VICENZA-PORDENONE

| |
Stagione: 
2017-2018
Data: 
2018-04-15
Partita: 
VICENZA-PORDENONE
Risultato: 
1-1
Reti: 
19' Ferrari, 69' Burrai (P)
Stadio: 
Romeo Menti di Vicenza
Formazione locale: 

VICENZA (3-5-2) Valentini; Malomo, Milesi, Crescenzi; Bianchi, De Giorgio, Alimi, Giorno (58′ Salifu), Giraudo; Giacomelli (75′ Jakimovski), Ferrari

A disposizione: Fortunato, Bangu, Tassi, Romizi, Ferchichi, Giusti, Lucca. Allenatore: Franco LERDA


Formazione ospite: 

PORDENONE (4-3-3) Perilli; Formiconi (54′ Gerardi), Stefani, Bombagi (70′ Ciurria), De Agostini; Misuraca, Burrai, Zammarini; Nocciolini (83′ Cicerelli), Bassoli, Berrettoni

A disposizione: Meneghetti, Parodi, Visentin, Peressutti, Lovisa, Silvestro, Nunzella, Magnaghi. Allenatore: Fabio ROSSITTO

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net

PRIMO TEMPO

3′ il primo spunto di Giacomelli crea una punizione dalla trequarti che viene respinta dagli avversari

5′ Bombagi in verticale per Nocciolini che però incespica sulla corsa una volta arrivato in area

6′ ripartenza in velocità con Giacomelli che affronta l’avversario, entra in area ma viene respinto in corner

9′ Giacomelli, stavolta a destra, spara verso Perilli ma il suo tiro è smorzato e reso innocuo

15′ dopo la serpentina di Giacomelli è De Agostini a ripartire in contropiede con il cost to cost che termina con un tiro velleitario. Vicenza che in avvio si affida molto più alle verticalizzazioni senza passare per un perno di centrocampo che non può esserci dato che Tassi e Romizi sono in panchinAa

19′ quarto taglio in meno di 20′ a superare la linea biancorossa. Stavolta è Berrettoni a scappare sulla sinistra con il tiro a giro che esalta Valentini in un allungo e respinta di pugno

19' GOL DEL VICENZA. Giacomelli porta palla e con filtrante scova Ferrari che se ne va sulla line del fuorigioco, entra in area appena decentrato sulla destra e con un rasoterra batte Perilli con tutto il Vicenza che può esultare sotto la curva Sud 

28' grave ingenuità di Bianchi che dopo nemmeno 5' rimedia un altro cartellino giallo per un futile intervento ben distante dall'area di rigore e in un'azione tutt'altro che pericolosa

34′ un intraprendente Giacomelli svicola via sulla sinistra, entra in area dal fondo e non trovando compagni smarcati prova la conclusione da posizione improbabile con la sfera che termina in curva. Dopo l’uscita forzata di Bianchi il Vicenza si rimodula con il 4-3-2 con Malomo a fare il terzino destro e Giraudo che si abbassa sulla corsia mancina

44′ Milesi sbroglia ma sui palloni filtranti gli ospiti mettono spesso in difficoltà il Vicenza

42′ sul cross dalla destra Nocciolini anticipa Crescenzi ma commette fallo sul biancorosso. Jakimovski ricomincia quanto fatto prima del match andandosi a scaldare per un possibile ingresso

39′ sul cross dalla sinistra di De Agostini Misuraca gira di testa ma la palla termina lontano dai pali

La prima frazione si chiude con il Vicenza in vantaggio nel risultato ma sotto nel conto degli uomini. Al 20′ Ferrari ha sfruttato l’unica occasione limpida del match ma nemmeno 10′ più tardi i biancorossi si sono ritrovati in inferiorità numerica per via di un doppio errore di Bianchi. Da quel momento il Pordenone ha trovato maggiori spazi non riuscendo però mai seriamente a creare pericoli a Valentini.

SECONDO TEMPO 

50′ occasionissima per Alimi che entra in area sulla sinistra, a tu per tu con Perilli non trova né precisione né potenza con il tiro che non trova nemmeno lo specchio

57′ pressione degli ospiti che trovano cross da entrambi i lati. In qualche modo la difesa biancorossa riesce a metterci le pezze ma è in evidente difficoltà

64′ si esalta Valentini che cala la saracinesca sul tiro al volo ravvicinato di De Agostini imbeccato dalla parte opposta del cross di Nocciolini (che dopo l’ingresso di Gerardi è stato spostato sulla destra) 

69' GOL DEL PORDENONE. L’azione che si sviluppa sulla destra trova Nocciolini che mette un rasoterra al limite dell’area, dopo il velo di Gerardi la palla arriva a Burrai che può far partire un rasoterra che si spegne nell’angolino alla destra di Valentini

76' sul quinto corner Ciurria svetta più in alto di tutti con la palla che finisce di poco sopra la traversa dopo una buona angolazione

Vicenza che a parte i subentrati Jakimovski e Salifu non ha più la gamba per tenere il ritmo del Pordenone che sta giocando da un tempo con l’uomo in più

85' sugli sviluppi di un corner Jakimovski  mette la palla in area, De Agostini si aggancia con Ferrari e il direttore di gara non ha dubbi e fischia il penalty. De Giorgio dal dischetto prende l'incrocio dei pali a portiere battuto

91′ Gerardi lanciato a rete viene fermato ottimamente da Valentini

93' vola Valentini sul tiro di De Agostini 

La vittoria sfugge ancora al Menti. Per quante colpe possa avere a terna arbitrale, i due punti vitali per la salvezza persi quest’oggi sono per lo più frutto di errori dei singoli: Bianchi ha colpevolmente lasciato i compagni con l’uomo in meno già nel primo tempo mentre De Giorgio ha preteso troppo andando a piazzare sull’angolino alto un rigore concesso a ridosso del novantesimo. Biancorossi che chiudono stremati tra gli applausi dei tifosi. Solo insulti per l’arbitro. Con la vittoria del Fano il Vicenza si ritrova -nuovamente e a tre giornate dal termine- in ultima posizione.

 

Pagelle della partita "VICENZA-PORDENONE"

Valentini 7,5: salva il Vicenza con almeno tre parate straordinarie su De Agostini, Gerardi e Ciurria. Superato solo dal destro di Burrai, che forse non vede partire, ma chiedergli di parare proprio tutto in una giornata così magari sarebbe esagerato. Malomo 6: è il migliore del trio di centrali e poi anche nella difesa a quattro dopo l’espulsione di Bianchi.  Nel finale ne ha ancora per spingersi in area altrui a tentare di creare scompiglio dalle parti di Perilli. Milesi 6: non è ancora il Milesi migliore ma, in una partita  in cui la difesa viene estremamente sollecitata, regge il timone con sufficiente disinvoltura. Crescenzi 5,5: come per i compagni di reparto la sua è una partita di grande sacrificio ma con un errore su Gerardi nel finale che poteva costare carissimo, fortunatamente rimedia Valentini. Bianchi 5: la sua gara non dura nemmeno mezz’ora a causa dei due cartellini ricevuti nel giro di quattro minuti dal 25′ al 29′. Si parte con un primo giallo esagerato, per carità, ma sapendo di essere già ammonito, l’entrata su Berrettoni è tanto evitabile quanto incauta. Giorno 5: dopo l’espulsione di Bianchi, partita quasi solo di contenimento. In fase di possesso però non produce molto né prima né dopo, con una spiccata tendenza alla caduta che però trova l’arbitro… insensibile. Salifu 5: da lui ci si aspettano vigoria atletica, corsa e palloni strappati agli avversari con tenacia… ecco, magari la prossima volta. Alimi 6,5: nella cabina di regia solitamente occupata da Romizi, non ha la doti di palleggio del compagno ma mette insieme novanta minuti di concretezza, con un paio di incursioni che gestisce male nella scelta finale. Nel complesso una prestazione più che dignitosa. De Giorgio 5,5: ha sulla coscienza il rigore tirato sull’incrocio, un match ball fallito che rischia di pesare tantissimo. Ad inizio ripresa, lanciato in solitaria verso la porta, viene fermato dalla coppia guardalinee-arbitro per una interpretazione del fuorigioco che lascia decisamente perplessi. Giraudo 6: con il Vicenza in dieci se ne sta sulle sue a presidiare la fascia sinistra, senza farsi sorprendere quasi mai nonostante Nocciolini sia un avversario di buona qualità. Giacomelli 6,5: tra i migliori in campo anche con il Pordenone: gran dinamismo, finalmente mostra anche la qualità superiore alla categoria mandando in porta Ferrari per l’1-0 del Vicenza. Si sacrifica in copertura fino al momento del cambio, da capire se per motivi tattici o se per qualche noia fisica. Jakimovski 6: l’impatto con il match non è dei migliori, si riprende con il passare dei pochi minuti giocati mettendo un paio di cross interessanti in area, compreso quello da cui nasce il rigore. Ferrari 7: bravo Giacomelli a verticalizzare su di lui nell’azione del gol e bravo lui a fare il movimento che qualche minuto prima era già stato provato in maniera simile ma con risultati non altrettanto felici. Si aggiudica il duello rusticano con Stefani che soffre moltissimo in marcatura su di lui e, da unico riferimento offensivo del Vicenza con l’uomo in meno, non si può che applaudirlo per la corsa e la voglia messa in campo. In aggiunta si guadagna furbescamente anche il rigore nel finale che purtroppo De Giorgio spreca.

All. Franco LERDA 6: pur non essendo al meglio fisicamente la squadra tiene botta, contro un avversario che di gamba ne ha e, nonostante l’uomo in meno, rischia anche di andare a vincere la partita. Purtroppo la classifica rimane impietosa, ci sono solo tre partite per raggiungere il terz’ultimo posto che eviterebbe i playout ma è difficile capire se il Vicenza in questo momento è in grado di “sprintare”.


Arbitro: Lorenzo Maggioni di Lecco. Assistenti: Antonio Antonio Catamo di Saronno, Alessandro Rotondale de L'Aquila.

Ammoniti: Alimi, Ferrari (Vicenza); Formiconi, Burrai, De Agostini (Pordenone)

Espulso: al 28' Bianchi (Vicenza) per doppia ammonizione

Allontanati: dalla panchina al 77' Zocchi (ds Vicenza) e Infanti (preparatore dei portieri Vicenza) per condotta scorretta

Spettatori: dichiarati 7.941 totali per un incasso di 38.220 euro (6.731 abbonati per un rateo di 29.620 euro, 1.210 paganti per una quota di 8.600 euro)

Angoli: 4 - 6, Recuperi: 1' p.t., 4' s.t.

Maglia giocatori: biancorossa. Maglia portiere: rossa.

Giornata a tratti piovosa, temperatura ad inizio gara di circa 21 gradi, terreno leggermente scivoloso.

Torneo: 
Serie C