azione. Ha il merito di aver trovato il gol in una serata in cui il Vicenza davanti a Fiorillo ha sbagliato molto. Esce per crampi. Bellomo s.v.: pochi minuti in cui tocca un paio di palloni. Galano 6: se si tolgono gli errori davanti a Fiorillo, la sua prestazione è più che sufficiente. Ma quel goffo colpo di testa sul cross perfetto di Signori, e quel pallonetto alto di oltre un metro davanti all’estremo abruzzese gridano vendetta. El Hasni s.v.: respinge due palloni di testa e niente più. Ebagua 6: lotta e svolge bene il ruolo di centravanti di riferimento, ma anche stavolta non riesce a trovare il gol. Raicevic s.v.: Marino lo manda in campo per tenere alta la squadra e lui esegue l’ordine bene. Vita 6,5: meriterebbe mezzo voto in più ma l’errore sotto porta nei minuti iniziali pesa nella valutazione totale della gara che resta comunque più che positiva vista la superiorità del Vicenza su quella fascia. Partecipa nell’azione del gol di Signori, quando è bravo a credere nella corta respinta di Fiorillo.

Pasquale Marino 6,5: il suo Vicenza gioca meglio del Pescara, crea più occasioni e meriterebbe di vincere. Ancora una volta è danneggiato pesantemente da errori arbitrali evidenti che pesano come macigni. Dopo il fuorigioco di Vantaggiato nel 2 a 2 a Livorno, la sagra degli errori di Minelli a Bari, anche a Pescara nel finale l’arbitro diventa protagonista in negativo con un rigore inventato e l’espulsione a Sampirisi che salterà Avellino. E nel dopo gara deve anche sopportare Lapadula che afferma testuale che “il rigore me lo sono inventato…”.

 

Arbitro: Federico La Penna di Roma 1. Assistenti: Francesco Disalvo di Barletta, Giovanni Baccini di Conegliano. Quarto ufficiale: Daniele Viotti di Tivoli.

Espulso: all'84' Sampirisi (Vicenza) per fallo su chiara azione da gol; allontanato all'89' il preparatore del Pescara Ciotti per proteste. 

Ammoniti: Mitrita, Torreira, Acosta (Pescara); Vita, Moretti (Vicenza).

Spettatori: 8.942 totali per un incasso complessivo di 57.000 euro (paganti 5322, abbonati 3620). Presenti 71 tifosi vicentini.

Possesso palla: 54 - 46

Tiri dentro/totali: 3/14 - 8/15

Palle giocate: 614 - 504

% passaggi riusciti: 67.3 - 59.9

Supremazia territoriale: 10'28'' - 08'44''

% protezione area: 54.7 - 52.5

% attacco alla porta: 47.5 - 45.3

% pericolosità: 41.4 - 51.9

Angoli: 5 - 5

Recuperi: 3'+1' p.t., 5' s.t.

Maglia con toppa "Serie B-ConTe.it" e logo ESTEL: giocatori: blu con bande orizzontali biancorosse; portiere: verde.

Serata mite, temperatura ad inizio gara di circa 13 gradi e molto ventosa, terreno in discrete condizioni.

Torneo: 
Serie B

VICENZA-VIRTUS LANCIANO

| |
Stagione: 
2015-2016
Data: 
2016-02-06
Partita: 
VICENZA-VIRTUS LANCIANO
Risultato: 
0-2
Reti: 
52' Di Francesco (VL), 63' Ferrari (VL)
Stadio: 
Romeo Menti di Vicenza
Formazione locale: 

VICENZA (4-3-3) Vigorito (17′ Benussi), Laverone, Brighenti (68′ Ligi) Sampirisi, D’Elia; Bellomo, Moretti, Signori; Vita (54′ Ebagua), Raicevic, Giacomelli

A disposizione: El Hasni, Pozzi, Sbrissa, Cisotti, Bianchi, Modic. Allenatore: Pasquale Marino


Formazione ospite: 

VIRTUS LANCIANO (4-4-2) Cragno, Aquilanti, Amenta, Rigione, Di Matteo; Vastola (78′ Milinkovic), Vitale, Rocca (61′ Giandonato), Di Francesco (85′ Ze Eduardo)  Marilungo, Ferrari

A disposizione: Casadei, Boldor, Turchi, Bonazzoli, Di Filippo, Padovan. Allenatore:Pino Maragliulo

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net  

LA PARTITA

PRIMO TEMPO

4′ grandissimo recupero di Sampirisi su Di Francesco lanciato tutto solo verso la porta di Vigorito

5′ pronta risposta dei biancorossi con un diagonale di Bellomo che esce di un palmo a fil di palo

15' Vitale lavora un buonissimo pallone sul versante sinistro dell’area di rigore e mette un gran cross che Ferrari all’altezza del secondo palo spara clamorosamente sul fondo a Vigorito battuto

21′ colpo di testa di Raicevic su cross di Giacomelli, la palla esce di poco, controllata però da Cragno che sarebbe potuto intervenire

Lunga fase di gioco che vede il Lanciano nella metà campo biancorossa con il Vicenza in difficoltà

42′ tentativo biancorosso con un tiro di alleggerimento di Moretti che passa molto distante dai pali. Vicenza finora abbastanza impalpabile soprattutto sulle corsie esterne dove non riesce ad incidere

45′ punizione calciata da Moretti che toccata dalla barriera, termina sul fondo lontano dalla porta di Cragno

45′+2′ sugli sviluppi della punizione calcia altissimo Moretti e Rapuano fischia la fine. Qualche timido fischio di disapprovazione da parte dei tifosi per un primo tempo non convincente

SECONDO TEMPO

6' GOL DELLA VIRTUS LANCIANO: pallone malamente perso da Bellomo a centrocampo ad opera di Di Francesco che si invola, si beve mezza difesa del Vicenza e dal limite spara sotto l’incrocio battendo imparabilmente Benussi. Gran gol ma a monte c’è il grave errore di Bellomo

12′ su punizione calciata da Bellomo esce Cragno di pugno e sulla respinta Giacomelli prova la botta al volo che esce diversi metri sul fondo

13′ altra azione personale , stavolta di Vitale, che spara un sinistro di un niente sul fondo con Benussi proteso alla sua sinistra

17' GOL DELLA VIRTUS LANCIANO: stavolta è Moretti a perdere palla a centrocampo, quasi senza pressione, e lanciare il contropiede di Di Francesco che stavolta serve Ferrari che in area dribbla biancorossi come birilli e batte senza problemi Benussi

28′ ancora Ferrari che sfugge al controllo di Sampirisi e va al tiro sul secondo palo dove stavolta Benussi è bravo ad intervenire mettendo in angolo

31′ bolide di Moretti dalla lunghissima distanza, fa velo Ebagua ma Cragno non si fa sorprendere e blocca a terra

32′ su tiro di Signori che carambola addosso a Ebagua, Raicevic si mangia un gol clamoroso calciando su Cragno

33′ lungo cross di Sampirsi che trova Giacomelli che potrebbe colpire di testa in porta ma incredibilmente fa una specie di assist sul secondo palo dove Laverone ciabatta fuori a porta vuota

38′ azione sulla destra dell’area di rigore di Milinkovic su cui deve andare a chiudere in angolo Benussi

45′+1′ colpo di testa di Giacomelli che libera Ebagua alla semirovesciata, la palla esce sfiorando il palo distante

45′+3′ su tiro di Bellomo, deviato vola Cragno a smanacciare evitando anche il gol della bandiera biancorosso

Vicenza che perde meritatamente la gara contro un Lanciano che ha fatto vedere di voler lottare ancora per la salvezza, mentre sui biancorossi gravitano in questo momento grossi dubbi. Squadra apparsa in grave difficoltà sotto tutti i punti di vista ma soprattutto da quello delle idee e della giusta determinazione da mettere  in campo.

 

Pagelle della partita "VICENZA-VIRTUS LANCIANO"

Vigorito s.v.: diciassette minuti in campo. Il tempo di vedere Ferrari sbagliare un gol davanti alla sua porta, prima di arrendersi al mal di schiena. Benussi 6: esordio sfortunato per l’ex Carpi che sui due gol poco può fare. Mette una pezza su Ferrari al 73′, limitando un passivo già pesante così. Laverone 5: assodato che non si è ancora visto il giocatore determinante della scorsa stagione, resta da capire quanto soffra la posizione di esterno basso. Anche ieri in difficoltà in fase difensiva, come successo nel finale di partita a Como, in più fallisce una ghiotta occasione per riaprire il match. Visto però che Sampirisi ormai è battezzato centrale, urge che salga il livello del suo rendimento. Brighenti 5: ha l’attenuante del problema al ginocchio a cui si arrende intorno alla mezz’ora del secondo tempo e che si spera non ne comprometta la presenza nelle prossime gare. La prestazione però è da bocciare: pesantemente colpevole in entrambe le marcature dei virtussini, in particolare sulla discesa di Di Francesco, quando si fa saltare troppo facilmente e non gli riesce nemmeno di fare un fallo tattico che ci stava tutto. Ligi 5,5: si presenta con un pallone da brividi perso in area, fortunatamente senza conseguenze, poi non deve sbrigare situazioni particolarmente difficili. Sampirisi 5,5: pronti via deve subito esibirsi in un recupero prodigioso su Di Francesco. E’ uno dei più positivi fino all’uno-due della Virtus che lo vede sul banco degli imputati soprattutto sul primo gol. Nel finale ancora qualche difficoltà su Ferrari, però a lui si dovrà aggrappare il Vicenza da qui alla fine, perché le alternative sono ridotte all’osso. D’Elia 5,5: manca Cinelli, Giacomelli non è al top, Signori non è ancora dentro ai meccanismi e la catena di sinistra gira a vuoto. Prova comunque a mettere qualche cross dei suoi ma senza trovare chi finalizza. Bellomo 5: ci prova all’alba della gara con un destro che esce di poco. Da la sensazione di essere tra quelli con più spirito di iniziativa ma ha sulla coscienza il pallone malamente perso da cui nasce il primo gol. Peccato. Moretti 4,5: primo tempo così così, con un paio di tentativi dei suoi nel finale che non trovano lo specchio. Ripresa da dimenticare con la ciliegina dello “svenimento” con palla consegnata agli avversari, senza nessuna pressione, che innesca il raddoppio di Ferrari. Difficile capire cosa gli sia successo tra un tempo e l’altro ma purtroppo stavolta è determinante in negativo. Signori 5,5: del trio di centrocampo è quello che sembra perdere meno la bussola, ma a volta dà l’impressione di essere un po’ spaesato. In un paio di circostanze avrebbe lo spazio per andare al tiro ma preferisce l’imbucata per il compagno, sperando che il motivo non sia la scarsa fiducia nelle sue qualità balistiche. Vita 5: giornata storta anche per lui che in altre circostanze invece ha tolto le castagne dal fuoco. Una fiammata al primo minuto di gioco con un assist per Raicevic non sfruttato dal montenegrino, poi una interminabile serie di errori fino al momento della (sacrosanta) sostituzione. Ebagua 5,5: entra con il Vicenza sotto di un gol, e in qualche modo qualcosa combina, compresa una carambola involontaria che libera al tiro Raicevic. La voglia di dimostrare che deve giocare, però, lo tradisce e finisce per pasticciare in un momento in cui invece bisognava mantenere la lucidità. Raicevic 4,5: fosse ancora tempo di mercato si direbbe che una prestazione così è figlia delle “voci”. Invece il mercato è finito e lui risulta assente e con le polveri bagnate in situazioni dove in passato aveva piazzato la zampata vincente. Si rifarà. Giacomelli 5: non sta bene e si vede. Mancano i suoi soliti guizzi e tanto per cambiare arriva una ammonizione forse ingiusta (ma perché sempre a lui?) che lo escluderà dalla trasferta di Pescara. Se non altro avrà la possibilità di recuperare la migliore condizione.

Pasquale Marino 5: società in grave crisi finanziaria e pezzi migliori ceduti sul mercato. Parliamo della Virtus Lanciano che nonostante queste difficoltà rifila due pere alla sua squadra e vince la prima gara esterna in questo campionato. Il Vicenza ha dimostrato di sapersi riprendere (vedi vittorie con Modena e Perugia e la prestazione positiva di Bari) ma in questa stagione cominciano ad essere troppi i passaggi a vuoto come questo e troppo poche le vittorie al Menti.  Ha in mano un centrocampo totalmente rifatto da sistemare al più presto e il reparto difensivo, uscito dal mercato di gennaio, non lascia per nulla tranquilli in caso di infortuni o squalifiche. L’importante è che alla squadra sia ben presente che la salvezza va conquistata con la bava alla bocca (che ieri non si è vista), mentre nel post partita c’era fin troppa confidenza su una pronta ripresa. Speriamo sia sicurezza nei propri mezzi e non presunzione.

 

Arbitro: Antonio Rapuano di Rimini. Assistenti: Lorenzo Gori di Arezzo, Domenico Rocca di Vibo ValentiaQuarto ufficiale: Luca Massimi di Termoli.

Ammoniti: Giacomelli (Vicenza); Cragno, Di Matteo, Ferrari, Vitale, Vastola (Virtus Lanciano).

Spettatori: 7.056 totali per un incasso complessivo di 48.995 euro; 1.187 paganti (quota 13.311 euro) e 5.869 abbonati (per un rateo di 35.684 euro).

Possesso palla: 56 - 44

Tiri dentro/totali: 4/19 - 4/12

Palle giocate: 613 - 431

% passaggi riusciti: 66.0 - 52.5

Supremazia territoriale: 12'53'' - 07'19''

% protezione area: 49.4 - 56.0

% attacco alla porta: 44.0 - 50.6

% pericolosità: 42.5 - 50.5

Angoli: 11 - 9

Recuperi: 2' p.t., 4' s.t.

Maglia con toppa "Serie B-ConTe.it" e logo ESTEL: giocatori: biancorossa; portiere: bianca.

Pomeriggio mite, temperatura ad inizio gara di circa 11 gradi, terreno in condizioni non buone (soprattutto nella parte sotto la curva Sud).

Torneo: 
Serie B

COMO-VICENZA

| |
Stagione: 
2015-2016
Data: 
2016-01-30
Partita: 
COMO-VICENZA
Risultato: 
1-1
Reti: 
53' Sbrissa (V), 82' Ganz (C)
Stadio: 
Sinigaglia di Como
Formazione locale: 

COMO (4-3-1-2) Scuffet; Madonna (71′ Ambrosini) Cassetti, Casasola, Marconi; Barella, Fietta, Bessa; Ghezzal (55′ Lanini); Pettinari (58′ Kukoc), Ganz

A disposizione: Crispino, Cortesi, Brillante, Cristiani, Scapuzzi, Gerardi. Allenatore: Gianluca Festa


Formazione ospite: 

VICENZA (4-3-3) Vigorito; Laverone, Brighenti, Manfredini (65′ El Hasni), D’Elia; Sbrissa, Moretti, Bellomo (88′ Giacomelli); Vita, Raicevic, Gatto (82′ Galano)

A disposizione: Benussi, Bianchi, Modic, Massaro, Paganin, Pozzi. Allenatore:Pasquale Marino

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net  

LA PARTITA

PRIMO TEMPO

3′ azione rifinita da Bellomo per D’Elia che qualche metro fuori area tenta il sinistro che esce sopra la traversa

8′ buona verticalizzazione di Laverone su Vita sul cui cross non trova l’impatto Raicevic, poi il Como si rifugia in angolo

15′ cross centrale in area di Gatto verso Raicevic che non ci arriva, la palla esce sul fondo controllata da Scuffet

24′ passaggio di D’Elia in area su cui si avventa Raicevic, il tentativo di cross del montenegrino gli rimpalla contro uscendo sul fondo

26′ su angolo Raicevic da solo inzucca schiacciando, la risposta di Scuffet istintiva manda la sfera in angolo, ma l’occasione era buona

27′ respinta della difesa del Como, colpo di testa di Vita ci prova Moretti la cui sberla esce di poco sul fondo

29′ ancora biancorossi vicini al gol, il cross di Vita su cui Raicevic fa velo, trova Gatto all’altezza del secondo palo che stoppa palla ma viene anticipato al momento del tiro da un difensore del Como in angolo

36′ colpo di testa di Pettinari su cross di Madonna che costringe Vigorito al tuffo in presa

40′ dopo una rapida discesa di Bessa la palla arriva a Ganz che prova il destro dai venti metri, la palla esce qualche metro lontano dalla porta biancorossa

45′ termina senza recupero un primo tempo dove il Vicenza ha fatto vedere sicuramente qualcosa in più dal punto di vista dell’iniziativa di gioco rispetto ai padroni di casa apparsi poco propositivi. L’occasione più grossa è capitata sulla testa di Raicevic che purtroppo non è riuscito ad imprimere la forza necessaria alla palla e Scuffet ha salvato

SECONDO TEMPO

1′ tiro di Gatto su cui Scuffet un po’ distratto controlla in due tempi

7' GOL DEL VICENZA: su lancio lungo di Bellomo, Vita anticipa l’uscita di Scuffet alzando un campanile verso il secondo  palo dove Sbrissa anticipa tutti con una zampata che mette la palla in gol

11′ tentativo di Raicevic appena dentro l’area, la conclusione deviata termina tra le braccia di Scuffet

13′ verticalizzazione di Sbrissa per Bellomo che prova il destro chiamando in causa SCuffet sulla respinta del portiere Vita è anticipato in angolo

15′ il neo entrato Lanini prova il destro dalla distanza, Vigorito blocca in presa bassa

18′ Manfredini a terra chiama la panchina chiedendo la sostituzione, pare serio l’infortunio del difensore che è caduto a terra correndo a palla lontana. 

27′ sulla punizione calciata da Lanini è ottimo Vigorito a volare a deviare in angolo

32′ ancora Lanini su punizione stavolta la palla termina altissima

36' GOL DEL COMO: Ganz controlla palla nel cuore dell’ area e riesce a girarsi calciando sul palo lontano battendo l’incolpevole Vigorito

41′ sinistro dello stesso Galano che dalla distanza impensierisce Scuffet. La palla è stata deviata. Sull’angolo tocca in spaccata Brighenti ma la sfera termina sul fondo

44′ clamoroso pallo dello stesso Giacomelli che in area riceve palla e con la sua tipica azione calcia sul secondo palo. La palla rimbalza e carambola in mano a Scuffet

45′+1' ancora Lanini da fuori. Vigorito vola alla sua destra salvando il risultato

Candussio fischia la fine. Una vittoria che il Vicenza ha buttato con una condotta di gara poco accorta dopo il vantaggio , su cui però ha pesato moltissimo l’infortunio di Manfredini, visto che da dopo l’uscita del difensore il Vicenza  ha cominciato a sbandare paurosamente. Biancorossi sfortunati anche in occasione del palo di Giacomelli con il rimbalzo che torna in mano a Scuffet. 

 

Pagelle della partita "COMO-VICENZA"

Vigorito 6,5: è attento e preciso su tutti i palloni che piovono dalle sue parti, mostrando ottimo tempismo in un paio di uscite basse su Ganz. Laverone 6: attacca e copre bene la fascia di competenza per un’ora, poi cala e soffre Kukoc che nel finale lo costringe alla difensiva. Brighenti 6: buona prova con pochi errori finché la squadra comanda il gioco; poi soffre e sbaglia anche qualche disimpegno di troppo, e da uno di questi becca il giallo. Manfredini 6,5: in un’ora dimostra (ma non ce n’era bisogno) come cambia il Vicenza con lui in campo. Si presenta bene, con la solita autorità, dopo un mese di lavoro in gruppo e tutti i test superati brillantemente. La jella lo colpisce duramente ancora una volta, e a noi non resta che fargli un grosso in bocca al lupo. El Hasni 5,5: non ha l’esperienza e il valore di Manfredini, con il Vicenza che rincula e soffre il Como non riesce a dare la sicurezza necessaria. D’Elia 6: spinge e prova a rendersi pericoloso a sinistra con risultati alterni. Da perfezionare l’intesa con Bellomo. Sbrissa 6,5: segna un gol importante che poi la squadra è incapace di amministrare. Corre e combatte con qualche errore di misura, ma mostrando di essere in crescita. Moretti 6: bene fino al vantaggio del Vicenza, poi sbaglia tra passaggi facili regalando palla agli avversari e va in difficoltà come tutta la squadra. Bellomo 6: sufficienza di incoraggiamento anche perché l’intesa con i nuovi compagni non può essere al top. Ha sul piede la palla del 2 a 0 ma calcia addosso a Scuffet. Giacomelli s.v.: sfortunato perché solo per qualche millimetro non concede il bis di Perugia. Il palo gli nega il gol della vittoria. Vita 6,5: con Laverone mette in grande difficoltà il Como sulla sua corsia dove il Vicenza appoggia quasi sempre l’azione offensiva. Quando la squadra va in difficoltà è uno dei pochi a comprendere il pericolo lottando su tutti i palloni. Raicevic 6: Scuffet gli nega il gol nel primo tempo, e poi ingaggia con Cassetti un duello tutto muscoli e centimetri. Gatto 5: titolare al posto di Giacomelli, spreca un’altra chance per mostrare il giocatore di Lanciano, ma anche quello del precampionato. Ha una occasione da gol ma la spreca con un controllo macchinoso che consente a Madonna di recuperare. Galano s.v.: prende due gialli e viene espulso, ma qualcuno si spieghi il primo: rimessa a favore del Vicenza, Galano cerca di prendere il pallone a Marconi che fa chiara ostruzione, con l’arbitro che ammonisce Galano. Marino va su tutte le furie contestando la decisione arbitrale, ed è difficile dargli torto.

Pasquale Marino 6: per un’ora il suo Vicenza è padrone del campo poi, avanti nel punteggio e con il Como in dieci, la squadra smette di giocare. Capire cosa sia accaduto spetta a lui, intanto dispiace perché ieri il Vicenza ha buttato via due punti. 

 

Arbitro: Renzo Candussio di Cervignano. Assistenti: Damiano Di Iorio di Verbania, Marco Avellano di Busto Arsizio. Quarto ufficiale: Davide Andreini di Forlì.

Espulso: al 49' Bessa (Como) per doppia proteste, all'93' Galano (Vicenza) per somma di ammonizioni. 

Ammoniti: Cassetti, Marconi (Como); Moretti, Brighenti, Bellomo, El Hasni (Vicenza).

Spettatori: 3.573 totali per un incasso complessivo di 33.600 euro di cui 2.203 paganti (556 vicentini) per una quota di 23.361 euro e di 1.370 abbonati per un rateo di 10.239 euro.

Possesso palla: 45 - 55

Tiri dentro/totali: 5/10- 7/15

Palle giocate: 472 - 571

% passaggi riusciti: 58.0 - 64.9

Supremazia territoriale: 08'04'' - 10'35''

% protezione area: 59.5 - 59.6

% attacco alla porta: 40.4 - 40.5

% pericolosità: 37.9 - 50.7

Angoli: 3 - 8

Recuperi: 0' p.t., 6' s.t.

Maglia con toppa "Serie B-ConTe.it" e logo ESTEL: giocatori: biancorossa; portiere: verde.

Giornata umida ma non fredda, temperatura ad inizio gara di circa 10 gradi, cielo coperto, terreno in cattive condizioni.

Torneo: 
Serie B

BARI-VICENZA

| |
Stagione: 
2015-2016
Data: 
2016-01-23
Partita: 
BARI-VICENZA
Risultato: 
2-1
Reti: 
45' Di Cesare (B), 59' Maniero (B), 69' Raicevic (V)
Stadio: 
San Nicola di Bari
Formazione locale: 

BARI (4-3-3) Guarna; Donkor, Di Cesare, Rada, Contini; Defendi, Porcari, Di Noia (77′ Minala); Rosina, Maniero, Boateng (62′ De Luca)

A disposizione: Micai, Tonucci, Scalera, Romizi, Donati, Puscas, Camara. Allenatore: Andrea Camplone


Formazione ospite: 

VICENZA (4-3-3) Vigorito; Sampirisi, Brighenti, Mantovani, D’Elia; Sbrissa (45′ Ebagua) , Moretti, Gagliardini (77′ Bellomo); Laverone, Raicevic, Giacomelli (62′ Gatto)

A disposizione: Marcone, Manfredini, El Hasni, Modic, Vita. Allenatore: Pasquale Marino

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net  

 

LA PARTITA

PRIMO TEMPO

2′ punizione per il Bari calciata da Rada, blocca plasticamente Vigorito tuffandosi alla sua sinistra

8′ bella azione biancorossa con il lungo lancio di Moretti per Giacomelli che stoppa bene sul vertice dell’area, rientra e calcia un destro sul primo palo con Guarna che si stende e blocca a terra

12′ uscita coi pugni di Vigorito sul primo angolo della gara. La palla rinviata corta perviene a Contini che prova il destro di prima intenzione ma la conclusione è centrale e Vigorito blocca

15' tentativo dalla lunga distanza di Moretti. Il collo destro del centrocampista finisce sul fondo piuttosto distante dalla porta dei galletti

21′ cross di Laverone con Guarna che allunga la traiettoria della palla, Giacomelli prova la girata di prima intenzione ma spara altissimo

23′ Giacomelli libera Gagliardini al tiro che però esce debole ed impreciso e termina lentamente fuori

28′ Laverone al cross, Gagliardini dal limite prova una rovesciata spettacolare ma che esce distante dai pali

29′ lancio in verticale in area per Defendi su cui esce provvidenzialmente Vigorito a respingere

42′ Raicevic sfrutta un retropassaggio sciagurato di Donkor per calciare di sinistro di  prima intenzione, la palla colpisce il palo interno e poi la difesa del Bari libera

44' GOL DEL BARI: nell’ultima azione del primo tempo sull’angolo battuto dal Bari, regalo di Vigorito che esce a vuoto permettendo all’ex Di Cesare di appoggiare in rete a porta vuota

45′ Con il gol del Bari termina il primo tempo di una gara piuttosto brutta dove il Vicenza ha badato soprattutto a contenere. Biancorossi sfortunati in occasione del palo colpito da Raicevic ma poi puniti dall’uscita sciaguratamente sbagliata di Vigorito che ha consegnato il vantaggio ai padroni di casa

SECONDO TEMPO

2′ cross di Defendi su cui Maniero colpisce di testa ma la palla temina molto distante dai pali

4′ tentativo di Laverone debole da posizione centrale Guarna blocca

5′ su corta respinta di Donkor prova la girata dal limite Gagliardini ma calcia distante dai pali

13' GOL DEL BARI: cross dalla destra di Defendi, Vigorito in ritardo sull’uscita viene anticipato di testa da Maniero che infila in rete incrociando sul secondo palo

24' GOL DEL VICENZA: Raicevic recupera un pallone su Donkor, e entrato in area spara un collo destro sotto l’incrocio

25′ azione dei galletti appena subito il gol: è De Luca che chiama Vigorito alla deviazione in angolo su tiro al volo da posizione defilata

26′ insensato retropassaggio di Gatto che serve Maniero su cui deve rimediare Vigorito in uscita

29′ Ebagua da fuori calcia verso il secondo palo trovando la deviazione di Guarna in angolo

35′ De Luca da fuori prova il tiro a giro, blocca Vigorito in presa

42′ ottimo assist di Raicevic per Laverone che viene anticpiato di un niente al momento di concludere da Porcari che rimedia in angolo. Sugli sviluppi del corner Laverone prova il tiro ma la mira è sballata

45′+3′ Su punizione di Moretti esce a vuoto Guarna e sul colpo di testa di Raicevic libera sulla linea in corner Contini

45′+5′ Vicenza chiude in avanti alla ricerca del pari ma non basta. I biancorossi non sono riusciti a trovare il pareggio che non sarebbe stato immeritato per quanto visto in campo. Bari che porta a casa i tre punti senza brillare e soprattutto per gli errori di un Vigorito in chiara giornata no.

 

Pagelle della partita "BARI-VICENZA"

Vigorito 5: prima e dopo i due gol è il solito Vigorito che ha tolto spesso le castagne dal fuoco al Vicenza (per conferma verificare la classifica del “biancorosso dell’anno”) nel mezzo il pasticcio sul gol di Di Cesare, che però purtroppo risulta decisivo. Qualcuno può ravvedere una lettura tardiva di quanto succede sul gol di Maniero, ma li le responsabilità maggiori sono dell’arbitro Minelli, che non vede la spinta dell’attaccante su Brighenti che era in netto anticipo. Sampirisi 6,5: tra i reduci della scorsa stagione è forse l’unico che ha incrementato il proprio rendimento. Solido in difesa, propositivo in avanti, dove quando si incunea crea sempre scompiglio. Purtroppo cade nella trappola dell’irritante Minelli e subisce l’ammonizione che lo escluderà dalla prossima trasferta di Como. Brighenti 6: contiene Maniero con buona disinvoltura per tutta la gara. Dopo la spinta di Gerardi contro Vigorito che gli è costata cara con il Como ne subisce un’altra da Maniero che costa il raddoppio del Bari. In tutto questo la costante di arbitri sempre colpevolmente “distratti”. Mantovani 6: non doveva essere titolare ma il forfait di Galano lo promuove nell’undici iniziale. Partita di buona sostanza senza errori evidenti. D’Elia 5,5: patisce Rosina che comunque frulla molto ma produce poco ma va in difficoltà sulle incursioni di Defendi. La fascia sinistra è quella dove il Vicenza contro il Bari patisce di più (effetto Cinelli?) e in più è poco incisivo anche in avanti. Sbrissa 5,5: si impegna soprattutto a fare da frangiflutti ma il Vicenza ha bisogno anche di creare qualcosa in avanti e Marino nella ripresa decide per una formazione più offensiva lasciandolo negli spogliatoi. Ebagua 5: entra con buon piglio ma si fa irretire dall’ambiente ostile e dalla gestione poco equilibrata del troppo permissivo Minelli. Si becca un rosso decisamente evitabile e da un giocatore con la sua esperienza è tutto fuorché perdonabile. Moretti 6: non una prestazione memorabile ma nel centrocampo biancorosso è quello che cerca di dare un sistemata al gioco della squadra. Ci prova un paio di volte dalla media distanza ma la mira non gli è amica. Gagliardini 6: frequenti inserimenti in fase conclusiva, anche da posizioni interessanti purtroppo vanificate dalla poca convinzione con cui va al tiro. Lascia sempre l’impressione di non esprimersi al massimo delle sue potenzialità. Bellomo sv: sembrava candidato ad una maglia da titolare, gioca una ventina di minuti che gli servono soprattutto a prendere confidenza con la squadra. Laverone 5,5: Galano non ce la fa e tocca a lui. Riproposto nel ruolo dove si è messo in luce nella scorsa stagione mette insieme una prestazione in chiaroscuro. Minelli lo ferma lanciato verso la porta fischiandogli un fallo contro che probabilmente non esiste. Riesce a resistere alle proteste ma non ce la fa quando i raccattapalle fanno i prestigiatori con i palloni e Minelli (ovviamente) ammonisce lui.  Piccolo inciso: basterebbe molto poco per togliere questo malcostume tipicamente italiano dei raccattapalle perdi tempo, resta da capire perché non si faccia nulla. Raicevic 6,5: un palo, un gol di prepotenza, un assist per Laverone, anticipato di un soffio da Porcari in angolo al momento del tiro, Il suo lo fa, peccato non basti. Giacomelli 5,5: dopo 8 minuti di gioco addomestica un bel lancio di Moretti e calcia in porta chiamando Guarna alla risposta. Sembra l’inizio di una buona gara invece col passare dei minuti perde di concretezza. Esce per un colpo ricevuto che sarà da valutare. Gatto 5,5: dopo il suo ingresso in campo il Vicenza accorcia le distanze, non trova mai però il guizzo da cui possa nascere il pari.

Pasquale Marino 6,5: contro una squadra candidata alla promozione il Vicenza non demerita. Dopo il secondo gol del Bari la squadra non si sfalda ma stavolta reagisce cercando fino alla fine il punto che avrebbe meritato. La strada è quella giusta ma ora non bisogna sbagliare la prossima importante partita contro il Como.

 

Arbitro: Daniele Minelli di Varese. Assistenti: Marco Zappatore di Taranto, Edoardo Raspollini di Livorno. Quarto ufficiale: Riccardo Panarese di Lecce.

Espulso: all'85' Ebagua (Vicenza) per doppia ammonizione.

Ammoniti: Di Noia (Bari); Gagliardini, Sampirisi, Laverone (Vicenza).

Spettatori: 16.496 totali per un incasso complessivo di 85.006 euro; 5.470 paganti (quota 25.827 euro) e 11.026 abbonati (per un rateo di 59.179 euro).

Possesso palla: 51 - 49

Tiri dentro/totali: 8/15- 6/15

Palle giocate: 587 - 558

% passaggi riusciti: 63.6 - 62.8

Supremazia territoriale: 10'47'' - 09'32''

% protezione area: 56.3 - 57.9

% attacco alla porta: 42.1 - 43.7

% pericolosità: 60.0 - 47.0

Angoli: 5 - 7

Recuperi: 0' p.t., 5' s.t.

Maglia con toppa "Serie B-ConTe.it" e logo ESTEL: giocatori: biancorossa; portiere: azzurra.

Pomeriggio nuvoloso, temperatura di circa 9 gradi.

Torneo: 
Serie B

PERUGIA-VICENZA

| |
Stagione: 
2015-2016
Data: 
2016-01-19
Partita: 
PERUGIA-VICENZA
Risultato: 
0-1
Reti: 
86' Giacomelli (V)
Stadio: 
Renato Curi di Perugia
Formazione locale: 

PERUGIA (4-3-3) Rosati; Milos, Mancini, Rossi, Comotto; Zebli, Taddei, Della Rocca (82′ Rizzo); Parigini (60′ Zapata) , Ardemagni (56′ Di Carmine), Drolè

A disposizione: Zima, Volta, Jakovlevs, Didiba. Allenatore: Pierpaolo Bisoli


Formazione ospite: 

VICENZA (4-3-3) Vigorito; Laverone, Brighenti, Sampirisi, D’Elia; Sbrissa, Moretti, Gagliardini; Vita (46′ pt Galano, dall’ 84′ Giacomelli), Raicevic (75′ Ebagua), Gatto

A disposizione: Marcone, El Hasni, Bianchi, Manfredini, Modic, Mantovani. Allenatore:Pasquale Marino

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net  

LA PARTITA

PRIMO TEMPO

2′ destro a giro di Taddei su punizione originata da un fallo di Sbrissa su Parigini. La palla esce non di molto distante dal palo della porta difesa da Vigorito

7′ ottima combinazione biancorossa con Raicevic che mette Sbrissa in condizione di andare al tiro da posizione angolata davanti a Rosati che si distende in tuffo deviando la palla in angolo

18′ colpo di testa di Parigini che nel cuore dell’area anticipa Laverone e costringe Vigorito alla respinta poi libera Sampirisi. Abbastanza buona finora la prova del Vicenza che negli ultimi minuti ha gravitato con costanza nella metà campo dei grifoni, senza timori reverenziali

23′ Raicevic ricevuta palla sulla trequarti si incunea nella difesa del Perugia e qualche metro fuori dall’area fa partire un destro centrale che Rosati blocca a terra

31′ calcio di punizione di Taddei messa in area su cui Vigorito blocca palla a terra poi Drolè commette fallo sul portiere biancorosso

32′ buon pallone agganciato al limite dell’area da Raicevic. il montenegrino tocca indietro per Gagliardini che si trova il pallone troppo vicino al corpo e il suo tiro finisce qualche metro sul fondo

35′ anticipo di Rossi su Raicevic e tiro da distanza siderale del difensore con Vigorito costretto a superarsi per togliere la palla dall’incrocio dei pali

37′ Moretti su punizione dal lato sinistro dell’area di rigore costringe Rosati ad un gran balzo per respingere la palla diretta a fil di palo

42′ su cross di Milos svetta Ardemagni su Brighenti ma il suo colpo di testa termina alto sopra la traversa

45′ buon inserimento in area di Gatto che serve Gagliardini anticipato in corner dal ritorno di Milos al momento del tiro

45′+2′ Fischia Martinelli la fine di un primo tempo abbastanza vivace, senza gol, ma con occasioni da ambo le parti

SECONDO TEMPO

9′ tiro dalla distanza di Taddei che rimbalza appena davanti a Vigorito che in qualche modo riesce a respingere in corner. Una incertezza del portiere che finora ha fatto una buona gara

16′ Zebli si inserisce nel cuore dell’area biancorossa, ottima la chiusura di Brighenti che impedisce al perugino di andare al tiro molto pericoloso

18′ ci prova Moretti da distantissimo, colpendo anche male la palla che arriva lentamente dalle parti di Rosati

22′ Zapata vince un rimpallo fortunato e mette un pallone in area piccola su cui è bravissimo Vigorito ad anticipare Di Carmine

25′ colpo di testa di Raicevic su punizione calciata da Moretti che Rosati devia sulla traversa e quindi in corner. Tutto fermo per il fuorigioco del montenegrino che però non c’era

42' GOL DEL VICENZA: quinta rete stagionale per Giacomelli che prende palla sul settore sinistro dell’area di rigore e va a concludere con un destro a fil di palo su cui fa velo Ebagua che non è in fuorigioco

45′+5′ Il Vicenza vince la quarta partita in trasferta, la seconda consecutiva e raggiunge in classifica Ternana e Spezia a quota 27 mettendo la zona playout quattro punti alle spalle 

 

Pagelle della partita "PERUGIA-VICENZA"

Vigorito 6,5: è bravo nel primo tempo sul colpo di testa di Parigini e sul tiro da lontano di Rossi, meno nella ripresa sul tiro di Taddei che devia goffamente in angolo. Nel complesso una prova più che sufficiente. Laverone 6: sufficienza risicata perché soffre tanto Parigini e non riesce quasi mai a proporsi in avanti con costrutto. Brighenti 6,5: gioca e lotta con la decisione e l’attenzione dei tempi migliori. Ben assistito da Sampirsi annulla Ardemagni prima e Di Carmine nel finale. Sampirisi 6,5: vedi quanto sopra. Punto fermo della difesa di Marino, è una garanzia ovunque lo si schieri. D’Elia 6: attento e applicato, gioca una partita positiva. Gli unici problemi glieli crea Zapata, ma senza che l’attaccante del Perugia combini granchè. Gagliardini 6: partita in crescendo, con una presenza importante nella ripresa quando c’è da “fare legna”. Si inserisce anche in avanti, ma non è determinato e convinto come dovrebbe. Moretti 6,5: sbaglia un paio di palloni, ma la percentuale positiva è nettamente superiore. Riesce anche a dettare bene i ritmi della manovra, rallentando o accelerando a seconda delle situazioni di gioco. Sbrissa 6: ha una buona occasione dopo sei minuti che spreca banalmente. Corre molto sbagliando anche qualcosa, ma il suo contributo è senza dubbio positivo. Vita 6: si fa male quasi subito, e lo sviluppo della sua gara ne risente. Stringe i denti e prova a continuare, ma con il passare dei minuti il dolore aumenta e deve abbandonare il campo. Galano 5,5: non è la sua serata fortunata perché incide poco, e soprattutto perché deve uscire nel finale per un problema muscolare. Giacomelli 7: pochi minuti in cui però è decisivo. Segna un gol da tre punti e, anche se prende un altro cartellino giallo, la sua serata è da incorniciare. Raicevic 6: lotta spesso spalle alla porta con buon costrutto, e quando ha la palla buona solo Rosati e la traversa gli negano il gol. Ebagua 6: pochi minuti in cui mostra la sua capacità di lottare su tutti i palloni. Nel finale subisce un colpo e chiude la gara zoppicando. Gatto 6: quando parte l’impressione è quella che prenderlo sia difficile. Le sue volate mettono spesso in difficoltà la difesa avversaria, anche se al momento decisivo gli manca sempre qualcosa.

Pasquale Marino 6,5: la squadra gioca una gara attenta contro un avversario di valore che in casa prima di ieri sera aveva perso solo una volta. Una partita che poteva finire anche in parità, ma che sarebbe stata comunque positiva; e forse non è un caso che sia contro il Modena che a Perugia, il Vicenza abbia conquistato i tre punti nei minuti finali di gara.

 

Arbitro: Daniele Martinelli di Roma 2. Assistenti: Alessadro Raparelli di Albano Laziale, Giuseppe Opromolla di Salerno. Quarto ufficiale: Federico La Penna di Roma 1.

Ammoniti: Zebli, Rosati, Taddei (Perugia); Brighenti, Giacomelli (Vicenza).

Spettatori: 9.993 totali di cui 3.133 paganti.

Possesso palla: 47 - 53

Tiri dentro/totali: 3/7 - 5/8

Palle giocate: 540 - 595

% passaggi riusciti: 69.4 - 71.9

Supremazia territoriale: 10'30'' - 09'57''

% protezione area: 58.1 - 52.4

% attacco alla porta: 47.6 - 41.9

% pericolosità: 29.9 - 41.1

Angoli: 3 - 7

Recuperi: 2' p.t., 5' s.t.

Maglia con toppa "Serie B-ConTe.it" e logo ESTEL: giocatori: blu con bande orizzontali biancorosse; portiere: azzurra.

Serata fredda, temperatura di -4 gradi.

Torneo: 
Serie B

VICENZA-MODENA

| |
Stagione: 
2015-2016
Data: 
2016-01-16
Partita: 
VICENZA-MODENA
Risultato: 
2-1
Reti: 
46' Luppi (M), 74' e 91' Raicevic (V)
Stadio: 
Romeo Menti di Vicenza
Formazione locale: 

VICENZA (4-3-3) Vigorito, Laverone, Brighenti, Mantovani, Sampirisi; Urso (45′ Vita), Moretti (85′ Gagliardini), Cinelli (72′ Raicevic); Galano, Ebagua, Giacomelli

A disposizione: Marcone, El Hasni, Manfredini, Modic, Sbrissa, Gatto. Allenatore: Pasquale Marino


Formazione ospite: 

MODENA (4-3-3) Provedel, Calapai, Gozzi, Marzorati, Rubin;  Galloppa (75′ Crecco), Bentivoglio, Belingheri; Nardini, Stanco, Luppi (87′ Aldovrandi)

A disposizione: Manfredini,  Giorico, Marchionni, Olivera, Popescu, Sowe, Zucchini.Allenatore: Hernan Crespo

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net  

LA PARTITA

PRIMO TEMPO

4 ′deviazione di tacco al volo sotto misura da parte di Gozzi su azione d’angolo, la palla esce sul fondo con Vigorito immobile

10′ grande parata di Vigorito che vola a deviare da sotto la traversa la conclusione al volo da fuori di Calapai

11′ ancora Vigorito in due tempi su tiro di lunga gittata di Bentivoglio

12′ conclusione a giro di Giacomelli, Galano viene anticipato da Marzorati in angolo quando stava per arrivare a concludere sul secondo palo

22' Galloppa direttamente su punizione defilata sulla destra batte di sinistro e la palla sfila sul fondo a un paio di metri dal palo

25′ verticalizzazione di Sampirisi per Cinelli che tenta il sinistro sul primo palo ma la luce per la porta era ridottissima, la palla termina sul fondo

43′ Galano serve Ebagua che sul limite dell’area elude la guardia di Gozzi e calcia mandando alto oltre la traversa

40′ azione personale di Galano che prende palla sulla sinistra accentrandosi ed andando a battere alzando però di troppo la mira

33′ altro tiro cross di Giacomelli ben indirizzato su cui Provedel deve intervenire in uscita di pugno

45'+1' GOL DEL MODENA: su azione d’angolo il Modena trova il gol del vantaggio con la difesa biancorossa che lascia agli avversari la libertà di colpire di testa due volte fino a che la palla arriva a Luppi libero di calciare ad un passo da Vigorito trovando la rete del vantaggio gialloblu

SECONDO TEMPO

7′ clamorosa occasione per i biancorossi con Ebagua tutto solo davanti a Provedel, la conclusione termina addosso al portiere in uscita e poi il Modena sventa sparando palla in corner

16′ duro intervento di Gozzi su Ebagua che origina una punizione pericolosa dai venti metri. Sulla palla Moretti

17′ la punizione di Moretti è una cannonata e Provedel si supera per deviare in angolo

19′ ancora biancorossi in avanti con Galano che servito da Giacomelli prova il destro al volo che sfila di un metro sul fondo all’altezza del primo palo

25′ buon pallone messo in area da Laverone su cui Galano tutto libero in area prova il destro di prima intenzione mandando però alto. Peccato perché l’azione poteva essere gestita decisamente meglio

29' GOL DEL VICENZA: Sampirisi lanciato sulla sinistra mette un pallone in area piccola dove Raicevic mette la zampata vincente per il pari biancorosso

35′ ancora Moretti su punizione: stavolta il tiro è centale e Provedel blocca

45' GOL DEL VICENZA: la doppietta del montenegrino arriva con le stesse modalità del primo gol ma stavolta la rete è causata dal buco in uscita di Provedel

45′+5′ Il Vicenza inizia nel migliore dei modi il 2016 “espugnando” il Menti con una vittoria in rimonta firmata dalla coppia Sampirisi-Raicevic. Tre punti importantissimi che permettono al Vicenza di agganciare proprio i canarini in classifica 

 

Pagelle della partita "VICENZA-MODENA"

Vigorito 6,5: impegnato dal Modena nel primo quarto d’ora, deve rispondere alla grande su Calapai e contenere una conclusione dalla distanza di Bentivoglio. Bisticcia un po’ con la palla nei rinvii di piede. Nella ripresa il Modena dalle sue parti praticamente non si vede. Laverone 6: sulla sua zona agisce Luppi e il duello tra i due finisce in sostanziale parità, anche se il gialloblu riesce a trovare il gol nel mischione in area del minuto di recupero del primo tempo. Brighenti 7: che dire? Torna dopo quattro mesi e la sensazione vedendolo in campo è che non sia mai stato infortunato. Nessuna paura, nessuna remora, lotta ed esce dal campo con un vistoso bernoccolo in testa, tanto per non farsi mancare nulla. Quando Marino parlava del suo ritorno come un nuovo acquisto non lo diceva a sproposito. Mantovani 6,5: beneficia anche lui del rientro del compagno di reparto con una prova attenta e precisa, trovando anche una maggiore tranquillità rispetto ad altre precedenti partite. Sampirisi 7: nel primo tempo il Vicenza soffre l’intraprendenza del duo Nardini, Calapai nel suo settore. Ci mette un po’ ad adattarsi alla fascia mancina ma nell’ultimo quarto d’ora viene posseduto dallo spirito di D’Elia, accende il turbo e mette due assist d’oro per la doppietta di Raicevic. Urso 5,5: stenta a trovare la giusta posizione e vista l’ammonizione dopo appena 8 minuti di gioco (che gli costerà la squalifica nella partita con il Perugia) Marino decide per il cambio all’intervallo. Vita 6,5: un altro gradito ritorno passato forse un po’ in sordina. Contributo essenziale nella rimonta biancorossa, sarà un caso ma mancava dal campo dall’ultima vittoria contro l’Ascoli… Moretti 6: si vede la gran voglia di far bene che anima il ragazzo. Una partita con qualche ingenuità ma anche tante cose positive come il passaggio intelligente che origina l’azione del pari. Subito pericolosissimo su calcio piazzato, finalmente una soluzione in più per i biancorossi. Gagliardini sv: in campo dieci minuti, può esultare con i compagni per il gol vittoria. Cinelli 5,5: spaesato e frastornato non era il solito Cinelli. Gli effetti di un calcio mercato deleterio per chi sta giocando sapendo già che sarà altrove. Il segno del destino è che esce proprio per l’autore della doppietta vincente, come fosse un passaggio di consegne. Raicevic 8: e sono nove… Entra in campo con il diavolo in corpo. Una doppietta, realizzata da vero e proprio attaccante d’area, che in un quarto d’ora stende il Modena e manda un messaggio a Marino: “ora sono problemi tuoi…”. Galano 6,5: fino all’ingresso in campo di Raicevic è quello che ci prova di più indirizzando tre conclusioni verso la porta del Modena. Purtroppo le migliori gli capitano sul destro e gli difetta la mira. Ebagua 6,5: ovviamente deve consolidare l’intesa con i compagni di reparto ma la sua è una prova più che sufficiente che sovente mette in difficoltà la difesa del Modena. Da capire se e come Marino riuscirà a trovare il modo per utilizzarlo assieme a Raicevic. Giacomelli 6: assente il pistone gemello D’Elia e, per altri motivi, il raccordo Cinelli, fatica un po’, anche se nel primo tempo le prime occasioni nascono dai suoi spunti. Fa comunque espellere Calapai e innesca Sampirisi per il gol del pareggio biancorosso.

Pasquale Marino 6,5: se tenendo in panchina Raicevic per più di un’ora aveva previsto di mettere in campo un toro scatenato allora è un genio. Con i rientri dagli infortuni e i nuovi arrivi le scelte aumenteranno ma anche le possibilità di “sbagliare” formazione. In questo però ha già dimostrato in passato di saperci fare.

 

Arbitro: Leonardo Baracani di Firenze. Assistenti: Alfonso D'Apice di Parma, Pietro Dei Giudici di Latina. Quarto ufficiale: Nicolò Sprezzola di Mestre.

Espulsi: all'85' Calapai (Modena) e al 93' Crecco (Modena) per doppia ammonizione. 

Ammoniti: Urso, Moretti, Giacomelli (Vicenza); Galloppa (Modena).

Spettatori: 7.419 totali per un incasso complessivo di 54.138 euro; 1.551 paganti (quota 18.454 euro) e 5.869 abbonati (per un rateo di 35.684 euro).

Possesso palla: 54 - 46

Tiri dentro/totali: 5/11 - 4/9

Palle giocate: 521 - 497

% passaggi riusciti: 57.5 - 57.6

Supremazia territoriale: 09'02'' - 07'15''

% protezione area: 53.3 - 60.0

% attacco alla porta: 40.0 - 46.7

% pericolosità: 52.5 - 34.8

Angoli: 5 - 4

Recuperi: 1' p.t., 5' s.t.

Maglia con toppa "Serie B-ConTe.it" e logo ESTEL: giocatori: biancorossa; portiere: azzurra.

Pomeriggio soleggiato non particolarmente freddo, temperatura ad inizio gara di circa 9 gradi, terreno in discrete condizioni.

Torneo: 
Serie B

VICENZA-LATINA

| |
Stagione: 
2015-2016
Data: 
2015-12-23
Partita: 
VICENZA-LATINA
Risultato: 
1-1
Reti: 
35' Schiattarella (L), 52' Galano (V)
Stadio: 
Romeo Menti di Vicenza
Formazione locale: 

VICENZA (4-3-3) Vigorito; Laverone, Sampirisi, El Hasni, D’Elia; Galano, Urso, Cinelli; Gatto (71′ Gagliardini), Raicevic, Giacomelli

A disposizione: Marcone, Pazienza, Sbrissa, Pettinari, Bianchi, Modic, Rinaudo. Allenatore: Pasquale Marino


Formazione ospite: 

LATINA (4-2-3-1) Farelli; Bruscagin, Dellafiore, Esposito, Calderoni;  Mbaye, Moretti; Acosty (77′ Regoli), Schiattarella, Dumitru (85′ Ammari); Corvia

A disposizione: De Lucia, Celli, Andrade,  Shahinas, Talamo, Brosco, Campagna.Allenatore: Mario Somma

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net  

LA PARTITA

PRIMO TEMPO

4′ azione insistita in area di Raicevic su cui libera la difesa del Latina la palla arriva a Gatto che spara di prima intenzione svirgolando la conclusione sul fondo

10′ cross di D’Elia su Gatto che colpisce debolmente di testa, blocca senza problemi Farelli

11′ tentativo dalla media distanza di Giacomelli, il cui destro sibila qualche metro a lato alla destra della porta del Latina

13′ dopo una buona combinazione Gatto-Galano la palla perviene a Urso che calcia da fuori trovando una deviazione che manda la palla in corner. Sull’angolo ci prova al volo Gatto che però calcia altissimo

16′ ancora biancorossi in avanti con un tentativo di Giacomelli che prova la conclusione con un tiro a scendere che però termina molto distante dai pali

17′ diagonale dalla distanza di Acosty che Vigorito controlla senza problemi

18′ ancora Giacomelli che dopo un’azione personale rientra e calcia mandando alto. Finora molti tiri verso la porta del Latina ma nello specchio praticamente nessuno

21′ Dumitru in posizione centrale, qualche metro fuori area, calcia forte di destro a mezza altezza. Vigorito blocca in presa

23′ ancora ospiti pericolosi con Acosty che entra in area dalla destra e trova lo spazio per calciare fortunatamente ancora su Vigorito

24′ sugli sviluppi del secondo corner biancorosso Galano si coordina scagliando un missile dal vertice destro dell’area di rigore, Farelli respinge in tuffo

32′ azione dei nerazzurri che fa a fette la difesa biancorossa per fortuna sull’ultimo tiro cross di Dumitru, Sampirisi riesce a liberare

35' GOL DEL LATINA: retropassaggio suicida di Laverone che viene intercettato da Corvia, la palla arriva a Schiattarella che da fuori fulmina Vigorito

38′ palo clamoroso di Acosty che trova lo spazio in area per esplodere il diagonale che supera Vigorito ma trova il legno

41′ destro di Corvia direttamente su punizione che Vigorito vola a deviare per togliere dall’angolino

45′+1′ termina il primo tempo tra gli inevitabili fischi del Menti. Vicenza in grave difficoltà: dietro si fatica maledettamente a contenere l’esuberanza degli attaccanti avversari e in avanti non si è riusciti a produrre niente di pericoloso fatto salvo per il tiro di Galano, poi tante conclusioni ma tutte forzate o in condizioni critiche.  Vediamo se Marino riuscirà a sistemare qualcosa ma la situazione in questo momento è davvero critica.

SECONDO TEMPO

3′ lungo cross di Giacomelli su cui Gatto interviene con la spalla, poi la palla termina sul fondo

7′ Acosty si mangia il raddoppio calciando su Vigorito dopo un contropiede, la respinta viene raccolta da Schiattarella su cui respinge Sampirisi

8' GOL DEL VICENZA: subito dopo aver rischiato di subire il raddoppio il Vicenza pareggia sul ribaltamento di fronte. Galano appena dentro l’area raccoglie una corta respinta e spara un missile sotto l’incrocio dei pali

13′ verticalizzazione di Laverone per Gatto il cui tentativo di prima intenzione finisce in curva

17′ ci prova Urso direttamente dalla punizione. Il tiro è forte ma troppo centrale per impensierire Farelli

20′ buon pallone di Giacomelli per D’Elia il cui destro dal limite non supera Farelli

21′ stavolta è Giacomelli a provarci dopo un’azione personale ma il suo destro sul primo palo è troppo prevedibile

28′ cross verso Dumitru su cui Laverone interviene pasticciando esce Vigorito e rimedia in presa bassa

30′ incredibile quello che succede in area del Latina con Calderoni che nel tentativo di rinviare colpisce il palo della propria porta sulla respinta arriva Gagliardini che ciabatta malamente e sul proseguio la palla finisce in corner

39′ spettacolare rovesciata di Cinelli su cross di Laverone, la palla però si impenna e Farelli blocca in presa alta

41′ sul cross di Giacomelli spostato sulla destra prova ad inserirsi ancora Cinelli che all’altezza del primo palo tocca di punta mandando sul fondo

45′+3′ Finisce senza altre emozioni la gara. Vicenza che deve accontentarsi del misero punticino in un momento in cui servirebbe ben altro

 

 

Pagelle della partita "VICENZA-LATINA"

Vigorito 6,5: ha il merito di tenere il Vicenza in partita andando a respingere il tiro di Acosty ad inizio ripresa, e subito dopo i biancorossi passano dal possibile zero a due al pari. Fortunato in occasione del palo sempre di Acosty nel primo tempo, per il resto sempre attento e preciso. Laverone 5: in questa stagione i biancorossi sembrano fare a gara a chi commette l’errore più grave. Stavolta tocca a lui innescare l’azione che porta al gol del vantaggio dei nerazzurri con una topica che non gli è consueta e che è termometro del momento di scarsa serenità della squadra. Sampirisi 6,5: il trio offensivo del Latina abbina dinamismo a tecnica e spesso il reparto difensivo biancorosso va in difficoltà, lui tampona e mette spesso l’ultima pezza decisiva. El Hasni 6: primo tempo in imbarazzo in più di qualche occasione e con qualche disagio di troppo (non nuovo) nella fase di impostazione. Cresce nella ripresa. D’Elia 6,5: del giocatore si conoscono ormai pregi e difetti. Gli tocca un cliente difficile come Acosty che però con il passare dei minuti va in calando. In maniera inversamente proporzionale lui invece cresce andando a chiudere falle anche in zone non di sua competenza. Peccato per l’ammonizione che gli farà saltare Perugia. Galano 6,5: graffia nel primo tempo con un sinistro che impegna Farelli, poi nella ripresa spara sotto l’incrocio il bolide dell’uno a uno. Più dentro alla partita del solito, ora deve trovare la continuità ma va sottolineato che, pur senza brillare, sono già 5 i gol al suo attivo. Urso 5,5: come al solito dimostra di essere uno dei pochi ad avere nelle corde la conclusione dalla distanza, in certi momenti però paga la sua irruenza e dopo l’ammonizione rischia in qualche altra circostanza. Cinelli 6: finisce sostanzialmente in parità la sfida con l’ex Moretti. Nel finale di partita si fa vivo in area avversaria con un paio di tentativi che non sortiscono grandi effetti. Gatto 5: un giocatore che a Lanciano aveva fatto vedere ben altre qualità che qui finora si sono solo raramente intraviste.  Timide le conclusioni a rete, improduttive (con conseguenti “smoccolamenti” dei tifosi) le volate palla al piede. Gagliardini 5,5: gli capita sui piedi, in maniera fortuita, la palla da golden gol ma sciupa ciabattando. Raicevic 5,5: per lottare lotta ma stavolta non appare in gran serata. Sarebbe stato forse da sostituire ma Marino fa un unico cambio che lascia ben intendere cosa serva nell’imminente mercato. Giacomelli 6: nel primo tempo fa indigestione di tiri sballati verso la porta del Latina che Farelli si limita ad osservare senza dover mai intervenire. Più concreta la ripresa quando mette in difficoltà la difesa dei pontini e innesca l’azione del pari di Galano.

Pasquale Marino 6: la situazione è quella che è e stavolta nel post partita non manca di sottolineare che dal mercato si aspetta un sostanziale contributo per invertire le sorti della stagione. La coppia Galano-Gatto sulla destra convince solo a metà ma in questo momento a qualche carenza tecnica si sta sommando una evidente mancanza di serenità nella squadra e la vittoria che non arriva dal 7 novembre scorso (sommata al rapporto infelice con il Menti) evidentemente comincia ad avere un peso importante.


Arbitro: Ivano Pezzuto di Lecce Assistenti: Antonino Santoro di Catania, Giuseppe Borzomì di Torino. Quarto ufficiale: Lorenzo Maggioni di Lecco.

Ammoniti: D'Elia, Raicevic, Urso (Vicenza); Bruscagnin, Mbaye, Corvia, Esposito (Latina).

Spettatori: 6.972 totali per un incasso complessivo di 47.124 euro; 1.126 paganti (quota 11.569 euro) e 5.846 abbonati (per un rateo di 35.555 euro).

Possesso palla: 60 - 40

Tiri dentro/totali: 7/22- 7/15

Palle giocate: 664 - 512

% passaggi riusciti: 70.4 - 58.6

Supremazia territoriale: 14'22'' - 07'51''

% protezione area: 62.3 - 53.6

% attacco alla porta: 46.4 - 37.7

% pericolosità: 57.6 - 48.4

Angoli: 4 - 1

Recuperi: 1' p.t., 3' s.t.

Maglia con toppa "Serie B-ConTe.it" e logo ESTEL: giocatori: biancorossa; portiere: azzurra.

Serata umida ma non particolarmente fredda, temperatura ad inizio gara di circa 5 gradi, terreno in buone condizioni.

Torneo: 
Serie B

SPEZIA-VICENZA

| |
Stagione: 
2015-2016
Data: 
2015-12-09
Partita: 
SPEZIA-VICENZA
Risultato: 
1-0
Reti: 
48' Ciurria (S)
Stadio: 
Alberto Picco di La Spezia
Formazione locale: 

SPEZIA (4-4-2) Chichizola; Valentini, Postigo, Terzi, Migliore; Ciurria (90′ Piccolo), Brezovec (72′ Acampora), Canadija, Situm; Catellani, Calaiò (83′ Nenè)

A disposizione: Sluga, Milos, Tamas, Misic, Rossi, Azzi. Allenatore: Domenico Di Carlo


Formazione ospite: 

VICENZA (4-3-3) Vigorito; Laverone, Sampirisi, Mantovani, D’Elia; Urso (84′ Pettinari), Pazienza (57′ Modic), Cinelli (77′ Sbrissa); Galano, Raicevic, Gatto

A disposizione: Marcone, Belogravic El Hasni, Bianchi, Gagliardini, Cecconello.Allenatore: Pasquale Marino

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net  

LA PARTITA

PRIMO TEMPO

2′ Terzi va in rete con una girata al volo su calcio di punizione, ma il gioco è fermo per un fuorigioco dello stesso giocatore. Nell’occasione rimane a terra Vigorito che è stato toccato duro da un compagno mentre era in uscita

5′ Riprende il gioco con Vigorito al suo posto, ma si è perso qualche minuto che verrà recuperato al termine della prima frazione

7′ Canadjia per Brezovec che dal limite dell’area prova il destro di prima intenzione senza però trovare la porta

10′ grandi proteste di Gatto che chiede il rigore per una deviazione di mano di Valentini su cross di Laverone ma Nasca concede solo il calcio d’angolo

11′ scambio in area tra Galano e Raicevic con l’ex barese che va a calciare da posizione molto ravvicinata trovando la deviazione di piede di Chichizola

13′ grande occasione per i padroni di casa con Calaiò che si libera di D’Elia e incrocia il diagonale a botta sicura, trovando il salvataggio sulla linea di Sampirisi

24′ Situm libera il destro appena fuori l’area, Vigorito respinge in maniera non molto ortodossa ma efficace

28′ tentativo di Urso dalla lunghissima distanza, il tiro senza grandi pretese viene controllato da Chichizola

30′ colpo di testa in acrobazia di Calaiò che elude la guardia di Mantovani ma trova la grande parata in angolo di Vigorito

34′ lungo scambio degli spezzini sul settore sinistro concluso da un tiro abbastanza scolastico di Canadja che Vigorito blocca senza grandi problemi

43′ cross rasoterra di Gatto verso il primo palo dove Chichizola va in difficoltà nel controllo ma riesce a recuperare la palla sul tocco ravvicinato di Raicevic

45'+2' GOL DELLO SPEZIA: gran gol dell’esterno dello Spezia Ciurria che dal vertice destro dell’area di rigore trova un sinistro a giro che si spegne all’incrocio dei pali opposto

45′+3′ Si chiude con il gol dei padroni di casa un primo tempo abbastanza vivace con il Vicenza che sicuramente ha interpretato la gara in maniera più gagliarda rispetto alla trasferta a Terni ma che ha concesso almeno tre nitide palle gol agli avversari che sono tutto sommato giustamente in vantaggio

SECONDO TEMPO

7′ ancora Ciurria che al termine di una ripartenza, appena entrato in area prova il destro che termina alto

11′ altro contropiede dei padroni di casa con Calaiò che poi prova il sinistro a fil di palo ma la conclusione è debole e fuori bersaglio

14′ timido tentativo di Cinelli che prova un sinistro sul primo palo su cui Chichizola non si fa sorprendere

25′ buonissima occasione per Gatto che su imbucata di Cinelli si trova tutto solo davanti a Chichizola ma calcia contro le gambe del portiere guadagnando solo un angolo

31′ cross in area spezzina con la  palla che dopo un flipper esce e Modic prova la conclusione di destro al volo che termina qualche metro a lato 

33′ rovesciata acrobatica di Calaiò su cross di Migliore che colpisce il palo esterno a Vigorito battuto

36′ su cross di D’Elia svetta Raicevic che colpisce di testa ma non riesce a indirizzare verso la porta

41′ annullato un altro gol allo Spezia per un fuorigioco di Nenè che aveva deviato in rete all’altezza del secondo palo il cross di Migliore

45′+4′ fischio finale di Nasca che sancisce la sconfitta del Vicenza in casa dello Spezia che non vinceva da due mesi regalando il primo sorriso all’ex Mimmo Di Carlo. Lo Spezia supera il Vicenza in classifica e i biancorossi sono ora ad appena due punti dalla zona playout.


Pagelle della partita "SPEZIA-VICENZA"

Vigorito 7: gioca in condizioni fisiche precarie per l’intero match, dopo lo scontro al secondo minuto di gioco in cui rimane a terra colpito duro alla mandibola. Nonostante ciò riesce a sfoderare un grande intervento su Calaiò e a mantenere alta la concentrazione per tutta la gara. Si arrende solo alla grande giocata di Ciurria. Laverone 6: scende in campo nonostante qualche problema fisico accusato nella rifinitura di martedì. Stringe i denti e in campo non si tira mai indietro ma la prestazione non è tra le sue migliori. Sampirisi 6,5: ancora una volta il migliore del pacchetto arretrato. Nel primo tempo è bravo a salvare sulla linea a Vigorito battuto. Punto di riferimento dell’avvio della manovra, bravo nelle scelte tattiche, sa anche farsi ruvido quando serve. Mantovani 6: contiene come può Calaiò che però è un cliente scomodissimo e si vede. D’Elia 5,5: orfano del punto di riferimento Giacomelli diminuisce le sortite in avanti.  Ciurria trova un grande gol ma nell’occasione è colpevole di avergli lasciato fin troppo spazio per agire. Pazienza 5,5: non gioca da centrale ma spostato da interno destro, rimane in campo per quasi un’ora in cui si limita soprattutto alla fase di contenimento,  non sempre senza affanno. Modic 6: nel suo ruolo naturale di play si produce in alcune buone verticalizzazioni, qualche fallo ingenuo quando è chiamato alla fase difensiva. Urso 6: corre a tamponare in ogni zona della mediana, rischiando pure qualcosa dopo la prima ammonizione. Prova, senza gran successo a insidiare Chichizola dalla distanza. Pare l’unico in squadra ad avere nelle corde il tiro di lunga gittata. Pettinari s.v: un’altra presenza da archiviare sotto la voce “pochi spiccioli di gara”. Cinelli 6,5: si capisce perché è l’unico punto fermo del centrocampo.  Sempre una certezza in fase difensiva sa anche trovare gli spunti come quello che spedisce Gatto solo davanti a Chichizola. Pare anche l’unico centrocampista con i tempi di inserimento giusti nell’azione offensiva anche se poi gli manca la confidenza con il gol. Sbrissa s.v.: sostituisce Cinelli nel finale senza incidere. Galano 5,5: le sue prestazioni sono spesso “borderline”. Mai particolarmente negative ma nemmeno tali da spaccare le partite. Non è un segreto che da lui ci si aspetterebbe qualcosa di più e di meglio, compresa anche qualche soluzione dalla media distanza che pure appartiene al suo repertorio. Raicevic 5,5: l’espulsione di Livorno è stata deleteria non solo per le tre giornate di squalifica ma anche perché ne ha bloccato il momento positivo. Si sacrifica come sa fare per il gioco di squadra ma non lo si vede praticamente mai in fase conclusiva. Ha una buona occasione su un cross di D’Elia che però riesce solo a toccare di testa senza riuscire ad imprimere alla sfera la deviazione vincente. Gatto 5: nel primo tempo ha la scusa di venire più volte brutalizzato da Valentini con la compiacenza di Nasca che ammonisce tardi il difensore spezzino. Nella ripresa però il difensore gli lascia respiro ma lui non combina molto di più e anzi spreca calciando sulle gambe di Chichizola l’assist che Cinelli gli confeziona e stavolta non ha nemmeno la scusa di aver giocato fuori ruolo.

Pasquale Marino 6: pur sconfitta, la squadra non esce con una prestazione insipida come quella di Terni. Il Vicenza costruisce con discreta facilità fino alla trequarti ma poi stenta a finalizzare quando gli avversari si chiudono. A centrocampo tra giocatori in ritardo di condizione e infortuni vari, sembra non aver ancora trovato la quadra, ma il campionato non attende e sabato c’è già un Brescia che si annuncia una brutta gatta da pelare…

 

Arbitro: Luigi Nasca di Bari. Assistenti: Mirko Oliveri di Palermo, Pasquale Cangiano di Napoli. Quarto ufficiale: Marco Piccinini di Forlì.

Ammoniti: Valentini, Ciurria, Canadjija, Brezovec (Spezia); Pazienza, Urso, Sampirisi (Vicenza).

Spettatori: 709 paganti, ospiti 70 per un incasso di 5.404 euro; abbonati 5.778 per un rateo di 31.000 euro.

Possesso palla: 48 - 52

Tiri dentro/totali: 8/17 -  5/7

Palle giocate: 538 - 627

% passaggi riusciti: 60.1 - 64,0

Supremazia territoriale: 11'16'' - 11'08''

% protezione area: 48.3 - 53.5

% attacco alla porta: 46.5 - 51.7

% pericolosità: 49.6 - 30.8

Angoli: 3 - 7

Recuperi: 3'+1' p.t., 4' s.t.

Maglia con toppa "Serie B-ConTe.it": giocatori: blu con bande orizzontali biancorosse; portiere: grigia con bande orizzontali biancorosse.

Terreno lievemente scivoloso, serata calda ed umida, temperatura di circa 12 gradi.

Torneo: 
Serie B

VIRTUS ENTELLA-VICENZA

| |
Stagione: 
2015-2016
Data: 
2015-12-19
Partita: 
VIRTUS ENTELLA-VICENZA
Risultato: 
4-1
Reti: 
9′ Costa Ferreira (VE), 12' Galano su rigore (VI), 54′ e 58′ Caputo su rigore (VE), 82′ Masucci (VE)
Stadio: 
Comunale di Chiavari
Formazione locale: 

VIRTUS ENTELLA (4-3-1-2) Iacobucci; Iacoponi, Ceccarelli (87′ Volpe), Pellizzer, Keita; Palermo, Jadid (72′ Sestu), Troiano; Costa Ferreira; Masucci, Caputo (63′ Cutolo)

A disposizione: Paroni, Gerli, Zanon, Sforzini, Petkovic, Pellizzari. Allenatore: Alfredo Aglietti.


Formazione ospite: 

VICENZA (4-3-3) Vigorito; Laverone, Sampirisi,Mantovani, D’Elia; Gagliardini (60′ Urso), Modic (64′ Gatto), Cinelli (72′ Sbrissa); Galano, Raicevic, Giacomelli

 

A disposizione: Marcone, El Hasni, Rinaudo, Bianchi, Pazienza, Pettinari. Allenatore: Pasquale Marino

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net  

LA PARTITA

PRIMO TEMPO

3′ lungo pallone messo in area da Jadid per Caputo che colpisce debolmente di testa, palla tra le braccia di Vigorito in presa alta

5′ sponda di testa di Caputo per Troiano messo solo davanti a Vigorito. E’ bravissimo il portiere ad opporsi con il corpo alla conclusione del centrocampista, sulla respinta calcia alto Masucci. Occasione gol maiuscola per i liguri

7′ ci prova Jadid con un piatto da fuori area che viene deviato da Cinelli e fortunatamente finisce tra la braccia di Vigorito. Ancora biancorossi in difficoltà

9' GOL DELLA VIRTUS ENTELLA: gran gol dei liguri con Costa Ferreira che stoppa palla al limite dell’area e di prima intenzione spara sotto l’incrocio con Vigorito vanamente proteso in tuffo

11' Calcio di rigore per il Vicenza per fallo di Keita su Galano

12' GOL DEL VICENZA: dal dischetto Galano spiazza Iacoponi con un rasoterra alla sua destra

15′ su cross dalla destra ci prova Caputo di prima intenzione calciando alto

20′ cross di Troiano dalla sinistra, uscita imprecisa di Vigorito che viene anticipato da Caputo che di testa alza sopra la traversa

22′ altro colpo di testa in area biancorossa, stavolta di Palermo che colpisce fuori bersaglio

30′ in rete i padroni di casa con un colpo di testa di Pellizzer su punizione battuta da Jadid, l’arbitro annulla per fuorigioco che però sembra non esserci

32′ clamoroso contropiede dell’Entella direttamente da fallo laterale, Caputo si presenta davanti a Vigorito ma calcia contro il portiere fallendo una occasione d’oro per il raddoppio. Il Vicenza proprio non c’è

42′ cross in area di Galano su cui Ceccarelli spinge via Raicevic che stava per accingersi a calciare a rete. Il rigore che pare abbastanza netto non viene concesso

45′ buon pallone recuperato da Galano che prova il sinistro che però esce strozzato e termina sul fondo senza pericoli per Iacobucci

Sul tiro di Galano termina un primo tempo con un Vicenza che solo nel finale di frazione ha dato qualche segnale di risveglio. Per il resto si va all’intervallo con una Virtus Entella a lungo padrona del gioco con i biancorossi schiacciati indietro ma che lasciano tantissimi spazi agli avversari. Il risultato di parità finora premia oltremodo la squadra di Marino che ha trovato il pari su rigore in maniera piuttosto fortuita e sull’unico tiro in porta effettuato. Serve un deciso cambio di marcia nel secondo tempo, altrimenti sarà molto difficile portar via punti da Chiavari.

SECONDO TEMPO

4′ cross di Laverone su cui Raievic colpisce di testa senza riuscire a cambiare traiettoria alla palla e spedendo sul fondo

9' GOL DELLA VIRTUS ENTELLA: dubbia trattenuta di Sampirisi su Ceccarelli, Di Paolo decreta il penalty per i padroni di casa, dal dischetto Caputo calcia sotto l’incrocio il rigore

12' GOL DELLA VIRTUS ENTELLA: Keita si beve Laverone sulla sinistra e mette un cross perfetto su cui non arriva Masucci ma Caputo si che scaraventa alle spalle di Vigorito

23′ altro rigore reclamato dai biancorossi per una evidente spinta su Giacomelli, Di Paolo (direzione gravemente insufficiente la sua) lascia correre

29′ su corner Gatto colpisce di testa all’altezza del primo palo ma la palla non trova il  bersaglio andando oltre la traversa

36′ padroni di casa ad un passo dal quarto gol con Costa Ferreira che di testa tutto solo manda alto

37' GOL DELLA VIRTUS ENTELLA: sciagurato retropassaggio di testa di Sbrissa che mette Masucci davanti a Vigorito. L’attaccante beffa il portiere con un pallonetto calibrato sotto traversa

43′ palla di Sestu per Masucci che svirgola la palla davanti a Vigorito

45′+2′  ci prova Mantovani di testa su azione d’angolo, senza trovare la porta

45′+4′ termina qui la gara tra Virtus Entella e Vicenza vinta meritatamente dai padroni di casa. Vicenza che esce dal campo a testa bassa con una nuova prestazione molto negativa, in cui nonostante i proclami della vigilia è sembrata mancare soprattutto la voglia di lottare in una interpretazione iniziale della gara molto simile a quelle già viste con Ternana e Novara. Cominciano ad essere troppe le partite con questa connotazione per non essere gravemente preoccupati per il futuro del Lane.

 

Pagelle della partita "VIRTUS ENETELLA-VICENZA"

Vigorito 5: due buone uscite su Troiano e Caputo, ma non basta quando per gli avversari piovono occasioni in serie. Gli spazi aerei in area biancorossa sono di totale supremazia avversaria e lui ci mette anche del suo con un’uscita da brividi. Laverone 4: patisce Keita che in occasione del terzo gol se lo beve in velocità e lui non ha nemmeno la prontezza di tentare di fermarlo fallosamente. In avanti non lo si vede quasi mai come tutto il Vicenza. Sampirisi 4: a sapere come andava a finire sarebbe stato meglio risparmiarlo dopo una settimana in cui non aveva potuto allenarsi al meglio. Con Caputo non la becca mai. Mantovani 4: come il compagno con l’aggravante di non riuscire a dare al reparto l’esperienza di cui pure avrebbe bisogno. Fallo da ammonizione, quasi da espulsione, senza né capo né coda a centrocampo. D’Elia 4: fino a quando le incertezze difensive sono compensate dalle folate in avanti il bilancio può anche risultare in pari, ma quando come ieri in avanti non ci sei quasi mai il bilancio alla fine non può che essere negativo. Gagliardini 4: la giovane età e la condizione imperfetta non possono essere sempre giustificazione a prestazioni impalpabili come quella di ieri. Urso 4: entra sul 3-1 e la situazione, a buoi scappati, non cambia di una virgola. Modic 4: non sembra aver ancora capito bene la realtà in cui è capitato. Non dubitiamo sulle doti tecniche che pure lascia intravvedere solo a sprazzi ma la categoria necessita di un giocatore che sappia unirle anche ad una buona dose di agonismo, altrimenti si fa poca strada… Gatto 4: occasioni per dimostrare di essere il giocatore visto a Lanciano ne ha avuto senza saperle cogliere, quella di ieri, visto come stava giocando la squadra, non poteva dare esiti diversi. Cinelli 4: spiace bocciare il capitano ma come “responsabile” della squadra neanche a lui riesce di cambiare l’inerzia di quello che sta accadendo in campo. Sbrissa 4: visto il minuto di ingresso sarebbe da senza voto ma siccome mette a referto la perla dell’assist per il gol di Masucci non può che essere impietosamente bocciato. Galano 4: entra in partita per il tempo di subire il rigore e realizzare il momentaneo pareggio per poi uscirne presto senza lasciare altra traccia. Raicevic 4: non convince Di Paolo quando sul finale di primo tempo subisce un fallo da rigore su cui l’arbitro sorvola, ma non convince nemmeno in generale per tutto il tempo della gara. Fallisce goffamente, con una semirovesciata da dimenticare, una buona occasione al tramonto del match. Giacomelli 4: la catena di sinistra stavolta si inceppa senza mai ingranare. Nervoso nel finale quando da capitano si becca la settima ammonizione stagionale, troppe per dare sempre la colpa agli arbitri.

Pasqule Marino 4: dopo tanti voti positivi una bocciatura anche per lui.  In tutta la scorsa stagione partite malamente perse come questa sono state rarissime,  in questa siamo già almeno a tre e a fronte dei buoni propositi non si è ancora trovata una cura efficace. Due gare alla fine del girone di andata per fare vedere che il Vicenza è ancora in grado di uscire da una situazione che non deve sfuggire di mano. poi si attendono buone notizie dal mercato.

 

Arbitro: Aleandro Di Paolo di Avezzano. Assistenti: Enrico Caliari di Legnago, Nicolò Calò di Molfetta. Quarto ufficiale: Lorenzo Bertani di Pisa.

Ammoniti: Troiano (Virtus Entella); Mantovani, Sampirisi, Giacomelli (Vicenza).

Spettatori: paganti 650 per un incasso di 6.749 euro, abbonati 946 per un rateo di 7.572 euro.

Possesso palla: 52 - 48

Tiri dentro/totali: 8/16- 1/5

Palle giocate: 573 - 558

% passaggi riusciti: 63.7 - 53.63.3

Supremazia territoriale: 09'13'' - 10'30''

% protezione area: 56.7 - 40.9

% attacco alla porta: 59.1 - 43.3

% pericolosità: 80.3 - 27.7

Angoli: 2 - 4

Recuperi: 0' p.t., 4' s.t.

Maglia con toppa "Serie B-ConTe.it" e logo ESTEL: giocatori: blu con bande orizzontali biancorosse; portiere: verde.

Cielo coperto, giornata mite, temperatura ad inizio gara di circa 14 gradi. Terreno sintetico in cattive condizioni.

Torneo: 
Serie B
Syndicate content