Serie B

SALERNITANA-VICENZA

| |
Stagione: 
2016-2017
Data: 
2016-09-16
Partita: 
SALERNITANA-VICENZA
Risultato: 
2-3
Reti: 
8' e 21' Signori (V), 33' Della Rocca (S), 54' Rosina, 73' Di Piazza (V)
Stadio: 
Arechi di Salerno
Formazione locale: 

SALERNITANA (4-3-1-2) Terraciano; Perico, Mantovani, Bernardini, Vitale; Della Rocca (87′ Ronaldo), Odjer, Busellato (57′ Zito); Rosina; Coda, Donnarumma (77′ Caccavallo)

A disposizione: Iliadis, Schiavi, Laverone, Joao Silva, Tuia, Improta. Allenatore: Giuseppe SANNINO


Formazione ospite: 

VICENZA (4-4-1-1) Benussi; Zaccardo, Adejo, Bogdan, Pucino; Vita (78′ Bellomo), Rizzo, Signori, Siega; Galano (71′ Di Piazza); Raicevic (57′ Cernigoi)

A disposizione: Vigorito, Bianchi, Fontanini, Smith, Orlando, Fabinho. Allenatore: Franco LERDE

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net

PRIMO TEMPO

1′ cross dalla destra di Vita che mette palla in testa a Raicevic, il colpo di testa del montenegrino dal dischetto del rigore esce di poco sul fondo

2′ ancora un’altra occasione da gol per i biancorossi nel giro di due minuti. Stavolta è Siega a mettere Galano davanti a Terracciano, il portiere respinge miracolosamente in uscita 

4′ Vita penetra dalla destra in area granata e prova un tiro cross che attraversa tutta l’area piccola senza che nessuno intervenga a toccare dentro

8' GOL DEL VICENZA: splendida combinazione tra Raicevic e Galano con l’ex barese che innesca Vita a fondo area. L’esterno mette indietro per l’accorrente Signori che di piatto mette dentro nonostante il tentativo di Terraciano che tocca ma non trattiene

17′ tentativo di reazione dei padroni di casa che sul secondo angolo del match ci provano con una deviazione di Perico tra spalle e braccio, la palla esce sul fondo 

19′ recupero di Bogdan in extremis su Coda lanciato a rete sulla palla vagante arriva prima di tutti Rosina che poi incespica in area sulla pressione della difesa biancorossa. Sacchi non ravvede nulla di irregolare

21' GOL DEL VICENZA: lunga azione in area granata da parte dei biancorossi rifinita da un cross di Zaccardo che pesca Siega nel cuore dell’area di rigore sul versante sinistro. L’ex reggiano tocca indietro per Signori che scarica un gran diagonale sull’angolino opposto, battendo imparabilmente Terracciano 

25′ colpo di testa di Donnarumma su cross proveniente dalla sinistra. La palla esce sul fondo sorvolando di poco la traversa 

29′ punizione calciata da Galano sul limite destro dell’area di rigore, la palla termina alta

30′ altro colpo di testa di Donnarumma in fotocopia di quello di cinque minuti prima. Stessa sorte per la palla ma il Vicenza in queste situazioni sta rischiando un po’ troppo

32' GOL DELLA SALERNITANA: su calcio d'angolo svetta Della Rocca su Signori e di testa colpisce perfettamente mandando la sfera a colpire il palo interno e successivamente in rete

36′ sugli sviluppi di un calcio di punizione Bogdan prova la conclusione di prima intenzione al volo ma proprio Della Rocca sulla linea devia di testa di angolo 

38′ mischione in area biancorossa risolto da un’uscita di Benussi, ma fischia Sacchi per un fallo di Coda su Bogdan

40′ Coda riceve sul limite dell’area biancorossa e calcia un diagonale che esce di diversi metri a fondo campo. Troppo spazio però lasciato all’attaccante di casa

45′+1‘ ultima occasione del primo tempo prima del fischio di Sacchi è sui piedi di Vitale che però calcia altissima la punizione causata dal fallo di Siega su Rosina 

Vicenza dai due volti finora questa sera a Salerno. Bene la fase offensiva, con un inizio frizzante che ha mandato meritatamente in gol per due volte la squadra di Lerda. Non altrettanto, invece, la fase difensiva che ha prestato troppo il fianco ad una Salernitana, che senza strafare ha avuto almeno tre occasioni importanti (compresa quella del gol) su colpi di testa, evidenziando qualche vistosa crepa in un reparto che finora sta mettendo in luce problemi non ancora risolti. Peccato perché una partita che i biancorossi stanno conducendo meritatamente rimane ancora aperta per un secondo tempo che si annuncia al calor bianco.

SECONDO TEMPO

49′ grave errore in fase di disimpegno di Rizzo con la palla che arriva a Rosina il cui diagonale viene bloccato a terra da Benussi

51′ palla in profondità di Vita per Galano che viene anticipato in uscita da Terracciano che sventa un pericolo grave per la difesa di casa

54' GOL DELLA SALERNITANA: punizione calciata da Rosina sopra la barriera non fortissima ma precisa che batte Benussi non apparso impeccabile in questa occasione

56′ su cross di Rosina, deviato, colpo di testa di Donnarumma che termina di un niente sul fondo 

62′ tiro cross di Vita che diventa un assist per Cernigoi che dal dischetto del rigore, di prima intenzione, calcia di un niente sopra la traversa

64′ ancora una gran giocata di Siega che prova la conclusione a giro da fuori a cui si oppone Terracciano respingendo in tuffo plastico

70′ azione corale del Vicenza con Signori che libera Galano al tiro da fuori. La palla esce di qualche metro sul palo alla destra di Terracciano

73' GOL DEL VICENZA: lungo fallo laterale battuto da Pucino, la palla danza in area e arriva a Di Piazza che con una splendida girata spara sotto la traversa infilando Terracciano per il suo primo gol in biancorosso

83′ Della Rocca ancora di testa superando nello slancio Pucino. Stavolta Benussi è attento e blocca a terra il tiro fortunatamente centrale 

88′ contropiede subito dal Vicenza con Zito che mette un cross in area per Coda che tutto solo di testa non inquadra la porta 

90′+3′ ancora Vicenza che soffre nel gioco aereo. Stavolta è Caccavallo a inzuccare sul fondo con la palla che sfila di poco davanti al palo di sinistra della porta difesa da Benussi 

90′+5′ sull’ultimo angolo del match ci prova da fuori Odjer, la palla passa tra mille gambe e si smorza tra le braccia di Benussi

Risultato importantissimo per i biancorossi che trovano la prima vittoria stagionale e i primi gol, addirittura tre in un colpo solo, dopo le prime tre giornate a secco. Una vittoria tra luci e ombre ma con il Vicenza che stavolta ha reagito alle difficoltà incontrate dopo che il pareggio della Salernitana aveva fatto temere il peggio, riuscendo ad andare nuovamente in gol e portando a casa una vittoria meritata.


Pagelle della partita "SALERNITANA-VICENZA"

Benussi 6: nulla può sul primo gol di Della Rocca, e sulla punizione del 2 a 2 è bravo Rosina a colpirlo nel palo coperta dalla barriera. Per il resto è attento e puntuale. Zaccardo 6: soffre soprattutto nella ripresa le incursioni di Vitale e Zito, ma difende con mestiere sbrogliando un paio di situazioni complicate. La condizione non è ancora ottimale, ma giocando non potrà che migliorare e dare il contributo importante che tutti si aspettano da lui. Adejo 5,5: non è al meglio e si vede perchè commette errori che da lui non ci  si aspetta. La condizione precaria lo limita, anche se gli va dato atto che dà tutto quello che ha.  Nel finale soffre contro Coda e Caccavallo, e finisce esausto. Bogdan 6: una chiusura determinante su Coda lanciato a rete nel primo tempo, e una occasione da gol che Della Rocca gli devia in corner. Nel finale respinge tutto quello che passa dalle sue parti, anche se deve migliorare nella pulizia dei rinvii. Pucino 6: in fase difensiva gioca una buona partita con un paio di ottime diagonali in chiusura. Si vede poco in attacco, ma nel complesso la sua gara è positiva. Rizzo 5,5: lotta e combatte e sotto questo aspetto merita un voto alto. E’ però spesso impreciso, e perde due palloni pericolosissimi ai trenta metri; errori che potevano costare molto cari. Signori 7,5: due gol e la solita marea di palloni recuperati. Con Odjer ingaggia un gran duello in mediana, e l’unico neo della gara è la marcatura troppo blanda nell’occasione dell’1 a 2 di Della Rocca. Vita 6,5: è suo l’assist a Raicevic dopo un minuto che l’attaccante montenegrino manda sul fondo; è suo l’assist a Signori per il gol dello 0 a 1, e nei primi venti minuti imperversa nella sua fascia. Nella ripresa cala e soffre Vitale, ma il suo match è più che positivo. Bellomo s.v.: pochi minuti a difendere il vantaggio. Galano 6: prestazione in cui conferma che non è ancora al meglio della condizione. A inizio ripresa ha sul piede la palla dell’1 a 3 ma si fa chiudere colpevolmente da Terracciano. Di Piazza 7: entra e segna il gol decisivo con una gran girata di destro. Una rete che vale tre punti. Siega 7: in chiara crescita sia di condizione che di convinzione nei suoi mezzi. Corre per 95 minuti senza soluzione di continuità recuperando palloni e ripartendo verso la metà campo avversaria. E’ suo l’assist per lo o a 2 di Signori. Raicevic 5,5: sbaglia subito di testa, su perfetto cross di Vita, un pallone che era da concretizzare in rete. La colpa maggiore è quella di non riuscire a tenere il pallone nella metà campo avversaria, perdendo quasi tutti i duelli aerei con i difensori campani. Cernigoi 6: entra e ha subito la palla del 2 a 3 ma la calcia alta. Però entra con il piglio giusto, e il suo scampolo di partita è assolutamente buono.

Franco Lerda 6,5: nei primi venticinque minuti il Vicenza domina in lungo e in largo segnando due gol e fallendone almeno altrettanti. Poi le difficoltà difensive su palla ferma danno fiato alla Salernitana che pareggia con Rosina all’inizio di ripresa. La squadra però ha il grande merito di non abbattersi, di lottare e di crederci sempre. Il finale è in apnea con la linea difensiva che balla, ma la vittoria del Vicenza è assolutamente meritata e altrettanto importante per il fututo della compagine biancorossa.

Arbitro: Juan Luca Sacchi di Macerata. Assistenti: Domenico Rocca di Vibo Valentia, Christian Rossi di La SpeziaQuarto ufficiale: Daniele Viotti di Tivoli.

Ammoniti: Della Rocca (Salernitana); Siega, Vita, Bogdan (Vicenza).

Spettatori: 11.527.

Falli commessi: 9 - 17

Angoli: 6 - 2

Tiri in porta: 6 - 5

Tiri fuori: 9 - 6

Fuorigioco: 4 - 0

Pali-Traverse: 0 - 0

Possesso palla: 61 - 39

Recuperi: 1p.t., 4'+1' s.t.

Maglia giocatori: biancorossa. Maglia portiere: verde.

Serata calda, temperatura di circa 24 gradi, terreno in buone condizioni.

Torneo: 
Serie B

VICENZA-BARI

| |
Stagione: 
2016-2017
Data: 
2016-09-10
Partita: 
VICENZA-BARI
Risultato: 
0-0
Stadio: 
Romeo Menti di Vicenza
Formazione locale: 

VICENZA (4-4-1-1) Vigorito; Zaccardo, Adejo, Esposito (37′ Bogdan), D’Elia; Vita, Signori, Rizzo, Siega (74′ Fabinho); Galano (86′ Cernigoi); Raicevic

A disposizione: Dani, Pucino, Fontanini, Bellomo, Di Piazza, Smith. Allenatore: Franco LERDA


Formazione ospite: 

BARI (4-4-2) Micai; Sabelli, Di Cesare, Tonucci, Cassani; Furlan (63′ Brienza), Valiani, Fedele, Ivan (86′ Martinho); Maniero, Castrovilli (71′ Fedato)

A disposizione: Ichazo, Capradossi, Daprelà, Romizi, Basha, Monachello. Allenatore: Roberto STELLONE

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net

PRIMO TEMPO

3′ sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Di Cesare si trova con la palla sui piedi e conclude a rete: Rizzo salva sulla linea

5′ conclusione di Fedele dalla distanza, blocca la palla Vigorito

6′ sulla punizione di Galano, Raicevic arriva di gran slancio in spaccata aerea ma la sua conclusione si impatta sul palo

28′ conclusione di Maniero dalla trequarti, la palla non inquadra lo specchio e finisce a lato

Dopo un avvio roboante, i ritmi sono calati anche a causa del gran caldo di questo pomeriggio 

41′ sugli sviluppi di un calcio d’angolo si crea confusione in area barese, Raicevic si trova la palla sui piedi davanti alla porta ma non riesce a ribattere a rete 

44′ Galano prova la conclusione di sinistro dal limite, la palla supera la traversa 

41′ sugli sviluppi di un calcio d’angolo si crea confusione in area barese, Raicevic si trova la palla sui piedi davanti alla porta ma non riesce a ribattere a rete 

44′ Galano prova la conclusione di sinistro dal limite, la palla supera la traversa

I primi 45 minuti terminano a reti bianche, un punteggio che non rispecchia quanto fatto vedere in campo. 10 minuti iniziali giocati ad alti ritmi, con Di Cesare che si trova sui piedi la palla del possibile vantaggio ma che deve fare i conti con l’intervento sulla linea di Siega. Il Vicenza impatta invece con il palo colpito da Raicevic in spaccata aerea.

SECONDO TEMPO

48′ confusione nell’area dei gallesi a seguito della punizione di Galano, Bogdan prima e Raicevic poi vengono fermati 

50′ ennesima punizione al bacio di Galano, questa volta è Zaccardo a non trovare un buon impatto di testa con la palla

59′ i biancorossi si propongono molto bene, il cross di Zaccardo viene ribattuto e Signori spreca tutto spedendo la palla sopra la traversa

68′ da calcio d’angolo Vita, Bogdan salta più in alto di tutti ma di testa non riesce a dare potenza al pallone 

73′ Vicenza preso in contropiede, Brienza si libera di Adejo e conclude a rete: Vigorito salva tutto

74′ ci prova Galano dalla distanza, la palla esce sopra la traversa 

80′ Brienza ostacolato da Bogdan prova a inventare una diagonale, Vigorito attento fa sua la sfera 

89′ Signori prova l’inizia personale ma la sua palla arriva comoda tra le braccia di Micai

93′ Cernigoi ci prova col sinistro dal limite: palla di poco sopra la traversa 


Pagelle della partita "VICENZA-BARI"

Vigorito 7: è decisivo nel finale due volte su Brienza; nella prima occasione è quasi miracoloso il suo riflesso sul tiro da due passi dell’ex bolognese. Gioca tutta la partita con un problema muscolare, ma non se ne accorge nessuno se non quando Bogdan va a calciare i rinvii dal fondo. Zaccardo 6: buona partita, meglio nel secondo tempo. Peggio di Ferrara era impossibile come lui stesso ha ammesso con lodevole onestà a fine partita. Resta un giocatore importante da cui ci si aspetta molto. Ha sulla testa la palla per sbloccare il match, ma la manda fuori di un paio di metri. Esposito 6: gioca mezz’ora in marcatura su Maniero, poi è costretto ad uscire per un infortunio. Bogdan 6: vicino a compagni esperti la sua prestazione è positiva. Conferma che di testa le prende tutte, un paio di volte non è fortunato nell’area di rigore del Bari. Adejo 6.5: non giocava una partita dal maggio scorso, ma si gestisce bene almeno per 75 minuti. Poi commette un paio di errori proprio perché era evidente che non ne aveva più e si era accesa la spia della benzina. D’Elia 6,5: anche lui come Adejo deve gestire le forze e lo fa bene. Difende e attacca con giudizio sulla sua corsia, mostrando di essere già in discreta condizione. Rizzo 6,5: buona partita dell’ex perugino che mostra di crescere partita dopo partita. Combatte a centrocampo con Valiani e Fedele, e ne esce a testa alta. Dopo due minuti salva sulla linea il tiro di Ivan destinato in rete. Signori 6.5: vedi sopra. Gioca in posizione un po’ più avanzata, e per questo trova anche un paio di incursioni interessanti in cui però manca in fase di conclusione. Vita 6: Lerda gli chiede di coprire e attaccare sulla fascia destra e l’ex monzese corre e combatte contro un avversario forte come Cassani. Nel finale va a sinistra, ma ormai la partita era indirizzata verso lo 0 a 0. Galano 6: gioca tanti palloni, calcia tutte le punizioni, ma da lui ci si aspetta di più. Un paio di tiri (altissimi) e nessun guizzo determinante. Cernigoi s.v.: entra deciso e va subito al tiro dopo un’azione personale, ma ha poco tempo a disposizione per mutare il destino del match. Siega 6: gli spetta lo stesso compito di Vita e lui lo svolge diligentemente. Meglio in fase difensiva, ma il suo lo fa. Fabinho s.v.: Prova due accelerazioni nel finale ma il Bari è tutto chiuso a difesa dello 0 a 0 e spazi non ce ne sono. Raicevic 6: Le occasioni da gol del Vicenza portano la sua firma: un pregevole tocco quasi di punta sulla punizione di Galano sbatte sul palo a Micai nettamente battuto, e al 42’ del primo tempo è sfortunato quando si avventa sul tiro cross di Rizzo non trovando il tempo della battuta. Gioca tutta la partita spalle alla porta, e sono pochi i palloni giocabili che gli arrivano dal fondo.

All. FRANCO LERDA 6: Dopo la sconfitta di Ferrara la cosa importante era che la squadra mostrasse segnali di reazione. Da questo punto di vista la risposta c’è stata, anche se il Vicenza non è ancora una squadra e ci sarà da lavorare molto (e in fretta) sotto questo punto di vista. Con Adejo e D’Elia la difesa è più quadrata, manca imprevedibilità in attacco dove al momento non c’è nessuno che salta l’uomo e crea superiorità numerica in attacco. In attesa di Giacomelli, si spera che Galano cresca di condizione, e si potrebbe magari dare un po’ più di spazio a Fabinho. 

Arbitro: Francesco Paolo Saia di Palermo. Assistenti: Pasquale Cangiano di Napoli, Giuseppe Borzomì di TorinoQuarto ufficiale: Davide Andreini di Forlì.

Ammoniti: Signor, Siega (Vicenza); Sabelli, Cassani, Valiani, Di Cesare (Bari).

Spettatori: 7.338 totali per un incasso complessivo di 52.275 euro (1.708 paganti per una quota di 20.396 euro; 5.423 abbonati per un rateo di 32.879 euro).

Falli commessi: 11 - 21

Angoli: 5 - 2

Tiri in porta: 3 - 4

Tiri fuori: 5 - 2

Fuorigioco: 0 - 3

Pali-Traverse: 1 - 0

Possesso palla: 57 - 43 

Recuperi: 1p.t., 5' s.t.

Maglia giocatori: biancorossa. Maglia portiere: giallo fluo.

Giornata calda, temperatura ad inizio gara di circa 32 gradi, terreno in discrete condizioni.

Torneo: 
Serie B

SPAL-VICENZA

| |
Stagione: 
2016-2017
Data: 
2016-09-04
Partita: 
SPAL-VICENZA
Risultato: 
3-0
Reti: 
9' Arini (S), 23' Cremonesi, 90' Zigoni (S)
Stadio: 
Paolo Mazza di Ferrara
Formazione locale: 

SPAL (5-3-2) Branduani; Lazzari, Gasparetto, Giani, Cremonesi, Mora; Arini (81′ Spighi), Castagnetti, Schiattarella (70′ Del Grosso); Zigoni (91′ Finotto), Antenucci

A disposizione: Marchegiani, Silvestri, Beghetto, Vicari, Grassi, Pontisso. Allenatore: Leonardo SEMPLICI


Formazione ospite: 

VICENZA (4-3-3) Benussi, Bianchi, Zaccardo, Esposito, Pucino; Siega (7′ Vigorito), Rizzo, Signori; Vita, Di Piazza (60′ Cernigoi), Galano (76′ Fabinho)

A disposizione: Bogdan, Fontanini, Smith, Bellomo, Bertaso, Orlando. Allenatore: Franco LERDA

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net

PRIMO TEMPO

5′ espulso Benussi, che esce a valanga su Antenucci lanciato a rete su un errore di passaggio di Zaccardo

8′ sulla punizione originata dal fallo di Benussi, Schiattarella chiama subito Vigorito a volare sull’angolino basso per togliere la palla dalla porta

9' GOL DELLA SPAL: inizio disastroso difensivamente parlando del Vicenza che subisce il gol su un intervento errato di Esposito che permette ad Antenucci di impossessarsi della palla in area e di servire Arini che di prima intenzione scarica alla destra di Vigorito

13′ ancora uno scambio dal limite degli spallini concluso con un sinistro di Mora che chiama Vigorito all’intervento con una respinta bassa su cui poi Pucino spazza

16′ Antenucci, anticipato per un attimo da Zaccardo si reimpossessa della palla e spara un sinistro che colpisce il palo interno lontano a Vigorito battuto. Vicenza in completa balia dell’avversario

21' GOL DELLA SPAL: sul secondo angolo della gara per la Spal, salta tutto solo Cremonesi che sovrasta Esposito e mette alle spalle di Vigorito

25′ continua l’assedio degli spallini . Antenucci si libera e dal limite prova il destro che deviato finisce di pochi metri sul fondo

26′ sugli sviluppi dell’angolo clamoroso flipper in area biancorossa a pochi metri da Vigorito con la palla che viene ribattuta alla disperata dai difensori biancorossi

28′ nella difesa di burro del Vicenza si incunea Zigoni su sponda del solito Antenucci. E’ bravo Vigorito ad uscire e bloccare la palla

30′ dominio assoluto dei ferraresi: Stavolta è Mora a trovare Zigoni solo in area. Il colpo di testa dell’attaccante viene respinto incredibilmente da Vigorito 

42′ altro palo dei biancoazzurri che stanno letteralmente prendendo a pallonate il Vicenza. Stavolta il destro di Antenucci sulla respinta di Vigorito si infrange sul palo interno, poi Zigoni sparacchia in curva 

43′ primo timido tentativo biancorosso con un contropiede condotto da Vita che si ritrova la palla sui piedi dopo un passaggio sbagliato e prova li destro da fuori che termina alto

Finisce il primo tempo sul risultato di due a zero. Un risultato che sta strettissimo ai padroni di casa, che potevano letteralmente dilagare. Un Vicenza disastroso, che dopo i primi cinque minuti in cui era partito con un certo piglio si è letteralmente dissolto con l’espulsione di Benussi, originata da una topica di Zaccardo. Male l’ex milanista che non riesce a prendere le misure su Antenucci, malissimo l’altro nuovo centrale Esposito responsabile su entrambi i gol subiti. L’unico a non naufragare nel quartetto difensivo è Bianchi che comunque ha i suoi bei grattacapi su Mora, mentre dall’altra parte Pucino è non pervenuto sul valdagnese Lazzari che imperversa. Sulla fase offensiva del Vicenza non si possono dare giudizi perchè di fatto è stata praticamente inesistente. 

SECONDO TEMPO

48′ azione insistita di Vita che origina il primo angolo del match per il Vicenza

53′ tentativo di Rizzo dai venti metri su cui Branduani si disimpegna in tuffo

56′ tentativo dalla distanza di Castagnetti con una deviazione che per poco non sorprende Vigorito

69′ Lazzari salta per l’ennesima volta Pucino ed entrato in area prova il diagonale che Vigorito respinge

73′ ancora una combinazione in area biancorossa con Larini che pesca Cremonesi il cui colpo di testa termina alto sopra la traversa

80′ tiro da distanza siderale di Vita che costringe Branduani in angolo 

85′ ancora Antenucci che va al tiro di alleggerimento dalla distanza con la palla che sorvola di qualche metro la porta di Vigorito. Padroni di casa che sono andati in fase di controllo della partita

90' GOL DELLA SPAL: contropiede di Zigoni su cui arranca Zaccardo senza riuscire a chiudere, il tiro da fuori è una bomba che si spegne all'angolino

Fischia Nasca e chiude la gara. Curva spallina in grande festa, Vicenza mestamente negli spogliatoi con tutti numeri negativi: ultimo posto a zero punti, zero gol fatti e cinque subiti. Lerda dovrà subito mettersi al lavoro per rimettere in sesto la barca.


Pagelle della partita "SPAL-VICENZA"

Benussi s.v.: si assume tutte le colpe della sconfitta, ma non è certo così. Bianchi 6: il ragazzino non demerita, anzi in retroguardia è quello che fa meno peggio. Zaccardo 4: increduli e negativamente sorpresi dal giocatore che doveva dare personalità ed esperienza. Gravemente colpevole nell’azione che provoca l’espulsione di Benussi, Commette errori che da un giocatore come lui non ti aspetteresti mai. Arranca su Zigoni nell’azione del terzo gol, una serata da dimenticare in fretta. Esposito 4,5: è’ colpevole nell’azione del raddoppio della Spal e, come Zaccardo, ne azzecca poche. Pucino 5: la Spal dalla sua parte arriva sempre con l’uomo in più e lui va in difficoltà anche se non solo per colpe proprie. Siega s.v.: esce dopo sei minuti per lasciare il posto a Vigorito. Vigorito 6,5: para tutto il parabile e forse anche qualcosa in più. Forse poteva evitare il terzo gol, ma il tiro di Zigoni era forte ed angolata e per deviarlo sarebbe servita una super parata. Rizzo 5: sulla determinazione messa in campo niente da dire, ma spesso viene superato dagli avversari che sfruttano al meglio l’uomo in più a centrocampo. Signori 5,5: combatte come suo solito, ma anche lui va in difficoltà dovendo limitarsi a tamponare (con poca fortuna) il gioco avversario. Vita 5,5: uno dei meno peggio. Corre e prova sempre a trovare varchi nella non insuperabile difesa della Spal. I risultati però sono scarssi, anche perché i compagni non lo aiutano. Di Piazza 5: corre tantissimo, ma non la prende quasi mai. Con il Vicenza in dieci il suo è un compito improbo considerato che non gli arriva un pallone giocabile. Cernigoi s.v.: entra quando la partita è chiusa da un pezzo; lotta, difende qualche buon pallone, ma anche a lui non arrivano palloni da calciare verso la porta della Spal. Galano 5: difendere e rincorrere non è il suo mestiere e si è visto. Un guizzo al 4’, e poi non pervenuto. Fabinho s.v.: entra al posto di uno spento Galano, ma se ne accorgono in pochi.

Franco Lerda 5: quando Benussi viene espulso, sceglie di tenere in campo sia Galano che Di Piazza e la decisione si rivela errata, anche perché priva la squadra di un combattente come Siega. Nel primo tempo la Spal domina e lui non riesce a trovare le contromisure.

Arbitro: Luigi Nasca di Bari. Assistenti: Emanuele Prenna di Molfetta, Gianluca Sechi di SassariQuarto ufficiale: Luca Massimi di Termoli

Ammoniti: Lazzari, Schiattarella, Arini (Spal).

Espulso: al 5' Benussi (Vicenza) per fallo su chiara azione da gol. 

Spettatori: 7.780, incasso non comunicato.

Falli commessi: 13 - 9

Angoli: 8 - 3

Tiri in porta: 8 - 2

Tiri fuori: 9 - 1

Fuorigioco: 2 - 3

Pali-Traverse: 2 - 0

Possesso palla: 59 - 41

Recuperi: 2p.t., 4' s.t.

Maglia giocatori: nera.  Maglia portiere: rossa con banda orizzontale bianca sulla parte anteriore.

Serata calda, temperatura di circa 28 gradi, terreno in buone condizioni.

Torneo: 
Serie B

VICENZA-CARPI

| |
Stagione: 
2016-2017
Data: 
2016-08-27
Partita: 
VICENZA-CARPI
Risultato: 
0-2
Reti: 
57' Bifulco (C), 68' Bianco (C)
Stadio: 
Romeo Menti di Vicenza
Formazione locale: 

VICENZA (4-3-3) Benussi, Bianchi, Fontanini, Bogdan, Pucino; Siega (70′ Fabinho), Rizzo, Signori; Galano, Raicevic, Vita (75′ Cernigoi)

A disposizione: Vigorito, Magri, Pinato, Bertaso, Bellomo, Orlando, Di Piazza. Allenatore: Franco LERDA


Formazione ospite: 

CARPI (4-4-2) Colombi, Poli, Romagnoli, Gagliolo, Letizia; Pasciuti, Bianco (82′ Fedele), Lollo, Bifulco (67′ Lasagna); De Marchi (56′ M’Baye), Catellani

A disposizione: Belec, Comi, Lamin, Mbaye, Basit, Sarri. Allenatore: Fabrizio CASTORI

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net

PRIMO TEMPO

1′ palla persa a metà campo da Pucino, rapida verticalizzazione su De Marchi che approfitta del mezzo liscio di Fontanini per involarsi verso Benussi. Il diagonale dell’attaccante sfila di pcoo sul fondo

6′ Dopo un inizio da far tremare i polsi il Vicenza sembra essersi un attimo ripreso e ora ha reclamato un rigore su Vita ma Raicevic che aveva effettuato il passaggio è stato segnalato in posizione di fuorigioco

8′ su passaggio smarcante di De Marchi, Catellani si avvita in girata e calcia sfiorando il palo alla sinistra di Benussi

11′ rispondono ora i biancorossi con un sinistro da fuori di Pucino, smarcato dal velo di Signori. La palla sorvola di niente l’incrocio 

18′ su punizione calciata da Bianchi la palla rinviata corta dalla difesa ospite arriva sui piedi di Bogdan che serve indietro per Galano il cui sinistro dal limite si alza di poco sopra la traversa 

21′ azione insistita in area da parte degli emiliani che genera un flipper da cui alla fine la palla esce verso Bifulco il cui diagonale per poco non trova lo specchio della porta. Altra occasione in cui la retroguardia biancorossa non ha certo dato impressione di solidità 

23′ i biancorossi rispondono colpo su colpo dopo uno scambio tra Raicevic e Galano  la palla arriva a Signori il cui sinistro diretto all’angolino viene bloccato a terra da Colombi

35′ combinazione sulla sinistra tra Vita e Galano da cui nasce il primo calcio d’angolo del match. Sul cross bandierina svetta Bogdan che però non trova lo specchio della porta 

39′ pallone recuperato da Galano a centrocampo su passaggio sbagliato di Gagliolo, l’attaccante si invola verso la porta ma poi arrivato al limite il suo rasoterra è troppo lento e Colombi blocca a terra 

45′+2′ proprio poco prima del fischio di Pezzuto sull’angolo battuto dagli emiliani la palla filtra verso la porta con Benussi che respinge di nuovo sul fondo

Convincente primo tempo del Vicenza che ha ribattuto colpo su colpo le iniziative del Carpi, soffrendo come prevedibile in difesa, ma cercando comunque di riproporsi in avanti non appena ne ha avuto l’occasione. Bene il trio di centrocampo Signori, Rizzo, Siega che finora ha aiutato la squadra nelle coperture e nelle ripartenze. Si soffre un po’ sulla destra dove Bianchi fatica un po’ a prendere la misure a Bifulco, ma, ripetiamo, il Vicenza sta giocando la sua rispettabile partita e quanto a occasioni create non è da meno dei più quotati avversari.

SECONDO TEMPO

49′ sul primo angolo della ripresa Fontanini tocca la palla all’altezza del primo palo alzando un campanile su cui nessuno è pronto ad intervenire

51′ ancora Vita dalla bandierina, sull’uscita di Colombi Pezzuto fischia un fallo quando la palla era arrivata a Signori che avrebbe potuto concludere a porta vuota

57' GOL DEL CARPI: grave errore di Bogdan che ciccando il rinvio in area dà occasionbe a Bifulco di colpire sotto misura mettendo alle spalle di Benussi

59′ ospiti che cercano di sorprendere subito nuovamente la difesa del Vicenza con Catellani che prova la volee su cross di Gagliolo. Palla sopra la traversa 

68' GOL DEL CARPI: su punizione originata dal fallo di Fontanini la palla viene messa in area e la corta respinta viene ottimizzata da Bianco con una rasoiata di prima intenzione da fuori area che batte Benussi

79′ ci prova Catellani sugli sviluppi di un’azione nata da un pallone perso in zona mediana da Rizzo. Il suo diagonale viene bloccato in presa bassa da Benussi 

90′+4′ ultima azione prima del fischio finale per gli ospiti che con Lasagna impegnano Benussi alla respinta di pugno

Esordio amaro per i biancorossi che nella ripresa non riescono a confermare la prestazione del primo tempo, subendo il gol quando stavano tentando di proporsi in avanti con più convinzione. Il gol subito ha ottenuto l’effetto di disunire il Vicenza che fino a quel momento era sembrato piuttosto compatto e così è arrivato il raddoppio sempre sugli sviluppi di un calcio da fermo. A centrocampo il Vicenza non è dispiaciuto mentre, oltre alle prevedibili difficoltà difensive, in avanti il solo Vita ha convinto pienamente mentre Raicevic e Galano sono sembrati un po’ troppo alla ricerca della giocata personale, in una giornata non esattamente brillante per entrambi.

 

Pagelle della partita "VICENZA-CARPI"

Benussi 6: nella nuova veste di capitano, nel primo tempo vede un paio di diagonali sfrecciare davanti alla sua porta, ma il suo impegno è limitato alla respinta di un velenoso calcio d’angolo in chiusura di frazione. Nella ripresa viene battuto due volte, senza colpe personali. Bianchi 6,5: al’esordio da titolare, piace per come affronta la gara senza timori reverenziali, proponendosi spesso anche in avanti. Qualche sbavatura, soprattutto nel primo tempo, ma tra i più continui nel corso di tutta la partita. Bogdan 5: errore grave sul gol di Bifulco: non solo non riesce a rinviare il pallone ma addirittura lo accomoda per la conclusione vincente dell’avversario. Cerca gloria in avanti, ma è inutile dire che il mestiere del difensore prevede prima di tutto di non far segnare gli altri. Fontanini 5,5: pronti via subito un liscio da brividi che innesca De Marchi verso Benussi. Si riprende col passare dei minuti ma si vede che gli manca il cambio di passo e probabilmente anche un compagno d’esperienza al fianco. Pucino 6: anche lui patisce qualche difficoltà iniziale, poi tutto sommato si fa valere, anche se non ha le caratteristiche di incursore tipiche di un D’Elia che avrebbero fatto molto comodo. Siega 6: forse tra i nuovi è quello che ha patito di più l’esordio al Menti. Non lo si vede molto in avanti, però rimane negli occhi un gran recupero difensivo che toglie le castagne del fuoco alla difesa biancorossa e che gli vale mezzo punto in più nel giudizio finale. Fabinho 6: entra sullo 0-2, nel momento psicologico peggiore per la squadra. Da rivedere in momenti migliori. Rizzo 6,5: mediano di sostanza, rude quanto basta, fa subito intravvedere come mai gli era stato affibbiato il soprannome di “Gattuso dello Stretto”. Si spreme fino in fondo e impegna Colombi con un colpo di testa, purtroppo poco angolato per trovare il successo personale. Signori 6,5: con Rizzo pare formare una coppia che garantisce la giusta copertura in zona mediana. Cerca di cucire l’azione e di proporsi in avanti dosando le due fasi con intelligenza. Calo fisiologico col passare dei minuti anche perché corre senza risparmiarsi mai. Galano 5,5: qualche spunto del Galano migliore ma anche tanti “sbrodolamenti” inutili.  Ha sul piede giusto un paio di occasioni buone ma prima sparacchia alto, poi strozza la conclusione dopo un contropiede su un pallone recuperato in mediana. Sfortunato quando da pochi metri tocca in porta e Colombi risponde d’istinto. Raicevic 5,5: si dà da fare a volte arretrando (anche troppo) la posizione per andare a prendersi il pallone, l’impressione però è che abbia perso un po’ di essenzialità che aveva la scorsa stagione a vantaggio di qualche arabesco di troppo, quasi come volesse dimostrare qualcosa. Stretto nella morsa Gagliolo-Romagnoli in novanta minuti non trova mai lo spazio per concludere. Vita 6: dei tre davanti è quello che convince di più, mettendo spesso in difficoltà Poli che su di lui è costretto a ricorrere alle maniere forti. Cernigoi s.v: venti minuti scarsi in campo con esordio battezzato dalla ammonizione lampo. Vale lo stesso discorso fatto per Fabinho.

All. FRANCO LERDA 6: con tutte le attenuanti del caso, arriva la sconfitta, ma la squadra non dispiace per lo spirito e la compattezza con cui affronta la gara, ribattendo colpo su colpo ai più quotati avversari, almeno fino a quando la partita rimane sui binari di parità. A fine gara sottolinea la necessità di rinforzi dietro e ne ha ben donde perché l’impressione che si porta dietro questa partita è che bastasse poco per portare via punti. 

Arbitro: Ivano Pezzuto di Lecce. Assistenti: Stefano Bellutti di Trento, Michele Grossi di FrosinoneQuarto ufficiale: Luca Detta di Mantova.

Ammoniti: Rizzo, Cernigoi, Signori (Vicenza); Poli, Gagliolo, Catellani, Lollo (Carpi).

Spettatori: 7.178 totali per un incasso complessivo di 53.967 euro (1.755 paganti per una quota di 22.389 euro e 5.423 abbonati).

Falli commessi: 16 - 22

Angoli: 5 - 4 

Tiri in porta: 5 - 4

Tiri fuori: 4 - 5

Fuorigioco: 1 - 2

Pali-Traverse: 0 - 0

Possesso palla: 60 - 40 

Recuperi: 2p.t., 4' s.t.

Maglia giocatori: biancorossa. Maglia portiere: giallo fluo.

Serata calda, temperatura di circa 28 gradi, terreno in buone condizioni.

Torneo: 
Serie B

VICENZA-PERUGIA

| |
Stagione: 
2015-2016
Data: 
2016-05-20
Partita: 
VICENZA-PERUGIA
Risultato: 
0-0
Stadio: 
Romeo Menti di Vicenza
Formazione locale: 

VICENZA (4-2-3-1) Pelizzoli; Sampirisi, El Hasni (72′ Bianchi), Brighenti, D’Elia; Moretti (53′ Modic), Signori; Sbrissa (60′ Urso), Galano, Giacomelli; Ebagua

A disposizione: Benussi, Dall’Amico, Pinato, Pinton, Dieye, Raicevic. Allenatore: Franco LERDA

Formazione ospite: 

PERUGIA (4-3-3) Rosati; Milos, Monaco, Volta, Alhassan; Zebli, Rizzo (70′ Molina), Taddei; Zapata (82′ Drolè), Ardemagni (64′ Parigini), Guberti

A disposizione: Santopadre, Di Nolfo. Allenatore: Pierpaolo BISOLI

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net  

LA PARTITA

PRIMO TEMPO

9′ Gurberti si libera bene sulla destra e serve al centro Taddei che scarica il tiro ma trova la respinta di Pellizzoli

11′ Sampirisi trova spazio sulla destra e libera un cross, Giacomelli anticipato in area da Milos

12′ Sbrissa prova la conclusione, blocca Rosati

14′ Taddei trova Ardemagni da calcio d’angolo, la conclusione si spegne di poco sopra la traversa

21′ Galano, su imbucata di Ebagua, si incunea in area e tenta la conclusione ma viene anticipato da un difensore del Perugia

29′ Giacomelli fa scattare D’Elia, il terzino mette dentro la palla: Ebagua viene anticipato di un nonnulla e la difesa ospite spazza

36′ punizione sulla linea dell’area piccola per i biancorossi, Ebagua prova il piattone di potenza ma Rosati si oppone e la palla finisce in angolo

39′ Sbrissa tenta la conclusione dal limite, palla potente che si spegne di poco sopra la traversa

40′ Zapata, sulla sinistra, prova a cercare l’incrocio lontano dei pali: palla che finisce sul fondo

44′ Milos crossa al centro, Ardemagni di testa impegna in tuffo Pellizzoli

Finisce, senza recupero, la prima frazione di gioco. Primi 45 minuti che si concludono a reti bianche, con i biancorossi che non hanno mai impegnato Rosati. Ospiti pericolosi sullo scadere con il colpo di testa di Ardemagni che ha trovato il bell’intervento in tuffo di Pellizzoli.

SECONDO TEMPO

48′ Ebagua in posizione defilata prova ad inquadrare lo specchio della porta, la palla finisce sopra la traversa

57′ colpo di testa di Signori, la palla esce di poco a lato con Rosati che controlla

59′ Ebagua recupera la palla davanti a Rosati, l’attaccante spara alle ortiche

66′ Urso si libera e sgancia il sinistro: palla che supera di molto la traversa

80′ Modic ci prova dalla lunga distanza, palla alta

86′ colpo di testa di Brighenti sugli sviluppi di calcio d’angolo, palla che esce debole

90′ Rosati sbaglia l’appoggio, Galano prova un dribbling di troppo e perde la palla vanificando una potenziale occasione


Pagelle della partita "VICENZA-PERUGIA"

Pelizzoli 6,5: al suo esordio in maglia biancorossa ci mette del suo su Taddei e Ardemagni per terminare senza reti al passivo. Sampirisi 6,5: è stato il biancorosso dal rendimento più elevato in questa stagione, giocando praticamente in tutti i ruoli della difesa, anche con il Perugia dimostra la sua duttilità. La speranza è di rivederlo con questa maglia. El Hasni 6: rispolverato dopo un lungo periodo di assenza monta una guardia sufficientemente attenta su Ardemagni. Bianchi 6: dopo una trentina di presenze in panca fa il suo meritato battesimo in maglia biancorossa anche in campionato, dopo quello in Coppa Italia contro il Carpi. Brighenti 6,5: il capitano chiude la stagione con un’altra prova gagliarda e convincente, con l’aggiunta di un paio di uscite palla al piede di spettacolare efficacia. D’Elia 6: la sfida con Zapata sulla fascia sinistra si conclude in sostanziale parità. Moretti 6,5: per buona parte della gara ordina e cuce la manovra con autorità, poi si adegua alla piega quasi balneare che prende il match, fino alla sostituzione. Modic: 6: un altro che rivede il campo dopo lungo tempo. Chissà se Vicenza per lui sarà il timido avvio di una brillante carriera futura…). Signori 6: mette in campo il solito spirito gladiatorio in una partita dove i ritmi si affievoliscono con il passare del tempo. Qualche buon pallone recuperato non sfruttato a dovere dai compagni. Sbrissa 6: a destra sembra trovarsi più a suo agio ed è tra i più intraprendenti nella prima frazione di gara. Più spento nella ripresa, fino alla sostituzione. Urso 6: mezz’ora in campo nella fase meno interessante del match. Ci prova con un sinistro che non trova gloria. Galano 6: recupera palla, accelera, si incunea ma svapora al momento del tiro, succede due o tre volte nel corso della gara. Sa fare meglio ma, fortunatamente, in questa partita non serviva. Giacomelli 6: all’andata fu match winner in una delle partite fondamentali per la salvezza del Vicenza. In non perfette condizioni fisiche, ci teneva comunque a salutare la curva alla fine di quella che rimane probabilmente la sua miglior stagione col Vicenza. Ebagua 6: ingaggia un duello tutto fisico con i centraloni del Perugia, cerca il gol senza fortuna.

All. Franco LERDA 6: in questa partita non c’è certo da dare sfoggio di capacità tattiche particolari, visto che è soprattutto una passerella per lui e la squadra, guadagnata con un gran finale di campionato. Mercoledì ci sarà l’incontro con la società per discutere sull’eventuale rinnovo del contratto, appuntamento che desta sicuramente interesse maggiore del match di ieri.


Arbitro: Vincenzo Ripa di Nocera Inferiore. Assistenti: Simone Di Francesco di Teramo, Domenico Rocca di Vibo ValentiaQuarto ufficiale: Nicolò Sprezzola di Mestre.

Ammoniti: Moretti, Giacomelli (Vicenza); Volta, Taddei, Parigini (Perugia).

Spettatori: 11.104 totali per un incasso complessivo di 10.733 euro; 5.235 paganti e 5.869 abbonati.

Possesso palla: 53 - 47

Tiri dentro/totali: 4/15 - 4/9

Palle giocate: 619 - 552

% passaggi riusciti: 73.8 - 70.7

Supremazia territoriale: 10'53'' - 10'35''

% protezione area: 53.2 - 47.8

% attacco alla porta: 52.2 - 46.8

% pericolosità: 37.4 - 31.0

Angoli: 5 - 3

Recuperi: 0p.t., 4' s.t.

Maglia con toppa "Serie B-ConTe.it" e logo ESTEL: giocatori: biancorossa; portiere: verde.

Serata calda ma non afosa, temperatura ad inizio gara di circa 21 gradi.

Torneo: 
Serie B

LATINA-VICENZA

| |
Stagione: 
2015-2016
Data: 
2016-05-14
Partita: 
LATINA-VICENZA
Risultato: 
2-1
Reti: 
24′ Paponi (L), 52′ Olivera (L) su rigore, 56′ Signori (V)
Stadio: 
Domenico Francioni di Latina
Formazione locale: 

LATINA (4-2-3-1) Ujkani, Bruscagnin, Brosco, Dellafiore, Calderoni, Bandinelli, Olivera, Schiattarella, Scaglia (80' Baldanzeddu), Paponi (62' Boakye), Dumitru (71' Acosty)

A disposizione: Farelli, Attagli, Corvia, Esposito, Mbaye, Shahinas. Allenatore: Carmine Gautieri 

 

 



Formazione ospite: 

VICENZA (4-2-3-1) Benussi, Sampirisi, Adejo, Brighenti, Ligi (81′ Pinato); Moretti, Signori; Vita, Galano, Sbrissa (75′ Pozzi); Ebagua

A disposizione: Pelizzoli, Bianchi, El Hasni, Modic, Urso, Dieye. Allenatore: Franco Lerda

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net  

LA PARTITA

PRIMO TEMPO

2′ Galano si libera sul versante sinistro e prova il tiro che Ujkani tocca in angolo

9′ ammonito Ligi che ferma fallosamente Scaglia che aveva intercettato un passaggio di Signori e si stava inserendo in area. Sulla punizione gol del Latina annullato per posizione irregolare di Dumitru

16′ Paponi riceve palla poco prima del limite dell’area e prova il sinistro che però non è preciso e termina sul fondo

24' GOL DEL LATINA: penetrazione in area di Scaglia che al secondo tentativo riesce a scodellare verso il secondo palo dove Sampirisi nel tentativo di liberare colpisce la propria traversa. Sulla ribattuta arriva Paponi che di testa infila Benussi

27′ sinistro dalla distanza di Moretti che si spegne di un niente sul fondo sfiorando il palo di sinsistra di Ujkani

29′ ci prova con un sinistro di controbalzo Galano da fuori area ma la palla non inquadra lo specchio

37′ ci prova con un sinistro dalla distanza Calderoni, ma la traiettoria non impensierisce Benussi

45′ sugli sviluppi di un corner prova Bandinelli il tiro da fuori area ma la palla sorvola la traversa

Primo tempo che, se non fosse per il nervosismo innescato da qualche duro intervento da ambo le parti, non avrebbe lasciato chissà che ricordi  memorabili. Latina in evidente difficoltà sul piano del gioco, che sta approfittando di un Vicenza non certo all’arma bianca. Il gol di Paponi nasce da una blanda opposizione di Ligi su Scaglia e da un intervento difensivo infelice di Sampirisi. Per il resto i pontini non hanno creato praticamente nulla dalle parti di Benussi, imitati in questo dai biancorossi che hanno sfiorato la marcatura con un gran tiro di Moretti ma poi in avanti hanno soprattutto pasticciato.

SECONDO TEMPO

51′ calcio di rigore per il Latina per spinta di Adejo su Bandinelli

52' GOL DEL LATINA: Olivera che spiazza Benussi dal dischetto

56' GOL DEL VICENZA: botta dalla distanza di Vita, Ujkani si stende in tuffo alla sua sinistra ma respinge senza trattenere, arriva Signori che in scivolata mette dentro

58′ su cross basso di Vita, Galano prova il piatto di prima intenzione che termina di un niente sul fondo

65′ su cross dalla destra di Scaglia è proprio Boakye a colpire di testa mandando la sfera sulla traversa

77′ su passaggio di Signori prova la girata di sinistro Ebagua dal limite dell’area, la palla non trova lo specchio

69′ ancora Bandinelli che con un sinistro di controbalzo sfiora il palo alla sinistra di Benussi

82′ su assist di Ebagua, Pozzi si trova solo davanti ad Ujkani, ma gli spara addosso la conclusione a botta sicura

90′+3′ missile di Ebagua su punizione dalla distanza, la palla esce sul fondo di un paio di metri

90'+5′ ci prova Brighenti dalla distanza la palla deviata da un difensore viene bloccata da Ujkani

VICENZA SALVO! Con i risultati della giornata (sconfitta della Salernitana a Cagliari, del Modena in casa col Pescara e il pareggio del Lanciano in casa con la Ternana) ora ci sono cinque squadre che sicuramente non possono più raggiungere il Vicenza che quindi è aritmeticamente salvo.

 

Pagelle della partita "LATINA-VICENZA"

Benussi 6: incolpevole sui gol; per il resto svolge l’ordinaria amministrazione con la solita pulizia negli interventi. Sampirisi 6: più sfortunato che colpevole nel primo gol del Latina; sulla destra difende e spinge con buona continuità. Adejo 5,5: stavolta buca la prestazione, e che la cosa faccia quasi notizia dimostra quanto bene abbia fatto l’ex reggino a Vicenza. A Latina pasticcia troppo, causa un rigore per sue chiare responsabilità, e si fa cacciare anche se nell’occasione è l’arbitro ad inventarsi il secondo giallo. Brighenti 6: anche lui soffre gli attaccanti avversari, ma di mestiere si guadagna la sufficienza. Ligi 5,5: sarebbe da 5, ma entra in campo senza riscaldamento, e gioca in un ruolo non suo. Abituato a marcare centravanti con chili e centimetri, patisce Scaglia da cui nascono quasi tutti i pericoli della formazione pontina. Pinato s.v.: pochi minuti in cui non riesce ad incidere. Moretti 6: parte benissimo, imposta, recupera tanti palloni e con un bel sinistro sfiora il gol. Nella ripresa cala vistosamente. Signori 6,5: a perdere non ci sta nemmeno quando gioca a carte, e si vede. Segna il gol che riapre la gara, è l’ultimo a mollare. Vita 6: combina bene con Sampirisi e dalla sua parte il Latina soffre. I pontini lo temono e lo picchiano a volontà, ma lui non si intimidisce. E’ suo il tiro da cui nasce il gol di Signori. Galano 5,5: poco o niente in una partita molto agonistica e per niente tecnica. Ci prova da fuori ma i suoi tiri non lasciano segno. Sbrissa 5,5: la voglia di fare bene non si discute, ma anche lui concretizza poco e dalla sua parte il Latina sfonda. Pozzi 5,5: entra e Brosco gli rifila subito un calcione intimidatorio. Ha sul destro la palla del 2 a 2 ma la calcia addosso al portiere avversario. Ebagua 5,5: non era al meglio e si è visto. Tiene pochi palloni, perde i duelli aerei, e nel taccuino l’unica nota lo riguarda solo per una punizione calciata a lato.

Franco Lerda 6: il Vicenza visto a Latina non è sufficiente, con gli avversari che hanno dimostrato di avere più motivazioni e più fame. Merita però un voto molto alto per come ha ridato vita al Vicenza portandolo alla salvezza ad una giornata dalla fine del campionato. Due mesi fa ci credevano in pochi, per questo il suo lavoro è da applausi.

 

Arbitro: Eugenio Abbattista di Molfetta. Assistenti: Stefano Del Giovane di Albano Laziale, Alessio Tolfo di Pordenone. Quarto ufficiale: Armando Ranaldi di Tivoli.

Espulso: all'82' Adejo (Vicenza) per doppia ammonizione.

Ammoniti: Paponi, Bandinelli, Olivera, Boakye (Latina); Ligi, Sbrissa, Vita (Vicenza).

Spettatori: 3.485 totali, di cui 1.559 paganti e 1.926 abbonati per un incasso complessivo di 29.335 euro.

Possesso palla: 44 - 56

Tiri dentro/totali: 4/9 - 5/12

Palle giocate: 398 - 534

% passaggi riusciti: 50.9 - 64.4

Supremazia territoriale: 06'51'' - 10'09''

% protezione area: 46.2 - 49.1

% attacco alla porta: 50.9 - 53.9

% pericolosità: 40.0 - 38.2

Angoli: 1 - 2

Recuperi: 2' p.t., 6' s.t.

Maglia con toppa "Serie B-ConTe.it" e logo ESTEL: giocatori: bianca; portiere: verde.

Giornata piovosa, terreno allentato ma in buone condizioni, temperatura ad inizio gara di circa 16 gradi.

Torneo: 
Serie B

VICENZA-VIRTUS ENTELLA

| |
Stagione: 
2015-2016
Data: 
2016-05-07
Partita: 
VICENZA-VIRTUS ENTELLA
Risultato: 
2-1
Reti: 
15′ Troiano (VE), 56′ D’Elia (VI), 71′ Giacomelli (VI)
Stadio: 
Romeo Menti di Vicenza
Formazione locale: 

VICENZA (4-2-3-1) Benussi, Sampirisi, Adejo, Brighenti, D’Elia; Moretti, Signori; Vita, Galano, Sbrissa (49′ Giacomelli); Raicevic (88′ Pozzi)

A disposizione: Pelizzoli, Bianchi, El Hasni, Ligi, Modic, Urso, Dieye. Allenatore: Franco LERDA


Formazione ospite: 

VIRTUS ENTELLA (4-3-1-2) Iacobucci, Iacoponi, Ceccarelli, Pellizzer (24′ Benedetti), Keita; Palermo, Troiano, Sestu (80′ Staiti); Masucci (57′ Belli) Di Carmine, Caputo

A disposizione: Paroni, Sini, Di Paola, Volpe, Otin Lafuente, Mota Carvalho. Allenatore: Alfredo AGLIETTI

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net  

LA PARTITA

PRIMO TEMPO

4′ cross dalla destra di Sampirisi , che trova Galano pronto a girare di testa verso la porta di Iacobucci, sfera però sul fondo

8′ cross di Vita e respinta di Ceccarelli, sulla palla da fuori area prova al volo Galano ma il tiro esce debole e centrale e Iacobucci blocca

10′ su verticalizzazione di Moretti, rapida accelerazione di Vita che si beve Keita e prova un diagonale che esce di poco alla destra di Iacobucci

15' GOL DELLA VIRTUS ENTELLA: sul secondo angolo della gara per i liguri la palla perviene all’altezza del secondo palo a Troiano, che tutto solo si inventa uno stop di petto e successiva rovesciata che manda la sfera sotto l’incrocio nel palo opposto

22′ contropiede dei liguri con Di Carmine che mette un pallone pericoloso che passa davanti alla porta di Benussi con Caputo in leggero ritardo per la deviazione decisiva

27′ sulla punizione calciata da Moretti deviazione di tacco sottomisura di Adejo che Iacobucci respinge quasi senza accorgersene sulla nuova deviazione del difensore il portiere blocca

30′ lungo lancio di Moretti in area per Galano. Bello lo stop dell’ex barese che prova il diagonale che però risulta troppo centrale e Iacobucci intuisce

33′ calcia la punizione Troiano il cui sinistro si spegne lontano dai pali

40′ clamoroso due contro zero degli ospiti con il Vicenza incredibilmente tutto in avanti su azione d’angolo. Caputo serve Di Carmine che colpisce il palo praticamente a porta vuota

41′ azione personale di Vita che alla fine calcia però alto sopra la traversa

45′+3′ su lancio di Moretti e fallo in attacco di Sbrissa si conclude la prima frazione di gioco

Primo tempo che si chiude dunque con il Vicenza sotto di un gol. In una gara in cui i ritmi non sono elevatissimi anche per il primo caldo stagionale , i biancorossi hanno iniziato con discreto piglio ma sono stati puniti da una gran giocata di Troiano che però nell’occasione ha goduto di una libertà eccessiva generosamente concessa dalla difesa di casa. Il Vicenza ha cercato di reagire al gol subito ma davanti all’area avversaria la manovra si fa spesso macchinosa e si va alla ricerca del tiro in maniera a volte troppo complicata. Incredibile infine la rete mancata dalla Virtus Entella che al 40′ su calcio d’angolo a favore del Vicenza, grazie ad un rimpallo su tiro di D’Elia, con la difesa biancorossa in maniera suicida tutta in avanti, ha avuto l’occasione di chiudere la gara, sprecando incredibilmente con Di Carmine che ha sparato sul palo il facile tap-in.

SECONDO TEMPO

56' GOL DEL VICENZA: servito da Giacomelli sul vertice sinistro dell’area , D’Elia riceve e spara un destro sotto l’incrocio opposto su cui Iacoponi nulla può

65′ biancorossi in avanti da qualche minuto. Su azione d’angolo colpo di testa di Moretti, preciso ma debole, Iacobucci va in presa senza problemi

71' GOL DEL VICENZA: azione personale dell’esterno biancorosso che è entrato e ha spaccato la partita in favore del Vicenza. Entrato nel cuore dell’area sul lato sinistro piazza un preciso diagonale che termina la corsa nell’angolino lontano

77′ rapido contropiede biancorosso con Vita che dal limite prova la conclusione che deviata rischia di beffare Iacobucci vanamente proteso in tuffo. Palla in angolo

78′ incredibile parata di Iacobucci che respinge di piede la conclusione di Moretti a botta sicura da pochi metri

84′ botta di Galano dai venti metri, la palla sorvola di qualche metro la porta virtussina

86′ lancio perfetto di Moretti per Raicevic che si presenta tutto solo davanti a Iacobucci ma viene stoppato dal portiere nel tentativo di saltarlo

87′ flipper in area biancorossa risolto dalla deviazione in angolo di Signori

89′ ancora un’occasione per i biancorossi con la botta da fuori di Galano che Iacobucci, assoluto protagonista per la sua squadra, respinge con i piedi

90′+3′ assist in profondità di Pozzi per Galano che esplode il diagonale sinistro che esce di un niente sul fondo

Grande ripresa dei biancorossi per i quali è stato fondamentale l’ingresso in campo di Giacomelli che ha causato l’espulsione di Iacoponi, ha confezionato l’assist per lo splendido gol di D’Elia e infine è andato lui stesso a bersaglio con il gol vittoria. Virtus che rimasta in dieci è praticamente sparita dal campo cercando di portare a casa almeno il pari ma che è stata sovrastata dai biancorossi che sono sembrati anche fisicamente molto più in condizione e che nel finale hanno sprecato almeno tre palle gol per arrotondare il risultato. Manca un punto alla salvezza matematica che potrà arrivare già nella prossima trasferta di Latina, ma probabilmente anche la sola quota 48 potrebbe bastare a salvarsi.

 

Pagelle della partita "VICENZA-VIRTUS ENTELLA"

Benussi 6: l’invenzione di Troiano lo beffa senza colpe, viene salvato dal palo sul tiro di Di Carmine, per il resto sicuro nelle uscite ma pomeriggio di ordinaria amministrazione. Sampirisi 6,5: peccato che la stagione sia giunta quasi al termine perché sulla corsia di destra gli automatismi con Vita si stanno affinando. Mette in area più di qualche buon pallone. Da capire se nel gol della Virtus la marcatura su Troiano spettasse a lui o se sia stata cambiata successivamente. Adejo 7: “Un pubblico così ti spinge a dare il massimo e io sono contento quando do il massimo”.  Le sue parole in sala stampa sono il manifesto migliore della sua partita, in cui oltre ad essere pressoché insuperabile in difesa sfiora il quasi gol di tacco in avanti. Brighenti 7: dal punto di vista della lotta non è certo da meno di Adejo. Subisce un’ammonizione che lo manderà in diffida, ma che a questo punto preoccupa poco. D’Elia 7: se i problemi muscolari non lo tormentano va che è un piacere.  Ancor più quando si riforma la coppia con Giacomelli. Trova il jolly di destro con una parabola sotto l’incrocio che fa esplodere il Menti. Unica pecca la gestione della palla che innesca il contropiede Caputo-Di Carmine ma tutto è bene quel che finisce bene. Moretti 6: sufficienza stiracchiata per il regista biancorosso che non ama la giocate semplici, ma che proprio per questo quando non ha la giornata giusta tende a sbagliare molto. Corre  però molto alla ricerca del recupero della palla ed è forse più sfortunato che colpevole in occasione del gol sbagliato. Signori 7: si stacca da Troiano, perdendo la marcatura sul gol della Virtus, ma è da capire se toccasse a lui marcare il marcantonio dei liguri. Per il resto gara molto generosa dove, come al solito, contribuisce in maniera decisiva nelle due fasi, con al 90′ il salvatggio decisivo quasi sulla linea di porta nell’ultimo assalto della Virtus Entella. Vita 7: nel primo tempo spinge molto e si prende anche la responsabilità di andare al tiro, quando la manovra del Vicenza è a volte un po’ troppo macchinosa. Prezioso anche in aiuto di Sampirisi nella ripresa. Galano 7: risulta spesso imprendibile spaziando su quasi tutto il fronte offensivo dalla metà campo in su. Una gara di qualità per tutti i novanta minuti, a parte la fase iniziale della ripresa, dove lascia spazio all’esibizione di Giacomelli. Calcia verso la porta di Iacobucci almeno quattro o cinque volte e avrebbe senza dubbio meritato di andare in gol. Sbrissa 6: evidenti difficoltà nella interpretazione di un ruolo che richiederebbe doti nell’uno contro uno che non sono le sue specifiche. Cerca comunque di supplire con la determinazione ma quando bisogna dare la scossa Lerda decide di affidarsi a chi è nel “suo”. Giacomelli 7,5: protagonista assoluto, entra e porta lo scompiglio tra le “linee nemiche” causando l’espulsione di Iacoponi, trovando D’Elia in area nel gol del pari e andando a realizzare il gol vittoria. Mette la firma nella salvezza del Vicenza, grossa almeno quanto le dimensioni della sua caviglia, vista in sala stampa a fine partita… Raicevic 6: Ceccarelli gli monta una guardia serrata e lui cerca di rendersi utile in fase di appoggio. Non è al meglio e si vede quando davanti a Iacobucci fallisce l’occasione per chiudere il match. Ammonito (era in diffida) salterà Latina, ma probabilmente sarebbe rimasto comunque a riposo. Pozzi s.v.: il suo ingresso in campo è accolto con simpatia dalla curva biancorossa, che poi lo osserva con curiosità, apprezzandone l’assist con cui manda al tiro Galano. Chissà se da qui alla fine si riuscirà a vederlo in campo per una buona fetta di gara…

All. Franco LERDA 7: quando è arrivato il Vicenza era quasi morto, ora la squadra pare godere di ottima salute. Rimontare lo zero a uno, contro una squadra muscolare come la Virtus Entella, impegnata nella sua corsa verso i playoff, non era per nulla facile ma i suoi uomini, come ama chiamarli, sono riusciti nell’impresa, evidenziando oltre che un buon gioco nella ripresa, anche una gamba maggiore dell’avversario in una giornata particolarmente calda. Ora, con la salvezza praticamente in tasca, può cominciare la prossima programmazione che potrebbe partire dalla sua conferma, ma la cosa più importante è che il Vicenza abbia conservato la categoria, condizione necessaria anche a mantenere in vita la società di Via Schio.

 

Arbitro: Federico La Penna di Roma 1. Assistenti: Giovanni Baccini di Conegliano, Tarcisio Villa di RiminiQuarto ufficiale: Livio Marinelli di Tivoli.

Espulso: al 53' Iacoponi (Virtus Entella) per doppia ammonizione. 

Ammoniti: Brighenti, Sampirisi, Raicevic (Vicenza); Keita (Virtus Entella).

Spettatori: 8.433 totali per un incasso complessivo di 64.065 euro; 2.452 paganti e 5.981 abbonati.

Possesso palla: 51 - 49

Tiri dentro/totali: 8/20 - 2/6

Palle giocate: 474 - 442

% passaggi riusciti: 59.3 - 53.4

Supremazia territoriale: 10'26'' - 07'09''

% protezione area: 58.8 - 40.4

% attacco alla porta: 59.6 - 41.2

% pericolosità: 56.0 - 27.5

Angoli: 4 - 6

Recuperi: 3p.t., 3' s.t.

Maglia con toppa "Serie B-ConTe.it" e logo ESTEL: giocatori: biancorossa; portiere: bianca.

Giornata calda, quasi estiva, con temperatura ad inizio gara di circa 25 gradi.

Torneo: 
Serie B

BRESCIA-VICENZA

| |
Stagione: 
2015-2016
Data: 
2016-04-30
Partita: 
BRESCIA-VICENZA
Risultato: 
0-1
Reti: 
91' Galano (V) su rigore
Stadio: 
Mario Rigamonti di Brescia
Formazione locale: 

BRESCIA (4-2-3-1) Minelli; Venuti, Antonio Caracciolo, Calabresi, Castellini; Martinelli, Lancini (74′ Said); Embalo (87′ Abate), Morosini (67′ Geijo), Kupisz; Andrea Caracciolo

A disposizione: Arcari, Coly, Camilleri, Bertoli, Rosso, Marsura. Allenatore: Roberto BOSCAGLIA

Formazione ospite: 

VICENZA (4-2-3-1) Benussi; D’Elia, Brighenti, Adejo, Sampirisi; Signori, Moretti; Sbrissa (62′ Giacomelli), Galano, Vita; Raicevic

A disposizione: Pelizzoli, El Hasni, Bianchi, Coulibaly, Dieye. Allenatore: Franco LERDA

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net  

LA PARTITA

PRIMO TEMPO

4′ D’Elia ci prova dalla distanza, palla che supera di poco la traversa

7′ Brighenti tenta la conclusione dalla trequarti, palla alta

11′ Sbrissa rientra e prova a sorprendere Minelli sul secondo palo, palla che si spegne sul fondo

14′ Vita attraversa la metà campo palla al piede, dalla distanza esplode un tiro che finisce lontano dai pali

20′ Galano servito in area cerca il secondo palo, tiro debole e facile per Minelli

24′ cross dalla sinistra, il colpo di testa di Caracciolo impegna Benussi che mette la palla in angolo

27′ Signori serve Galano che, a tu per tu con Minelli, si fa anticipare da Calabresi

35′ cross di Castellini dalla destra, Caracciolo colpisce di testa: palla debole sul fondo

42′ spintoni tra Moretti ed Embalo, l’arbitro redarguisce i due giocatori

45′ Caracciolo tenta di sorprendere Benussi sul palo lontano, palla che esce di poco

SECONDO TEMPO

47′ Sampirisi si avvicina al limite dell’area ed esplode il destro: palla alta

50′ Galano supera Castellini e da posizione defilata prova a concludere: la sfera colpisce la rete esterna

55′ Vita conclude di piatto, Minelli blocca la palla a terra

57′ Galano da calcio d’angolo trova Adejo, il suo tocco di testa si spegne sopra la traversa

60′ Moretti carica la conclusione dalla distanza, palla potente ma lontana dai pali

16′ Galano si inserisce in area, il suo diagonale si spegne sul fondo

64′ Galano prova a soprendere Minelli con un pallonetto, il portiere rientra e alza la palla in angolo

66′ Geijo serve in diagonale Kupisz fermato al limite da un ottimo intervento di Brighenti

68′ Signori esplode il tiro dopo un controllo perfetto dal limite: palla potente che lambisce il palo

75′ occasione per Giacomelli che, davanti a Minelli, spara clamorosamente la palla tra le braccia del portiere

86′ Galano alza di testa la palla per Raicevic che in semi rovesciata nell’area piccola non impatta bene con la palla

89′ Giacomelli da posizione defilata cerca il palo lontano: la palla si stampa sul legno

90'+1' GOL DEL VICENZA: fallo di Martinelli su Raicevic in area, il signor Pairetto decreta il rigore. Galano sul dischetto manda a vuoto Minelli, portiere da una parte, palla dall’altra!

 

Pagelle della partita "BRESCIA-VICENZA"

Benussi 7: sempre sicuro e attento in tutte le parate che deve compiere, con la perla al 24′ quando è superlativo nel deviare in angolo il colpo di testa di Caracciolo. Sampirisi 6,5: partita positiva dell’ex genoano che difende ed attacca con continuità e precisione. Buona l’intesa con Vita, ed è bravo nelle palle ferme in marcatura su Caracciolo. Adejo 7: tosto, grintoso ed efficace. Ancora una buona prova dell’ex reggino, che mette in campo la solita forza e determinazione. Ci prova anche in attacco, ma il suo colpo di testa va alto. Brighenti 7: attento e deciso, gioca bene d’anticipo e guida la retroguardia da capitano. Subisce un paio di volte Caracciolo nel gioco aereo, ma in questo caso la differenza di statura è determinante. D’Elia 6: non è al meglio e si vede perché non è il giocatore di inizio stagione. I fastidi ai flessori lo limitano e qualche rischio dalla sua parte il Vicenza lo corre, ma nel complesso la sua prova è positiva. Signori 7,5: prova super dell’uomo ovunque del centrocampo del Vicenza. Recupera un’infinità di palloni, imposta con lucidità e precisione. Per capire l’importanza della sua presenza nel Vicenza di Lerda basta confrontare la prestazione della squadra quando non c’è (vedi Spezia) e quando invece gioca. Moretti 6: perde un paio di palloni pericolosi nella tre quarti e non è immune da errori quando quando tenta la verticalizzazione. Ci prova da fuori ma la mira è da rivedere. Vita 7: altra prova più che positiva per l’ex monzese che conferma di attraversare un ottimo periodo di forma. Su e giù per la fascia ad attaccare e a difendere, vincendo nettamente il duello con Castellini. Galano 7,5: parte contratto e nei primi venti minuti è avulso dal gioco. Poi cresce ed offre un fondamentale contributo di vivacità, tecnica e fantasia alla manovra biancorossa. E’ freddo e preciso al 90′ quando trasforma il rigore che vale la vittoria. Sbrissa 6,5: la prestazione più positiva nell’inedito ruolo di esterno sinistra d’attacco. A Brescia dimostra intraprendenza e buona applicazione appoggiando sempre bene la manovra e sfiorando anche il gol con un bel destro che esce di poco. Giacomelli 6,5: entra con il piglio giusto presentandosi per ben tre volte davanti a Minelli. In una non realizza per colpe proprie, nella seconda è bravo Minelli, nella terza il palo gli nega la gioia del gol. E’ suo l’assist per Raicevic nell’azione del calcio di rigore. Raicevic 6,5: gioca in precarie condizioni, con un dolore al tendine rotuleo che cura da mesi con infiltrazioni. Ma stringe i denti e dà tutto quello che ha; ha un paio di buone occasioni che non finalizza al meglio, ma è lui che procura il rigore che porta tre punti pesantissimi.

Franco Lerda 7,5: il suo Vicenza gioca bene nel primo tempo, domina letteralmente nella ripresa. La squadra crea almeno sette clamorose occasioni da gol, e l’unico neo della prestazione è quello di aver sbagliato troppo davanti al portiere avversario. Ma giocando così la salvezza non è in discussione.

 

Arbitro: Luca Pairetto di Nichelino. Assistenti: Alfonso D'Apice di Parma, Pietro Dei Giudici di Latina. Quarto ufficiale: Francesco Guccini di Albano Laziale.

Espulso: al 91' Martinelli (Brescia) per doppia ammonizione.

Ammoniti: Caracciolo Andrea, Geijo (Brescia); Signori (Vicenza).

Spettatori: 7.557 totali, di cui 2.093 paganti e 5.464 abbonati per un incasso complessivo di 31.849 euro.

Possesso palla: 44 - 56

Tiri dentro/totali: 2/9 - 8/28

Palle giocate: 483 - 629

% passaggi riusciti: 53.0 - 64.7

Supremazia territoriale: 07'51'' - 13'46''

% protezione area: 50.8 - 54.0

% attacco alla porta: 46.1 - 49.3

% pericolosità: 25.2 - 70.9

Angoli: 7 - 7

Recuperi: 1' p.t., 2' s.t.

Maglia con toppa "Serie B-ConTe.it" e logo ESTEL: giocatori: biancorossa; portiere: verde.

Serata mite, temperatura ad inizio gara attorno ai 15 gradi, terreno in buone condizioni.

Torneo: 
Serie B

VICENZA-SPEZIA

| |
Stagione: 
2015-2016
Data: 
2016-04-23
Partita: 
VICENZA-SPEZIA
Risultato: 
0-3
Reti: 
10' Errasti (S), 36' Canadija (S), 63' Acampora (S)
Stadio: 
Romeo Menti di Vicenza
Formazione locale: 

VICENZA (4-2-3-1) Benussi, Sampirisi, Adejo, Brighenti, D’Elia (76′ Ligi) Moretti, Urso; Vita, Galano (45′ Giacomelli), Sbrissa; Raicevic (85′ Dieye)

A disposizione: Pelizzoli, El Hasni, Bianchi, Paganin, Coulibaly, Cecconello. Allenatore: Franco Lerda


Formazione ospite: 

SPEZIA (4-3-3) Chichizola; Martic, Terzi, Valentini, Migliore; Sciaudone, Errasti, Canadjia (70′ Acampora); Piccolo (81′ Ciurria), Calaiò, Situm (74′ Catellani)

A disposizione: Sluga, Crocchianti, De Col, Juande, Pulzetti, Kvrzic. Allenatore:Mimmo Di Carlo

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net  

LA PARTITA

PRIMO TEMPO

5′ squadre ancora in fase di studio, non si sono ancora visti azioni pericolose degne di tal nome

9′ GOL DELLO SPEZIA: sul primo angolo della gara per i liguri cross all’altezza del secondo palo per Calaiò che rimette nel cuore dell’area piccola dove Errasti anticipa un Benussi apparso piuttosto indeciso nell’occasione e mette dentro

15′ su un altro cross, deviato, in area di rigore ci prova Piccolo di mezzocollo al volo mancando il bersaglio di qualche metro. Vicenza che in questo momento sembra aver subito psicologicamente il gol

17′ ottimo anticipo di Brighenti su Calaiò . Il capitano innesca Galano che apre per Vita il cui cross viene finalizzato proprio da Brighenti con un destro al volo che esce di pochissimo sul fondo

20′ ancora Brighenti in anticipo stavolta su Piccolo. Il capitano serve Galano che prova il sinistro dai venti metri, la palla però non trova lo specchio della porta

25′ destro a giro dal limite dell’area provato da Situm, stavolta è bravo Benussi ad intuire e deviare in corner

30′ buon pallone recuperato da D’Elia sulla tre quarti ospite, il terzino serve Urso che pesca Raicevic in area che colpisce la palla in tuffo plastico di testa, ma non riesce a trovare la porta di Chichizola. Peccato perchè l’occasione per il pari era ottima

32′ punizione da metà campo calciata da Moretti; in area svetta Adejo che però spedisce sopra la traversa

36' GOL DELLO SPEZIA: gara cinica dei liguri che raddoppiano sfruttando una invenzione di Sciaudone che dal limite trova una perfetta imbucata per  il taglio di Canadja che solo davanti a Benussi non ha difficoltà ad infilare il portiere biancorosso per la seconda volta

44′ ci prova Urso con una botta di destro dalla distanza, palla che termina lontanissima dalla porta

Vicenza che va negli spogliatoi sotto di due reti. Un risultato anche troppo severo ma che lo Spezia tutto sommato ha meritato in virtù di una cifra tecnica e di una condizione fisica superiori a quelle dei biancorossi che, in alcuni elementi , sembrano accusare la fatica delle tre partite in una settimana. Gli uomini di Lerda hanno creato le premesse per arrivare al pareggio ma sono stati sfortunati con Brighenti e imprecisi con Raicevic, mentre il raddoppio dello Spezia è arrivato grazie ad un’azione che ha dimostrato la capacità della squadra di Di Carlo di trovare lo spunto vincente anche contro una difesa schierata, come era quella del Vicenza al momento della seconda rete. Le recriminazioni piuttosto sono da trovare sul primo gol, quando la copertura difensiva sulla palla rimessa dentro di testa da Calaiò è sembrata piuttosto blanda e nemmeno Benussi è apparso esente da responsabilità.

SECONDO TEMPO

4′ sulla punizione calciata dalla trequarti da Moretti, prende bene il tempo Brighenti che di testa manda sul fondo di poco la sfera

6′ su errato disimpegno di Moretti, prova il destro a giro Situm; la palla sfila sul fondo distante dal palo di sinistra della porta di Benussi

13′ sfortunatissimi i biancorossi che con un colpo di testa in tuffo di Vita, su cross di Sampirisi colgono il palo esterno a Chichizola battuto

18′ punizione dalla distanza provata da Moretti che però manda il destro lontano dalla porta spezzina

20′ cross dalla sinistra di Migliore che trova Calaiò in area biancorossa, l’attaccante disturbato da Brighenti colpisce di testa ma non riesce ad iniirizzare la sfera in porta.

22′ prova la girata di prima intenzione Urso, su cross di Sampirisi ma la conclusione esce debole e Chichizola si distende in tuffo alla sua destra bloccando

27' GOL DELLO SPEZIA: bastano due minuti al neo entrato per estrarre dal cilindro una bomba di sinistro dalla distanza che si infila all’angolino basso alla sinistra di Benussi

30′ ci prova Raicevic con un’azione personale che però si conclude con un tiro sbilenco sul fondo

32′ tentativo dalla distanza di Moretti che Chichizola controlla in presa

41′ su velo di Urso prova ancora la botta Moretti, il tiro però esce troppo centrale, nessun problema per Chichizola

45′ ancora capitan Brighenti in proiezione offensiva prova il destro che termina sul fondo

Vicenza-Spezia finisce con Di Carlo a prendersi gli applausi della Curva Sud, dopo che qualche minuto prima anche i biancorossi avevano ricevuto gli applausi dei loro tifosi nonostante la batosta. Partita che purtroppo per gli uomini di Lerda si è incanalata presto nel peggiore dei modi e un secondo tempo condotto quasi costantemente in avanti non è bastato a rimetterla in carreggiata, anche perché lo Spezia si è ben difeso, trovano poi il jolly di Acampora che ha messo in cassaforte la vittoria dei liguri. La strada per la salvezza rimane in salita e il Vicenza è chiamato a risollevarsi subito nella prossima difficile trasferta di Brescia.


Pagelle della partita "VICENZA-SPEZIA"

Benussi 5: sembra sorpreso sia sul primo che sul terzo gol dei liguri, nel mezzo risponde con un buon intervento a Situm, ma complessivamente la sua prestazione non è stata brillante come in altre occasioni. Sampirisi 6: parte con il freno a mano tirato e inizialmente sembra faticare nella lettura delle azioni d’attacco dello Spezia. Meglio nella ripresa che lo vede sicuramente meno contratto e più deciso anche nell’appoggio della manovra offensiva. Adejo 6: tardiva la chiusura su Calaiò nell’azione del vantaggio ospite, sul secondo gol esce a chiudere su Sciaudone ma così facendo lascia alle sue spalle spazio per l’inserimento di Canadija, in questo caso però l’errore è più di reparto che personale. Per il resto solita partita di grande sostanza. Brighenti 6,5: si fa apprezzare soprattutto per lo spirito con cui tenta di rimettere in sesto l’inizio difensivo sgangherato del Vicenza, su cui però anche lui ha qualche responsabilità. E’ comunque tra i più intraprendenti in avanti, quasi un attaccante aggiunto, con ben tre conclusioni verso la porta di Chichizola e sicuramente, da buon capitano, l’ultimo ad arrendersi. D’Elia 5,5: dalla sua parte gravita Piccolo a cui tutto sommato concede poco spazio.  Non in grande spolvero però e nel quarto d’ora finale lascia il posto a Ligi per evitare di andare incontro a problemi muscolari. Ligi sv: un quarto d’ora scarso in campo a partita abbonantemente chiusa. Moretti 5: sembra tra quelli che accusano di più lo sforzo delle tre gare in una settimana. Non gli vengono le giocate di cui è capace e finisce per innervosirsi. A Brescia però servirà nelle migliori condizioni. Urso 6: chiamato a sostituire Signori, uno dei biancorossi più in forma del momento, aiuta la squadra nelle due fasi anche se prevedibilmente va un po’ a corrente alternata. Bello il cross con cui pesca Raicevic in area nel primo tempo. Vita 6,5: tra i più positivi, confeziona un assist di qualità per Brighenti che poteva portare al pareggio biancorosso ed è sfortunato in occasione del colpo di testa che colpisce il palo esterno per un gol sfumato che avrebbe potuto forse riaprire la partita. Galano 6: si vede che non è a posto ma nonostante questo non si nasconde ma va a cercare palla e ci prova anche dalla distanza. Si arrende a fine primo tempo per un problema ma la bocciatura sarebbe ingenerosa. Giacomelli 5,5: prova ad imbastire qualcosa ma anche lui non è al meglio e gli riesce poco. Sbrissa 5,5: in una posizione che prova ad interpretare al meglio, il suo contributo è però forzatamente limitato. Da quella parte l’intesa latita e il Vicenza fatica a trovare le giuste geometrie. Raicevic 5,5: un problema al tendine rotuleo ne limita il rendimento ottimale. Ci prova sempre e comunque, a volta anche con un pizzico di egoismo che comunque nell’attaccante ci sta. La speranza è che in questo finale stringa i denti perché con Ebagua out , le alternative sono ridotte al minimo. Dieye sv: esordio in biancorosso per il giovane attaccante senegalese che ha vinto l’ultima edizione del Viareggio giocando con la maglia della Juventus a cui il Vicenza l’ha prestato.

Franco Lerda 6: la sconfitta è esagerata nel risultato ma la differenza con una squadra costruita per la promozione e che in panchina concede ampie alternative ai titolari si è percepita. Piace lo spirito battagliero e positivo con cui si presenta a commentare la sconfitta. Il Vicenza perde i pezzi ma non c’è tempo per lamentarsi e rammaricarsi, bisogna solo raddrizzare la barca in tempi brevi a partire dalla prossima trasferta a Brescia, dove tornerà da ex (giocatore delle rondinelle nella stagione 93/94).

 

Arbitro: Luigi Nasca di Bari. Assistenti: Giovanni Colella di Padova, Marco Chiocchi di FolignoQuarto ufficiale: Luigi Rossi di Rovigo.

Ammoniti: nessuno.

Spettatori: 7.733 totali per un incasso complessivo di 56.711 euro; 1.752 paganti e 5.981 abbonati.

Possesso palla: 51 - 49

Tiri dentro/totali: 4/16 - 4/10

Palle giocate: 554 - 501

% passaggi riusciti: 68.2 - 63.8

Supremazia territoriale: 11'26'' - 08'25''

% protezione area: 48.2 - 50.8

% attacco alla porta: 49.2 - 51.9

% pericolosità: 35.1 - 58.5

Angoli: 4 - 6

Recuperi: 1p.t., 0' s.t.

Maglia con toppa "Serie B-ConTe.it" e logo ESTEL: giocatori: biancorossa; portiere: azzurra.

Giornata nuvolosa, terreno in buone condizioni, temperatura ad inizio gara di circa 16 gradi.

Torneo: 
Serie B

SALERNITANA-VICENZA

| |
Stagione: 
2015-2016
Data: 
2016-04-19
Partita: 
SALERNITANA-VICENZA
Risultato: 
0-0
Stadio: 
Arechi di Salerno
Formazione locale: 

SALERNITANA (5-3-2) Terracciano; Ceccarelli (71′ Bernardini) Tuia, Bagadur (61′ Gatto), Empereur, Franco; Ikonomidis, Ronaldo da Silva, Zito (76′ Coda); Donnarumma, Bus

A disposizione: Strakosha, Colombo, Rossi, Nalini, Pestrin, Tounkara. Allenatore: Leonardo Menichini.


Formazione ospite: 

VICENZA (4-2-3-1) Benussi; Sampirisi, Adejo, Brighenti, D’Elia; Moretti (79′ Urso) Signori; Vita, Galano, Sbrissa (54′ Giacomelli); Ebagua (71′ Raicevic)

A disposizione: Pelizzoli, El Hasni, Ligi, Bianchi, Paganin, Cecconello. Allenatore: Franco Lerda.

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net  

LA PARTITA

PRIMO TEMPO

3′ Ebagua con un gioco di gambe si libera sul fondo dell’area e poi prova un diagonale stretto che Terraciano blocca in presa bassa

7′ punizione calciata da Ronaldo che viene respinta dalla difesa biancorossa, sulla palla arriva Ikonomidis che tenta un destro poco convinto che termina sul fondo distante dai pali di Benussi

10′ azione personale di Bus in area del Vicenza con il rumeno che arriva al tiro ma viene contrastato da D’Elia che ne smorza la conclusione che Benussi può controllare agevolmente

14′ Zito con un colpo di tacco libera Bus che in posizione centrale prova il destro che Benussi controlla

16′ Sbrissa dal vertice sinistro dell’area di rigore si sposta sulla destra e calcia di prima intenzione, la palla sorvola di un niente l’incrocio dei pali

17′ punizione sulla mediana calciata lunga in area biancorossa dove Tuia arriva a toccare a pochi passi da Benussi, fortunatamente l’aggancio è impreciso e il pallone termina sul fondo

20′ sul primo angolo per i biancorossi tocca di testa Adejo ma la palla viene controllata senza problemi da Terracciano in uscita

22′ Galano ruba palla a Ronaldo e dai venti metri libera il sinistro che Terracciano riesce a respingere in maniera scomposta ma efficace

24′ tentativo di Ebagua dal limite che però chiude male il sinistro e la sfera esce molto lontana dai pali

26′ su intervento di Benussi la palla arriva a Ceccarelli che rimette indietro per Ikonomidis il cui destro trova ancora pronto Benussi a volare per deviare in corner

29′ancora Ikonomidis dalla distanza chiama il portiere biancorosso a distendersi per deviare la conclusione del granata

32′ ancora Sbrissa con un’azione simile alla precedente, libera il destro con la palla che ugualmente sorvola la traversa di Terracciano, stavolta in maniera meno pericolosa di prima

43′ lunga azione dei padroni di casa con conclusione finale di Franco che termina distante dalla porta di Benussi

45′ sugli sviluppi di una punizione ci prova Moretti dalla distanza senza trovare la porta, su questo tiro del centrocampista biancorosso si chiude la prima frazione

Si chiude a reti bianche il primo tempo all’Arechi. Il Vicenza ha destato una buona impressione, cercando non solo di difendere il risultato ma anche di andare ad impensierire Terracciano.  I padroni di casa hanno provato a sorprendere Benussi con le conclusioni dalla distanza di Ikonomidis, ma per il resto i biancorossi hanno finora controllato con sufficiente disinvoltura le iniziative della Salernitana.

SECONDO TEMPO

8′ cross dalla destra su cui interviene Brighenti di testa a mandare in corner. Sull’angolo calciato da Ronaldo il colpo di testa di Donnarumma colpisce la parte alta della traversa

19′ su palla persa da Moretti , Donnarumma prova il tiro a giro dal limite, la palla esce un paio di metri dal palo alla sinistra di Benussi

25′ ancora Ikonomidis da distanza siderale, stavolta la palla finisce altissima

28′ Galano dal limite con un tiro a giro costringe Terracciano alla deviazione in corner

30′ azione sulla destra di Gatto che fa partire un cross verso il secondo palo dove Zito prova la botta al volo che termina altissima

38′ Urso dai venti metri ha l’occasione buona per calciare ma il suo sinistro è debole ed impreciso e se na va sul fondo

44′ D’Elia anticipa di un niente in corner l’ex Gatto che stava avventandosi su un cross deviato in area biancorossa

45'+1′ nel primo dei quattro minuti finali di recupero cross in area biancorossa su cui Gatto spinge  fallosamente D’Elia verso il pallone che il difensore tocca con la schiena rischiando di beffare Benussi che però è attento e blocca

Ottimo punto in ottica salvezza per i biancorossi che escono dall’Arechi destando anche stavolta l’impressione di aver raggiunto compattezza e quadratura giuste per raggiungere l’obiettivo finale. Qualche patema solo nel secondo tempo in cui il Vicenza ha badato soprattutto a chiudere gli avversari, cercando qualche ripartenza ma senza creare occasioni trascendentali dalle parti di Terracciano. Dietro comunque Benussi non ha corso rischi particolari se non su qualche palla “sporcata” in area. Unica nota stonata l’ammonizione a Signori che era in diffida e non ci sarà contro lo Spezia.

 

 


Pagelle della partita "SALERNITANA-VICENZA"

Benussi 6.5: ha la capacità di far sembrare facili anche le cose che non lo sono. E’ sempre attento e preciso negli interventi che compie. Bravo su due tiri da fuori di Ikonomidis. Sampirisi 6.5: prestazione di sostanza, puntuale nel chiudere in difesa e anche nel proporsi in avanti. Brighenti 7: attento e determinato, concede pochissimo agli avanti campani. Di testa e di piede spazza tutto. Adejo 7: usa la sua forza fisica con grande intelligenza e soprattutto di testa è insuperabile. D’Elia 6.5: in crescita dopo settimane tribolate in cui si è allenato a singhiozzo per dei fastidi agli adduttori. Sale quando il match glielo concede, chiude bene su Gatto nel finale. Moretti 6: perde un paio di palloni pericolosi nella tre quarti, ma disputa una partita positiva in cui quando è bravo a capire quando c’è da rallentare il gioco. Urso s.v.: entra nel finale per prepararsi al match di sabato in cui probabilmente giocherà al posto di Signori. Signori 6,5: solita presenza agonistica fondamentale nel Vicenza di Lerda. Corre e tampona dappertutto, peccato per il giallo che gli costerà la squalifica. Vita 6: meno brillante rispetto agli ultimi match, soffre dalla sua parte gli inserimenti di Franco e Zito. Sbrissa 6: svolge con diligenza il compito in fase difensiva, e verso il quarto d’ora spara un missile che sfiora la traversa a Terracciano battuto. Lerda lo toglie dopo un’ora, ma la sua prestazione è senza dubbio sufficiente. Giacomelli 6: Lerda lo gestisce cercando di non peggiorare le condizioni della sua caviglia, lui dà il massimo di quello che la sua condizione attuale gli permette. Galano 6.5: sta bene dal punto di vista atletico, corre, lotta e quando punta l’avversario riesce sempre a metterlo in difficoltà. Dà un mano anche in fase difensiva, altra prova più che positiva. Ebagua 6: mette l’elmetto e lotta su tutti i palloni che gli arrivano dalla retroguardia biancorossa. Potrebbe fare meglio in un paio di incursioni nel primo tempo, ma il suo lavoro sporco a vantaggio della squadra è da sottolineare. Raicevic 6: entra e cerca di tenere alta la squadra difendendo i palloni che la difesa spara in avanti. Entra con il piglio giusto, determinato e positivo.

Franco Lerda 7: 11 punti in 6 partite, con l’unica sconfitta subita alla prima contro il Cagliari giocando oltre un’ora con l’uomo in meno e con poco tempo a disposizione per preparare la gara. Con il suo arrivo la squadra è più compatta, determinata e attenta. Lui dà il merito del cambiamento ai giocatori, noi invece sottolineiamo, eccome, anche il suo operato. 

 

Arbitro: Gianluca Manganiello di Pinerolo. Assistenti: Luca Mondin di Treviso, Maurizio De Troia di Termoli. Quarto ufficiale: Daniele Martinelli di Roma 2.

Ammoniti: Oikonomidis, Zito, Ceccarelli, Bernardini, Empereur (Salernitana); Signori (Vicenza).

Spettatori: 14.015 totali, abbonati 5.140.

Possesso palla: 47 - 53

Tiri dentro/totali: 4/11 - 3/12

Palle giocate: 476 - 547

% passaggi riusciti: 57.4 - 61.7

Supremazia territoriale: 07'23'' - 08'17''

% protezione area: 52.5 - 44.5

% attacco alla porta: 55.8 - 47.5

% pericolosità: 30-1 - 29.9

Angoli: 6 - 3

Recuperi: 0' p.t., 4' s.t.

Maglia con toppa "Serie B-ConTe.it" e logo ESTEL: giocatori: bianca; portiere: azzurra.

Serata mite, temperatura ad inizio gara attorno ai 15 gradi, terreno in buone condizioni.

Torneo: 
Serie B
Syndicate content