CACCIATORI Marco

|
Data di nascita: 
03/02/1956
Comune di nascita: 
Carrara (MS)
Presenze: 
2
Reti: 
0
Stagioni: 
1979-80
Note biografiche: 

Marco Cacciatori, centravanti di 172 cm. per 69 kg. di peso,  gioca a Vicenza il campionato di serie B 1979-80 con i berici opposti a Como, Pistoiese, Brescia, Cesena, Monza, Sampdoria, Spal, Atalanta, Palermo, Genoa, Bari, Verona, Pisa, Lecce, Taranto, Sambenedettese, Ternana, Parma e Matera.

Il Vicenza inizia questo primo campionato di serie cadetta con la palese intenzione di tentare subito la risalita nell massima categoria ma le premesse non sono delle migliori con Paolo Rossi che rifiuta il trasferimento al Napoli, molto vantaggioso per le sempre deficitarie casse sociali beriche, e con la poca sintonia tra il tecnico Renzo Ulivieri e il presidente Farina.

Il torneo parte benino ma poi il rendimento della squadra si assesta a livelli medi ragion per cui scatta un ritiro mal digerito dai giocatori vicentini accusati di "dolce vita"; all'inizio della primavera cinque sconfitte consecutive tagliano fuori i biancorossi dal gioco promozione e chiudono il campionato in quinta posizione. 

Nel corso della stagione scoppia lo scandalo del "Totonero", giro di scommesse clandestine, che vede coinvolte una decina di società tra cui il Vicenza mentre il 23 marzo 1980 scatta l'operazione "manette negli stadi" che vede coinvolto pure l'ex Paolo Rossi, accasatosi a Perugia dopo il rifiuto al Napoli, in una presunta combine favorita dal giocatore irpino Della Martira nella partita Avellino-Perugia con Rossi autore delle due reti umbre. I verdetti della giustizia sportiva vedono il proscioglimento del Vicenza mentre per il bomber della Nazionale viene pronunciata una condanna a tre anni di squalifica, poi ridotti a due.

Cacciatori arriva in prestito nell'affare che porta Paolo Rossi a vestire la casacca del Perugia, pure lui sceso in Umbria con la formula del prestito. Esordisce con i biancorossi il 16 dicembre 1979 in Genoa-L.R. Vicenza (0-0) ma disputerà solo due gare: durante un allenamento si sentì male, in un primo momento sembrava cosa di poco conto ma qualche giorno dopo fu evidente che si trattava di un cosa assai grave e fu trasferito al Centro Tumori di Milano dove iniziò subito con le terapie necessarie. 

La grande forza di volontà e la buona sorte gli hanno consentito di recuperare in pieno, riprendendo a fare gol nella Carrarese.

Ordine alfabetico: 
C