TRIESTINA-VICENZA

| |
Stagione: 
2017-2018
Data: 
2018-03-11
Partita: 
TRIESTINA-VICENZA
Risultato: 
0-0
Stadio: 
Grezar di Trieste
Formazione locale: 

TRIESTINA (4-3-3) Boccanera; Libutti (83′ Troiani), Codromaz, Lambrughi, Pizzul; Porcari, Coletti, Bracaletti (84′ Acquadro); Bariti (64′ Pozzebon), Arma (76′ Petrella), Mensah

A disposizione: Miori, El Hasni, Bajic, Celestri, Aquaro, Maesano, Hidalgo, Meduri. Allenatore: Nicola PRINCIVALLI


Formazione ospite: 

VICENZA (4-3-1-2) Valentini; Malomo, Crescenzi, Milesi, Giraudo; Alimi (56′ Tassi), Romizi, Jakimovski (56′ Giorno); De Giorgio (92′ Bianchi); Ferrari (82′ Giusti), Comi

A disposizione: Fortunato, Costa, Magri, Bangu, Lucca. Allenatore: Nicola ZANINI

Note: 

Fonte cronaca partita e pagelle www.biancorossi.net

PRIMO TEMPO

1′ conclusione di Jakimovski abbondantemente a lato

3′ Mensah di testa schiaccia troppo il pallone, facile la presa per Valentini

15′ diversi gli errori in fase di impostazione da parte di entrambe le formazioni, il Vicenza con qualche difficoltà in più a trovare sbocchi offensivi

18′ ci prova Bracaletti dalla distanza, conclusione lenta che si spegne sul fondo

25′ gioco fermo per circa un minuto a causa di un testa contro testa che ha coinvolto Crescenzi. Il difensore continuerà la partita con una fasciatura

32′ Bracaletti recupera palla a Romizi sull’out di destra del Vicenza, il suo cross al centro non trova la deviazione di Bariti

36′ Comi lavora palla per Ferrari che dal limite prova a concludere, tiro deviato in angolo 

43′ De Giorgio prova a sorprendere Boccanera concludendo dalla trequarti, il tiro supera di poco la traversa con l’estremo difensore della Triestina che controlla la palla

Primo tempo piuttosto sottotono da parte del Vicenza che non è riuscito ad impensierire la formazione di Princivalli, quest’oggi in tribuna a causa della squalifica comminata dal giudice sportivo. Biancorossi parsi in lieve ripresa nel finale, quando hanno tentato di affacciarsi con più convinzione in avanti seppur senza chiamare in causa il portiere della Triestina.

SECONDO TEMPO

52′ Coletti tenta la conclusione dalla distanza, palla ampiamente lontana dalla porta difesa da Valentini

69′ Bracaletti prova a sorprendere Valentini sul primo palo, palla che colpisce l’esterno della rete

72′ punizione dal limite corto dell’area di destra della Triestina, traversone di De Giorgio che non trova alcuna deviazione finendo sul fondo

80′ punizione di De Giorgio dal limite, leggera deviazione e la palla termina in angolo 

 

Pagelle della partita "TRIESTINA-VICENZA"

Valentini 7: prestazione attenta e precisa su ogni pallone. E’ determinante nell’uscita su Bracaletti che gli si presenta davanti da solo, e lui è bravo nel murare la conclusione dell’avversario. Malomo 7: difende duro su Mensah, e quando può viene in avanti con buon costrutto. Giocatore determinante anche fuori dal campo perchè quando parla non dice mai cose banali. Crescenzi 6,5: esce malconcio da uno scontro con Arma ma non molla. Bene nell’anticipo, vince nettamente il duello con l’ex biancorosso. Milesi 6,5: vedi sopra. Respinge con attenzione e concentrazione tutto quello che passa dalle sue parti. Prende un giallo su una ripartenza degli avversari ma nell’occasione la colpa è solo in minima parte sua. Giraudo 6: ingaggia un duello tutta velocità con Bariti a cui concede poco. Spinge poco rispetto al solito ma rispettando un preciso ordine di scuderia. Alimi 6: è il suo campo e la sua partita ma non eccelle come si sperava.  La sufficienza è di incoraggiamento. Tassi 6: entra con il piglio giusto cercando, per quello che concedeva il campo, di dare un pò di qualità alla manovra. Lotta e combatte su tutti i palloni rimediando anche una sospetta frattura del setto nasale. Romizi 6,5: giocatore chiave in questo Vicenza. Gioca tanti palloni con buon costrutto e quando c’è da mettere una pezza c’è sempre. Jakimovski 6: Porcari lo azzoppa dopo pochi minuti con un fallaccio che spacca la scarpa e taglia il piede del biancorosso. Copre e spinge con alterne fortune, ma giocando la condizione non può che migliorare. Giorno 6: porta  vivacità e qualche buon spunto in cui però si dimostra un pò troppo egoista. Conferma comunque di essere un giocatore su cui contare. De Giorgio 6: il campo non lo aiuta ma quando tocca il pallone qualcosa di buono crea sempre. Bianchi s.v.: due minuti in cui recupera due palloni che potevano diventare pericolosi. Ferrari 6,5: partita più di lotta libera con Codromaz che di calcio con il difensore della Triestina che usa spesso le maniere forti. Partita di sostanza con un paio di buoni spunti e di combinazioni con Comi. Giusti s.v.: un paio di contropiedi riusciti  a metà nei minuti finali. Comi 6,5: come per Ferrari, un pomeriggio da battaglia. E’ protagonista del gol annullato (e ci sta), ma viene abbattuto da Codromaz mentre punta la porta avversaria senza che il direttore di gara intervenga. Episodio che poteva cambiare la partita e su cui Zanini si è molto arrabbiato

All. Nicola ZANINI 6,5: punto di sostanza in un campaccio (in tutti i sensi), dove finora ha vinto solo il RenateSchiera una squadra fisica per poi finire con qualche giocatore tecnico in più, ma tutti lo seguono e nessuno molla niente. Ora bisogna vincere al “Menti” ma questo lo sa bene anche lui. 


Arbitro: Giovanni Nicoletti di Catanzaro. Assistenti: Gaetano Massara di Reggio Calabria, Roberto Terenzio di Cosenza.

Ammoniti: Milesi, Valentini, Malomo (Vicenza). 

Spettatori: 5.830 di cui 893 vicentini, incasso non comunicato.

Angoli: 6 - 2, Recuperi: 2' p.t., 4' s.t.

Maglia giocatori: bianca. Maglia portiere: blu elettrico.

Pomeriggio nuvoloso, a tratti piovoso e ventoso, temperatura ad inizio gara di circa 13 gradi, terreno in cattive condizioni.

Torneo: 
Serie C