Giacomo SARTEA

|
Comune di nascita: 
Vicenza (VI)
Stagioni: 
1919-1920
Note biografiche: 
Giacomo Sartea fu presidente dell'ACIVI dal settembre del 1919 al febbraio del 1920. Questo campionato fu il 1° del dopoguerra. In questa stagione molte cose cambiano purtroppo nell'ACIVI anche a causa dei caduti bianco-rossi nella prima Guerra Mondiale e i partenti (Perin e Vallesella). C'è un gran cambiamento anche nella formazione della squadra e molti giovani entrano a far parte della rosa dei titolari, saranno anche le ultime partite di Vallesella, ormai trentenne, perchè si appresta ad emigrare in America. Giocherà infatti la gara di addio nella prima di campionato il 12 ottobre 1919. Il Vicenza al termine del campionato si classificherà soltanto al 4° posto su un girone di 6 squadre evitando la retrocessione per un soffio. Dopo il campionato i bianco-rossi, sia pure in difficoltà, cercano di svolgere un pò di attività con gare amichevoli con la speranza di qualche prospettiva di rinnovamento, ma anche i Dirigenti sono amareggiati e si arriva al febbraio del 1920 con la elezione delle nuove cariche sociali. Viene così eletto come nuovo presidente il Ten. Gen. Comm. Luigi Maglietta e viene conferita a Giacomo Sartea la Presidenza onoraria. Una curiosità: proprio attaccato al campo da gioco dove il Vicenza giocava , c'era la birreria in stile liberty, nata nel 1870, di Giacomo Sartea, infatti passata la tragedia della Prima Guerra Mondiale il Comune di Vicenza si appresta notevolmente per la ripresa, con la costruzione di un nuovo campo sportivo. Il 22 giugno 1919 viene inaugurato il nuovo campo Comunale di viale Verona. Il 28 settembre 1919 si disputa anche la "Coppa Sartea", ma che purtroppo non si concluderà in giornata come era stato previsto a causa della forte pioggia ed anche perchè i Veneziani, più stanchi dei Vicentini, non intendono assolutamente proseguire. I Lagunari infatti avevano dovuto giocare anche i tempi supplementari per superare il Petrarca di Padova e la finalissima fu disputata ben 50 giorni dopo. I bianco-rossi allora in segno di protesta, mandano in campo una squadra di giovanissimi e lasciano la coppa al Venezia che vince per 6-0. Anche il Vicenza aveva disputato i supplementari con il Padova nella "Coppa Storto" una settimana prima, perdendo poi la finalissima proprio con il Venezia per 5-1.
Ordine alfabetico: 
S